Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe

Marilisa Allegrini, dietro la copertina

Alla nota titolare dell’azienda veronese Allegrini è stata dedicata la copertina dell’ultimo numero di Wine Spectator, un riconoscimento importante, il primo dedicato ad una donna del vino italiana, frutto di un dinamismo imprenditoriale e comunicativo che ha pochi eguali


Marilisa Allegrini, dietro la copertina
Vedere che la copertina del numero di aprile di Wine Spectator è stata dedicata a Marilisa Allegrini, la titolare, assieme al fratello Franco, dell’omonima azienda veronese, ci ha, innanzitutto, lo scriviamo senza paura di essere tacciati di piaggeria, resi molto orgogliosi.
Orgogliosi che una nostra imprenditrice del vino non solo sia riuscita a meritarsi la copertina di quello che rimane comunque il più autorevole magazine del vino a livello mondiale, ma anche perché con il suo lavoro testimonia con i fatti le capacità imprenditoriali presenti anche all’interno del nostro sistema produttivo.
Un sistema che talvolta nel nostro magazine “bacchettiamo” per non riuscire a sviluppare maggiormente il suo profilo imprenditoriale, la sua capacità di presidiare meglio i mercati, di dare un’identità più solida e remunerativa al nostro made in Italy.
Ma Marilisa Allegrini rappresenta, invece, uno degli esempi più forti di come si possa essere imprenditori del vino nel senso più evoluto e moderno di questa complessa professione.
E cioè con la capacità di investire con coraggio nella propria impresa, nei diversi mercati in cui si è presenti ma anche non dimenticando mai l’essenziale lavoro della comunicazione e della costruzione delle relazioni.
In Marilisa Allegrini questo mix di capacità imprenditoriali, organizzative e di comunicazione è fortissimo ed evidente ma sarebbe sbagliato, a nostro parere, considerare questa caratteristica come un “semplice” istinto innato.
Seguiamo da moltissimi anni il lavoro di Marilisa Allegrini in giro per il mondo e ci è facile essere testimoni di una “lavoratrice infaticabile” (fateci passare questo termine), capace di superare indenne cambi di fuso orario che sarebbero letali per la maggioranza degli esseri umani.
Nella nota imprenditrice veronese, da sempre, vi è una consapevolezza, che si esprime attraverso la sua modalità di presentarsi nei diversi contesti, che a nostro parere è un paradigma prezioso a disposizione di chiunque sia alla ricerca delle giuste strategie per essere vincente sui mercati internazionali.
Ebbene, il punto nodale che si evidenzia dall’analisi dell’attività di Marilisa Allegrini, si può sintetizzare nella sua straordinaria capacità di non dimenticare mai di essere prima di tutto una “donna italiana”, con tutto ciò che questa identità comporta.
Non deve apparire, a nostro giudizio, una banalità questa costatazione, in quanto la prima strategia da applicare, se così si può definire, per affermare i valori del nostro made in Italy, è quella di “risultare autenticamente italiani” e di non “nascondersi dietro i propri vini”.
E l’eleganza di Marilisa Allegrini e il suo essere sempre così “socialmente” aperta, disponibile non solo rappresenta un valore aggiunto per l’immagine del brand Allegrini, ma anche un esempio straordinario di “italianità”.
Non basta essere italiani per avere successo ma bisogna essere in grado di testimoniarlo con coerenza quotidianamente.
E Marilisa Allegrini è una donna “italiana a tempo indeterminato”.
Un’imprenditrice che vive la sua “origine” non solo come uno status da dichiarare ma anche come una realtà da dimostrare sempre, dalla propria comunicazione personale all’identità dei suoi vini, dai luoghi selezionati o costruiti per comunicare la sua azienda sia in Italia che all’estero, ai testimonal scelti e agli eventi progettati.
Tutto questo, e ovviamente molto altro ancora, c’è dietro la copertina di Wine Spectator con Marilisa Allegrini.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian