Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.


Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler
Imponenti pendii e impressionanti ripidità, paesaggi patrimonio Unesco dal 2002: è il Rheingau, in quella zona dove la media valle del Reno regala scenari mozzafiato tra vigneti e castelli. Non solo Riesling ma anche Spätburgunder nella piccola area di Assmannshausen, dove i suoli perfettamente drenanti di quarzo, quarzite e ardesia predominano concedendo al frutto la maturità ideale per ottenere calici che sorprendono per l’incredibile longevità ma soprattutto per la ricercata eleganza e finezza. Abbiamo incontrato August Kesseler, pioniere della vinificazione del Pinot Nero e gli abbiamo chiesto il segreto del suo successo. 
Chi è August Kesseler?
Mi definirei molto semplicemente un vignaiolo. L’azienda nasce con mio nonno nel 1924, già allora possedevamo 20 ettari nei luoghi più vocati. Gli succedetti troppo presto, nel 1977, quando rimasi orfano, in breve tempo, di entrambi i genitori. Il lavoro in vigna, coadiuvato dalla ventennale collaborazione del mio storico winemaker, tenta di rendere il territorio traducendolo in ogni singola etichetta - ciascuna vigna nella bottiglia -. Ad oggi gli ettari che coltivo sono 33: 6 di Pinot Nero e 27 di Riesling, entrambi classificati secondo la piramide di qualità VDP, Erste Lagen e Grosse Lagen. Sono, infatti, uno dei 35 membri dell’Association of German Prädikat Wine Estates. 

In una Regione conosciuta in tutto il mondo per il Riesling, come si è arrivati a produrre Pinot Nero in Assmannshausen?
È una storia molto antica che ha inizio intorno al XIV° secolo quando alcuni monaci cistercensi dell’Abbazia di Eberbach portarono in Rheingau la varietà clonale di Pinot Noir proveniente da Clos Vougeot. Risale, invece, solo al XVIII° secolo la storia del Riesling, vitigno che divenne più importante e diffuso rispetto allo Spätburgunder grazie alla fortuita produzione di Spätlese e Auslese in Schloss Johannisberg. Vale la pena ricordare che il Riesling per sua natura è un vitigno tardivo, si vendemmia nella prima settimana di ottobre e più facilmente sopporta i climi rigidi. Al contrario il Pinot Nero è estremamente delicato anche se in queste zone si è adattato in modo straordinario. 

Considerato un vero e proprio pioniere nella produzione di Pinot Nero, Le chiedo: lo Spätburgunder secondo August Kesseler...
Ho il vantaggio di possedere sia i suoli migliori per il Riesling, sia i migliori areali per il Pinot Nero. In particolar modo, per quest’ultimo, le vigne più giovani hanno 65 anni di età e la densità di impianto varia da 7.000 a 10.000 viti per ettaro. Allevate in luoghi Grand Cru come Assmannshausen Höllenmberg - VDP Grosse Lage, continuano ad essere le dirette discendenti delle prime viti borgognone. Il risultato di questo particolare territorio così stratificato di argilla, quarzite, ardesia nera e limo sabbioso, e caratterizzato da versanti ben esposti a sud ovest, così come di pendii scoscesi che si affacciano spioventi sul Reno, è in ognuna delle mie tre etichette “premium” dedicate a questo regale vitigno. Affinato in barrique di rovere, non vuole in alcun modo imitare il Pinot Noir francese. Si distingue oltre che per la persistenza e lunghezza del sorso, anche per l’estrema finezza ed eleganza; la speziatura intensa è la firma, se vogliamo, dello Spätburgunder in Rheingau. Un pioniere? Forse perché nel 1983 ho avuto, per primo, l’intuizione di vinificare il Pinot Nero secco, quando la produzione di questa regione era ancora completamente per un rosso dolce.
 
La Germania è tra i più importanti produttori di Pinot Nero al mondo. Quali sono i fattori di successo?
Sicuramente la varietà nobile del vitigno, gli studi e le ricerche clonali condotte con l’Università di Geisenheim che hanno permesso di avere una varietà con grappoli spargoli, acini con una resistenza maggiore e proprietà organolettiche uniche, tanta qualità a discapito della quantità. Aggiungerei una nuova generazione di vignaioli più curiosa e un livello di preparazione sempre più significativo di viticoltori ed enologi. 

A proposito di produzione e vendita. Quali i mercati più importanti e qual è la percentuale di export?
Esporto più del 65% della produzione totale costituita da Riesling e Spätburgunder. Di quest’ultimo produco all’incirca 10 mila bottiglie tra Pinot Noir, Cuvée Max e Höllemberg GG. Il mercato più importante sono sicuramente gli Stati Uniti per i quali ho una linea dedicata chiamata “The Daily August”. Segue il Regno Unito - rimaniamo in attesa dell’eventuali novità che introdurrà la Brexit - la Scandinavia e la Corea. È molto significativo anche il mercato degli Emirati Arabi, mentre rimane ad oggi molto lontana la Cina. Mi piacerebbe lavorare anche con l’Italia, perché no!

Il turismo, ma soprattutto l’enoturismo. Che ruolo ha in questa regione?
L’enoturismo non è particolarmente sviluppato. Chi visita queste zone, nello specifico la cittadina di Rudheseim am Rhein, il centro più affollato anche per la presenza di turisti che sbarcano dalle crociere sul Reno, si avvicina ai produttori quasi casualmente. Per quanto mi riguarda ricevo poche richieste, la maggior parte è di chi ha già sentito parlare dei miei vini o di clienti abituali di passaggio diretti verso il Benelux. 

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler
Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm