Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe

Lo Chardonnay piace sempre meno ai giovani australiani

Secondo un report di Wine Intelligence i giovani consumatori australiani sembrerebbero molto meno interessati allo Chardonnay che per decenni ha caratterizzato il consumo di vino in Australia manifestando sempre di più curiosità verso diverse tipologie


Lo Chardonnay piace sempre meno ai giovani australiani
Secondo il rapporto “Australia Landscapes 2017” di Wine Intelligence, il 43% dei consumatori regolari di vino tra i 24 e i 34 anni in Australia hanno bevuto Chardonnay negli ultimi 6 mesi contro il 61% dei consumatori tra i 55 e i 64 anni.
Ma se complessivamente la percentuale di consumatori che hanno bevuto Chardonnay è rimasta sostanzialmente regolare nel breve periodo, molti meno giovani consumatori sono oggi attratti dal più diffuso vitigno bianco in Australia.
Se si osserva un periodo più lungo ci si accorge addirittura che solo la metà dei consumatori regolari di vino hanno bevuto negli ultimi sei mesi Chardonnay, circa 57% in meno rispetto al 2012.
Secondo l’analisi di Wine Intelligence i giovani australiani si stanno spostando verso vini bianchi dallo “stile” più aromatico come il Sauvignon Blanc, il Pinot Grigio e il Moscato. In particolare, Sauvignon Blanc e Moscato sono state negli ultimi 6 mesi le varietà bianche più apprezzate dai giovani australiani.
Negli ultimi 5 anni, inoltre, i consumatori regolari australiani di Pinot Grigio sono passati da un quarto a oltre un terzo.
Il report rivela inoltre come i consumatori tra i 25-34 anni sono anche i più “curiosi” in Australia, il 51% di essi dichiara, infatti, di “apprezzare regolarmente nuove i diverse tipologie di vino”. Non a caso sono decisamente aumentate in questa fascia di consumatori anche varietà bianche come il Gewürztraminer (10%) e Grüner Veltliner (12%). Quest’ultime due tipologie, invece, sono cresciute negli ultimi sei mesi solo rispettivamente del 5 e del 2% tra i consumatori tra i 55-64 anni.
Tra le varietà rosse in aumento due europee come il Tempranillo e il nostro Sangiovese, ma crescenti i consumi anche di Zinfandel e Pinotage.
Complessivamente il report di Wine Intelligence evidenzia come sia decisamente in aumento la voglia di sperimentare nuove tipologie di vino tra i millennials australiani e questa appare oggi una tendenza un po’ in tutti i mercati.
Una tendenza decisamente importante per la nostra realtà produttiva caratterizzata, come è noto, dalla più grande biodiversità vitienologica al mondo.
Ma riusciremo ad intercettarla in maniera adeguata?
Una domanda alla quale oggi non è facile rispondere, ma è indubbio che riuscire ad aumentare l’appeal delle nostre denominazioni, anche quelle oggi meno note, tra i giovani consumatori di tutto il mondo richiede uno sforzo di tutto il nostro sistema produttivo e il ‘gioco di squadra’ sappiamo, purtroppo, che non è il nostro forte.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian