Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 18 ottobre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/
giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo


Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Valentina Abbona


Un nome che parla già da sé, quello di una realtà che sorge su fondamenta nobiliari (i Marchesi Falletti di Barolo) e che oggi fa tesoro del proprio passato per evolversi con il cambiare del tempo e l’evolversi dei consumatori. Stiamo parlando di Marchesi di Barolo, una cantina ben nota sul territorio italiano ed apprezzata dai più, non solo per il patrimonio storico che porta con sé, ma per il percorso che, con grande sapienza, sta portando avanti.
Quella che vogliamo raccontare è una storia affascinante, condotta oggi dalla famiglia Abbona, che non perde occasione per alimentare radici su cui cresce l’azienda, con l’obiettivo di mantenerla sempre in fiore.

Marchesi di Barolo: da dove comincia tutto?
Marchesi di Barolo nasce grazie ad una storia d’amore, quella tra il marchese di Barolo ed una nobildonna francese, Juliette Colbert di Maulévrier, divenuta poi la Marchesa di Barolo, la pronipote del ministro delle finanze del Re Sole. Nel 1806 si sposarono a Versailles per poi trasferirsi a Barolo. Animata da quello spirito intraprendente che connoterà tutta la sua vita, Juliette fece ampliare l’antica Cascina del Pilone, proprio di fronte al castello, predisponendola a ricevere le uve prodotte nelle estesissime tenute, per vinificarle correttamente in cantine ideali e così creare, per la prima volta nel territorio, un vino secco e apprezzabile. A questo vino diede il nome di Barolo, in onore del paese di provenienza dei grappoli del vitigno nebbiolo. Juliette rese il Barolo così famoso ed apprezzato che Re Carlo Alberto di Savoia lo desiderò per la Sua Corte. La Marchesa ne inviò 325 piccole botti lunghe (carrà), una per ogni giorno dell’anno, tranne per i 40 giorni quaresimali. Da quel giorno, il Barolo, fu conosciuto come “il Re dei vini”, ed “il vino del Re”. Nel 1864 la stirpe dei Falletti di Barolo si estinse, insieme alla Marchesa, che aveva lasciato tra le sue ultime volontà la fondazione di un ente morale, l’Opera Pia Barolo, cui, ovviamente, sarebbero stati affidati i Poderi e le Antiche Cantine di Barolo. La nostra famiglia, che aveva iniziato l’attività vitivinicola a Barolo fin dai primi anni dell’800 e fondato successivamente la “Cav. Felice Abbona & Figli” le acquistò nel 1929.

Le figure femminili sono sempre state un punto cardine della vostra attività?
Oggi si pone molta attenzione nella figura della donna in questo ambiente, e siamo orgogliosi di dire che per noi questo tema non è una novità, anzi, un valore che da sempre abbracciamo con convinzione. La Marchesa realizzò opere importanti nella storia del nostro Paese per favorire l’istruzione e, soprattutto, il riscatto da situazioni disagevoli in particolare per l’universo femminile. Noi siamo cresciuti con questa figura femminile così presente nei luoghi che abitiamo che quotidianamente ci stimola nel lavoro per il successo di un’impresa che è anche il successo di un territorio.
Da tempo le nostre Cantine sono aperte ed accoglienti. Amiamo far conoscere la storia e la cultura non solo del vino, ma di questo eccezionale territorio: Barolo e le Langhe dal 2014 fanno parte del Patrimonio dell’Umanità tutelato dall’Unesco.

Internazionalizzazione: come vi muovete sui mercati?
Ovunque andiamo ogni nostro vino racconta il connubio particolare ed intimo tra il territorio e il vitigno che meglio ne esprime l’essenza. Esportiamo in quasi 70 paesi e, grazie ai vini, portiamo sempre un po’ di casa in ognuno di questi.
Gli Stati Uniti sono ad oggi il Paese più importante per l’export. Nel loro interno, però, ogni stato è una realtà a parte: ci sono differenze marcate fra est, ovest, nord e sud che approcciamo con proposte che tempo per tempo riteniamo più adatte alle loro abitudini alimentari. Crediamo, infatti, che il vino, sia l’elemento principale per la convivialità, per il vivere insieme e, quindi, condividere piaceri ed emozioni.
Dopo gli USA, assai importanti sono il Canada, la Germania, la Norvegia e l’Asia.

Ed il mercato Italia?
L’’Italia rimane il nostro mercato più importante. Il 45% del nostro fatturato è realizzato sul territorio nazionale in cui siamo distribuiti capillarmente in quasi tutte le province.
Il nostro è il Paese più impegnativo, siamo i più critici al mondo!
Allora, se i nostri vini raccolgono successo in Italia, abbiamo la consapevolezza di poter essere apprezzati ovunque e ciò ci permette di presentarci anche all’estero con una grande forza. 

Come vi posizionate in termini di sostenibilità?
Prestiamo molta attenzione a preservare il nostro territorio, cercando di conservare l’equilibrio e le peculiarità di ogni vigneto, esaltandole. Nel 2016 abbiamo acquistato 6 ettari di vigneti in Rio Sordo, un singolo appezzamento conosciuto storicamente come uno dei più idonei ed integri dell’area dei Barbaresco e ne abbiamo portato a compimento la certificazione biologica. Qui sorge “Cascina Bruciata”, una piccola gemma che rappresenta per noi oggi il coronamento di un sogno: l’azienda viticola da cui, fin dai primi anni ’80 acquistavamo le uve per produrre il Barbaresco Rio Sordo. Sotto questi vigneti, infatti, scorre un piccolo ruscello ipogeo; ed è proprio il rumore ovattato dello scorrere sotterraneo delle sue acque che dà il nome a questa località.

Qual è il vostro obiettivo futuro?
Crediamo che il mondo si muova ad un ritmo che occorre assecondare. Dobbiamo rimanere al passo senza perdere, però, la nostra storia e la nostra identità.
Possediamo ancora alcune delle grandi botti in rovere di Slavonia acquistate dalla Marchesa Juliette due secoli fa. Si tratta di un tesoro prezioso perché mantenute negli anni in perfetta efficienza. Altre, ovviamente, nel corso degli anni, sono state sostituite da botti di dimensioni adatte alle esigenze di affinamento dei vini che, oggi, devono essere potenti, austeri, ma evoluti, eleganti ed armonici. Tutto questo con grande passione, senza dimenticare di divertirci!
Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

La famiglia Abbona


Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona
venerdi 18 ottobre 2019

L’epoca delle contaminazioni

L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona

Noemi Mengo
La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese venerdi 18 ottobre 2019

Ora il Pinot Grigio deve parlare anche italiano

La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese

Fabio Piccoli
Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto. 
giovedi 17 ottobre 2019

Lo Champagne e i suoi trend: facciamo il punto

Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto.

Giovanna Romeo
Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week giovedi 17 ottobre 2019

Milano Wine Week: nuove generazioni del vino italiano protagoniste al Wine Generation Forum

Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5. 
giovedi 17 ottobre 2019

5 punti per osservare il mondo del vino che cambia

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5.

Noemi Mengo
Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono mercoledi 16 ottobre 2019

La meraviglia del vino, nasce la "Guida alle Cantine" Made in Piedmont

Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale mercoledi 16 ottobre 2019

Cresce la domanda di Prosecco biologico

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi
mercoledi 16 ottobre 2019

Italian wines in the world: Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.  
mercoledi 16 ottobre 2019

10 anni dalla crisi: come è cambiata l’Europa del vino?

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.

Noemi Mengo
Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager? martedi 15 ottobre 2019

Chi più spende più guadagna

Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager?

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry tuesday 15 october 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

Giovanna Romeo
Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale. lunedi 14 ottobre 2019

Sognando di fare vino. Noroc!

Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale.

Giovanna Romeo
All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo? lunedi 14 ottobre 2019

Il vino italiano sarà il meno colpito dai dazi USA

All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo?

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere sabato 12 ottobre 2019

Italian wines in the world: Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Giovanna Romeo
Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo. sabato 12 ottobre 2019

Neuromarketing: anche l'occhio vuole la sua parte

Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo.

Noemi Mengo
La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti
venerdi 11 ottobre 2019

Le sfide difficili dei mercati emergenti

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti

Fabio Piccoli


sfondo_wm