Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 18 ottobre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy

Promozione ocm: le Regioni "perdono" 33 milioni

Tra i fondi non utilizzati nel 2014 e quelli non erogati nel 2013, le Regioni italiane si sono "perse" in meno di due anni 33 milioni di euro per la promozione vini nei Paesi terzi prevista nell’ambito dell’ocm vino. Il presidente di Unione Italiana Vini, Domenico Zonin, grida allo scandalo. Fondamentale capire le ragioni di questa incapacità di utilizzo


Promozione ocm: le Regioni
Gli addetti ai lavori lo sapevano già da un po’, purtroppo, ma non per questo non si può non rimanere delusi (è un eufemismo), dei quasi 17 milioni di euro di Fondi che le Regioni non sono state in grado di utilizzare per la promozione prevista nell’ambito dell’ocm vino. Se a questi si aggiungono i 16 non erogati nel 2013 la somma ci porta da un preoccupante 33 milioni di euro.
Cifra che ha portato il presidente di Unione Italiana Vini, Domenico Zonin, a gridare allo scandalo perché si tratta di risorse preziose per un comparto che anche grazie ai fondi ocm è riuscito a fare "un balzo del 32% dell’export in tre anni", ha scritto Zonin in un editoriale sul Corriere Vinicolo. Risorse non utilizzate, ha aggiunto Zonin per "inefficienze burocratiche, miopie localistiche e anche, riconosciamolo, per caratteristiche oggettive del sistema imprenditoriale italiano". Tutte ragioni che portano il presidente della maggiore organizzazione del sistema vitivinicolo italiano a richiedere una diversa ripartizione dei fondi aumentando la quota nazionale (che oggi è al 30% del totale assegnato al nostro Paese, contro il 70% nelle mani delle Regioni): "aumentare la quota di risorse nazionali aiuterebbe, e di molto, gli investimenti all’export: perché sarebbe un plafond attingibile da tutte le imprese italiane, assegnato in base a parametri relativi alla capacità di spesa e all’efficacia dell’investimento che sono, evidentemente, criteri più sensati rispetto alla semplice appartenenza geografica. E la distribuzione delle risorse sul territorio nazionale premierebbe il valore competitivo delle aziende e non il peso politico del singolo assessore, o la rispondenza ad astratti parametri economici la cui inefficacia, in questo caso, è stata ampiamente dimostrata".
Concordiamo in pieno con le valutazioni di Zonin e ci permettiamo di aggiungere anche altre nostre osservazioni.
Innanzitutto vorremmo avere dal mondo del vino italiano maggiore attenzione al tema delle risorse per la promozione perché inutile pretendere "sensibilità" da parte delle istituzioni pubbliche se per prime le aziende non fanno sentire di più la loro voce. Soprattutto la voce di quelle aziende presenti nelle Regioni apparentemente meno interessate all’utilizzo dei fondi ocm (Puglia, Abruzzo, Campania, Sardegna, Provincia autonoma di Trento, tanto per citare i casi più eclatanti).
E’ indispensabile capire se le ragioni di questo "scarso" utilizzo sono veramente da ascrivere tutte alla burocrazia, alla "pigrizia" regionale, o veramente non vi è interesse da parte delle imprese. Noi dal nostro osservatorio captiamo numerose sensazioni e non neghiamo che talvolta abbiamo la sensazione che le difficoltà di certe Regioni ad utilizzare appieno le risorse siano direttamente proporzionali alle difficoltà delle loro imprese. Zonin giustamente sottolinea le differenze tra imprese nel nostro Paese ma forse è arrivato il tempo di capire meglio se non è necessario aiutare alcune realtà produttive magari più pronte ad utilizzare risorse che potrebbero rivelarsi strategiche per il loro futuro.
Ma vi è anche la sensazione che vi sia veramente un comportamento differenziato tra le diverse Regioni nel rendere disponibili queste risorse e nell’analizzare i progetti proposti.
In questa direzione Unione Italiana Vini, che fin dall’inizio è coinvolta nella progettazione ocm promozione potrebbe essere un osservatorio privilegiato per indicare la via burocratica migliore per omologare il comportamento delle Regioni al fine di evitare pericolose sperequazioni.
Infine, questa perdita di risorse ci fa tornare per l’ennesima volta sul tema della promozione collettiva. Noi siamo sempre piĂą convinti che per alcune regioni, alcuni territori, alcune denominazioni - dove magari la frammentazione delle imprese è ancor piĂą forte, dove non sempre vi sono aziende traino â€" la via della promozione collettiva, capace di aggregare le aziende, di consentire economie di scala piĂą coerenti con i diversi modelli produttivi sia indispensabile e vada agevolata il piĂą possibile.
Perché è vero che le risorse devono andare il più possibile nelle mani di chi è in grado di utilizzarle al meglio ma è altrettanto vero che devono servire anche per costruire un sistema del vino Italia capace di stare più unito e dove grandi, medi, piccoli, industriali, commercianti o cooperatori si muovano nell’interesse comune di valorizzazione del vino italiano nel mondo.
Secondo noi ci sono ancora molte aziende pronte sulla porta dell’export e capaci di dare ancor più voce nel mondo alle denominazioni italiane, cerchiamo di agevolare anche questo processo di inclusione.
E su quest’ultimo fronte la capacità di ascolto dei fabbisogni delle imprese da parte degli enti pubblici è fondamentale e la formazione è una chiave indispensabile.
Pensare di giocare la carta solo di alcune imprese italiane nel mondo è miope, non far sentire la voce di alcune importanti regioni produttive sui mercati internazionali è un errore che ci priverebbe di valori identitari preziosi capaci di esaltare ancor di più il nostro made in Italy enologico.
Promozione ocm: le Regioni

Assegnazioni e rimodulazioni 2014 da parte delle Regioni - fonte Corriere Vinicolo


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona
venerdi 18 ottobre 2019

L’epoca delle contaminazioni

L’intervento del Direttore Fabio Piccoli ad un incontro dedicato al futuro dei giovani nel mondo del vino, promosso da Univerò, il Ferstival del Placement dell’Università degli Studi di Verona

Noemi Mengo
La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese venerdi 18 ottobre 2019

Ora il Pinot Grigio deve parlare anche italiano

La salvaguardia del successo del Pinot Grigio passa anche attraverso una maggiore reputazione e diffusione sul mercato del nostro Paese

Fabio Piccoli
Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto. 
giovedi 17 ottobre 2019

Lo Champagne e i suoi trend: facciamo il punto

Un quadro composito, ricco di sfumature, armonie e contrasti. Jancis Robinson racconta così a Modena Champagne Experience la lenta rivoluzione in atto.

Giovanna Romeo
Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week giovedi 17 ottobre 2019

Milano Wine Week: nuove generazioni del vino italiano protagoniste al Wine Generation Forum

Oltre 100 professionisti del mondo del vino riuniti per il Wine Generation Forum (WGF) a Milano Wine Week

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5. 
giovedi 17 ottobre 2019

5 punti per osservare il mondo del vino che cambia

Secondo Wine Intelligence, ci sono 10 fattori d’impatto sullo scenario mondiale del settore vitivinicolo. Abbiamo selezionato per voi i nostri Top 5.

Noemi Mengo
Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono mercoledi 16 ottobre 2019

La meraviglia del vino, nasce la "Guida alle Cantine" Made in Piedmont

Una guida dedicata agli enoturisti che vogliono mettere al centro della loro esperienza l’incontro diretto con il vino, i luoghi, e le persone che lo producono

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale mercoledi 16 ottobre 2019

Cresce la domanda di Prosecco biologico

Il Consorzio di Tutela della DOC Prosecco sblocca la quota bio della riserva vendemmiale

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi
mercoledi 16 ottobre 2019

Italian wines in the world: Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

Abbiamo degustato per voi il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG Extra Dry dell'Azienda Agricola Tomasi

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.  
mercoledi 16 ottobre 2019

10 anni dalla crisi: come è cambiata l’Europa del vino?

A circa dieci anni dalla crisi finanziaria che ha messo in ginocchio l’Unione Europea, IWSR ci aggiorna sul cambiamento delle abitudini di consumo del vino dei Paesi europei.

Noemi Mengo
Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager? martedi 15 ottobre 2019

Chi piĂą spende piĂą guadagna

Risorse Umane: chi decide la retribuzione corretta per un manager?

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry tuesday 15 october 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

We have tasted for you Azienda Agricola Vigna Belvedere's Najma Prosecco Doc Extra Dry

Giovanna Romeo
Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietĂ  caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale. lunedi 14 ottobre 2019

Sognando di fare vino. Noroc!

Viaggiare in Moldavia alla scoperta di piccole cantine e produttori che con cura e attitudine lavorano vitigni autoctoni, varietĂ  caucasiche e internazionali perfettamente adattate al terroir locale.

Giovanna Romeo
All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo? lunedi 14 ottobre 2019

Il vino italiano sarĂ  il meno colpito dai dazi USA

All'alba della sentenza WTO che autorizza gli USA ad applicare dazi per 7,5 miliardi di dollari sull'import UE, quali saranno le sorti del vino italiano ed europeo?

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere sabato 12 ottobre 2019

Italian wines in the world: Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Abbiamo degustato per voi il Najma Prosecco Doc Extra Dry dell'Azienda Agricola Vigna Belvedere

Giovanna Romeo
Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo. sabato 12 ottobre 2019

Neuromarketing: anche l'occhio vuole la sua parte

Le infinite possibilità del neuromarketing abbracciano i nostri 5 sensi, preziosi indicatori di cosa ci piace e di come scegliamo cosa acquistare. La vista, fra tutti, è quello da soddisfare per primo.

Noemi Mengo
La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La terza edizione della Scuola degli Imprenditori

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti
venerdi 11 ottobre 2019

Le sfide difficili dei mercati emergenti

Riflessioni finali sulle nostre recenti tappe in Corea del Sud e Vietnam, due mercati emergenti che per essere “sfruttati” devono essere affrontati con dei precisi requisiti

Fabio Piccoli


sfondo_wm