Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
venerdi 22 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs
giovedi 27 dicembre

Ma quanto è utile Cristiano Ronaldo al mondo del vino?

Quanto possono influire, nell’immagine complessiva del vino, gli acquisti di vini costosissimi da parte di personaggi famosi dello sport e dello spettacolo?


Ma quanto è utile Cristiano Ronaldo al mondo del vino?
Hanno fatto notizia in queste settimane gli acquisti “enologici” da parte di alcune star sportive e dello spettacolo. In particolare ha fatto il giro del mondo la notizia che il più noto calciatore al mondo, Cristiano Ronaldo, è riuscito a spendere quasi 30.000 euro in 15 minuti per acquistare due vini durante un veloce pranzo al Mayfair restaurant di Londra.
Per la cronaca la scelta di Ronaldo, accompagnato dalla compagna Georgina Rodriguez, è caduta su una bottiglia di Borgogna, il Richebourg Gran Cru che con i suoi quasi 20.000 euro è considerato uno dei vini più cari al mondo, e su una di Bordeaux, il mitico Pomerol di Petrus, annata 1982, per la più “modica” cifra di circa 10.000 euro.
I giornali, a partire dal famoso Sun, noto per i suoi scoop sul fronte del gossip, hanno enfatizzato come questo acquisto sia avvenuto in pochissimo tempo, meno di un quarto d’ora, e non seduti al tavolo del noto ristorante ma semplicemente nell’area bar.
Il che rende ancor più “sbalorditivo” l’acquisto di questi due prestigiosi vini.
Noi che non ci occupiamo di giornalismo scandalistico bensì di marketing del vino siamo rimasti incuriositi da questa notizia e abbiamo cercato di capire quale impatto può avere una news di questo tipo sull’immagine complessiva del vino.
Non conosciamo la competenza enologica di Ronaldo (mentre siamo perfettamente a conoscenza delle sue doti calcistiche) né tanto meno della sua fidanzata Georgina. Supponiamo, pertanto, che si tratti di una scelta fatta secondo quella che è considerata la parola chiave della cosiddetta nicchia dell’esclusività: l’ostentazione. In questa parola non vi è nessuna accezione moralistica, ma semplicemente una valutazione oggettiva, preziosa per definire strategie di marketing e comunicazione adeguata.
Agire all’interno della nicchia dell’esclusività, tanto più se siamo in quella più estrema, senza considerare il tema dell’ostentazione sarebbe ovviamente una follia.
Tradurre tutto questo nel mondo del vino significa essere consapevoli che anche in questo settore si possono costruire prodotti, brand di assoluta esclusività, prestigio, capaci di diventare “oggetti” da ostentare. E questa, a nostro parere, è una buona notizia e non avevamo certo bisogno del più volte “pallone d’oro” per esserne consapevoli.
Ma la scelta di Ronaldo al Mayfair, e la successiva ripresa da parte di molti giornali e magazine popolari, ci ha fatto capire che anche il vino sta diventando sempre di più un prodotto “interessante” per la comunicazione di massa.
Paradossalmente, infatti, ci troviamo di fronte ad un prodotto di estrema esclusività alle prese con la comunicazione più di massa e generalista in assoluto.
Potrebbe apparire una contraddizione ma non è così. Il punto è come si possa gestire e far convivere l’immagine esclusiva di alcuni brand del vino con la popolarità di massa che talvolta rischia di trascinare alcuni prodotti esclusivi nella banalità.
Riteniamo, infatti, che molti lettori del Sun non conoscessero minimamente le due etichette scelte da Ronaldo. Probabilmente sono stati attratti solo dal prezzo sostenuto e si saranno chiesti:”Tutti quei soldi per due vini?” e la risposta altrettanto probabile sarà stata “Ma è una follia!”.
Non si tratta di una cosa così banale, pensateci. Oggi, pur di fronte a prezzi elevatissimi, sono pochi che si “scandalizzano” per i prezzi di un vestito di haute couture di Armani, per una supercar come Ferrari o Lamborghini, per un brand di orologi di prestigio come Rolex.
Ma se passiamo al vino, quale è l’attuale percezione nei confronti dei brand più esclusivi? Si è coscienti che comunque valgono il prezzo che viene chiesto?
Manteniamo sospesa questa domanda anche se anticipiamo che dal nostro punto di vista c’è ancora molta strada da fare.
Chiudiamo questa nostra riflessione riportando una recente dichiarazione rilasciata da Victoria Beckham, ex Spice Girl, moglie del noto giocatore inglese, durante un’intervista alla collega la celebrity Eva Longoria:”Non berrei mai un vino sotto le 10 sterline (circa 11 euro)”.
Come possiamo considerare questa affermazione? Una semplice ostentazione o una autorevole dimostrazione del processo di premiumizzazione in atto nel mercato del vino?
La mitica ex Spice Girl si candida per diventare testimonial per qualche azienda del vino che vuole scendere in campo su questo fronte comunicativo.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli
Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale. giovedi 14 marzo

Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC.

Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale.

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative giovedi 14 marzo

Tenute Piccini rilanciano il Geografico

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/