Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach
lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori


Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

Jacopo Poli


Oggi si fa un gran parlare dell’importanza dell’accoglienza in azienda, del ruolo strategico del cosiddetto turismo enogastronomico.
Vi sono però realtà che prima di altre, nei cosiddetti “tempi non sospetti” hanno deciso di aprire le porte agli ospiti diventando assolutamente “trasparenti”.
Tra queste un posto speciale occupa sicuramente Poli Distillerie, un nome che già da solo evoca uno dei prodotti più legati alla storia e la tradizione del nostro Paese, la grappa.
Un nome che si è legato in maniera indissolubile ad un altro brand di straordinaria importanza storica ed evocativa, Bassano del Grappa.
Ed è proprio in questo suggestivo comune, a pochi metri dal mitico ponte che abbiamo incontrato Jacopo Poli che con i fratelli Barbara, Andrea e la moglie Cristina porta avanti una tradizione e un obiettivo: far capire e apprezzare la fatica, la tenacia, ma soprattutto l'Amore racchiuso in un distillato.
Un amore che abbiamo percepito sempre autentico, senza nessuna finzione o manierismo dalla prima all’ultima parola raccontata da Jacopo.
La sua è una storia intimamente legata all’azienda che ha ereditato. E se ogni generazione che dal 1898 si è succeduta nella gestione della distilleria ha lasciato un suo specifico segno, quella di Jacopo sarà certamente ricordata per essere stata quella dell’apertura, dell’accoglienza.

“Fin da bambino, i miei primissimi ricordi - racconta Jacopo - sono legati alla distilleria come luogo fantastico da visitare. E se lo era per me bambino mi sono sempre detto che lo poteva essere anche per chiunque altro. Quelle intuizioni che solo i bambini possono avere”.
Ma dalle intuizioni infantili alle azioni concrete i passi ovviamente non sono semplici. E come spesso accade è stato un evento molto negativo a cambiare ancora una volta la storia di Poli.
“Il 1985 ci fu una delle più copiose nevicate della storia del secolo scorso - ricorda Jacopo - e causò il crollo di due terzi del capannone. Ho ancora negli occhi quella tragedia. Tutta la distilleria color seppia per la polvere. Avevo 22 anni e capii che dovevamo ricominciare da capo”.
Ma proprio da quell’episodio così negativo per l’azienda che Jacopo capì l’importanza di ricostruire la distilleria con una nuova logica, improntata all’apertura, al turismo.
“È chiaro che non si trattava di una scelta semplice - spiega Jacopo - ed eravamo coscienti dei costi che avrebbe generato e dell’impegno che avremmo dovuto profondere anche in termini di risorse umane”.
Non c’erano, inoltre, esempi utili in Italia per creare una “distilleria aperta”, un “museo della grappa”. Ed è questo che portò Jacopo ad una scelta molto importante che l’aiutò fortemente nella progettazione di ciò che oggi è Poli 1898.

“Decisi di partire per la Scozia - racconta Jacopo - perché avevo sentito dire che le distillerie di whisky erano quelle più avanzate anche in termini di ospitalità. E in effetti quel viaggio fu prezioso perché mi aiutò tantissimo a capire due cose fondamentali: l’importanza degli aspetti logistici ma anche il ruolo strategico delle risorse umane. Insomma capii che non sarebbe stato sufficiente costruire un bel museo ma erano necessarie persone capaci di gestire l’accoglienza”.
Quest’ultimo aspetto è sicuramente uno degli elementi fondanti e caratterizzanti dell’accoglienza in casa Poli. Allo stato attuale sono quattro le persone dedicate all’ospitalità nella distilleria e museo Poli che riescono a gestire un’affluenza “monstre” di 13.000 (a Bassano) e 2.000 persone (a Schiavon) al mese.
“Per noi oggi la gestione dell’ospitalità viene considerata allo stesso livello di quella della produzione - sottolinea Jacopo - ed è per questo che è costante anche il nostro investimento nella formazione delle risorse umane”.

Allo stato attuale il 50% dei visitatori è rappresentato da turisti italiani mentre il rimanente è straniero, con una grande maggioranza di nazionalità tedesca.
Ma per Jacopo Poli vi è una “categoria” di turisti che ritiene fondamentale: quella dei bambini.
“Per noi l’arrivo delle scolaresche - evidenzia Jacopo - soprattutto quelle con gli studenti più giovani, rappresenta un momento molto importante per la nostra accoglienza. Ci sentiamo pervasi di gioia ma anche di responsabilità perché ci rendiamo conto che è fondamentale comunicare a queste giovani generazioni nella modalità più corretta. Sono quasi sempre le visite che ci regalano le maggiori soddisfazioni, alle quali cerco sempre di esserci”.
Le sfide davanti sono ancora tante per Jacopo Poli: “Quando ti apri non ti puoi più fermare lo sappiamo bene ma per fortuna abbiamo un ingrediente fondamentale che “contamina” positivamente tutte le nostre scelte, l’entusiasmo”.
Un entusiasmo che dovrebbe portare a breve anche l’avvio di un’osteria Poli 1898 per la cosiddetta “chiusura del cerchio”. A presto, quindi, per aggiornamenti sull’universo Poli.

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

Alambicco a vapore


Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm