Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 24 novembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi
lunedi 12 ottobre

Per sfondare il rigido modello americano è necessario un grande lavoro di marciapiede

10 cose da sapere sul mercato americano emerse durante l'ultimo Focus USA


Per sfondare il rigido modello americano è necessario un grande lavoro di marciapiede
Uno dei tre mercati al mondo in maggiore crescita negli ultimi anni, gli Stati Uniti sono sicuramente l’obiettivo del momento per il business del vino, specialmente per quello italiano. Quali sono le informazioni da sapere assolutamente sugli USA? Le hanno scoperte i partecipanti del Focus USA, organizzato da Wine Meridian in collaborazione con Wine Monitor, l’Osservatorio di Nomisma sul mercato del vino. Denis Pantini ed Emanuele di Faustino di Wine Monitor assieme a Fabio Piccoli, direttore di Wine Meridian, ci hanno raccontato cosa si deve assolutamente sapere ed ecco il mercato Usa in 10 semplici punti:

1 Gli Usa sono il primo mercato per consumi e importazione al mondo con un valore di 4 miliardi di euro di importazione, seguito da Gran Bretagna, Canada, Germania e Cina (che ha registrato un +2.600% dal 2004 al 2014). Confrontando Cina e Usa, il mercato americano è sicuramente molto più facile da approcciare rispetto al Paese asiatico. 

2 Vini californiani a parte, l’Italia è il Paese straniero leader per l’importazione di vini in USA con una quota del 32%. Gli altri Paesi in cui l’Italia è leader sono Germania, Svizzera e Russia, mentre in altri come Cina (6° posto), Giappone (3° posto) e Uk (2° posto) è follower della Francia.

3 Il dato più recente del primo semestre 2015 fa vedere come gli Stati Uniti stiano ancora crescendo. Ma l’informazione che ci interessa in modo particolare è che l’Italia sta tenendo il passo della richiesta: se l’importazione totale sta crescendo del 21% in valore, l’Italia è allineata sul 21%. 

4 Il competitor principale per l’Italia è il vino locale. "Cosa si produce negli Usa? Attualmente ci sono circa 228.000 ettari vitati e il vitigno più coltivato è lo Chardonnay. L’85% della produzione è naturalmente in California. A differenza di quello che accade in Italia la produzione è fortemente concentrata in quest’area" ha detto Denis Pantini.

5 Gli aggettivi che caratterizzano il mercato americano sono maturo, curioso ed interessato ai vini internazionali. Mentre in Italia la crisi si fa ancora sentire, negli Usa dopo il crollo del 2009 si sono ripresi e per i prossimi 5 anni ci sarà un aumento della ripresa con tassi di disoccupazione sotto il 5%. Inoltre il rafforzamento del dollaro significa maggiore competitività dei nostri vini rispetto a quelli del sud del mondo. 

6 "Un’interessante indagine realizzata sui Millennials (tra i 20 e i 40 anni) americani racconta come questa generazione sostituirà in futuro i principali consumatori di oggi, i Baby Boomers tra i 50 e 60 anni (38% dei consumi). I Millennials svolgono un ruolo fondamentale nelle dinamiche dei consumi" ha descritto l’indagine Emanuele di Faustino.

7 Il sistema distributivo è fortemente regolamentato: è il 3-tier system. I tre anelli della catena sono gli importatori, i distributori (100 circa, ma il sistema è dominato da pochi) e i retailer (Gdo, liquor store e il canale horeca). In base a questo sistema teoricamente il produttore può vendere solo all’importatore, ma attualmente in 42 Stati si bypassa il sistema e il produttore può vendere direttamente al consumatore. "Il futuro del modello rigido americano non è facile da prevedere. Questo modello impone alle aziende di essere però più presenti sul mercato, nei contatti con importatori e distributori" ha detto Fabio Piccoli.

8 A fronte di una grande frammentazione dell’offerta, c’è segmentazione della domanda. Il consumatore americano ricerca diversità ed è tendenzialmente infedele. Ciò amplifica le possibilità, si stanno diffondendo sempre più importatori specializzati in modelli di consumo, Paesi di provenienza. 

9 "Le aziende dovrebbero fare uno sforzo in più alla ricerca di nuovi importatori, andarli ad incontrare, fare anche indagini personali… è necessario un grande lavoro di marciapiede. Esistono importatori specializzati anche per piccole realtà che ti dicono "we make business together". Non sono strutture grandi, per questo hanno esigenza di trovare aziende con forte identità, persone con grande carisma e capacità relazionale che renderà vincente il business" ha continuato Fabio Piccoli.

10 "Per andare ad intercettare opportunità in un mercato dinamico, vivace, importante come gli Stati Uniti ci vogliono modelli organizzativi diversi. Ciò significa mantenere la propria identità, ma riuscire ad investire in professionalità che possano viaggiare e soffermarsi un giorno in più. Il mordi e fuggi è un’operazione destinata a morire" ha concluso Fabio Piccoli.

 

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Wine People Campus, quando la formazione parla il linguaggio degli imprenditori

A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso giovedi 23 novembre

L’arte è di casa a Cucina Madre

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER giovedi 23 novembre

Offerta di lavoro

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina giovedi 23 novembre

Miami: quando il vino diventa generoso e si fa conoscere a tutti…

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici
giovedi 23 novembre

Numeri e highlights del 26° Merano WineFestival

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna mercoledi 22 novembre

"Il giro d'Italia del vino"

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino mercoledi 22 novembre

Sei alla ricerca di un Export Manager? HireMeVinitaly torna a Wine2wine 2017

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona mercoledi 22 novembre

Cerchi lavoro per l'export? #HireMeVinitaly ti presenta le migliori aziende in cerca di Export Manager durante Wine2wine a Verona

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Wine Campus, la scuola dei venditori del vino

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno. 
lunedi 20 novembre

Vini sardi: tra longevità, terroir e il concetto di "autoctono"

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno.

Agnese Ceschi
Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina venerdi 17 novembre

Il Panettone sposa l’Amarone

Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina

Noemi Mengo
Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero venerdi 17 novembre

Consorzio Vini Venezia, cinque denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio.

Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

venerdi 17 novembre

Born to be wine. Persone oltre il vino

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet friday 17 november

The 2018 tipples to watch

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Quando la risposta è racchiusa nel limite

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Fabio Piccoli


WineMeridian