Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali

Ontario e Quebec si confermano destinazioni top per i vini italiani

Nel sesto mercato del vino al mondo, l’Italia gode di una quota del 14% con una crescita nel 2017 del 9% rispetto l’anno precedente e con ancora molte potenzialità da esprimere soprattutto nelle due grandi Province dell’Ontario e del Quebec


Ontario e Quebec si confermano destinazioni top per i vini italiani
Peccato non vi fossero molti produttori il 16 aprile scorso nella sede di wine2digital, nell’ambito dell’ultima edizione di Vinitaly, nella quale si è svolto un interessantissimo seminario sulle opportunità del vino italiano sul mercato canadese.
Come al solito i tanti appuntamenti di Vinitaly impediscono a molti produttori di sfruttare occasioni di incontro straordinarie come questa organizzata da Vinitaly International che avrebbe consentito a molti di essi di conoscere direttamente, tra l’altro, i principali responsabili dei monopoli canadesi.
Innanzitutto quando si parla di Canada si deve tenere presente, come negli Usa, che siamo in presenza di uno Stato federale con 10 diverse Province, ognuna con una sua specifica amministrativa tra cui una regolamentazione dedicata alla vendita di bevande alcoliche.
I monopoli sono il principale filtro all’ingresso di bevande alcoliche nelle Province canadesi, in tutte ad eccezione, come ormai è noto, dell’Alberta.
Per questo, giustamente, il seminario di Verona è stato suddiviso in sette relazioni, una generale sul mercato canadese nel suo complesso e altre 6 dedicate agli andamenti nei mercati monopolistici dell’Ontario, Quebec, British Columbia, Manitoba, Nova Scotia e New Brunswick.
Nella relazione introduttiva si è ricordato come non solo il Canada è un grande paese importatore di vino (il sesto a livello mondiale) ma anche un’interessante paese produttore, in particolare nelle due regioni vitivinicole del Niagara Peninsula (a sud dell’Ontario) e dell’Okanagan Valley in British Columbia. Un aspetto, questo, molto importante perché ha spinto i consumatori canadesi non solo ad amare il vino ma a vedere accrescere nel tempo anche la loro cultura vitienologica.
Nel 2017 il consumo di vino in Canada ha raggiunto di 467 milioni di litri (+1,2% sul 2016) e di questi circa il 30% è di origine domestica, il 14% italiano e il 13% statunitense.
Il Canada, pertanto, rappresenta uno dei maggiori consumatori di vini importati al mondo e, secondo una recente ricerca di Euromonitor International, nei prossimi 5 anni questo Paese registrerà una crescita di consumi del 2,9% in volume del 3,8% in valore. Saranno gli sparkling a registrare la crescita maggiore, mentre i vini bianchi aumenteranno più velocemente rispetto ai rossi.
Anche se negli ultimi anni i consumatori canadesi hanno iniziato ad approcciarsi a “nuovi” vini come quelli cileni e neozelandesi, i vini italiani e francesi continuano ad essere i loro favoriti.
Nel 2017, infatti, l’Italia ha esportato in Canada 80 milioni di litri di vino (+9% rispetto al 2016) che colloca il nostro Paese come il primo paese esportatore in termini di volume e il secondo (dopo la Francia) in termini di valore.
Tutti gli intervenuti hanno evidenziato da un lato le già ottime prestazioni del vino italiano nelle loro Province e, dall’altro le ancora straordinarie potenzialità di sviluppo.
In quest’articolo riportiamo quanto emerso dagli interventi relativi all’Ontario e al Quebec.
“I vini italiani in Ontario stanno andando molto bene" ha evidenziato George Soleas, responsabile del Liquor Control Board dell’Ontario (LCBO)" e il nostro mercato si sta aprendo sempre di più ai vostri vini. In questa fase stiamo concedendo 450 nuove licenze a liquor stores che consentiranno ulteriori vendite anche per i vini italiani. Non dovete avere paura dei monopoli che si stanno accettando sempre di più la sfida del libero mercato e, non a caso, LCBO importa vini e liquori da ben 84 diversi Paesi”.
“LCBO" ha sottolineato Julie-Ann McNeilly, product manager di LCBO per i vini europei" oggi gestisce 660 liquor store con circa 9.300 dipendenti e 140 milioni di transazioni all’anno”. La McNeilly ha spiegato, inoltre, che nel 2017 LCBO ha registrato vendite di vini per 1,6 miliardi di dollari canadesi (580 milioni relativi alla categoria “Vintages” quella dedicata ai fine wines e premium spirits) e di questi oltre 371 milioni sono da ascrivere a vini italiani (+6,5% sul 2016). La responsabile dei vini europei per LCBO ha inoltre ricordato che per essere selezionati per la vendita nei loro stores le aziende devono essere rappresentate da un’agenzia nell’Ontario e per conoscere quali sono i siti indicati sono www.agco.on.com e www.drinksontario.com.
“Allo stato attuale" ha spiegato la McNeilly" servono circa 10 mesi per l’intero processo di importazione di vino in Ontario, dall’accettazione iniziale all’immissione sul mercato”.
Un aspetto molto importante evidenziato dalla McNeilly sono le opportunità che le aziende hanno per promuovere i loro vini presenti sul mercato dell’Ontario. “Si va dallo “shelf extender” (scaffale dedicato) all’offerta “super sales”, dal tasting dentro lo store (tra i più utilizzati ed efficaci), ad eventi speciali, pubblicità sui magazine dell’LCBO, l’e-commerce e la copertina frontale o finale del catalogo dell’LCBO (solo per le tipologie Vintage).
La Provincia canadese più importante sul fronte vendite bevande alcoliche è sicuramente il Quebec “dove si è registrato (annualità considerata fino a marzo 2018)" ha spiegato Stéphane Le Coënt della SAQ (Société des alcools du Québec)" un fatturato di 3,5 miliardi di dollari canadesi (+8,7% rispetto il periodo precedente)”.
Il vino in Quebec rappresenta con il 70% la bevanda alcolica più venduta dalla SAQ (2,3 miliardi di dollari, con una crescita dell’8,5% rispetto il periodo precedente), rispetto al 20% degli spirits e l’1% della birra.
“Ottime le prestazioni dei vini italiani nei liquor stores della SAQ" ha evidenziato Le Coent" con una vendita nel periodo preso in esame (anno fino a marzo 2018) di 532 milioni di dollari (+11% rispetto il periodo precedente), che rappresenta il 68% dei vini italiani venduti in Canada”.
“Nel marzo 2018" ha proseguito Le Coent" l’Italia è diventata per la prima volta il primo Paese nella categoria di vini rossi con un fatturato di 397 milioni di dollari, rispetto ai 381 milioni della Francia (e i 176 circa rispettivamente di Spagna e Usa)”.
Nella categoria vini bianchi, invece, l’Italia è seconda con 125 milioni di dollari (al primo posto la Francia con 242 milioni di dollari).
Nella categoria vini fermi italiani al primo posto troviamo i rossi veneti (Amarone, Ripasso in primis) con una quota mercato del 27,5% (112 milioni di dollari), seguiti dai rossi toscani (19,2% con un fatturato di 106 milioni di dollari), i bianchi veneti (18,1%) e i rossi del nord Italia (9,7% con un fatturato di 49 milioni di dollari).

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino