Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
mercoledi 25 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah

Non tutto il gelo vien per “nuocere” a patto che….

Le gelate di queste ultime due settimane ci hanno ricordato ancora una volta le complessità e i rischi della vitivinicoltura e le ragioni di come mai il vino rimane un prodotto dalle peculiarità uniche molte delle quali impongono prezzi, posizionamento mai al di sotto di alcune soglie


Non tutto il gelo vien per “nuocere” a patto che….
E’ difficile, ovviamente, trovare aspetti positivi da eventi gravi, talvolta anche catastrofici, come possono essere le grandinate, le gravi fitopatologie ma anche le gelate che hanno colpito in questi giorni molte delle nostre zone vitivinicole, con un numero rilevante di aziende che si sono viste nel giro di una notte spazzare via gran parte degli investimenti fatti per quest’annata produttiva.
Paradossalmente questi eventi, che non esitiamo a definire drammatici, devono però farci ricordare alcuni importanti aspetti di questo affascinante ma complesso comparto vitivinicolo.
Il primo che si tratta, non dobbiamo dimenticarlo mai, della cosiddetta “fabbrica a cielo aperto” con tutti i rischi che ne derivano. Una “fabbrica”, inoltre, che sta subendo, e secondo le previsioni più autorevoli, subirà ancor di più nel prossimo futuro, tutte le conseguenze delle cosiddette mutazioni climatiche.
Altro aspetto importante da ricordare, conseguenza sempre del primo, è che il vino inevitabilmente è un prodotto “mutevole” sia in termini produttivi che qualitativi. Questa peculiarità ha una ricaduta in termini di marketing, comunicazione, aspetti commerciali (posizionamento), critica enologica e tanti altri, lo vorremmo scrivere a caratteri cubitali, impressionante.
Può, infatti, un prodotto che per natura non è standardizzabile essere omologato alle regole classiche del marketing, della comunicazione, della definizione del prezzo?
Assolutamente no. Eppure, tuttoggi, si parla di vino, del comparto vitivinicolo come fosse una normale attività produttiva. Addirittura c’è chi tuttoggi, anche all’interno del mondo produttivo, denuncia tra i problemi del sistema “l’eccessiva complessità”, le “troppe diversità”.
Bellissimo, a questo proposito, l’editoriale di Patrick Schmitt, master of wine e direttore del magazine The Drink Business, che inizia con un eloquente:”Per tutti coloro che desiderano che il comparto vitivinicolo semplifichi la sua offerta, si prepari ad essere seriamente deluso”.
Il noto master of wine inglese fa un serio e sottoscrivibile “endorsment” alla complessità dell’universo del vino considerandola la risorsa “chiave” per renderlo unico e riconoscibile rispetto ad altre tipologie di bevanda.
Questo però talvolta sembrano dimenticarselo proprio i produttori quando temono, ad esempio, di raccontare le diversità tra un’annata e l’altra, magari ammettendo le negatività di qualche vendemmia.
Senza dimenticare le straordinarie diversità tra le diverse tipologie di produttori (grandi, piccoli, artigiani, industriali, commercianti, ecc.), tra i diversi terroir, tra vigna e vigna.
Diversità che gli appassionati, i consumatori fortunatamente amano sempre di più (andate a questo proposito alla prossima London Wine Fair, in programma dal 22 al 24 maggio, e visitate l’area di Esoterica dove piccoli importatori presentano un mare di diverse nicchie produttive di tutto il mondo), talvolta sembra molto di più degli stessi addetti ai lavori.
Ma queste ultime gelate, con il loro diverso impatto anche all’interno degli stessi territori, ci hanno evidenziato come vi sia, ad esempio, una grande differenza tra pianura e collina. Ad essere danneggiate maggiormente sono state molte aree di pianura o di fondo valle e questo non può non far riflettere. Non significa, ovviamente, fare assurde campagne contro il valore della viticoltura di pianura, ma è indubbio che va valorizzata sempre di più quella di collina che spesso non si vede riconosciuta gli sforzi aggiuntivi (sotto tutti i punti di vista) che i produttori devono realizzare. Basta andare a vedere anche oggi in quali aree stiamo perdendo quote di vigneto. La collina, e con i cambiamenti climatici lo sta diventando sempre di più innalzando anche la sua “quota”, è un valore inestimabile per la qualificazione della nostra vitivinicoltura. Dobbiamo in tutti i modi riconoscerlo anche partendo da un nuovo approccio alle zonazioni (ammesso che si abbia ancora voglia di realizzarne) che dovrebbero essere sempre meno “politiche” e più rispettose di quello che la “natura” garantisce.
Un ultimo riferimento doveroso va fatto sul legame tra “gelate” e “prezzi”. Può un comparto vitivinicolo, alle prese da rischi sempre più elevati sul fronte climatico, ancora oggi non dotarsi di strumenti idonei sul fronte del controllo dei prezzi? Almeno delle denominazioni più note?
Possiamo continuare a non considerare nella costruzione di un prezzo, di una politica di posizionamento anche tutta una serie di inevitabili rischi per le nostre produzioni enologiche?
Noi pensiamo che i consumatori non solo capirebbero ma probabilmente apprezzerebbero finalmente questa trasparenza.
Non farebbe peggio, a questo riguardo, che dopo gli annunci dei danni di queste gelate, come spesso capita anche dopo quelli di alcune grandinate drammatiche, alla fine si arrivi alla vendemmia e si dichiarino, nella migliore delle ipotesi, solo piccole diminuzioni produttive?
La verità è rivoluzionaria (in positivo aggiungiamo noi), qualcuno molto più noto di noi scriveva molti anni fa.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative commerciali nelle fiere

La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

Offerta di Lavoro: Area Manager lingua tedesca

Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Offerta di Lavoro: Addetto/a Ufficio Logistica

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Effetto positivo della Brexit per export del Regno Unito

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Francesco Piccoli
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies