Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
lunedi 21 gennaio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Vyno Dienos Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/  http://acquesi.it/ wm
giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?


Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa
Il consumo di vino negli Usa è sempre più “rosa”. Anche i dati definitivi del 2017 ci raccontano che i vini rosé sono stati the “fastest growth wine categories”, cioè la tipologia di vini che ha registrato la maggior crescita rispetto l’anno precedente. Parliamo di uno straordinario +59% rispetto al 2016. Un aumento di cui ha beneficiato, in particolare, ancora una volta la Francia che detiene, grazie ai suoi rosè di Provenza, una quota di mercato di ben il 51%, seguito dagli Usa (37%) e dall’Italia con un “misero”, si fa per dire, 5%. Sul fronte prezzi nel 2017 la fascia maggiormente rappresentativa (31%) è stata quella tra gli 11 e i 15 dollari a bottiglia.
Ma il successo dei rosè negli Usa è testimoniato anche dal numero di questa tipologia di vini recensita da Wine Spectator passata da 135 (rosè fermi) del 2007, con una sola etichetta che riuscì a conseguire un rating ragguardevole, ai 517 dello scorso anno, con ben 39 etichette che si sono viste riconoscere dai 90 punti in su. Se poi analizziamo gli sparkling rosé sono passati da 88 recensiti nel 2007 con 36 dal punteggio sopra i 90 punti, ai 159 del 2017 con ben 86 dai 90 punti in su.
Quali le ragioni di questo successo? Sempre secondo Wine Spectator è da ascrivere a numerose ragioni, tra le quali le più importanti sono la loro abbinabilità ad un numero vastissimo di piatti di varie cucine e la possibilità di trovare anche a prezzi ragionevoli (anche meno di 20 dollari) una qualità decisamente interessante. Prezzi che rendono i rosati vini budget-friendly ed ideali anche per il consumo quotidiano.
Ma un altro aspetto che caratterizza il successo dei rosè negli Usa secondo gli esperti di Wine Spectator, è la loro capacità di catturare “l’occhio dei consumatori” grazie a packaging decisamente accattivanti. Il rosa è un colore decisamente attrattivo e non è un caso che, secondo una ricerca della Nielsen, il 40% dei consumatori di vini rosè è rappresentato da donne tra i 21 e i 34 anni.
Un successo talmente elevato al punto che oggi negli Usa si parla addirittura di “fenomeno culturale”. Sotto la spinta dei rosè, infatti, stanno nascendo un mare di eventi (a partire dal famoso Rosé Day del 2016 che ha visto oltre 12.000 amanti dei vini rosé vestiti rigorosamente in rosa a partecipare ad un affollatissimo pic nic nella Governor Island al New York Harbor) e moltissima attività di merchandising come le t-shirts che stanno spopolando negli Usa con la scritta “Rosé All Day” (rosè tutto il giorno), ma anche borse, infradito, ed altri prodotti che in qualche modo richiamano i vini rosati.
La domanda che ora ci si deve porre è la seguente: siamo di fronte ad una nuova era negli Usa, dopo aver visto quella dei rossi, dei bianchi oggi assistiamo a quella dei rosé destinata a consolidarsi o siamo invece in presenza di un boom modaiolo destinato a bruciarsi in breve tempo?
Gli esperti di Wine Spectator, dopo aver tracciato la storia dei rosè sul mercato Usa, a partire dai noti brand Mateus e Lancer, presenti in questo mercato subito dopo la seconda guerra mondiale, hanno evidenziato il ruolo chiave dei rosati della Provenza che hanno fatto il loro ingresso negli Stati Uniti agli inizi degli anni 90.
Tuttoggi il ruolo dei rosé di Provenza è strategico sul mercato Usa ma questa tipologia di prodotti secondo il noto magazine americano corre due principali rischi: la saturazione e l’omogeneizzazione. Paradossalmente, infatti, proprio la rincorsa la modello provenzale rischia di rendere sempre più simili questi vini e questo sarebbe molto pericoloso.
In questa direzione si potrebbe inserire proprio il nostro Paese, oggi capace di produrre rosati da caratteristiche molte differenziate, grazie ad una vasta gamma di vitigni che ben si prestano per questa tipologia di vini.
Come sempre il nostro principale problema è la mancanza di politiche di sistema. Non sarebbe male costituire una rete tra produttori proprio per promuovere i rosé italiani sul mercato Usa: proponiamo già un possibile pay off “Italian Rosé, when the pink is different”.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery monday 21 january

Durello Classic Method or Durello Charmat?

Which one should I choose? Let's ask Nicola Dal Maso, owner of the Dal Maso winery

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero
lunedi 21 gennaio

Oltre il Bio, la visione di Tenuta Montemagno che esalta i vitigni autoctoni

Produzione sostenibile e territorio incontaminato sono gli ingredienti base dell’azienda piemontese che punta a sposare i mercati del mondo. Come? Grazie al rapporto con la cucina italiana all’estero

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
lunedi 21 gennaio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità venerdi 18 gennaio

Patrimonio dell’umanità: il Soave fa scuola

Presentato il 14 gennaio il primo master al mondo dedicato alla formazione di manager per i patrimoni agricoli dell’umanità

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso
venerdi 18 gennaio

Durello Metodo Classico o Durello Charmat?

Quale scegliere? La parola a Nicola Dal Maso

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Wine Meridian presenta il progetto Rete di Impresa per le pmi del vino italiane

Il 30 gennaio la presentazione del primo progetto di rete per le piccole e medie imprese del vino italiano. Un progetto per condividere azioni di comunicazione, di commercializzazione in Italia e all’estero e di gestione comune di risorse umane

Fabio Piccoli
Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
venerdi 18 gennaio

Wine Meridian around the world

Ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo giovedi 17 gennaio

Organic Value: il calendario del 2019 è pronto!

Preparati a mettere in agenda i prossimi appuntamenti internazionali del progetto che promuove il biologico nel mondo

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Ma quali nuove Anteprime?

Sono in tanti a chiedere da anni la riforma delle Anteprime delle nostre principali denominazioni ma poi non viene mai presentato un progetto concreto. Se questo è vero quali le ragioni di questa difficoltà a rinnovare un format che a noi appare da tempo obsoleto?

Fabio Piccoli
Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z
giovedi 17 gennaio

Quando la sostenibilità passa anche per il tappo

Il nuovo anno di Vinventions: tappi all’insegna dello sviluppo sostenibile dalla A alla Z

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia” giovedi 17 gennaio

Il Garda: unica area italiana tra le Top 10 destinazioni vinicole al mondo, secondo Wine Enthusiast

La testata americana premia la regione gardesana grazie al suo vino e al paesaggio e il Chiaretto di Bardolino è indicato come “uno dei migliori rosati d’Italia”

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022 mercoledi 16 gennaio

Donatella Cinelli Colombini confermata Presidente Nazionale delle Donne Del Vino

Imprenditrice del vino toscana, resterà in carica per il triennio 2019 - 2022

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Le due campane delle risorse umane

Quando ascoltiamo la versione dell’azienda e la versione del manager e ci domandiamo chi dei due ha ragione...

Andrea Pozzan
Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica martedi 15 gennaio

La grande B (come Brexit)

Scenari futuri e consigli degli esperti in un mercato in rapida e certa evoluzione come quello oltremanica

Agnese Ceschi
Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché. lunedi 14 gennaio

Est Europa e Baltico: quali prospettive future?

Focus su Slovacchia, Repubblica Ceca e Lettonia, mete ambite da molti esportatori, ma fonte di successo di pochi, ecco svelato il perché.

Noemi Mengo
In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino venerdi 11 gennaio

AIS Veneto: più giovani e più donne tra i sommelier

In aumento gli under 35 e le quote rosa che vogliono approfondire il mondo del vino

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Anteprime vini, una riforma che non si può più rimandare

Da alcuni anni ormai si parla di riformare le anteprime dei grandi vini italiani ma alla fine nulla cambia con il rischio sempre più evidente di trovarsi di fronte ad iniziative costose con un’efficacia sempre più limitata

Fabio Piccoli
La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni venerdi 11 gennaio

Gotto D’Oro: il Lazio che rivendica la qualità in Italia e all'estero

La storica cantina sociale dei Castelli romani vuole andare oltre i preconcetti, per affermare la bontà e le potenzialità delle sue produzioni

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Nuova edizione ad aprile 2019: diventare export manager del vino

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.
giovedi 10 gennaio

Ekologiskt? Yes, please!

Sarah Norell ci fa comprendere come la sostenibilità stia diventando un fattore sempre più di impatto nell’industria vinicola svedese.

Agnese Ceschi
Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA mercoledi 09 gennaio

Offerta di lavoro

Responsabile Vendite Italia - Canale HORECA



http://www.winemeridian.com/