Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca
giovedi 08 febbraio

Mai giudicare un vino dall'etichetta. O forse sì?

La recente ricerca di Wine Intelligence ci rivela le preferenze del consumatore inglese in fatto di etichetta.


Mai giudicare un vino dall'etichetta. O forse sì?
Giudicare un vino dall’etichetta? Nel Regno Unito sembrerebbe valida una risposta positiva. L’etichetta sembra infatti essere un driver di scelta importante per l’acquisto del vino nel mercato inglese. 
Lo rivela una recente ricerca di
Wine Intelligence, infatti, oltre un terzo dei consumatori regolari di vino nel Regno Unito affermano che l’appeal dell’etichetta è un fattore importante nella scelta dello stesso.
Per i restanti due terzi, le prove della nota società di ricerche di mercato supportano l’ipotesi che, in effetti, l’etichetta colpisca anche queste persone, che potrebbero ricevere il messaggio inconsciamente, o semplicemente non vogliono ammetterne l’influenza che questa ha sulle loro scelte.
L’etichetta è sicuramente, come abbiamo già affermato in articoli passati, un veicolo di informazioni importanti: essa suggerisce il tipo, la qualità e il patrimonio del proprio prodotto, e in ultima analisi, il valore stesso del proprio marchio.

Quali sono allora le etichette che attraggono davvero il consumatore britannico secondo la ricerca?
Quando si parla di etichette di vino, i bevitori regolari inglesi sembrano ancora preferire lo stile classico e tradizionale. Le categorie di etichetta che veicolano un idea di eleganza e di tradizione, con solo uno o due colori chiave, sono le più attraenti e affidabili per i consumatori. Le etichette dall’aspetto tradizionale, in genere, identificano marchi che hanno una lunga storia nella produzione di vino, con un certo orgoglio viene sottolineato il proprio patrimonio e questo induce nei consumatori un certo senso di sicurezza e percezione di qualità.

Per aiutare meglio i produttori ad orientarsi sulla scelta dell’etichetta, Wine Intelligence ha introdotto nel report tre nuove categorie di etichette, che corrispondono ad approcci più contemporanei:
- “Crafted Luxury” identificata con un design d’elite, opulento e di lusso, che si colloca nella fascia di prezzo medio-alta;
- “Artisan”, che segue i trend più popolari del “fatto a mano/artigianale”, in connessione con il mondo della natura e del rispetto dell’ambiente;
- “Text”, che avvicina il consumatore al produttore attraverso storie di vinificazione, con un autentico sigillo di approvazione da parte dei vignaioli stessi.

Infine il report lancia un messaggio chiaro, che oggi produttore dovrebbe considerare prima ancora di fare la scelta dell’etichetta. Prima di “buttarsi” nella vendita di un nuovo prodotto, consiglia Wine Intelligence, i produttori devono prendersi il tempo necessario per comprendere le preferenze del proprio pubblico, tenendo presente il posizionamento del proprio marchio quando progettano un’etichetta e prendendo quella decisione cruciale tra il mantenersi nelle categorie più comuni e rassicuranti o passare all’uso di stili meno convenzionali.
E voi da che parte state?
Federica Ferrario Gaggero

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian