Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 18 ottobre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3
giovedi 03 agosto

Mario Primo, quando il Chianti diventa trasgressivo

Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini


Mario Primo, quando il Chianti diventa trasgressivo

Mario Primo


È stata tra le novità enologiche più apprezzate a quest’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, ripresa anche nel sito della manifestazione per enfatizzare l’ennesima dimostrazione del coraggio innovativo dell’azienda Piccini, un brand storico del Chianti che da sempre è riuscito a coniugare tradizione ed innovazione.

Mario Primo è un Chianti a tutti gli effetti, l’ennesima dimostrazione straordinaria della duttilità dei vitigni che concorrono alla sua produzione a partire dal re Sangiovese.
Si tratta di un Chianti ottenuto grazie al recupero di una tradizione vitienologica dell’azienda Piccini del 1930 resa nuovamente contemporanea grazie agli straordinari investimenti in vigna e cantina di quest’ultimo ventennio.
Un recupero vitienologico che parte dalla base, cioè dai vitigni utilizzati con la reintroduzione nella produzione del Chianti di una piccola percentuale di varietà di uve a bacca bianca come il Trebbiano e la Malvasia, capaci di esaltare la freschezza e l’aromaticità.
Una vinificazione che segue due semplici regole: una breve macerazione, non superiore ai quattro giorni, sulle bucce e nessun passaggio in legno per non ottenere un vino eccessivamente concentrato e strutturato, a vantaggio delle sensazioni fruttate e morbide, per un Chianti in grado di recuperare leggerezza e immediatezza.

“L’essere eclettici e innovativi è un valore a nostro parere - spiega Mario Piccini, direttore generale e rappresentante della 4a generazione del noto marchio chiantigiano - e lo è ancor più oggi dove i consumatori sono alla ricerca della personalità che più li rappresenta (siamo nell’era della personalizzazione). Mario Primo, pertanto, rappresenta un Chianti che non ha paura di apparire diverso, che non rinnega il suo nome e le sue origini ma si vuole esprimere con un’interpretazione più trasgressiva”.
Ma essere trasgressivi, per casa Piccini, non significa essere una “caricatura” enologica bensì un’espressione estrema dell’incredibile flessibilità di questa tipologia di vino.
Un vino che può essere estremamente “antico” e “moderno” al tempo stesso. Una caratteristica che solo pochi vino al mondo possiedono.

“L’interpretazione trasgressiva del Chianti Mario Primo - precisa Mario Piccini - non è una trovata modaiola che nasce oggi, ma è il ridare vita ad una radice storica di questo vino e in particolare dell’azienda Piccini, tra le primissime ad esaltare al meglio la natura leggera di questo vino”.
Da tutto ciò l’utilizzo di un verbo particolarmente usato in Toscana: ”Rieccolo!!!” per enfatizzare una tradizione che ritorna senza complessi, paure ma con tanto da raccontare con semplicità ed immediatezza.

Il risultato gustativo si può sintetizzare nelle seguenti caratteristiche:
- straordinarie sensazioni di frutta, in particolare ciliegia e prugna, al naso;
- grande morbidezza in bocca;
- piacevolissime sensazioni di freschezza e leggerezza;
- assenza di ruvide sensazioni tanniche;
- incredibile indice di bevibilità;
- tantissimi possibili abbinamenti.

Ma il Chianti Mario Primo è stato concepito e prodotto anche per tutti coloro che sono stanchi di attenersi alle solite regole di degustazione. A quelli che ritengono che le regole è bello infrangerle e che spesso da tutto ciò nascono le sorprese più belle e il piacere della vita. Per questo tra i primati di questo Chianti unico vi è anche quello della temperatura di servizio. Per quelli più “timorosi” consigliamo di stare attorno ai 12-14°C.
“Ma per quelli che amano, come noi, osare - conclude Mario Piccini - li esortiamo a mettere Mario Primo in una glacette con ghiaccio per qualche minuto. Per lui scendere anche a 8°C non è un problema, non è un tipo che si spaventa, anzi. Per voi potrebbe essere una goduria, soprattutto estiva, che non dimenticherete facilmente”.


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

Il vino italiano alla conquista della British Columbia

Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social? martedi 17 ottobre

3 modi per trasformare il vostro vino in "instagrammabile"!

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social?

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing
Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Parte da Calgary il Wine Meridian Canada e Usa Tour

Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Fabio Piccoli
Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Percezioni migliori quando il tappo è di sughero

Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Francesco Piccoli
We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.
saturday 14 october

Italian Wines in The World: Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016

We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Il vino italiano perde quota negli Usa, tutta colpa dell’ocm?

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Fabio Piccoli
L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione
venerdi 13 ottobre

La comunicazione del vino che abbiamo in mente

L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione

Fabio Piccoli
Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera. venerdi 13 ottobre

Aspettando Durello&Friends: il Durello a Hostaria Verona

Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera.

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Incendi drammatici devastano Napa e Sonoma Valley

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Fabio Piccoli
Giovedi 16 novembre  il corso focalizzato su export e marketing

Corso Export Manager: diventa un export manager di successo

Giovedi 16 novembre il corso focalizzato su export e marketing

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante. mercoledi 11 ottobre

6 regole di bon ton in Giappone

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante.

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti martedi 10 ottobre

Alla ricerca della mineralità

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti

Agnese Ceschi
Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Semplificare la comunicazione del vino senza banalizzare

Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Francesco Piccoli
Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale

Quando comprare il vino è come acquistare in Borsa

Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale



WineMeridian