Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 20 agosto 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah

Perché fa tanta paura in Italia la scarsità produttiva di una vendemmia?

Aldilà delle solite inevitabili, e legittime, diversificazioni legate ai giudizi sulla qualità di questa vendemmia, appare abbastanza condiviso a livello nazionale il giudizio sulla scarsità produttiva. Ma perché tuttoggi fa così tanta paura ammettere chiaramente questa drastica riduzione? Proviamo a capirne le ragioni, tra quelle legittime e forse quelle meno


Perché fa tanta paura in Italia la scarsità produttiva di una vendemmia?
Vendemmia complessa e scarsa: 40 milioni di ettolitri; Italia meglio di Spagna e Francia. Preservata qualità ma cautela dei produttori: troppo presto per tracciare un bilancio in termini di qualità e valore. Perdite minori e qualità migliore nei vigneti curati professionalmente.
Abbiamo voluto iniziare questo articolo con il giudizio sintetico previsionale di Ismea e Unione Italiana Vini sulla vendemmia 2017.
Un giudizio sul quale di fatto convergono gran parte delle comunicazioni che ci giungono in questi giorni sia da aziende private che da consorzi di tutela.
A fianco, però, di questi giudizi abbastanza scontati per chi ha occhi per osservare in queste settimane la situazione dei nostri vigneti in moltissime aree del nostro Paese, ve ne è un altro che non troverà mai spazio in un comunicato stampa e che si può sintetizzare nella frase: è vero, quest’anno la produzione è quantitativamente veramente scarsa ma è meglio non sbandierarlo troppo.
Lo sappiamo, molti, soprattutto tra chi non è addetto ai lavori, obietterà che è da settimane che legge sui giornali, che ascolta da radio e tg di cali produttivi, ma questo, lasciatecelo dire è solo facciata. E chi lavora, come noi, costantemente a contatto con le imprese e il mercato lo sa benissimo.
Ma allora perché spaventa così tanto dire questa benedetta verità?
“Ma vede - ci raccontava ieri un produttore del Chianti - io sarei anche disponibile a dire ai miei clienti, a partire dalla gdo, signori miei abbiamo il 40% di prodotto in meno non possiamo farvi avere i prezzi dello scorso anno, almeno un 10% in più dovete accettarlo. Ma le assicuro che probabilmente saremmo gli unici e questo ci farebbe perdere inevitabilmente un cliente”.
Frasi simili le sentiamo dopo una grandinata, dopo una gelata, dopo stress idrici e termici come quelli di quest’estate. Alla fine magari arriviamo a comunicare genericamente un calo ma poi concretamente cosa succede sul mercato? Rare volte ci è capitato di constatare reali conseguenze con rialzi di prezzi che non possono essere considerati “speculazioni” ma inevitabili e sacrosante conseguenze.
Il continuare ad affermare che la distribuzione, i consumatori non possono accettare tali modificazioni di prezzo scusateci ma a noi sembra un pericoloso “falso mito” che probabilmente avvantaggia, almeno sul breve periodo, alcune lobby produttive che sono in grado di poter gestire meglio alcune annate di “magra”.
Ma questo, come abbiamo ripetuto tante volte, è pericoloso e diseducativo sia nei confronti del trade che dei consumatori.
Possibile che dalla Francia ci arrivino continue comunicazioni di riduzioni produttive, a fronte di ogni evento atmosferico, anche quello meno impattante, con dovizia di dati e particolari, mentre da noi l’omertà regna spesso sovrana?
E lo diciamo ancor più ad alta voce oggi, alla luce di mutazioni climatiche che, ci piaccia o no, stanno generando trasformazioni epocali anche al nostro sistema vitivinicolo.
Qui non si tratta più di gestire in qualche modo un’annata complessa ma si dovrà inevitabilmente fare sempre di più i conti con una variabilità senza precedenti (almeno a memoria umana).
E il fatto stesso che oggi si difendano meglio da queste situazioni climatiche così difficili proprio i produttori più virtuosi, quelli che possono avvalersi di territori più vocati di collina, quelli che hanno sistema di allevamento idonei, una gestione dei vigneti oculata, vitigni più resistenti a stress idrici e ad elevate temperature non può non portare all’inevitabile conseguenza che siano quelli più premiati.
Invece corriamo pure il rischio che i bravi siano anche, come spiega un famoso detto, “cornuti e mazziati”.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La seconda edizione del campus vendita: la palestra per i venditori di vino lunedi 20 agosto

Come fare a vendere più vino?

La seconda edizione del campus vendita: la palestra per i venditori di vino

Il Gruppo vitivinicolo ha ottenuto la certificazione SA 8000:2014 lunedi 20 agosto

Mondodelvino, un altro traguardo in tema di sostenibilità

Il Gruppo vitivinicolo ha ottenuto la certificazione SA 8000:2014

The Group obtains the certification standard, SA 8000:2014
monday 20 august

Mondodelvino achieves yet another objective towards sustainability

The Group obtains the certification standard, SA 8000:2014

Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato
venerdi 17 agosto

Croazia: le importazioni crescono e l’Italia ha la strada spianata

Intervista allo staff di The Wine and More sulle potenzialità del vino italiano nel mercato croato

Noemi Mengo
Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Le Donne Del Vino e Wine People per la formazione sulla comunicazione, la vendita e la valorizzazione brand territoriali e sui Consorzi di tutela

Prossima tappa in Puglia il 13 e il 14 novembre 2018

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People mercoledi 15 agosto

Formarsi ad un prezzo agevolato

Ultimi giorni per chiedere la borsa di studio per i campus Wine People

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino? 
lunedi 13 agosto

Wine Talent: vi segnaliamo un Hospitality Manager

Cos’è un Hospitality Manager e perché ha guadagnato importanza nel settore del vino?

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

Quello che non ci piace dire della vendemmia 2018

Le previsioni vendemmiali in Italia sono storicamente un rito dove difficilmente si esce da solito codice di comunicazione dove alla fine si tenta di salvare sempre tutto

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo
giovedi 09 agosto

Il Vermentino Aragosta è il vino della settimana per la rivista americana Wine Spectator

La “bibbia del vino internazionale” ha selezionato il prodotto italiano realizzato in Sardegna tra tanti vini, scegliendolo per l’ottimo rapporto qualità prezzo

giovedi 09 agosto

Casale del Giglio, produzione sostenibile nell'Agro Pontino

"La gente conosce il prezzo di tutte le cose, ma non conosce il valore di nessuna": la filosofia dell'azienda di proprietà di Antonio Santarelli

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno giovedi 09 agosto

E-commerce? trattatelo da cliente direzionale

L’e-commerce va gestito in maniera molto diversa rispetto ai canali di distribuzione tradizionale e la figura classica dell’agente può trasformarsi in un grande limite nello sviluppo di questo modello di vendita che cresce a doppia cifra anno dopo anno

B.P.
I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.
mercoledi 08 agosto

Dai Vignaioli del Morellino di Scansano, il primo vino con la certificazione europea PEF per la sostenibilità ambientale di prodotto

I Vignaioli del Morellino di Scansano sono la prima cantina italiana a certificare un proprio vino con la nuova norma europea Product Environmental Footprint - PEF.

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Aspiranti Export Manager, il Wine People Campus vi aspetta!

Al via il Campus per diventare export manager del vino

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico
martedi 07 agosto

Comunicare con la stampa: questione di rispetto, ricerca e sensibilità

Intervista a Silvia Baratta di Gheusis, agenzia di comunicazione specializzata nel settore enogastronomico

Noemi Mengo
5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide monday 06 august

Digital version of 5StarWines - the Book 2019 now online

5StarWines featuring Wine Without Walls, the annual wine selection held in the lead-up to Vinitaly, has just released the online edition of its wine guide

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile! lunedi 06 agosto

Ritorna Wine Export Manager Day con un'indagine sull'export del vino

Il 17 settembre 2018 durante il Wine Export Manager Day a Verona verrà presentata l'indagine condotta da Wine People. Date il vostro contributo e riceverete un omaggio molto utile!

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009 saturday 04 august

Italian wines in the world: Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

We tasted for you Ricossa's Barolo Riserva DOCG 2009

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009 sabato 04 agosto

Italian wines in the world: Barolo Riserva DOCG 2009 di Ricossa

Abbiamo degustato per voi il Ricossa Barolo Riserva DOCG 2009

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Essere imprenditori del vino oggi

In preparazione della nostra seconda edizione di Wine Campus Impresa alcune riflessioni sui limiti attuali dell’imprenditoria vitivinicola italiana che a nostro parere sono da ascrivere più a limiti “culturali” che “dimensionali”

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 03 agosto

Partecipa al Tour Vietnam 2018: Ho Chi Minh ed Hanoi

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale venerdi 03 agosto

Francesco Mazzei alla guida del Consorzio Tutela Vini della Maremma Toscana

Varietà e qualità del territorio gli elementi distintivi su cui puntare per affermare la Denominazione sempre più apprezzata a livello nazionale e internazionale