Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 26 settembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration

Non tutto il gelo vien per “nuocere” a patto che….

Le gelate di queste ultime due settimane ci hanno ricordato ancora una volta le complessità e i rischi della vitivinicoltura e le ragioni di come mai il vino rimane un prodotto dalle peculiarità uniche molte delle quali impongono prezzi, posizionamento mai al di sotto di alcune soglie


Non tutto il gelo vien per “nuocere” a patto che….
E’ difficile, ovviamente, trovare aspetti positivi da eventi gravi, talvolta anche catastrofici, come possono essere le grandinate, le gravi fitopatologie ma anche le gelate che hanno colpito in questi giorni molte delle nostre zone vitivinicole, con un numero rilevante di aziende che si sono viste nel giro di una notte spazzare via gran parte degli investimenti fatti per quest’annata produttiva.
Paradossalmente questi eventi, che non esitiamo a definire drammatici, devono però farci ricordare alcuni importanti aspetti di questo affascinante ma complesso comparto vitivinicolo.
Il primo che si tratta, non dobbiamo dimenticarlo mai, della cosiddetta “fabbrica a cielo aperto” con tutti i rischi che ne derivano. Una “fabbrica”, inoltre, che sta subendo, e secondo le previsioni più autorevoli, subirà ancor di più nel prossimo futuro, tutte le conseguenze delle cosiddette mutazioni climatiche.
Altro aspetto importante da ricordare, conseguenza sempre del primo, è che il vino inevitabilmente è un prodotto “mutevole” sia in termini produttivi che qualitativi. Questa peculiarità ha una ricaduta in termini di marketing, comunicazione, aspetti commerciali (posizionamento), critica enologica e tanti altri, lo vorremmo scrivere a caratteri cubitali, impressionante.
Può, infatti, un prodotto che per natura non è standardizzabile essere omologato alle regole classiche del marketing, della comunicazione, della definizione del prezzo?
Assolutamente no. Eppure, tuttoggi, si parla di vino, del comparto vitivinicolo come fosse una normale attività produttiva. Addirittura c’è chi tuttoggi, anche all’interno del mondo produttivo, denuncia tra i problemi del sistema “l’eccessiva complessità”, le “troppe diversità”.
Bellissimo, a questo proposito, l’editoriale di Patrick Schmitt, master of wine e direttore del magazine The Drink Business, che inizia con un eloquente:”Per tutti coloro che desiderano che il comparto vitivinicolo semplifichi la sua offerta, si prepari ad essere seriamente deluso”.
Il noto master of wine inglese fa un serio e sottoscrivibile “endorsment” alla complessità dell’universo del vino considerandola la risorsa “chiave” per renderlo unico e riconoscibile rispetto ad altre tipologie di bevanda.
Questo però talvolta sembrano dimenticarselo proprio i produttori quando temono, ad esempio, di raccontare le diversità tra un’annata e l’altra, magari ammettendo le negatività di qualche vendemmia.
Senza dimenticare le straordinarie diversità tra le diverse tipologie di produttori (grandi, piccoli, artigiani, industriali, commercianti, ecc.), tra i diversi terroir, tra vigna e vigna.
Diversità che gli appassionati, i consumatori fortunatamente amano sempre di più (andate a questo proposito alla prossima London Wine Fair, in programma dal 22 al 24 maggio, e visitate l’area di Esoterica dove piccoli importatori presentano un mare di diverse nicchie produttive di tutto il mondo), talvolta sembra molto di più degli stessi addetti ai lavori.
Ma queste ultime gelate, con il loro diverso impatto anche all’interno degli stessi territori, ci hanno evidenziato come vi sia, ad esempio, una grande differenza tra pianura e collina. Ad essere danneggiate maggiormente sono state molte aree di pianura o di fondo valle e questo non può non far riflettere. Non significa, ovviamente, fare assurde campagne contro il valore della viticoltura di pianura, ma è indubbio che va valorizzata sempre di più quella di collina che spesso non si vede riconosciuta gli sforzi aggiuntivi (sotto tutti i punti di vista) che i produttori devono realizzare. Basta andare a vedere anche oggi in quali aree stiamo perdendo quote di vigneto. La collina, e con i cambiamenti climatici lo sta diventando sempre di più innalzando anche la sua “quota”, è un valore inestimabile per la qualificazione della nostra vitivinicoltura. Dobbiamo in tutti i modi riconoscerlo anche partendo da un nuovo approccio alle zonazioni (ammesso che si abbia ancora voglia di realizzarne) che dovrebbero essere sempre meno “politiche” e più rispettose di quello che la “natura” garantisce.
Un ultimo riferimento doveroso va fatto sul legame tra “gelate” e “prezzi”. Può un comparto vitivinicolo, alle prese da rischi sempre più elevati sul fronte climatico, ancora oggi non dotarsi di strumenti idonei sul fronte del controllo dei prezzi? Almeno delle denominazioni più note?
Possiamo continuare a non considerare nella costruzione di un prezzo, di una politica di posizionamento anche tutta una serie di inevitabili rischi per le nostre produzioni enologiche?
Noi pensiamo che i consumatori non solo capirebbero ma probabilmente apprezzerebbero finalmente questa trasparenza.
Non farebbe peggio, a questo riguardo, che dopo gli annunci dei danni di queste gelate, come spesso capita anche dopo quelli di alcune grandinate drammatiche, alla fine si arrivi alla vendemmia e si dichiarino, nella migliore delle ipotesi, solo piccole diminuzioni produttive?
La verità è rivoluzionaria (in positivo aggiungiamo noi), qualcuno molto più noto di noi scriveva molti anni fa.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il 3 e 4 ottobre a Milano i grandi della Ristorazione si confrontano sul tema della Ragionevolezza
martedi 26 settembre

Follow Artù, the content is King

Il 3 e 4 ottobre a Milano i grandi della Ristorazione si confrontano sul tema della Ragionevolezza

Sempre più necessario un approccio scientifico alla vigna, come dichiara il dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, Daniele Accordini lunedi 25 settembre

Dalla gestione dell'appassimento alla gestione del vigneto, il futuro della viticoltura di qualità in Valpolicella va in questa direzione

Sempre più necessario un approccio scientifico alla vigna, come dichiara il dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, Daniele Accordini

Intervista a Riccardo Tedeschi, uno dei proprietari della nota azienda della Valpolicella, tra prospettive su Amarone e Valpolicella  lunedi 25 settembre

Il coraggio di essere sempre sé stessi: Tedeschi, un’azienda autentica

Intervista a Riccardo Tedeschi, uno dei proprietari della nota azienda della Valpolicella, tra prospettive su Amarone e Valpolicella

Agnese Ceschi
Una guida con un taglio prêt-à-porter per raccontare alle persone i migliori vini di Verona con un linguaggio nuovo sabato 23 settembre

I 3 migliori sommelier del Veneto presentano la Guida dei Vini di Verona

Una guida con un taglio prêt-à-porter per raccontare alle persone i migliori vini di Verona con un linguaggio nuovo

Agnese Ceschi
Domenica 24 settembre tra le colline del Prosecco in sella a motociclette classiche o d’epoca, un gruppo di distinti signori sosterrà la ricerca contro il cancro alla prostata e il suicidio maschile sabato 23 settembre

Bellenda aderisce al charity event The Distinguished Gentleman's Ride

Domenica 24 settembre tra le colline del Prosecco in sella a motociclette classiche o d’epoca, un gruppo di distinti signori sosterrà la ricerca contro il cancro alla prostata e il suicidio maschile

Recentemente si è aperto nuovamente il dibattito sui punti di forza e di debolezza di una doc regionale come quella della Sicilia. Una storia che testimonia anche gli inevitabili rischi di certi compromessi

La doc Sicilia e i rischi dei compromessi

Recentemente si è aperto nuovamente il dibattito sui punti di forza e di debolezza di una doc regionale come quella della Sicilia. Una storia che testimonia anche gli inevitabili rischi di certi compromessi

Fabio Piccoli
L’attività di promozione della più nota casa spumantistica italiana testimonia cosa significa riuscire a coniugare in maniera mirabile un brand vitienologico ai valori più forti del nostro made in Italy

Comunicare il vino italiano nel mondo, lo straordinario esempio Ferrari

L’attività di promozione della più nota casa spumantistica italiana testimonia cosa significa riuscire a coniugare in maniera mirabile un brand vitienologico ai valori più forti del nostro made in Italy

Fabio Piccoli
La Giuria-stampa ha decretato la vincitrice assoluta dell’evento durante la Serata di Gala svoltasi domenica 17 settembre nella prestigiosa cantina in Franciacorta. mercoledi 20 settembre

Sparkling Menu Villa Franciacorta: vince Lara Pasquarelli del Ristorante Claudio di Bergeggi (Sv)

La Giuria-stampa ha decretato la vincitrice assoluta dell’evento durante la Serata di Gala svoltasi domenica 17 settembre nella prestigiosa cantina in Franciacorta.

Italia del Vino-Consorzio presenterà, a fine settembre, a Shangai ed a Pechino il meglio della produzione nazionale in due distinti momenti guidati dai migliori professionisti cinesi del mondo del vino mercoledi 20 settembre

Italia del Vino in Cina: a Shangai e a Pechino due grandi eventi per Italia del Vino-Consorzio

Italia del Vino-Consorzio presenterà, a fine settembre, a Shangai ed a Pechino il meglio della produzione nazionale in due distinti momenti guidati dai migliori professionisti cinesi del mondo del vino

Evento degustazione con banchi d’assaggio dei vini di Venezia sabato 23 settembre con protagonista il Raboso mercoledi 20 settembre

#FeelVenice: il (vin) moro di Venezia

Evento degustazione con banchi d’assaggio dei vini di Venezia sabato 23 settembre con protagonista il Raboso

Lunedì 9 ottobre il grande evento dedicato alla cucina delle Marche mercoledi 20 settembre

Meet in Cucina Marche: la prima edizione marchigiana dell'evento ehe ospita grandi cuochi e il meglio della ristorazione regionale

Lunedì 9 ottobre il grande evento dedicato alla cucina delle Marche

Quello del Soave è l’unico consorzio vitivinicolo italiano ad essere stato selezionato per la CATF, China International Agricultural Trade Fair, per testimoniare il percorso di ricerca in vista della candidatura al GIAHS-FAO. mercoledi 20 settembre

Il Soave vola a Pechino per raccontare il GIAHS-FAO

Quello del Soave è l’unico consorzio vitivinicolo italiano ad essere stato selezionato per la CATF, China International Agricultural Trade Fair, per testimoniare il percorso di ricerca in vista della candidatura al GIAHS-FAO.

Il gusto dei consumatori di Hong Kong stia evolvendo a velocità esponenziale verso stili di consumo sempre più globali mercoledi 20 settembre

Le 10 tendenze odierne nel mercato di Hong Kong

Il gusto dei consumatori di Hong Kong stia evolvendo a velocità esponenziale verso stili di consumo sempre più globali

Agnese Ceschi
Vinitaly International Academy (VIA) successfully launched its first ever Certification Course in Beijing, China. After a week of training followed by a final exam held on September 14th, VIA welcomed its 9 new Italian Wine Ambassadors (IWAs). wednesday 20 september

Vinitaly International Academy breaks through into the ‘Forbidden City’ proclaiming 9 new Italian Wine Ambassadors

Vinitaly International Academy (VIA) successfully launched its first ever Certification Course in Beijing, China. After a week of training followed by a final exam held on September 14th, VIA welcomed its 9 new Italian Wine Ambassadors (IWAs).



WineMeridian