Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it

Promozione ocm: le Regioni "perdono" 33 milioni

Tra i fondi non utilizzati nel 2014 e quelli non erogati nel 2013, le Regioni italiane si sono "perse" in meno di due anni 33 milioni di euro per la promozione vini nei Paesi terzi prevista nell’ambito dell’ocm vino. Il presidente di Unione Italiana Vini, Domenico Zonin, grida allo scandalo. Fondamentale capire le ragioni di questa incapacità di utilizzo


Promozione ocm: le Regioni
Gli addetti ai lavori lo sapevano già da un po’, purtroppo, ma non per questo non si può non rimanere delusi (è un eufemismo), dei quasi 17 milioni di euro di Fondi che le Regioni non sono state in grado di utilizzare per la promozione prevista nell’ambito dell’ocm vino. Se a questi si aggiungono i 16 non erogati nel 2013 la somma ci porta da un preoccupante 33 milioni di euro.
Cifra che ha portato il presidente di Unione Italiana Vini, Domenico Zonin, a gridare allo scandalo perché si tratta di risorse preziose per un comparto che anche grazie ai fondi ocm è riuscito a fare "un balzo del 32% dell’export in tre anni", ha scritto Zonin in un editoriale sul Corriere Vinicolo. Risorse non utilizzate, ha aggiunto Zonin per "inefficienze burocratiche, miopie localistiche e anche, riconosciamolo, per caratteristiche oggettive del sistema imprenditoriale italiano". Tutte ragioni che portano il presidente della maggiore organizzazione del sistema vitivinicolo italiano a richiedere una diversa ripartizione dei fondi aumentando la quota nazionale (che oggi è al 30% del totale assegnato al nostro Paese, contro il 70% nelle mani delle Regioni): "aumentare la quota di risorse nazionali aiuterebbe, e di molto, gli investimenti all’export: perché sarebbe un plafond attingibile da tutte le imprese italiane, assegnato in base a parametri relativi alla capacità di spesa e all’efficacia dell’investimento che sono, evidentemente, criteri più sensati rispetto alla semplice appartenenza geografica. E la distribuzione delle risorse sul territorio nazionale premierebbe il valore competitivo delle aziende e non il peso politico del singolo assessore, o la rispondenza ad astratti parametri economici la cui inefficacia, in questo caso, è stata ampiamente dimostrata".
Concordiamo in pieno con le valutazioni di Zonin e ci permettiamo di aggiungere anche altre nostre osservazioni.
Innanzitutto vorremmo avere dal mondo del vino italiano maggiore attenzione al tema delle risorse per la promozione perché inutile pretendere "sensibilità" da parte delle istituzioni pubbliche se per prime le aziende non fanno sentire di più la loro voce. Soprattutto la voce di quelle aziende presenti nelle Regioni apparentemente meno interessate all’utilizzo dei fondi ocm (Puglia, Abruzzo, Campania, Sardegna, Provincia autonoma di Trento, tanto per citare i casi più eclatanti).
E’ indispensabile capire se le ragioni di questo "scarso" utilizzo sono veramente da ascrivere tutte alla burocrazia, alla "pigrizia" regionale, o veramente non vi è interesse da parte delle imprese. Noi dal nostro osservatorio captiamo numerose sensazioni e non neghiamo che talvolta abbiamo la sensazione che le difficoltà di certe Regioni ad utilizzare appieno le risorse siano direttamente proporzionali alle difficoltà delle loro imprese. Zonin giustamente sottolinea le differenze tra imprese nel nostro Paese ma forse è arrivato il tempo di capire meglio se non è necessario aiutare alcune realtà produttive magari più pronte ad utilizzare risorse che potrebbero rivelarsi strategiche per il loro futuro.
Ma vi è anche la sensazione che vi sia veramente un comportamento differenziato tra le diverse Regioni nel rendere disponibili queste risorse e nell’analizzare i progetti proposti.
In questa direzione Unione Italiana Vini, che fin dall’inizio è coinvolta nella progettazione ocm promozione potrebbe essere un osservatorio privilegiato per indicare la via burocratica migliore per omologare il comportamento delle Regioni al fine di evitare pericolose sperequazioni.
Infine, questa perdita di risorse ci fa tornare per l’ennesima volta sul tema della promozione collettiva. Noi siamo sempre più convinti che per alcune regioni, alcuni territori, alcune denominazioni - dove magari la frammentazione delle imprese è ancor più forte, dove non sempre vi sono aziende traino â€" la via della promozione collettiva, capace di aggregare le aziende, di consentire economie di scala più coerenti con i diversi modelli produttivi sia indispensabile e vada agevolata il più possibile.
Perché è vero che le risorse devono andare il più possibile nelle mani di chi è in grado di utilizzarle al meglio ma è altrettanto vero che devono servire anche per costruire un sistema del vino Italia capace di stare più unito e dove grandi, medi, piccoli, industriali, commercianti o cooperatori si muovano nell’interesse comune di valorizzazione del vino italiano nel mondo.
Secondo noi ci sono ancora molte aziende pronte sulla porta dell’export e capaci di dare ancor più voce nel mondo alle denominazioni italiane, cerchiamo di agevolare anche questo processo di inclusione.
E su quest’ultimo fronte la capacità di ascolto dei fabbisogni delle imprese da parte degli enti pubblici è fondamentale e la formazione è una chiave indispensabile.
Pensare di giocare la carta solo di alcune imprese italiane nel mondo è miope, non far sentire la voce di alcune importanti regioni produttive sui mercati internazionali è un errore che ci priverebbe di valori identitari preziosi capaci di esaltare ancor di più il nostro made in Italy enologico.
Promozione ocm: le Regioni

Assegnazioni e rimodulazioni 2014 da parte delle Regioni - fonte Corriere Vinicolo


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm