Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 17 dicembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/  http://acquesi.it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/
martedi 01 marzo

Natural wines: il vino con un'anima si fa sempre più spazio nei mercati internazionali

Intervista ad Alice Feiring, esperta di vini naturali e presidente del Free Wine Award 2016 di Vinitaly


Natural wines: il vino con un'anima si fa sempre più spazio nei mercati internazionali

Alice Feiring




Esuberante e dissacrante, Alice Feiring non è un’esperta di vino, giornalista e wine lover comune. Da anni infatti porta avanti un dibattito sul vino naturale, dopo che nel 2001 scrisse un articolo sul New York Times premiato per l’originalità: "For Better or Worse, Winemakers Go High Tech." Da allora la giornalista del vino ha aiutato il mondo ad aprire gli occhi su ciò che è "naturale" e spingendo i suoi lettori ad accogliere questa passione per l’origine del vino. Alice Feiring è quasi un’antropologa del vino: dai vitigni antichi delle Isole Canarie alla Georgia, la giornalista svela ciò che c’è di indigeno e tradizionale nel vino naturale. Nel 2016 presiederà il premio Free Wine Award istituito da Vinitaly e pubblicherà a marzo il suo nuovo libro "For the Love of Wine, my odyssey through the world’s most ancient wine culture." L’abbiamo incontrata e chi meglio di lei poteva approfondire con noi la nuova attuale tendenza per il consumo dei vini naturali.

Qual’è il panorama dei vini naturali al giorno d’oggi?
I vini naturali hanno grande forza in questo momento nel panorama mondiale del vino. Il numero di importatori specializzati sta crescendo rapidamente, mentre quelli convenzionali stanno aggiungendo questi vini in un portfolio speciale. Ora sono disponibili anche in altri luoghi oltre alle storiche città come Parigi, Londra, New York e Tokyo, dove sono presenti da più tempo. Nel 2006 c’erano pochi vini naturali provenienti da Spagna o Italia, invece oggi, a distanza di 10 anni, queste regioni vinicole hanno molto da offrire. Il Nuovo Mondo sta fiorendo e molti vini naturali vengono prodotti anche in America, Australia e Sud Africa.
In breve, dove la Francia l’ha fatta da padrone per decenni, ora ci sono molte aziende da tutto il mondo a competere.

Ha ricevuto di recente la nomina di presidente del premio Free Wine Award, istituito da Vinitaly. Che criteri di selezione ha stabilito?
Il mio obiettivo è preservare l’integrità del premio e per questo renderlo un riconoscimento di grande valore grazie alla scelta dei vini, ma anche del pool di giudici da tutto il mondo. Spero che questo innovativo e fantastico premio apra un dibattito su questi vini, che sono vini fatti con amore e con un’anima.

Qual’è il ruolo di questi vini nel panorama enologico attuale?
Questi vini sono il prodotto del desiderio del produttore di ritornare al modo con cui i predecessori, nonni e genitori, facevano il vino. Ma al tempo stesso sono il frutto di una filosofia produttiva che sempre di più vede nel rispetto dell'ambiente e nella salute dei consumatori un faro di riferimento. I consumatori sono arrivati dopo, ma più dimostravano interesse per questo tipo di prodotto, più i produttori lo hanno messo in risalto. Sono vini con un ottimo gusto, salutari, che richiamano l’attenzione del consumatore che crede in uno stile di vita più sano. Che ruolo hanno? Sono buoni per l’ambiente e arricchiscono di sapore le nostre vite anche a tavola.

Come si stanno comportando i produttori?
I produttori stanno assolutamente cambiando il loro modo di fare vino. La rivoluzione è già in atto. Il solo fatto che sia stato istituito questo premio da Vinitaly è la prova di questo. I grandi gruppi industriali lo stanno inserendo nel portfolio e, che ci si creda o no, il vino naturale è ciò che il consumatore chiede. Perciò anche le aziende più restie, se non vogliono perdere il mercato si devono adattare.

Qual’è l’attitudine del consumatore?
I consumatori sono entusiasti. Ci sono numerose fiere di vini naturali all’anno nel mondo, circa una quarantina. Rootstock (il festival del cibo e del vino sostenibile), in Australia, ha avuto circa 12.000 partecipanti e la gente era "affamata" di vini naturali. New York ne ha avuta una da poco, a febbraio, che è andata sold out due settimane prima.
Appena quattro anni fa non riuscivo a trovare vini naturali nel mio vicinato, ora solo girando l’angolo, a tre minuti di passeggia da casa mia, poco trovare e bere vini naturali in 7 diversi posti.

Facciamo un po' di chiarezza: qual’è la differenza tra vini naturali, organici e bio-dinamici?  Organico significa proveniente da viticoltura organica. Ai prodotti organici è consentita un’aggiunta di solfiti che deve essere in linea con le disposizioni dell’Unione Europea (10000m). Negli Stati Uniti, invece, non è consentita aggiunta di solfiti per i vini organici.

Bio-dinamico significa che deve seguire gli insegnamenti di Rufolph Steiner. I trattamenti in vigneto sono fatti con prodotti bio-dinamici che vengono da animali, minerali o vegetali, non chimici. I trattamenti vengono fatti in sincronia con le fasi della luna e delle stagioni. In linea generale se il consumatore vede una certificazione bio-dinamica può fidarsi del fatto che il vino è più naturale di un vino organico.

I vini naturali non sono normati dalla legge, ma è comunemente accettato che la viticoltura debba essere almeno organica e poi che non ci siano aggiunte di ogni genere, lieviti o enzimi. Non sono accettati nemmeno processi estremi come micro-ossigenazione o osmosi inversa. Spesso non c’è nemmeno l’aggiunta di zolfo, anche se a volte viene aggiunto fino a 20ppm, talvolta è vulcanico e non di origine petrolchimica.
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Intervista a Massimiliano Naso, ingegnere ambientale e Responsabile Vendite Italia Grandi Clienti di Liquigas lunedi 17 dicembre

GPL e GNL soluzioni energetiche sostenibili per le aziende del vino

Intervista a Massimiliano Naso, ingegnere ambientale e Responsabile Vendite Italia Grandi Clienti di Liquigas

In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Il gran ritorno della pubblicità sul vino

In questi ultimi mesi, in particolare, vi è una proliferazione di pagine pubblicitarie di aziende del vino sui media generalisti. Quali i significati di questo grande “ritorno”?

Fabio Piccoli
Un modo di narrare complesso ma efficace, ancora sconosciuto nel mondo del vino
lunedi 17 dicembre

Mai sentito parlare del Transmedia Storytelling?

Un modo di narrare complesso ma efficace, ancora sconosciuto nel mondo del vino

Noemi Mengo
We tasted for you Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 saturday 15 december

Italian wines in the world: Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016

We tasted for you Siddùra's Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016

In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana venerdi 14 dicembre

Il Chiaretto cavalca l’onda della pink revolution

In pre-anteprima a Bardolino l’annata 2018 della DOC gardesana

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno
venerdi 14 dicembre

Cantina di Soave: traguardi, novità ed un bilancio che eleva il lavoro dei soci

Celebrati i risultati ottenuti da Cantina di Soave e presentato il resoconto del Bilancio d’esercizio, attraverso la tradizionale Conferenza Stampa di fine anno

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial® 
giovedi 13 dicembre

Credere nel valore delle proprie idee: il successo del caso Enosocial®

Intervista ad Andrea Bianchi, CEO e co-fondatore dell’app Enosocial®

Abbiamo degustato per voi l'Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra giovedi 13 dicembre

Italian Wines in the World: Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra

Abbiamo degustato per voi l'Èrema Cannonau di Sardegna DOC 2016 di Siddùra

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo. mercoledi 12 dicembre

Marketing e comunicazione: trova la tua strategia!

Troppo spesso l’operatività supera la progettualità con il rischio di sprecare risorse e non centrare il vero obiettivo.

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo mercoledi 12 dicembre

Wine Blockchain: quali i vantaggi per l’industria vitivinicola?

Dall'acino al bicchiere per la tracciabilità e trasparenza del processo produttivo

Agnese Ceschi
A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople mercoledi 12 dicembre

Vendere il vino. Sì, ma a chi?

A spiegarcelo ci pensa “4 colori per vendere il vino”, il nuovo libro di Lavinia Furlani e Andrea Pozzan di WinePeople

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio. mercoledi 12 dicembre

Casale del Giglio: storia di un'isola, di una famiglia ed un progetto inimitabile

Progetto Ponza, la novità della storica azienda vinicola dell'Agro Pontino, Casale del Giglio.

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro martedi 11 dicembre

L'azienda agricola Accordini Stefano premiata al Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild
martedi 11 dicembre

Vino italiano nel mondo: educare partendo dal principio

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild

Noemi Mengo
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona martedi 11 dicembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI SOLLECITAZIONE OFFERTE

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Giganti in un popolo di nani

Non è poi così difficile emergere tra i manager del vino [warning: politically incorrect contents]

Andrea Pozzan
We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014 saturday 08 december

Italian wines in the world: Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

We have tasted for you Colle Moro’s Alcàde Montepulciano d’Abruzzo DOC 2014

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro sabato 08 dicembre

Italian wines in the world: Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

Abbiamo degustato per voi Alcàde Montepulciano d’Abruzzo doc 2014 di Colle Moro

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis
venerdi 07 dicembre

Il coraggio di puntare sull’identità del Collio

L’intervista a Lorenzo Palla, titolare dell’azienda Ronco Blanchis

Agnese Ceschi
L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino. venerdi 07 dicembre

Winebel debutta a wine2wine 2018

L’etichetta interattiva fa il suo ingresso in scena al più importante forum sul business del vino.

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Si chiama trasparenza la svolta comunicativa dello Champagne

Per secoli sono stati i “segreti” ad alimentare il mito dello Champagne, negli ultimi anni, invece, è raccontare la “verità” la chiave comunicativa per dare ancora prestigio alla grande bollicina francese

Fabio Piccoli
Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani! giovedi 06 dicembre

Anna Spinato: focus sui Millenials

Un esempio vincente di marketing targetizzato, spazio ai giovani!

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice 
giovedi 06 dicembre

Brasile: il mercato di chi ama le sfide

Un Paese di contrasti, che ci somiglia e che ha bisogno dell’export italiano, ma non sarà una sfida semplice

Noemi Mengo
Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi? mercoledi 05 dicembre

Vinexpo New York: i 10 motivi per cui non mancare!

Ultimi posti disponibili per partecipare dal 4 al 5 marzo. Noi ci saremo, e voi?

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017 mercoledi 05 dicembre

Il restyling di Rigoloccio

Durante un evento milanese sono stati messi in degustazione alcuni vini dell’azienda maremmana che ha cambiato proprietà dal 2017