Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/

Millennials più fedeli ai brand degli spirits che di vino e birra

I consumatori più giovani valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale e più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto


Millennials più fedeli ai brand degli spirits che di vino e birra
Wayne Curtis è uno degli esperti più interessanti ed importanti per quanto riguarda il settore degli spirits. Di recente, ha pubblicato su SevenFiftyDaily, un’interessante articolo che raccoglie le opinioni di importanti produttori americani riguardo la questione della brand loyalty nell’ambito di whisky, rum ed affini.
Secondo Amir Peay, della distilleria James E. Pepper Distillery del Kentucky, è più facile fidelizzare i consumatori con gli spirits che con vino o birra perché l’investimento è maggiore e dura più a lungo nel tempo rispetto ad una bottiglia di vino o una confezione di birre, che finiscono nel giro di una cena. Però non è detto che quanto qui descritto non possa essere rilevante per il nostro settore.
I coniugi Hoskin sono i fondatori e i proprietari della distilleria Montanya Rum, in Colorado. Durante uno dei loro eventi, Karen Hoskin ha notato una grande differenza tra gli avventori, quella sera: i baby boomer, i nati tra il 1945 e la fine degli anni ’60, erano generalmente più restii a provare versioni diverse ed innovative di cocktail rinomati rispetto alle generazioni più giovani, dove i “conservatori” sono l’eccezione e non la regola e la ricerca della novità è continua e costante. Il lato negativo di questa necessità del nuovo è sicuramente la difficile o, addirittura, impossibile, fedeltà ad un qualsivoglia marchio.
Però questo non è del tutto vero, in realtà. I Millennial sanno come essere fedeli ma in maniera diversa rispetto ai loro genitori o ai loro nonni.
Secondo l’azienda di consulenza per i brand, Brand Keys, i Millennial valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale ed più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto. Sostenibile, sociale, locale sono tutti aggettivi che hanno acquistato un’importanza fondamentale quando si parla di marketing indirizzato alle nuove generazioni.
L’ecosistema virtuale dei social media è diventato vitale per qualsiasi marchio, come abbiamo affrontato di recente su Wine Meridian, parlando di nuove categorie di consumatori e non solo. I Millennial vivono in questo ecosistema, dove cercano non solo consigli su cosa acquistare ma anche conferme sulla validità degli acquisti fatti. Inoltre, la presenza dei marchi stessi sui principali social ha di sicuro aumentato il livello di intimità che si può instaurare tra un produttore ed un consumatore, il che sembra strano visto il continuo e costante proliferare di marchi sul mercato.
Va anche rivista la questione degli investimenti. Negli ultimi anni, molti marchi si sono espansi per creare nuove esperienze per i loro clienti. Molte cantine e distillerie hanno investito ingenti somme in nuove e futuristiche strutture-attrazioni. Ma, ora come ora, con le nuove generazioni, il rischio è che spesso “espansione” coincida con “non autentico”, allontanando così potenziali consumatori delle nuove generazioni. Espandersi è ovviamente ancora possibile ma bisogna farlo con cognizione di causa. Un esempio positivo è quello della distilleria Sazerac Company, che ha creato numerosi programmi sperimentali, paralleli alla produzione principale, riuscendo così ad attirare l’attenzione di molti, nuovi consumatori.
Un ultimo fattore che può sicuramente aiutare nel creare fedeltà ad un marchio è sicuramente il raccontare una storia, come sostengono i ragazzi di High Wire Distilling, in South Carolina. Raccontare come la canna da zucchero di diversi terroir abbia influenzato il risultato finale o come aver utilizzato un mais particolare abbia portato ad avere un bourbon ancora più puro. Raccontare tutto e farlo con la massima trasparenza possibile.

Francesco Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm