Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 21 febbraio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pradellaluna.com catullio.it Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it
mercoledi 04 settembre 2019

Previsioni vendemmiali 2019: l'Italia ancora primo produttore mondiale con 46 milioni di ettolitri

L'Osservatorio del Vino ha presentato oggi al Mipaaft i dati delle previsioni vendemmiali che vedono per la prima volta UIV, Ismea e Assoenologi insieme


Previsioni vendemmiali 2019: l'Italia ancora primo produttore mondiale con 46 milioni di ettolitri

Un'immagine della presentazione


La vendemmia 2019 segna la nascita di una nuova collaborazione. Per la prima volta, infatti, Unione Italiana Vini, Ismea e Assoenologi uniscono le rispettive forze e competenze con l'obiettivo di fornire un quadro ancor più completo e dettagliato relativamente alle Previsioni Vendemmiali. L'indagine è stata messa a punto armonizzando le metodologie consolidate nel tempo da UIV/ISMEA da una parte e da Assoenologi dall'altra, mettendo a sistema una fitta rete territoriale di osservatori privilegiati del settore, la valutazione comparata delle indicazioni sia quantitative che qualitative e la successiva elaborazione statistica rispetto alle serie storiche ufficiali degli anni precedenti.

Le elaborazioni effettuate a fine agosto stimano la produzione nazionale di vino 2019 a 46 milioni di ettolitri, con una riduzione del 16% rispetto all'annata record del 2018, quando erano stati sfiorati i 55 milioni di ettolitri (dati Agea, sulla base delle dichiarazioni di produzione). Il dato stimato risulta da una media tra un'ipotesi minima di 45 milioni di ettolitri e una massima di oltre 47 milioni, che comunque risulterebbe inferiore alla media degli ultimi 5 anni.

Nonostante una vendemmia meno generosa, l'Italia dovrebbe mantenere anche per il 2019 la leadership mondiale, perché né la Francia (43,4 milioni di ettolitri - stima al 19 agosto del Ministero Agricoltura francese) né la Spagna (forse 40 milioni di ettolitri) sembrerebbero in grado di superarla.

Al tradizionale appuntamento con la conferenza stampa di presentazione delle previsioni vendemmiali 2019, organizzata presso il Mipaaft, sono intervenuti: Ernesto Abbona (presidente di UIV), Raffaele Borriello (direttore generale di ISMEA), Riccardo Cotarella (presidente di Assoenologi), Fabio Del Bravo (dirigente ISMEA) e Ignacio Sanchez Recarte (segretario generale del Comité Européen des Entreprises Vins). Ha moderato l’incontro Paolo Castelletti, segretario generale di Unione Italiana Vini.

“Con la vendemmia 2019 - spiega Ernesto Abbona, presidente di Unione Italiana Vini - rientriamo nella media degli ultimi anni, segnando una flessione marcata rispetto alla eccezionale produzione dello scorso anno con una qualità variabile, tra il buono e l'eccellente a seconda delle zone, che ci consente di guardare al futuro con ottimismo e fiducia. È lecito attendersi la tenuta dei prezzi sui vini a DO, che rimanendo nei volumi dei disciplinari subiranno meno la flessione, così come lo scorso anno hanno risentito meno dell'aumento produttivo, e un possibile ritocco in alto dei listini degli sfusi visto il calo vendemmiale anche di Francia e Spagna. Manteniamo il primato produttivo mondiale, ma in un contesto geopolitico difficile dove arrivano segnali preoccupanti da alcuni mercati importanti per il nostro vino, mentre si aprono prospettive nuove di sviluppo grazie agli accordi di libero scambio. Il mercato interno mostra un trend in leggera crescita, seppur in un contesto di deciso cambiamento che ci invita ad una riflessione più attenta su nuove strategie da adottare verso il nostro tradizionale consumatore”.

"Il vino italiano - aggiunge Raffaele Borriello, direttore generale ISMEA - negli ultimi anni ha consolidato un importante percorso di internazionalizzazione tramite la concentrazione e la riorganizzazione dell’offerta verso prodotti di maggiore qualità e gradimento nei mercati esteri. Gli effetti di tale evoluzione verso la qualità e l’efficacia delle politiche commerciali sono testimoniati dal costante aumento del fatturato all’export, quasi raddoppiato negli ultimi dieci anni".

“Se l'annata 2018 è stata generosa - sottolinea Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi - nel 2019 si assiste in molte zone a un’inversione di rotta. Dal punto di vista climatico anche quest'anno la variabilità del meteo si è fatta sentire, in particolare a maggio, con un abbassamento delle temperature accompagnato da abbondati precipitazioni, che hanno determinato un rallentamento del ciclo vegetativo della vite. Si rileva un generale ritardo della maturazione di circa 10/15 giorni, tanto da far rientrare l'epoca di vendemmia in periodi più legati alla tradizione, dopo gli innumerevoli anticipi registrati negli ultimi anni. Quest’anno sono da evidenziare comunque evidenti disformità di maturazione anche all’interno di uno stesso appezzamento, conseguenza dell’ormai consolidata variabilità metereologica e di uno spostamento climatico. In questo contesto l’opera dell’enologo, attraverso le proprie competenze ed esperienze, risulta sempre più determinante e fondamentale per il livello qualitativo dei futuri vini”.


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Mentre il settore delle bevande alcoliche si sta diversificando sempre di più cercando di intercettare il maggior numero di tipologie di consumatori, il comparto del vino si concentra troppo solo nella categoria dei consumatori “ad alta frequenza”.
venerdi 21 febbraio 2020

Il vino ha bisogno estremo di nuovi consumatori

Mentre il settore delle bevande alcoliche si sta diversificando sempre di più cercando di intercettare il maggior numero di tipologie di consumatori, il comparto del vino si concentra troppo solo nella categoria dei consumatori “ad alta frequenza”.

Fabio Piccoli
Il tour UNIT WINE TOUR - Mission Asia 2020 sbarca ad Almaty il 26 giugno per un evento b2b che coinvolge player anche dei Paesi limitrofi dell'Eurasia. venerdi 21 febbraio 2020

Kazakhstan: centro commerciale e di transito dell’Asia Centrale, un ponte tra Europa e Asia

Il tour UNIT WINE TOUR - Mission Asia 2020 sbarca ad Almaty il 26 giugno per un evento b2b che coinvolge player anche dei Paesi limitrofi dell'Eurasia.

Alla Stazione Leopolda di Firenze il Gallo Nero conferma il trend positivo della denominazione. Fatturato in aumento e grande risalto per le tipologie “premium”. giovedi 20 febbraio 2020

Vento in poppa per il Chianti Classico

Alla Stazione Leopolda di Firenze il Gallo Nero conferma il trend positivo della denominazione. Fatturato in aumento e grande risalto per le tipologie “premium”.

Giovanna Romeo
Il team di Wine Meridian sarà felice di incontrarti a Prowein: fissa ora un appuntamento per confrontarti con noi. giovedi 20 febbraio 2020

Piano Business di successo per il 2020: parliamone a Prowein dal 15 al 17 marzo!

Il team di Wine Meridian sarà felice di incontrarti a Prowein: fissa ora un appuntamento per confrontarti con noi.

Cristian Fanzolato
Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano. Aspettiamo le vostre “storie”, diteci cosa fate per promuovere e comunicare il vostro vino. giovedi 20 febbraio 2020

Partecipa al concorso gratuito "Il Meridiano del vino"

Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano. Aspettiamo le vostre “storie”, diteci cosa fate per promuovere e comunicare il vostro vino.

Cristian Fanzolato
La cooperativa del Sannio aderisce alla rete di cooperative dell'eccellenza italiana. giovedi 20 febbraio 2020

La Guardiense entra a far parte di The Wine Net

La cooperativa del Sannio aderisce alla rete di cooperative dell'eccellenza italiana.

Agnese Ceschi
La formazione nel mondo del vino alza il tiro incontrando docenti esperti di Export Multibrand, English for wineries, Cina, Vendita Italia e Hospitality. giovedi 20 febbraio 2020

I seminari di Wine Meridian: due giorni full immersion con focus specifici

La formazione nel mondo del vino alza il tiro incontrando docenti esperti di Export Multibrand, English for wineries, Cina, Vendita Italia e Hospitality.

Cristian Fanzolato
Futuro Responsabile Imbottigliamento. mercoledi 19 febbraio 2020

Offerta di lavoro

Futuro Responsabile Imbottigliamento.

Successo del World Tour organizzato dal Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese.
mercoledi 19 febbraio 2020

La sfida internazionale dell’Oltrepò Pavese

Successo del World Tour organizzato dal Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese.

La prima tappa del tour UNIT WINE TOUR 2020 sarà a Baku, capitale del Paese più importante per il Made in Italy del Caucaso meridionale. mercoledi 19 febbraio 2020

Azerbaijan: snodo strategico tra Asia ed Europa

La prima tappa del tour UNIT WINE TOUR 2020 sarà a Baku, capitale del Paese più importante per il Made in Italy del Caucaso meridionale.

Arconvert offre visibilità gratuita alle cantine attraverso i suoi strumenti di marketing e il concorso internazionale Fedrigoni TOP AWARD.
mercoledi 19 febbraio 2020

L'era dell'immagine digitale aiuta a promuovere il prodotto

Arconvert offre visibilità gratuita alle cantine attraverso i suoi strumenti di marketing e il concorso internazionale Fedrigoni TOP AWARD.

Se siete alla ricerca di Risorse umane per l’export, incontrate i responsabili di WinePeople a Prowein. Un’occasione per visionare il “Book degli Export Manager”

Come trovare risorse umane profilate per la tua azienda

Se siete alla ricerca di Risorse umane per l’export, incontrate i responsabili di WinePeople a Prowein. Un’occasione per visionare il “Book degli Export Manager”

Andrea Pozzan
La proposta da parte di Unione Italiana Vini e Alleanza della Cooperative è stata ben accolta dal Consorzio delle Venezie doc ma adesso è necessario definire in maniera concreta un piano di sviluppo del Pinot Grigio italiano sia in termini di qualificazione produttiva che di promozione della sua immagine

Bene la gestione coordinata del Pinot Grigio e poi?

La proposta da parte di Unione Italiana Vini e Alleanza della Cooperative è stata ben accolta dal Consorzio delle Venezie doc ma adesso è necessario definire in maniera concreta un piano di sviluppo del Pinot Grigio italiano sia in termini di qualificazione produttiva che di promozione della sua immagine

Fabio Piccoli
Logistica, commercializzazione, formazione e tendenze di mercato: quando l’unione fa la forza. mercoledi 19 febbraio 2020

Premium Wine Selection, compagine d’eccellenza nella distribuzione

Logistica, commercializzazione, formazione e tendenze di mercato: quando l’unione fa la forza.

Emanuele Fiorio
Le dichiarazioni del Presidente Manetti martedi 18 febbraio 2020

Chianti Classico Collection 2020 si chiude con numeri record

Le dichiarazioni del Presidente Manetti

Si crea in America un polo distributivo trainato dal Pinot Grigio e dall'Amarone. martedi 18 febbraio 2020

Masi e Santa Margherita USA: accordo tra due top player dei vini italiani

Si crea in America un polo distributivo trainato dal Pinot Grigio e dall'Amarone.



WineMeridian