Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy
venerdi 14 giugno 2019

Più che cambio è rivoluzione generazionale

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano


Più che cambio è rivoluzione generazionale

Si parla spesso nel settore vitivinicolo (agricolo in generale) di cambio generazionale. Se in altri comparti questo avviene con una certa “naturalità” nel nostro amato settore del vino le cose sono molto più complesse.
E questo per varie ragioni, a partire dal fatto che un produttore rimane tale per tutta la vita. Produrre vino, inutile negarlo, non è un semplice lavoro.
Non ce ne abbiano a male altri comparti, altre professioni, ma il lavoro in agricoltura, in campagna come si diceva giustamente un tempo, non lo si può annoverare nell’ambito delle attività “normali”.
Ma questa straordinarietà, tra i tanti benefici, porta anche alcune complicazioni, tra le quali il cambio generazionale.
Nella nostra ormai lunga esperienza a fianco di molte imprese del vino italiano abbiamo assistito a cambi molto naturali, e per certi aspetti veloci (spesso, però determinati da eventi traumatici), ad altri molto più lunghi, faticosi e spesso anche dolorosi.
Non vogliamo, però, in questa sede soffermarci sugli aspetti psicologici del cambio generazionale, anche se questi hanno indubbiamente un’influenza notevole in questo tipo di evoluzioni.

Ci interessa soffermarci, invece, su quali sono oggi le condizioni in cui sta avvenendo questo cambio rispetto alla generazione passata.
Lo possiamo fare grazie anche alla nostra “anzianità” professionale che ci consente di ricordare bene la situazione del vino italiano quando i genitori di molti giovani produttori di oggi presero in mano le loro aziende.
Viene facile, a questo proposito, sottolineare come a metà degli anni 80 la situazione del settore vitivinicolo italiano era molto diversa rispetto a quella attuale. Era profondamente diversa sia sul fronte produttivo sia su quello dei mercati.
“Di fatto quando abbiamo preso in mano noi le aziende " ha detto Roberto Anselmi, il noto produttore di Soave, durante il talk show organizzato lunedi 10 giugno a Palazzo della Torre della famiglia Allegrini, nell’ambito della bella iniziativa di Affinità Enologiche " il vigneto italiano di qualità non esisteva. Gran parte di noi ereditava delle aziende “commerciali”, fatte da imbottigliatori di vino di qualità spesso molto bassa”.
“Molti di noi " gli ha fatto eco Primo Franco, nome storico del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene, durante il medesimo incontro " hanno di fatto “ucciso” il padre imbottigliatore per diventare qualcosa di completamente diverso”.
Insomma se circa quarant’anni fa la sfida era portare il vino italiano nell’era moderna evolvendosi verso una vitivinicoltura di qualità (seguendo in gran parte l’esempio della Francia), oggi è riuscire a rendere competitive le nostre imprese del vino su mercati sempre più complessi, con una competizione sempre più spinta e consumatori sempre più esigenti.
“Se mio papà si è potuto permettere di essere un one man show" ha spiegato Lisa Anselmi, figlia di Roberto " oggi noi siamo obbligati a lavorare in squadra, a delegare competenze a diversi collaboratori, insomma a fare impresa in senso moderno”.
Due sintesi quelle di Roberto e Lisa Anselmi che in qualche misura spiegano due epoche che non si possono confrontare.

La generazione, pertanto, che oggi eredita la gestione delle aziende del vino italiano non solo si trova di fronte ad uno scenario profondamente mutato ma difficilmente può trarre particolari insegnamenti da chi li ha preceduti.
Non vogliamo assolutamente essere ingrati a coloro che hanno condotto la prima vera rivoluzione del vino italiano, senza di loro, spesso in maniera pionieristica e assolutamente coraggiosa, non saremmo qui a raccontare di un vino italiano che si è accreditato in ogni angolo del pianeta e oggi è in grado i parlare una lingua di alta qualità e prestigio.
Ciò non toglie che anche questa nuova generazione, come quella che l’ha preceduta, è costretta in qualche modo ad operare una nuova rivoluzione e deve farla con tempestività, competenza, coraggio, intraprendenza e, soprattutto con un nuovo spirito imprenditoriale.
Oggi le sollecitazioni del mercato, con le sue incertezze ma anche con le sue regole ferree, non ammette più errori. Affrontare la gestione delle imprese oggi con il solo intuito o coraggio rappresenta l’anticamera di un inevitabile fallimento.
Ma non è facile per la generazione di oggi essere pronta ad una rivoluzione di questo genere. Hanno imparato, o stanno imparando un mestiere da chi li ha preceduti e questo non sempre è sufficiente per essere pronti ai fabbisogni attuali dei mercati.
Hanno vissuto, da bambini, poi da adolescenti, poi da giovani studenti la grande ascesa dei padri, rimanendone spesso affascinati.
Hanno goduto dei privilegi invidiabili frutto del lavoro di chi li ha preceduti, ma per certi aspetti anche irripetibili.
Non è facile prendere in mano una macchina, convinti che si possa proseguire il percorso di successo fatto dalla generazione precedente e rendersi conto che quella modalità di guida non è più adeguata, sufficiente.
Paradossalmente è stato più “semplice” prendere in mano una situazione che doveva essere per forza cambiata. Il dopo metanolo ha rappresentato un’asticella che si è alzata per tutti in maniera inesorabile e tutti sapevano in cuor loro che non riuscire a saltare a quell’altezza avrebbe significato morire.

La sfida quindi dei giovani imprenditori del vino è di quelle che fa tremare i polsi, lo scriviamo senza timore di esagerare.
Ed è la ragione per cui noi di Wine Meridian e Wine People siamo fortemente e tenacemente convinti dell’importanza della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano.
Non possiamo più permetterci che questa competenza sia “solo” ereditata ma va necessariamente costruita anche attraverso nuovi contenuti e approcci formativi.
Ad ottobre inizia il nostro terzo Campus Impresa rivolto agli imprenditori del vino di oggi, non abbiamo la pretesa o presunzione di essere l’unica risposta ad una sfida così grande ma non per questo ci tiriamo indietro nel dare il nostro contributo. Info qui
Vi aspettiamo in aula.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo
L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud. sabato 13 luglio 2019

Partecipa con noi alla missione in Giappone con b2b con agenda programmata

L'11 e 12 novembre 2019 saremo a Tokyo con un gruppo di produttori italiani in partnership con Wonderfud.



sfondo_wm