Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 18 ottobre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine WINE2WINE La Torraccia
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.


Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler
Imponenti pendii e impressionanti ripidità, paesaggi patrimonio Unesco dal 2002: è il Rheingau, in quella zona dove la media valle del Reno regala scenari mozzafiato tra vigneti e castelli. Non solo Riesling ma anche Spätburgunder nella piccola area di Assmannshausen, dove i suoli perfettamente drenanti di quarzo, quarzite e ardesia predominano concedendo al frutto la maturità ideale per ottenere calici che sorprendono per l’incredibile longevità ma soprattutto per la ricercata eleganza e finezza. Abbiamo incontrato August Kesseler, pioniere della vinificazione del Pinot Nero e gli abbiamo chiesto il segreto del suo successo. 
Chi è August Kesseler?
Mi definirei molto semplicemente un vignaiolo. L’azienda nasce con mio nonno nel 1924, già allora possedevamo 20 ettari nei luoghi più vocati. Gli succedetti troppo presto, nel 1977, quando rimasi orfano, in breve tempo, di entrambi i genitori. Il lavoro in vigna, coadiuvato dalla ventennale collaborazione del mio storico winemaker, tenta di rendere il territorio traducendolo in ogni singola etichetta - ciascuna vigna nella bottiglia -. Ad oggi gli ettari che coltivo sono 33: 6 di Pinot Nero e 27 di Riesling, entrambi classificati secondo la piramide di qualità VDP, Erste Lagen e Grosse Lagen. Sono, infatti, uno dei 35 membri dell’Association of German Prädikat Wine Estates. 

In una Regione conosciuta in tutto il mondo per il Riesling, come si è arrivati a produrre Pinot Nero in Assmannshausen?
È una storia molto antica che ha inizio intorno al XIV° secolo quando alcuni monaci cistercensi dell’Abbazia di Eberbach portarono in Rheingau la varietà clonale di Pinot Noir proveniente da Clos Vougeot. Risale, invece, solo al XVIII° secolo la storia del Riesling, vitigno che divenne più importante e diffuso rispetto allo Spätburgunder grazie alla fortuita produzione di Spätlese e Auslese in Schloss Johannisberg. Vale la pena ricordare che il Riesling per sua natura è un vitigno tardivo, si vendemmia nella prima settimana di ottobre e più facilmente sopporta i climi rigidi. Al contrario il Pinot Nero è estremamente delicato anche se in queste zone si è adattato in modo straordinario. 

Considerato un vero e proprio pioniere nella produzione di Pinot Nero, Le chiedo: lo Spätburgunder secondo August Kesseler...
Ho il vantaggio di possedere sia i suoli migliori per il Riesling, sia i migliori areali per il Pinot Nero. In particolar modo, per quest’ultimo, le vigne più giovani hanno 65 anni di età e la densità di impianto varia da 7.000 a 10.000 viti per ettaro. Allevate in luoghi Grand Cru come Assmannshausen Höllenmberg - VDP Grosse Lage, continuano ad essere le dirette discendenti delle prime viti borgognone. Il risultato di questo particolare territorio così stratificato di argilla, quarzite, ardesia nera e limo sabbioso, e caratterizzato da versanti ben esposti a sud ovest, così come di pendii scoscesi che si affacciano spioventi sul Reno, è in ognuna delle mie tre etichette “premium” dedicate a questo regale vitigno. Affinato in barrique di rovere, non vuole in alcun modo imitare il Pinot Noir francese. Si distingue oltre che per la persistenza e lunghezza del sorso, anche per l’estrema finezza ed eleganza; la speziatura intensa è la firma, se vogliamo, dello Spätburgunder in Rheingau. Un pioniere? Forse perché nel 1983 ho avuto, per primo, l’intuizione di vinificare il Pinot Nero secco, quando la produzione di questa regione era ancora completamente per un rosso dolce.
 
La Germania è tra i più importanti produttori di Pinot Nero al mondo. Quali sono i fattori di successo?
Sicuramente la varietà nobile del vitigno, gli studi e le ricerche clonali condotte con l’Università di Geisenheim che hanno permesso di avere una varietà con grappoli spargoli, acini con una resistenza maggiore e proprietà organolettiche uniche, tanta qualità a discapito della quantità. Aggiungerei una nuova generazione di vignaioli più curiosa e un livello di preparazione sempre più significativo di viticoltori ed enologi. 

A proposito di produzione e vendita. Quali i mercati più importanti e qual è la percentuale di export?
Esporto più del 65% della produzione totale costituita da Riesling e Spätburgunder. Di quest’ultimo produco all’incirca 10 mila bottiglie tra Pinot Noir, Cuvée Max e Höllemberg GG. Il mercato più importante sono sicuramente gli Stati Uniti per i quali ho una linea dedicata chiamata “The Daily August”. Segue il Regno Unito - rimaniamo in attesa dell’eventuali novità che introdurrà la Brexit - la Scandinavia e la Corea. È molto significativo anche il mercato degli Emirati Arabi, mentre rimane ad oggi molto lontana la Cina. Mi piacerebbe lavorare anche con l’Italia, perché no!

Il turismo, ma soprattutto l’enoturismo. Che ruolo ha in questa regione?
L’enoturismo non è particolarmente sviluppato. Chi visita queste zone, nello specifico la cittadina di Rudheseim am Rhein, il centro più affollato anche per la presenza di turisti che sbarcano dalle crociere sul Reno, si avvicina ai produttori quasi casualmente. Per quanto mi riguarda ricevo poche richieste, la maggior parte è di chi ha già sentito parlare dei miei vini o di clienti abituali di passaggio diretti verso il Benelux. 

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler
Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona
venerdi 18 ottobre 2019

L’epoca delle contaminazioni

L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona

Noemi Mengo
La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese venerdi 18 ottobre 2019

Ora il Pinot Grigio deve parlare anche italiano

La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese

Fabio Piccoli
Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto. 
giovedi 17 ottobre 2019

Lo Champagne e i suoi trend: facciamo il punto

Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto.

Giovanna Romeo
Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week giovedi 17 ottobre 2019

Milano Wine Week: nuove generazioni del vino italiano protagoniste al Wine Generation Forum

Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5. 
giovedi 17 ottobre 2019

5 punti per osservare il mondo del vino che cambia

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5.

Noemi Mengo
Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono mercoledi 16 ottobre 2019

La meraviglia del vino, nasce la "Guida alle Cantine" Made in Piedmont

Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale mercoledi 16 ottobre 2019

Cresce la domanda di Prosecco biologico

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi
mercoledi 16 ottobre 2019

Italian wines in the world: Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.  
mercoledi 16 ottobre 2019

10 anni dalla crisi: come è cambiata l’Europa del vino?

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.

Noemi Mengo
Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager? martedi 15 ottobre 2019

Chi più spende più guadagna

Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager?

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry tuesday 15 october 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

Giovanna Romeo
Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale. lunedi 14 ottobre 2019

Sognando di fare vino. Noroc!

Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale.

Giovanna Romeo
All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo? lunedi 14 ottobre 2019

Il vino italiano sarà il meno colpito dai dazi USA

All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo?

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere sabato 12 ottobre 2019

Italian wines in the world: Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Giovanna Romeo
Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo. sabato 12 ottobre 2019

Neuromarketing: anche l'occhio vuole la sua parte

Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo.

Noemi Mengo
La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti
venerdi 11 ottobre 2019

Le sfide difficili dei mercati emergenti

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti

Fabio Piccoli


sfondo_wm