Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 18 ottobre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


www.prosecco.wine WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini
lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori


Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

Jacopo Poli


Oggi si fa un gran parlare dell’importanza dell’accoglienza in azienda, del ruolo strategico del cosiddetto turismo enogastronomico.
Vi sono però realtà che prima di altre, nei cosiddetti “tempi non sospetti” hanno deciso di aprire le porte agli ospiti diventando assolutamente “trasparenti”.
Tra queste un posto speciale occupa sicuramente Poli Distillerie, un nome che già da solo evoca uno dei prodotti più legati alla storia e la tradizione del nostro Paese, la grappa.
Un nome che si è legato in maniera indissolubile ad un altro brand di straordinaria importanza storica ed evocativa, Bassano del Grappa.
Ed è proprio in questo suggestivo comune, a pochi metri dal mitico ponte che abbiamo incontrato Jacopo Poli che con i fratelli Barbara, Andrea e la moglie Cristina porta avanti una tradizione e un obiettivo: far capire e apprezzare la fatica, la tenacia, ma soprattutto l'Amore racchiuso in un distillato.
Un amore che abbiamo percepito sempre autentico, senza nessuna finzione o manierismo dalla prima all’ultima parola raccontata da Jacopo.
La sua è una storia intimamente legata all’azienda che ha ereditato. E se ogni generazione che dal 1898 si è succeduta nella gestione della distilleria ha lasciato un suo specifico segno, quella di Jacopo sarà certamente ricordata per essere stata quella dell’apertura, dell’accoglienza.

“Fin da bambino, i miei primissimi ricordi - racconta Jacopo - sono legati alla distilleria come luogo fantastico da visitare. E se lo era per me bambino mi sono sempre detto che lo poteva essere anche per chiunque altro. Quelle intuizioni che solo i bambini possono avere”.
Ma dalle intuizioni infantili alle azioni concrete i passi ovviamente non sono semplici. E come spesso accade è stato un evento molto negativo a cambiare ancora una volta la storia di Poli.
“Il 1985 ci fu una delle più copiose nevicate della storia del secolo scorso - ricorda Jacopo - e causò il crollo di due terzi del capannone. Ho ancora negli occhi quella tragedia. Tutta la distilleria color seppia per la polvere. Avevo 22 anni e capii che dovevamo ricominciare da capo”.
Ma proprio da quell’episodio così negativo per l’azienda che Jacopo capì l’importanza di ricostruire la distilleria con una nuova logica, improntata all’apertura, al turismo.
“È chiaro che non si trattava di una scelta semplice - spiega Jacopo - ed eravamo coscienti dei costi che avrebbe generato e dell’impegno che avremmo dovuto profondere anche in termini di risorse umane”.
Non c’erano, inoltre, esempi utili in Italia per creare una “distilleria aperta”, un “museo della grappa”. Ed è questo che portò Jacopo ad una scelta molto importante che l’aiutò fortemente nella progettazione di ciò che oggi è Poli 1898.

“Decisi di partire per la Scozia - racconta Jacopo - perché avevo sentito dire che le distillerie di whisky erano quelle più avanzate anche in termini di ospitalità. E in effetti quel viaggio fu prezioso perché mi aiutò tantissimo a capire due cose fondamentali: l’importanza degli aspetti logistici ma anche il ruolo strategico delle risorse umane. Insomma capii che non sarebbe stato sufficiente costruire un bel museo ma erano necessarie persone capaci di gestire l’accoglienza”.
Quest’ultimo aspetto è sicuramente uno degli elementi fondanti e caratterizzanti dell’accoglienza in casa Poli. Allo stato attuale sono quattro le persone dedicate all’ospitalità nella distilleria e museo Poli che riescono a gestire un’affluenza “monstre” di 13.000 (a Bassano) e 2.000 persone (a Schiavon) al mese.
“Per noi oggi la gestione dell’ospitalità viene considerata allo stesso livello di quella della produzione - sottolinea Jacopo - ed è per questo che è costante anche il nostro investimento nella formazione delle risorse umane”.

Allo stato attuale il 50% dei visitatori è rappresentato da turisti italiani mentre il rimanente è straniero, con una grande maggioranza di nazionalità tedesca.
Ma per Jacopo Poli vi è una “categoria” di turisti che ritiene fondamentale: quella dei bambini.
“Per noi l’arrivo delle scolaresche - evidenzia Jacopo - soprattutto quelle con gli studenti più giovani, rappresenta un momento molto importante per la nostra accoglienza. Ci sentiamo pervasi di gioia ma anche di responsabilità perché ci rendiamo conto che è fondamentale comunicare a queste giovani generazioni nella modalità più corretta. Sono quasi sempre le visite che ci regalano le maggiori soddisfazioni, alle quali cerco sempre di esserci”.
Le sfide davanti sono ancora tante per Jacopo Poli: “Quando ti apri non ti puoi più fermare lo sappiamo bene ma per fortuna abbiamo un ingrediente fondamentale che “contamina” positivamente tutte le nostre scelte, l’entusiasmo”.
Un entusiasmo che dovrebbe portare a breve anche l’avvio di un’osteria Poli 1898 per la cosiddetta “chiusura del cerchio”. A presto, quindi, per aggiornamenti sull’universo Poli.

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

Alambicco a vapore


Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona
venerdi 18 ottobre 2019

L’epoca delle contaminazioni

L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona

Noemi Mengo
La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese venerdi 18 ottobre 2019

Ora il Pinot Grigio deve parlare anche italiano

La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese

Fabio Piccoli
Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto. 
giovedi 17 ottobre 2019

Lo Champagne e i suoi trend: facciamo il punto

Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto.

Giovanna Romeo
Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week giovedi 17 ottobre 2019

Milano Wine Week: nuove generazioni del vino italiano protagoniste al Wine Generation Forum

Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5. 
giovedi 17 ottobre 2019

5 punti per osservare il mondo del vino che cambia

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5.

Noemi Mengo
Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono mercoledi 16 ottobre 2019

La meraviglia del vino, nasce la "Guida alle Cantine" Made in Piedmont

Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale mercoledi 16 ottobre 2019

Cresce la domanda di Prosecco biologico

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi
mercoledi 16 ottobre 2019

Italian wines in the world: Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.  
mercoledi 16 ottobre 2019

10 anni dalla crisi: come è cambiata l’Europa del vino?

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.

Noemi Mengo
Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager? martedi 15 ottobre 2019

Chi più spende più guadagna

Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager?

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry tuesday 15 october 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

Giovanna Romeo
Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale. lunedi 14 ottobre 2019

Sognando di fare vino. Noroc!

Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietà caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale.

Giovanna Romeo
All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo? lunedi 14 ottobre 2019

Il vino italiano sarà il meno colpito dai dazi USA

All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo?

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere sabato 12 ottobre 2019

Italian wines in the world: Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Giovanna Romeo
Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo. sabato 12 ottobre 2019

Neuromarketing: anche l'occhio vuole la sua parte

Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo.

Noemi Mengo
La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti
venerdi 11 ottobre 2019

Le sfide difficili dei mercati emergenti

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti

Fabio Piccoli


sfondo_wm