Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza vidra.com
martedi 12 marzo 2019

Montecucco: denominazione sopita o terra promessa?

Le nostre denominazioni sono tante, troppe, frastagliate e poco incisive. Torniamo a riflettere sull'argomento, in seguito alla presentazione a Milano della Doc Montecucco.


Montecucco: denominazione sopita o terra promessa?
Alcuni giorni fa l’editoriale del direttore Fabio Piccoli, “Le malattie delle nostre denominazioni”, ha evidenziato come urge un tagliando, se non almeno una revisione, delle nostre denominazioni definite tante, troppe, frastagliate e poco incisive. Un articolo che fa riflettere e che, in occasione della presentazione a Milano della Doc Montecucco, ci induce a verificare sul campo il perché sia inserita tra quelle che, dai dati dell’Unione Italiana Vini, soffrono di scarso benessere nonostante le alte potenzialità. Una denominazione giovanissima nata nel 2011 espressione di un territorio considerato la “terra promessa” e il “gioiello enologico” della Maremma Toscana. Il Consorzio di Tutela che conta ad oggi 67 aziende registra, a detta del Presidente Claudio Tipa, una crescita costante nel mercato italiano ed estero. Ma allora perché i volumi e le produzioni dichiarate contrastano con uno stato “sopito” e con un mercato che stenta ad accorgersi di questa nicchia di produttori? Facciamo un po’ di chiarezza.
Il problema, come riferisce Paolo Castelletti dell’UIV, non è l’essere più o meno grandi da un punto di vista dell’estensione del territorio o di capacità produttiva, ma dall’affermazione sul mercato ovvero la capacità di generare valore. Montecucco è certamente una Doc piccola, figlia di un territorio unico e bellissimo, incastonata tra denominazioni forti quali Brunello di Montalcino, Maremma e Morellino di Scansano, quest’ultima alcuni anni fa ha visto un’impennata di fama e notorietà. Sono sette i comuni del territorio del Monte Amiata, il 70% dei vigneti afferisce alla provincia di Grosseto. 500 ettari di vigne e una produzione che si attesta su 1,2 milioni di bottiglie. Montecucco, da qualsiasi lato ci si voglia addentrare, vede biodiversità, varietà faunistica e produttiva. Si pensi che il 66% della produzione è certificata biologica, un punto a favore per i mercati di riferimento come il nord Europa, la Germania e gli Stati Uniti, particolarmente attenti al contesto biologico/biodinamico del vigneto e della produzione.
Sono le aziende incontrate a Milano quali Colle Massari, Montenero, 8ettari, Poderi Firenze, che ribaltano le considerazioni riportate dal Corriere Vinicolo riferendo un valore di imbottigliato e venduto assolutamente soddisfacente per la denominazione Montecucco e Montecucco Sangiovese Molti produttori hanno un fatturato svolto nel mercato italiano pari al 50%, soprattutto nelle regioni più prossime alla Toscana, e per il 50% all’estero. Tutti venduti a scaffale, senza scorte in cantina, con un prezzo medio di 10. 80 euro (Colle Massari). I mercati sono i più vari, come la Germania dove l’azienda 8ettari esporta addirittura l’80% delle bottiglie prodotte, circa 40 mila per 6 ettari di vigneto. 

“Non vi sono giacenze e, soprattutto, il mercato assorbe tutta la nostra produzione” così riferisce Colle Massari, azienda leader (comprende Grattamacco, Poggio di Sotto e Tenuta San Giorgio) che fa da traino per numeri e per notorietà a tutta la denominazione. Smentisce quindi uno stato di malessere e dichiara la crescita costante in volume e prezzi. “Denominazioni curiose e interessate, piccole ma dinamiche che faranno vedere in futuro cose interessanti, attente al mercato e ai desideri dei consumatori”. È chiaro che il focus lo fanno Docg più importanti come il Brunello di Montalcino, ma l’area di Montecucco sta realizzando prodotti di altissima qualità che interessano il mercato estero anche in virtù del territorio che gli stessi vini rappresentano, la Toscana. “Cambi generazionali alla guida delle aziende che portano a “svecchiare” sistemi di marketing e di comunicazione e che permettano di generare interesse nel consumatore. Non è una gara con le Doc e le Docg vicine di casa, ma altre espressioni del medesimo vitigno”. Che sia quindi solo questione di tempo? 

Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Comportamenti sociali e tendenze di consumo nel prossimo futuro, le risposte dei consumatori di 17 Paesi a confronto su questioni vitali per il mercato. lunedi 25 maggio 2020

Consumi: come sarà la riapertura?

Comportamenti sociali e tendenze di consumo nel prossimo futuro, le risposte dei consumatori di 17 Paesi a confronto su questioni vitali per il mercato.

Emanuele Fiorio
Un’esperienza digitale interattiva per presentare la nuova linea Vènt: questa l’iniziativa della cooperativa trentina della Valle dei Laghi in collaborazione con Microsoft Teams e il partner Si-Net. lunedi 25 maggio 2020

Cantina Toblino abbraccia la trasformazione digitale

Un’esperienza digitale interattiva per presentare la nuova linea Vènt: questa l’iniziativa della cooperativa trentina della Valle dei Laghi in collaborazione con Microsoft Teams e il partner Si-Net.

Un formato troppo spesso sottovalutato, se non vittima di sbagliati pregiudizi, oggi rappresenta un packaging capace di garantire un basso impatto ambientale e anche minori rischi sul fronte della contaminazione a Covid-19 lunedi 25 maggio 2020

Francia: il ruolo strategico del bag in box

Un formato troppo spesso sottovalutato, se non vittima di sbagliati pregiudizi, oggi rappresenta un packaging capace di garantire un basso impatto ambientale e anche minori rischi sul fronte della contaminazione a Covid-19

Astrid Panizza
Abbiamo degustato per voi Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 di Masot sabato 23 maggio 2020

Italian wines in the world: Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 di Masot

Abbiamo degustato per voi Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 di Masot

Si terrà a settembre il meeting b2b digitale in cui buyer e produttori si incontreranno a distanza ma con le stesse opportunità di degustazione e di promozione delle realtà italiane. venerdi 22 maggio 2020

India mercato emergente per il vino: partecipa all'incontro con i buyer di questo Paese

Si terrà a settembre il meeting b2b digitale in cui buyer e produttori si incontreranno a distanza ma con le stesse opportunità di degustazione e di promozione delle realtà italiane.

Bordeaux al minimo storico e Borgogna in calo, nel contesto dell’emergenza emergono i vini pregiati italiani che beneficiano anche dell’esclusione dai dazi Usa. venerdi 22 maggio 2020

Italy fine wines: 2020 da record

Bordeaux al minimo storico e Borgogna in calo, nel contesto dell’emergenza emergono i vini pregiati italiani che beneficiano anche dell’esclusione dai dazi Usa.

Emanuele Fiorio
Mai come in questa fase abbiamo scoperto quanto gli strumenti digitali ci possono aiutare e supportare nelle nostre attività imprenditoriali e manageriali ma attenti a non considerarli la soluzione a tutti i nostri problemi e la risposta a qualsiasi fabbisogno venerdi 22 maggio 2020

La pericolosa demagogia del digitale

Mai come in questa fase abbiamo scoperto quanto gli strumenti digitali ci possono aiutare e supportare nelle nostre attività imprenditoriali e manageriali ma attenti a non considerarli la soluzione a tutti i nostri problemi e la risposta a qualsiasi fabbisogno

Fabio Piccoli
Il Rinascimento del vino italiano

“Metodo Wine Meridian”: come ripartire nel post covid-19 in 10 mosse

Il Rinascimento del vino italiano

Cristian Fanzolato
All’interno dei negozi del gruppo Eataly sono state posizionate delle scatole di raccolta per i tappi della Green Line di Nomacorc, il marchio di punta di Vinventions. giovedi 21 maggio 2020

Ambiente: Vinventions e Eataly insieme per l'economia circolare

All’interno dei negozi del gruppo Eataly sono state posizionate delle scatole di raccolta per i tappi della Green Line di Nomacorc, il marchio di punta di Vinventions.

“Made in Italy” denominatore comune e punto di forza sul quale Vino e Ho.Re.Ca devono puntare per una ripartenza di “inaspettato” successo.

Nuova Allenza tra Vino e Ho.Re.Ca, compila il questionario di Wine Meridian

“Made in Italy” denominatore comune e punto di forza sul quale Vino e Ho.Re.Ca devono puntare per una ripartenza di “inaspettato” successo.

Cristian Fanzolato
Il primo Paese produttore a sperimentare la vendemmia con distanziamento sociale. Una vendemmia che sarà ricordata anche tra le più calde nella storia della viticoltura argentina giovedi 21 maggio 2020

La vendemmia “distanziata” e caldissima dell’Argentina

Il primo Paese produttore a sperimentare la vendemmia con distanziamento sociale. Una vendemmia che sarà ricordata anche tra le più calde nella storia della viticoltura argentina

Fabio Piccoli
La pandemia sta avendo enormi conseguenze sui mercati: Euromonitor International ha analizzato in un report il futuro mondiale dell'economia. giovedi 21 maggio 2020

Implicazioni e ripercussioni del Covid-19 sull'economia mondiale

La pandemia sta avendo enormi conseguenze sui mercati: Euromonitor International ha analizzato in un report il futuro mondiale dell'economia.

Astrid Panizza
La Cina è il mercato da tenere d'occhio in questo momento per apprendere dalla sua esperienza, anche se i consumatori cinesi hanno risposto in modo diverso al Covid-19 rispetto a quelli di mercati affermati come gli Stati Uniti e l'Europa. Boom online anche nel mercato del Dragone. giovedi 21 maggio 2020

Cina, si riparte con cautela

La Cina è il mercato da tenere d'occhio in questo momento per apprendere dalla sua esperienza, anche se i consumatori cinesi hanno risposto in modo diverso al Covid-19 rispetto a quelli di mercati affermati come gli Stati Uniti e l'Europa. Boom online anche nel mercato del Dragone.

Agnese Ceschi
La cantina di Luogosanto scommette sui social e la ripresa del mercato. Massimo Ruggero: “Valorizziamo gli acquisti sul sito www.siddura.com mercoledi 20 maggio 2020

La Fase 2 di Siddùra: in vendita le nuove annate dei vini

La cantina di Luogosanto scommette sui social e la ripresa del mercato. Massimo Ruggero: “Valorizziamo gli acquisti sul sito www.siddura.com

Tenere traccia delle informazioni è fondamentale per il controllo dell'azienda e delle vendite

L’importanza della buona gestione delle informazioni

Tenere traccia delle informazioni è fondamentale per il controllo dell'azienda e delle vendite

Filippo Ganzaroli