Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
lunedi 09 dicembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/ La Torraccia  www.cantinatollo.it Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma

Promozione ocm: le Regioni "perdono" 33 milioni

Tra i fondi non utilizzati nel 2014 e quelli non erogati nel 2013, le Regioni italiane si sono "perse" in meno di due anni 33 milioni di euro per la promozione vini nei Paesi terzi prevista nell’ambito dell’ocm vino. Il presidente di Unione Italiana Vini, Domenico Zonin, grida allo scandalo. Fondamentale capire le ragioni di questa incapacità di utilizzo


Promozione ocm: le Regioni
Gli addetti ai lavori lo sapevano già da un po’, purtroppo, ma non per questo non si può non rimanere delusi (è un eufemismo), dei quasi 17 milioni di euro di Fondi che le Regioni non sono state in grado di utilizzare per la promozione prevista nell’ambito dell’ocm vino. Se a questi si aggiungono i 16 non erogati nel 2013 la somma ci porta da un preoccupante 33 milioni di euro.
Cifra che ha portato il presidente di Unione Italiana Vini, Domenico Zonin, a gridare allo scandalo perché si tratta di risorse preziose per un comparto che anche grazie ai fondi ocm è riuscito a fare "un balzo del 32% dell’export in tre anni", ha scritto Zonin in un editoriale sul Corriere Vinicolo. Risorse non utilizzate, ha aggiunto Zonin per "inefficienze burocratiche, miopie localistiche e anche, riconosciamolo, per caratteristiche oggettive del sistema imprenditoriale italiano". Tutte ragioni che portano il presidente della maggiore organizzazione del sistema vitivinicolo italiano a richiedere una diversa ripartizione dei fondi aumentando la quota nazionale (che oggi è al 30% del totale assegnato al nostro Paese, contro il 70% nelle mani delle Regioni): "aumentare la quota di risorse nazionali aiuterebbe, e di molto, gli investimenti all’export: perché sarebbe un plafond attingibile da tutte le imprese italiane, assegnato in base a parametri relativi alla capacità di spesa e all’efficacia dell’investimento che sono, evidentemente, criteri più sensati rispetto alla semplice appartenenza geografica. E la distribuzione delle risorse sul territorio nazionale premierebbe il valore competitivo delle aziende e non il peso politico del singolo assessore, o la rispondenza ad astratti parametri economici la cui inefficacia, in questo caso, è stata ampiamente dimostrata".
Concordiamo in pieno con le valutazioni di Zonin e ci permettiamo di aggiungere anche altre nostre osservazioni.
Innanzitutto vorremmo avere dal mondo del vino italiano maggiore attenzione al tema delle risorse per la promozione perché inutile pretendere "sensibilità" da parte delle istituzioni pubbliche se per prime le aziende non fanno sentire di più la loro voce. Soprattutto la voce di quelle aziende presenti nelle Regioni apparentemente meno interessate all’utilizzo dei fondi ocm (Puglia, Abruzzo, Campania, Sardegna, Provincia autonoma di Trento, tanto per citare i casi più eclatanti).
E’ indispensabile capire se le ragioni di questo "scarso" utilizzo sono veramente da ascrivere tutte alla burocrazia, alla "pigrizia" regionale, o veramente non vi è interesse da parte delle imprese. Noi dal nostro osservatorio captiamo numerose sensazioni e non neghiamo che talvolta abbiamo la sensazione che le difficoltà di certe Regioni ad utilizzare appieno le risorse siano direttamente proporzionali alle difficoltà delle loro imprese. Zonin giustamente sottolinea le differenze tra imprese nel nostro Paese ma forse è arrivato il tempo di capire meglio se non è necessario aiutare alcune realtà produttive magari più pronte ad utilizzare risorse che potrebbero rivelarsi strategiche per il loro futuro.
Ma vi è anche la sensazione che vi sia veramente un comportamento differenziato tra le diverse Regioni nel rendere disponibili queste risorse e nell’analizzare i progetti proposti.
In questa direzione Unione Italiana Vini, che fin dall’inizio è coinvolta nella progettazione ocm promozione potrebbe essere un osservatorio privilegiato per indicare la via burocratica migliore per omologare il comportamento delle Regioni al fine di evitare pericolose sperequazioni.
Infine, questa perdita di risorse ci fa tornare per l’ennesima volta sul tema della promozione collettiva. Noi siamo sempre più convinti che per alcune regioni, alcuni territori, alcune denominazioni - dove magari la frammentazione delle imprese è ancor più forte, dove non sempre vi sono aziende traino â€" la via della promozione collettiva, capace di aggregare le aziende, di consentire economie di scala più coerenti con i diversi modelli produttivi sia indispensabile e vada agevolata il più possibile.
Perché è vero che le risorse devono andare il più possibile nelle mani di chi è in grado di utilizzarle al meglio ma è altrettanto vero che devono servire anche per costruire un sistema del vino Italia capace di stare più unito e dove grandi, medi, piccoli, industriali, commercianti o cooperatori si muovano nell’interesse comune di valorizzazione del vino italiano nel mondo.
Secondo noi ci sono ancora molte aziende pronte sulla porta dell’export e capaci di dare ancor più voce nel mondo alle denominazioni italiane, cerchiamo di agevolare anche questo processo di inclusione.
E su quest’ultimo fronte la capacità di ascolto dei fabbisogni delle imprese da parte degli enti pubblici è fondamentale e la formazione è una chiave indispensabile.
Pensare di giocare la carta solo di alcune imprese italiane nel mondo è miope, non far sentire la voce di alcune importanti regioni produttive sui mercati internazionali è un errore che ci priverebbe di valori identitari preziosi capaci di esaltare ancor di più il nostro made in Italy enologico.
Promozione ocm: le Regioni

Assegnazioni e rimodulazioni 2014 da parte delle Regioni - fonte Corriere Vinicolo


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo scoperto insieme a Sonal Holland, MW indiana, le potenzialità di quello che è a tutto gli effetti un Paese nuovo emergente lunedi 09 dicembre 2019

India: tra mito e realtà

Abbiamo scoperto insieme a Sonal Holland, MW indiana, le potenzialità di quello che è a tutto gli effetti un Paese nuovo emergente

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi Invictus di Tenuta Montemagno sabato 07 dicembre 2019

Italian wines in the world: Invictus di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Invictus di Tenuta Montemagno

Il settore del vino sfuso si sta sempre più segmentando ed è un osservatorio privilegiato per capire le evoluzioni del mercato del vino in generale
venerdi 06 dicembre 2019

L’eterogeneo mondo del vino sfuso

Il settore del vino sfuso si sta sempre più segmentando ed è un osservatorio privilegiato per capire le evoluzioni del mercato del vino in generale

Fabio Piccoli
L’azienda abruzzese vince il premio Winery Of The Year e si aggiudica altre dieci medaglie

giovedi 05 dicembre 2019

Cantina Tollo trionfa al China Wine Competition

L’azienda abruzzese vince il premio Winery Of The Year e si aggiudica altre dieci medaglie

Prima di affrontare un nuovo mercato è bene affrontare un'analisi della tipologia di mercato che si va ad esplorare: maturo, emergente, in crescita, stabile o nuovo emergente? giovedi 05 dicembre 2019

Quale mercato sceglierò?

Prima di affrontare un nuovo mercato è bene affrontare un'analisi della tipologia di mercato che si va ad esplorare: maturo, emergente, in crescita, stabile o nuovo emergente?

Agnese Ceschi
We have tasted for you Ca' Ferro's Blanc thursday 05 december 2019

Italian wines in the world: Ca' Ferro's Blanc

We have tasted for you Ca' Ferro's Blanc

Tutte le opportunità per aumentare le proprie conoscenza e possibilità di ampliare il proprio network mercoledi 04 dicembre 2019

Campus WinePeople: le persone sono al centro del “gioco” per una formazione che fa e vi farà fare la differenza

Tutte le opportunità per aumentare le proprie conoscenza e possibilità di ampliare il proprio network

D come Donna: Elisabetta Cichellero Fracca ci parla di donne nel mondo del vino, raccontandoci sfide e benefici di una direzione al femminile, come quella che ha saputo dare all’azienda agricola Vigna Belvedere.
mercoledi 04 dicembre 2019

Vigna Belvedere: un’azienda agricola con la “D” maiuscola

D come Donna: Elisabetta Cichellero Fracca ci parla di donne nel mondo del vino, raccontandoci sfide e benefici di una direzione al femminile, come quella che ha saputo dare all’azienda agricola Vigna Belvedere.

Noemi Mengo
Bilancio d'esercizio 2018/2019 chiuso con un fatturato consolidato di 136 milioni di euro per la cantina sociale di Soave mercoledi 04 dicembre 2019

Cantina di Soave: oltre 74 milioni distribuiti ai soci

Bilancio d'esercizio 2018/2019 chiuso con un fatturato consolidato di 136 milioni di euro per la cantina sociale di Soave

La seconda tappa del nostro tour canadese in partnership con Wonderfud è stata in British Columbia il 2 dicembre 2019 mercoledi 04 dicembre 2019

Importazione e distribuzione in British Columbia

La seconda tappa del nostro tour canadese in partnership con Wonderfud è stata in British Columbia il 2 dicembre 2019

Lavinia Furlani
Si è conclusa la terza edizione del Mondial des Vins Extrêmes e il presidente del Cervim, Roberto Gaudio, ci racconta il valore dell’evento.
mercoledi 04 dicembre 2019

Vini d’alta quota al Mondial des Vins Extrêmes, tra riflessioni e dibattiti.

Si è conclusa la terza edizione del Mondial des Vins Extrêmes e il presidente del Cervim, Roberto Gaudio, ci racconta il valore dell’evento.

Giovanna Romeo
Scuderia Italia, the young and fresh-faced wine company run by Flavio Sartori won the prestigious prize Best Fine Wine Collection 2019 Northern Italy. wednesday 04 december 2019

Best Fine Wine Collection 2019 Northern Italy goes to Scuderia Italia

Scuderia Italia, the young and fresh-faced wine company run by Flavio Sartori won the prestigious prize Best Fine Wine Collection 2019 Northern Italy.

I motivi del successo del Mercato FIVI che si è svolto a Piacenza con la presenza di 626 vignaioli e 22.500 visitatori martedi 03 dicembre 2019

Mercato FIVI: acquista per ricordare!

I motivi del successo del Mercato FIVI che si è svolto a Piacenza con la presenza di 626 vignaioli e 22.500 visitatori

Fabio Tavazzani
Video intervista martedi 03 dicembre 2019

VANCOUVER - Ingrid Tesch, di CharmedLiving, ci da le sue impressioni dopo questa giornata a Vancouver

Video intervista

Video Intervista martedi 03 dicembre 2019

VANCOUVER - Alex Martyniak, Direttore marketing & Business Development di Italian Chamber of Commerce in Canada - West

Video Intervista

Vuoi davvero lavorare nel mondo del vino? Il mercato del vino in Italia con la sua evoluzione si apre a grandi possibilità, è il momento di sedersi tra i banchi e formarsi per diventare un vero Agente. martedi 03 dicembre 2019

Agenti Vino Italia suona la campanella!

Vuoi davvero lavorare nel mondo del vino? Il mercato del vino in Italia con la sua evoluzione si apre a grandi possibilità, è il momento di sedersi tra i banchi e formarsi per diventare un vero Agente.

Terenzi (presidente uscente AGIVI): “Lascio un’associazione più forte e rappresentativa”. Gardini (neo presidente AGIVI): “La voce dei Millennials del vino italiano deve portare un messaggio di rinnovamento e sostenibilità”
martedi 03 dicembre 2019

Assemblea AGIVI (UIV): La nuova presidente è Violante Gardini

Terenzi (presidente uscente AGIVI): “Lascio un’associazione più forte e rappresentativa”. Gardini (neo presidente AGIVI): “La voce dei Millennials del vino italiano deve portare un messaggio di rinnovamento e sostenibilità”



WineMeridian