Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/

Ocm, serve promozione collettiva e territoriale

Gran parte dei progetti sono azioni di singole aziende


Ocm, serve promozione collettiva e territoriale
Tra qualche giorno (il 30 giugno) scade il termine della presentazione dei progetti di promozione nei Paesi terzi inseriti nel piano di finanziamento dell’ocm vino 2015. Una dotazione di circa 102 milioni di euro che scende a oltre 71 milioni di euro se riferita alle singole regioni (come è noto ormai il 70% di questi fondi sono di gestione regionale mentre il 30% si riferisce a piani nazionali o multiregionali). Per il 2015 mancheranno all’appello quasi 30 milioni di euro riferiti alla quota nazionale ma i 71 milioni a disposizione rappresentano comunque un buon "gruzzolo".
Si tratta, però, di risorse che sempre di più in questi ultimi anni sono state in gran parte utilizzate per le azioni delle singole aziende. In particolare per le aziende di maggiori dimensioni in grado di sostenere il "peso" dei 100.000 euro di investimento per singolo Paese previsto nel bando dell’Unione Europea.
Ma anche le aggregazioni nate (associazioni temporanee di impresa) per poter raggiungere la quota minima prevista dal bando di fatto sono oggi solo "escamotage" per ovviare a tale limite perché nella sostanza ogni singola quota viene destinata alle azioni aziendali.
In estrema sintesi stanno sparendo dalla progettazione inserita nelle misure ocm vino le cosiddette azioni collettive (spesso gestite dai Consorzi di tutela) a vantaggio delle piccole/medie imprese e destinate in particolare alla promozione di territori, denominazioni nel loro complesso.
Non è semplice giudicare una tale situazione. Da un lato è da apprezzare la volontà e la capacità di ormai numerose aziende vitivinicole italiane di sfruttare al meglio le risorse messe a loro disposizione dall’UE (cofinanziamento al 50%) e di indirizzarle specificatamente per migliorare le loro azioni (accompagnamento attività importatori/distributori, pagamento brand/export manager, advertising su media internazionali, ecc.) nei singoli mercati. Dall’altro non può non preoccupare la progressiva assenza di progetti finanziati con queste misure, destinati alla promozione di brand territoriali e di azioni collettive grazie, in particolare, all’aggregazione di piccole realtà produttive dall’alto valore identitario.
E’ indubbio che le difficoltà burocratiche scoraggiano molte piccole imprese e che non è semplice per loro trovare vie di aggregazione. Ma è altrettanto vero che in grave difficoltà sono le iniziative proposte anche dai Consorzi di tutela e questo dimostra che forse i problemi non vanno individuati solo all’interno dell’euroburocrazia.
La sensazione è che vi sia una lobby del vino, oggi maggiormente organizzata, che ha sviluppato un’ottima esperienza nella programmazione di queste attività e nelle formule di aggregazione a lei più congeniale.
Vi è poi, indubbiamente, una difficoltà di molte piccole imprese di poter avviare in maniera efficace un’azione professionale per l’internazionalizzazione. E probabilmente vedono in queste risorse un’opportunità ma al tempo stesso poi una difficoltà a gestire al meglio la loro presenza sui mercati internazionali.
Vi è, però, a nostro parere un pericolo oggettivo. Le importanti risorse dell’ocm vino ormai sono quasi totalmente destinate a promozione di brand aziendali. Le nostre denominazioni, anche le più importanti, non hanno quasi più voce all’interno di questi finanziamenti.
La difficoltà di creare aggregazione da parte di Consorzi di tutela, anche tra i più importanti, è un sintomo preoccupante non solo di sfiducia nei confronti di queste organizzazioni ma anche della possibilità di generare una efficace azione di promozione territoriale, di sistema dove "l’unione", come si diceva un tempo, "fa la forza".
Per questa ragione a noi sembra che pure questa straordinaria opportunità fornita dall’ocm vino testimoni ancora una volta che nel nostro Paese è l’individualismo a prevalere sempre e questa non è una bella notizia per il vino italiano.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm