Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi

Lituania, mercato piccolo ma evoluto

Con poco più di 50 importatori di vino la Lituania potrebbe apparire un mercato di scarso interesse e invece rappresenta uno dei Paesi più dinamici e curiosi nei confronti del vino, a partire da quello italiano


Lituania, mercato piccolo ma evoluto
Siamo reduci da una due giorni molto intensa a Vilnius, in Lituania, dove si è svolta la 15a edizione di Vyno Dienos che è diventata uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa.
In Lituania, infatti, vi sono alcune condizioni ideali per lo sviluppo del nostro export vitivinicolo: un’economia in crescita, un livello di scolarizzazione molto elevato, consumatori sempre più educati al vino (grazie anche ad uno sviluppo notevole della sommelerie locale).
Vyno Dienos si è confermato un evento molto interessante grazie alla formula che ha visto nella prima giornata la presenza degli operatori (buyer e media) e nella seconda l’ingresso anche dei wine lovers.
Ma non deve apparire un limite l’accesso degli appassionati ad una fiera di questo genere perché in Lituania non è “solo” l’importatore l’interlocutore chiave per l’ingresso dei vini in questo Paese.
I ristoratori, i wine shop, infatti, hanno un ruolo strategico e le loro scelte sono alla base dell’importazione di molti vini in Lituania. Per questa ragione gli appassionati di vino svolgono un ruolo di “opinion leader” nella stimolazione della ristorazione a la conseguente importazione di vini.
Tutte caratteristiche che ci sono state evidenziate da Arunas Starkus, responsabile di Vyno Klubas, organizzatore della manifestazione e, soprattutto, uno dei maggiori esperti di vino di questo Paese.
Arunas, infatti, è stato anche il fondatore della “Sommelier School of Lithuania” che ogni anno diploma numerosi sommelier che “oggi hanno un ruolo chiave sia nella diffusione della cultura del vino in Lituania, ma anche nella selezione del portofolio degli importatori”.
“I produttori anche italiani " ci ha spiegato Arunas " devono essere sempre più coscienti che in un Paese come la Lituania gli influencer non sono solo gli importatori o i media ma anche gli stessi appassionati, i ristoratori, gli enotecari. Per questa ragione sono importanti manifestazioni come la nostra che non si aprono solo agli importatori, che spesso sono notevolmente impegnati e sovraccarichi. Ma per attrarre buyer e opinion leader si deve essere dinamici, scegliere il vino che si ritiene maggiormente rappresentativo, avere una comunicazione non troppo prolissa ma che vada direttamente al punto. Ma non si deve mai stare fermi, passivi. Talvolta, invece, i produttori danno la sensazione di essere come quella donna seduta che attende qualcuno che le chieda di ballare”.
I numeri del mercato del vino in Lituania non sono certo eclatanti, ma quello che conta è il continuo aggiornamento e ampliamento dei portfolio degli importatori.
“In Lituania " ha sottolineato Arunas " vi sono circa una cinquantina di licenze di importazione ma sono una ventina gli importatori particolarmente attivi. Ma nonostante numeri ancora non elevati si tratta di realtà che aggiornano e ampliano costantemente il loro portfolio perché assecondano una clientela sempre più curiosa, alla ricerca di novità”.
Non va dimenticato che a fronte di un numero di importatori non particolarmente elevato vi sono circa un migliaio di piccoli wine shop in Lituania di cui una sessantina decisamente importanti. Come pure le catene della grande distribuzione hanno un peso rilevante nella vendita di vino in questo Paese.

La manifestazione di Vilnius, che ha coinvolto la presenza di circa 40 aziende italiane (di cui 16 presenti attraverso Wine Meridian), ha ottenuto risultati molto interessanti anche in considerazione, non va mai dimenticato, che stiamo parlando di un mercato emergente.
Su questo fronte abbiamo intervistato Jolanta Smiciene, una delle giornaliste e wine consultant di maggior notorietà e autorevolezza in Lituania.
“Sono molto soddisfatta di questa edizione della manifestazione " ci ha raccontato la Smiciene " perché ha testimoniato la crescita impressionante dell’interesse e dell’educazione al vino dei wine lovers del nostro Paese. Si tratta di un evento prezioso per far conoscere sempre meglio i vini di molti Paesi e di aree oggi magari meno note. E l’interesse nei confronti dei vini italiani è sempre più grande”.
La Smiciene ha poi evidenziato come oggi siano le bollicine uno dei maggiori trend enologici in Lituania.
“Il Prosecco sta aprendo la strada a tutte le bollicine mondiali " ha spiegato " a partire da quelle italiane come Franciacorta e Trentodoc. Ovviamente cresce la passione anche nei confronti dello Champagne. Ultimamente, inoltre, in evoluzione vertiginosa anche l’interesse nei confronti dei rosé, grazie anche ad una primavera che in Lituania si preannuncia ideale”.
Torniamo dalla Lituania molto soddisfatti e con molte idee per migliorare ancora l’immagine del vino italiano in questo Paese e soprattutto su come supportare le nostre aziende in un mercato che potrebbe dare notevoli soddisfazioni anche in termini di valore per il nostro export.


Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm