Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 23 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs

Per il vino italiano l’Asia ancora “meta difficile”

Le esportazioni del vino italiano in Asia rappresentano solo il 7% in valore del totale, di cui il 50% in Giappone. Francia e Spagna in Asia corrono molto più di noi


Per il vino italiano l’Asia ancora “meta difficile”
E’ difficile capire le ragioni della nostra lentezza sul mercato asiatico ma i numeri parlano chiaro, le nostre esportazioni di vino in Asia vanno con il passo di tartaruga.
Nel 2016, secondo i dati pubblicati in “Wine by Numbers”, edito da Il Corriere Vinicolo, in termini di valore l’export di vini italiani in Asia è stato di circa 300 milioni di euro e di questi quasi il 50% è da ascrivere al mercato giapponese. Un mercato, quest’ultimo, che però è bene ricordarlo ci vede in discesa con una perdita nel 2016 del 7,3% a volume e del 13,8% a valore.
In Giappone, comunque, la Francia fa molto meglio di noi con un valore nel 2016 di oltre 330 milioni di euro, contro i nostri 122 milioni, al pari più o meno del Cile.
Se il Giappone piange non possiamo certo consolarci con la Cina che nel 2016 è sì cresciuta ma (del 14,1% a volume e del 39,2% a valore) ma questo perché, parliamoci chiaro, partiamo da un livello così basso che è difficile non aumentare.
Siamo infatti al 5° posto tra i paesi esportatori con un volume di circa 260.000 ettolitri contro i quasi 2 milioni di ettolitri della Francia. Se guardiamo al valore noi arriviamo a stento ai 100 milioni di euro contro i circa 840 milioni della Francia.
Ad Hong Kong scendiamo addirittura di una posizione (siamo al 6° posto dopo aver perso nel 2016 un 15,6% in volume e un 9,3% in valore) con un volume di circa 23.000 ettolitri e un valore di poco superiore ai 20 milioni di euro contro i ben 325 milioni di euro della Francia.
Sempre in Asia, malino andiamo anche in Corea del Sud dove siamo al 4° posto dopo Francia, Cile ed Usa con uno striminzito fatturato di circa 18 milioni di dollari, la metà esatta di quello che portano a casa i francesi.
Se guardiamo a quest’ultimo decennio la nostra evoluzione in Asia non è stata certo incoraggiante se consideriamo che nel 2005 la nostra quota export in questa parte del mondo era del 4% e oggi, come precedentemente evidenziato, è salita solo al 7%. E se guardiamo agli sparkling addirittura la situazione è peggiorata con una quota che era del 7% nel 2005 ed è scesa al 5% nel 2016.
Francia e Spagna vanno decisamente meglio di noi in questa parte del mondo. Per la Francia l’Asia rappresenta una quota export del 29%, mentre la Spagna è al 15%. Ma ottima la quota dell’export in Asia anche del Cile con un significativo 31% (era al 9% nel 2005).
L’analisi complessiva della ripartizione del nostro export nel mondo, comunque, evidenzia una preoccupante concentrazione in Europa (59%) e nelle Americhe (33%), ma se consideriamo quest’ultima area di fatto parliamo quasi esclusivamente del Nord America.
Più equilibrata la situazione della Francia che vede il suo export così ripartito: 46% Europa, 29% Asia, 23% Americhe e 2% (Africa e altro). In dieci anni la Francia è passata da un 65% di quote in Europa al 46% attuale, una “perdita” a vantaggio in particolare dell’Asia che è passata nello stesso periodo dal 13% al 29%.
Se quindi la maggioranza dei nostri competitor sta cercando di espandersi nel mercato asiatico, quello che anche a livello di consumi è sicuramente dalle più elevate potenzialità di sviluppo, noi siamo ancora sostanzialmente al palo.
Sarebbe molto importante analizzare le ragioni. Noi, molto sinteticamente, ne evidenziamo di seguito alcune.
Innanzitutto vi è sicuramente un problema di tipo culturale. L’Italia storicamente ha avuto difficoltà a relazionarsi con il mercato asiatico e in questo non è stata agevolata dal proprio sistema distributivo, a differenza di quello francese che da tempo investe in Asia, in particolare proprio in Cina.
Lacuna decisamente grave anche la nostra difficoltà di fare sistema in un mercato complesso e atipico come quello asiatico, a partire da quello cinese.
Se l’individualismo è “tollerabile” in Nord America o in Europa si trasforma in una vera jattura in Asia. Se si guardano le crescite di Francia ma anche Spagna, Australia e Cile in Asia ci si accorge dell’importanza di progetti promozionale del sistema Paese.
Non vi sono case history aziendali italiane particolarmente vincenti sul mercato asiatico e questo impedisce anche l’emulazione di qualche best practice.
Un’ultima annotazione riguarda la difficoltà del presidio delle nostre aziende sul mercato asiatico. Si tratta di Paesi, soprattutto la Cina, dove poche realtà italiane sono riuscite a creare presidi adeguati e con collaboratori italiani capaci di creare relazioni durature con importatori e distributori locali.




Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile. mercoledi 11 aprile

Convegni: turisti tra le vigne toccano 13 milioni di arrivi

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile.

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti mercoledi 11 aprile

Villa Favorita 2018: Vinnatur guarda al futuro

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli
mercoledi 11 aprile

Borgo La Caccia si rinnova: un restyling creativo e tante altre novità

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.
mercoledi 11 aprile

Bertani ad OperaWine 2018 con l'Amarone Classico 2008

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.