Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca
martedi 01 marzo

Natural wines: il vino con un'anima si fa sempre piĂą spazio nei mercati internazionali

Intervista ad Alice Feiring, esperta di vini naturali e presidente del Free Wine Award 2016 di Vinitaly


Natural wines: il vino con un'anima si fa sempre piĂą spazio nei mercati internazionali

Alice Feiring




Esuberante e dissacrante, Alice Feiring non è un’esperta di vino, giornalista e wine lover comune. Da anni infatti porta avanti un dibattito sul vino naturale, dopo che nel 2001 scrisse un articolo sul New York Times premiato per l’originalità: "For Better or Worse, Winemakers Go High Tech." Da allora la giornalista del vino ha aiutato il mondo ad aprire gli occhi su ciò che è "naturale" e spingendo i suoi lettori ad accogliere questa passione per l’origine del vino. Alice Feiring è quasi un’antropologa del vino: dai vitigni antichi delle Isole Canarie alla Georgia, la giornalista svela ciò che c’è di indigeno e tradizionale nel vino naturale. Nel 2016 presiederà il premio Free Wine Award istituito da Vinitaly e pubblicherà a marzo il suo nuovo libro "For the Love of Wine, my odyssey through the world’s most ancient wine culture." L’abbiamo incontrata e chi meglio di lei poteva approfondire con noi la nuova attuale tendenza per il consumo dei vini naturali.

Qual’è il panorama dei vini naturali al giorno d’oggi?
I vini naturali hanno grande forza in questo momento nel panorama mondiale del vino. Il numero di importatori specializzati sta crescendo rapidamente, mentre quelli convenzionali stanno aggiungendo questi vini in un portfolio speciale. Ora sono disponibili anche in altri luoghi oltre alle storiche città come Parigi, Londra, New York e Tokyo, dove sono presenti da più tempo. Nel 2006 c’erano pochi vini naturali provenienti da Spagna o Italia, invece oggi, a distanza di 10 anni, queste regioni vinicole hanno molto da offrire. Il Nuovo Mondo sta fiorendo e molti vini naturali vengono prodotti anche in America, Australia e Sud Africa.
In breve, dove la Francia l’ha fatta da padrone per decenni, ora ci sono molte aziende da tutto il mondo a competere.

Ha ricevuto di recente la nomina di presidente del premio Free Wine Award, istituito da Vinitaly. Che criteri di selezione ha stabilito?
Il mio obiettivo è preservare l’integrità del premio e per questo renderlo un riconoscimento di grande valore grazie alla scelta dei vini, ma anche del pool di giudici da tutto il mondo. Spero che questo innovativo e fantastico premio apra un dibattito su questi vini, che sono vini fatti con amore e con un’anima.

Qual’è il ruolo di questi vini nel panorama enologico attuale?
Questi vini sono il prodotto del desiderio del produttore di ritornare al modo con cui i predecessori, nonni e genitori, facevano il vino. Ma al tempo stesso sono il frutto di una filosofia produttiva che sempre di più vede nel rispetto dell'ambiente e nella salute dei consumatori un faro di riferimento. I consumatori sono arrivati dopo, ma più dimostravano interesse per questo tipo di prodotto, più i produttori lo hanno messo in risalto. Sono vini con un ottimo gusto, salutari, che richiamano l’attenzione del consumatore che crede in uno stile di vita più sano. Che ruolo hanno? Sono buoni per l’ambiente e arricchiscono di sapore le nostre vite anche a tavola.

Come si stanno comportando i produttori?
I produttori stanno assolutamente cambiando il loro modo di fare vino. La rivoluzione è già in atto. Il solo fatto che sia stato istituito questo premio da Vinitaly è la prova di questo. I grandi gruppi industriali lo stanno inserendo nel portfolio e, che ci si creda o no, il vino naturale è ciò che il consumatore chiede. Perciò anche le aziende più restie, se non vogliono perdere il mercato si devono adattare.

Qual’è l’attitudine del consumatore?
I consumatori sono entusiasti. Ci sono numerose fiere di vini naturali all’anno nel mondo, circa una quarantina. Rootstock (il festival del cibo e del vino sostenibile), in Australia, ha avuto circa 12.000 partecipanti e la gente era "affamata" di vini naturali. New York ne ha avuta una da poco, a febbraio, che è andata sold out due settimane prima.
Appena quattro anni fa non riuscivo a trovare vini naturali nel mio vicinato, ora solo girando l’angolo, a tre minuti di passeggia da casa mia, poco trovare e bere vini naturali in 7 diversi posti.

Facciamo un po' di chiarezza: qual’è la differenza tra vini naturali, organici e bio-dinamici?  Organico significa proveniente da viticoltura organica. Ai prodotti organici è consentita un’aggiunta di solfiti che deve essere in linea con le disposizioni dell’Unione Europea (10000m). Negli Stati Uniti, invece, non è consentita aggiunta di solfiti per i vini organici.

Bio-dinamico significa che deve seguire gli insegnamenti di Rufolph Steiner. I trattamenti in vigneto sono fatti con prodotti bio-dinamici che vengono da animali, minerali o vegetali, non chimici. I trattamenti vengono fatti in sincronia con le fasi della luna e delle stagioni. In linea generale se il consumatore vede una certificazione bio-dinamica può fidarsi del fatto che il vino è più naturale di un vino organico.

I vini naturali non sono normati dalla legge, ma è comunemente accettato che la viticoltura debba essere almeno organica e poi che non ci siano aggiunte di ogni genere, lieviti o enzimi. Non sono accettati nemmeno processi estremi come micro-ossigenazione o osmosi inversa. Spesso non c’è nemmeno l’aggiunta di zolfo, anche se a volte viene aggiunto fino a 20ppm, talvolta è vulcanico e non di origine petrolchimica.
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il piĂą grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrĂ  in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrĂ  in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunitĂ  in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverĂ  Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)
martedi 16 aprile

Il Prosecco guida il boom degli sparkling anche negli Usa

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)

Fabio Piccoli
Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione piĂą chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali
lunedi 15 aprile

Pinot Grigio, esiste uno stile italiano?

Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione piĂą chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste. lunedi 15 aprile

Le Donne del Vino delle Marche protagoniste a Vinitaly 2019

Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste.

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero lunedi 15 aprile

Gotto D'oro a Vinitaly: Vinea Domini mostra il suo lato Nobile alla Roma Stellata

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico saturday 13 april

Italian wines in the world: Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone sabato 13 aprile

Italian wines in the world: San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi venerdi 12 aprile

Allarme “riconoscibilità origine” anche negli Usa

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi

Fabio Piccoli


sfondo_wm