Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
mercoledi 25 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor

Ma esistono i senior export manager del vino?

È comprensibile la ricerca di export manager con esperienza ma al tempo stesso si deve essere coscienti che quest’ultimo decennio ha rivoluzionato completamente anche i mercati del vino e di conseguenza il modello di managerialità


Ma esistono i senior export manager del vino?
Tempo di lettura: 3,30 minuti


Veniamo costantemente subissati di richieste da parte di aziende alla ricerca di export manager che abbiano maturato lunghe esperienze sui mercati del vino.
Richieste legittime per tanti aspetti ma che al tempo stesso racchiudono pericolose illusioni e rischi di gravi errori.
Cerchiamo di spiegare il nostro pensiero, frutto di un doppio osservatorio, quello all’interno dei mercati del vino internazionali e quello legato nell’ambito della selezione di risorse umane per le imprese vitivinicole, in particolare sul fronte dell’export.

Ebbene, alla luce di questi due punti di vista, fortemente legati tra loro, ci sentiamo di fare alcune osservazioni.
Innanzitutto, sembra ovvio ma purtroppo continua ad essere dimenticato, o nella migliore delle ipotesi sottovalutato, il mercato del vino è profondamente mutato in quest’ultimo decennio. Fare finta che dal 2008 in poi non sia successo nulla e che il nostro comparto vitivinicolo sia stato l’unico a rimanere immune da quella che è stata definita la più grande rivoluzione socio-economica dell’era moderna, sembra quanto meno ingenuo.
Sono cambiati i mercati in tutti i loro aspetti, dai modelli di importazione e distribuzione, il mondo della ristorazione si modifica ormai a ritmi impressionanti (basta andare in qualsiasi metropoli anche ogni tre mesi per rendersene conto), ma soprattutto sono mutati gli approcci dei consumatori che hanno subito una segmentazione probabilmente mai così forte nel passato.

Tutto è cambiato e soprattutto si sta evolvendo ad una velocità che era imprevedibile fino a pochi anni fa.
Già questa prima constatazione ci fa capire che di sé per sé l’esperienza professionale, pur rimanendo un gran valore che nessuno vuole negare, non ha più la medesima “potenza” rispetto al passato.

Non a caso i migliori manager nell’ambito dell’export del vino di oggi, tra quelli che hanno sulle spalle almeno un ventennio di esperienza, sono quelli che sono riusciti a mettersi sempre in gioco, a non dare mai nulla per scontato e, come si dice in gergo, a studiare costantemente nuovi modelli di approccio ai mercati.

Studiamo quotidianamente le performance di molte aziende nell’ambito dell’export e dietro i successi o, talvolta, gli insuccessi, vi è sempre una figura professionale, ci piaccia o meno.
E quasi sempre ad un export manager, pur con esperienza, che è rimasto “fermo” nel tempo, corrispondono risultati poco soddisfacenti o comunque ben al di sotto delle potenzialità.

Significa allora che si debba ricorrere sempre a giovani senza esperienza ma con tanta voglia di fare e disponibili ad imparare in fretta?
Come sempre le risposte non sono mai semplici e certo non possono essere banali o scontate. Le ricette come ben sappiamo non esistono ma quello che è certo è che non si può adottare metodi di selezione di manager come nel passato: della serie, a quale azienda posso “rubare” un bravo export manager con esperienza?

Ma lo stesso concetto di esperienza va ben analizzato, soprattutto quando parliamo di mercato del vino. Siamo così certi che un export manager che ha maturato una certa esperienza con una o più aziende sia adeguato alla nostra?
A Prowein abbiamo incontrato parecchi export manager “migrati” da grandi aziende (industriali o cooperative) in piccole realtà o viceversa. I loro racconti parlano con onestà quasi sempre di difficoltà ad integrarsi in realtà molto diverse tra loro.

Diversità sia sugli approcci imprenditoriali ma anche sugli strumenti messi a disposizione e soprattutto sulle tipologie di mercato da affrontare.
Provate semplicemente ad immaginare un export manager che è stato abituato per anni a lavorare in una grande azienda che doveva gestire relazioni con pochi grandi importatori e con un back office a sua disposizione (dai listini alle schede tecniche dei vini, dalla contrattualistica alle spedizioni) che deve adattarsi ad una piccola realtà dove ci si deve occupare di tutto.
Esempi banali ma ve ne sarebbero tantissimi altri. Senza dimenticare che oggi, come continuiamo a raccontare su Wine Meridian, sarà necessario sviluppare sempre di più una figura di export manager plurimandatario ma con un approccio molto diverso rispetto al passato.

Un “plurimandatario” che però seleziona con criterio le aziende da rappresentare, capace di coordinare non solo l’attività export ma anche l’immagine complessiva delle imprese che dovrà gestire.
Dovrà diventare una sorta “imprenditore” di reti di impresa, non semplicemente una figura commerciale capace di vendere qualche “paletta” di vino qua e là in giro per il mondo.
Ebbene, a nostro parere, questa figura così necessaria e strategica oggi per il nostro settore vitienologico difficilmente si può trovare sul mercato tra i cosiddetti senior.
Non è una questione di età, ovviamente, ma di disponibilità a costruirsi un nuovo modello professionale che potrà rappresentare una straordinaria opportunità sia per i manager coraggiosi e capaci che intraprenderanno questa strada ma anche per le aziende che intelligentemente investiranno su di essi.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative commerciali nelle fiere

La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

Offerta di Lavoro: Area Manager lingua tedesca

Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Offerta di Lavoro: Addetto/a Ufficio Logistica

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Effetto positivo della Brexit per export del Regno Unito

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Francesco Piccoli
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies