Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/
mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale


Eccoci all’aeroporto di Düsseldorf dopo una tre giorni intensa al Prowein. Scriviamo a caldo le nostre impressioni coscienti che solo dopo qualche giorno, magari qualche settimana, si è più in grado di analisi maggiormente dettagliate e profonde.
La prima impressione è una conferma e cioè che il Prowein rappresenta la più importante “piazza” commerciale del vino nel mondo.
Lo testimoniano prima di tutto gli oltre 7.000 espositori provenienti da più di 60 Paesi. Un numero impressionante e, almeno stando alle parole degli organizzatori, il futuro sarà ancor più “numeroso” con la realizzazione per il 2021 di un altro padiglione. Vi è, infatti, una lista d’attesa ancora molto lunga che gli organizzatori del Prowein vogliono soddisfare.
Come già abbiamo scritto a commento delle ultime edizioni i grandi numeri di Prowein determinano anche una serie di problematiche a partire da quelle logistiche e quelle della connettività.
Ormai pensiamo di interpretare anche il pensiero di gran parte degli espositori affermando che è finita da tempo l’epoca in cui si diceva:"Al Prowein tutto funziona al meglio, altro che Vinitaly”. Anzi, non vogliamo essere partigiani ma dal punto di vista “logistico” sono forse stati di più gli sforzi degli organizzatori veronesi in questi ultimi anni rispetto agli amici tedeschi.
Di fatto solo adesso che siamo all’aeroporto il nostro smartphone ha ripreso a ricevere whatsapp e mail. In fiera se non avevi programmato bene i tuoi appuntamenti eri letteralmente perso.
E riguardo agli appuntamenti viene una seconda doverosa osservazione. Prowein si conferma, qualora vi fosse ancora qualche dubbio, una fiera dove l’agenda appuntamenti deve essere rigorosamente preparata e completata prima di entrare in fiera. Ormai la probabilità che qualche appuntamento non previsto si realizzi è vicina allo zero. È più facile vincere al superenalotto.
Questa riflessione porta ad un’altra inevitabile considerazione: tra le oltre 1.700 aziende italiane presenti, a nostro modesto parere, ve ne sono ancora troppe non preparate per questo evento. Capiamo l’attrattività del Prowein ma arrivare a Düsseldorf con un’agenda semivuota è un azzardo pericoloso. Sentire ancora quest’anno qualche azienda lamentarsi di aver incontrato pochi buyer è sintomo di qualcosa che non funziona e non pensiamo che la responsabilità vada ricercata tra gli organizzatori.
Se dovessimo dare responsabilità a chi organizza Prowein è fargli riflettere, sappiamo che non è facile, che più espositori accetteranno più problematiche nasceranno anche perché se l’obiettivo, giustamente, è quello di avere visitatori altamente profilati i numeri saranno giustamente e inevitabilmente sempre ridotti.
Sul fronte visitatori, anche se il numero ufficiale non è stato ancora diffuso, si parla di circa 60.000 presenze, forse qualcosa di meno rispetto alle ultime edizioni. Il calo, almeno dai rumors raccolti, sembra da ascrivere a una minor presenza proprio dei buyer tedeschi impegnati a recuperare quote sul proprio mercato al momento non proprio al massimo.
Buone comunque le presenza di buyer nordamericani (in particolare dal Canada presente anche con i rappresentanti dei monopoli al completo) e, in generale di tutta l’Europa, da quella del nord e ampia quella dell’est europeo, sempre più dinamica.
Concludendo questa prima parte di osservazioni ci verrebbe da fare un’ultima annotazione, anche questa un leitmotiv dei nostri commenti a queste ultime edizioni del Prowein.
Non vogliamo assolutamente essere provocatori ma stimolare una riflessione serena: una fiera come il Prowein non si presta ad azioni di comunicazione “educativa”. Le degustazioni, infatti, sono in gran parte poco e “mal” frequentate. Il Prowein è una manifestazione dedicata in gran parte, se non del tutto, al business. Le aree maggiormente frequentate sono quelle o degli importatori che presentano i loro clienti o delle collettive “eterogenee”.
Sono due aspetti, quest’ultimi, che portano a fare una riflessione: ha ancora senso una presenza “consortile” o “regionale”? Siamo perfettamente consci che queste entità consentono la partecipazione, quasi sempre, di piccole e medie realtà produttive a costi più sostenibili. Ma questo significa anche creare aree ad alta concorrenza interna. Noi propendiamo per la costruzione di collettive tra produttori di territori complementari, meglio se con identità e filosofie produttive coerenti. Ma questa è una nostra modestissima opinione che sottoponiamo ai nostri lettori.
E veniamo alla parte finale dei nostri commenti a Prowein 2019. È una fiera che chiunque abbia a che fare con il mondo del vino non può disertare, almeno ogni due anni, perché è il luogo ideale per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello internazionale.
Si tratta, insomma, di una fiera anche dal forte valore didattico che a noi insegna ogni volta molte cose.
La prima che i competitor non solo stanno crescendo in termini numerici ma anche sul fronte dell’identità produttiva. Qui i commenti sarebbero tantissimi e noi ci limitiamo a sintetizzarli in un tema che ci sta particolarmente a cuore: la produzione vitivinicola a livello mondiale è sempre più orientata alle espressioni territoriali, anche quella del nuovo mondo che fino ad alcuni anni fa sembrava solo “stilistica” e “standardizzata”. A questo proposito facciamo solo un esempio, la Nuova Zelanda. Chi ha avuto la fortuna di degustare non solo i “noti” Sauvignon di questo Paese ma anche i Pinot Grigio, ebbene sì, si è reso conto di cosa significa marcare con l’impronta del territorio vini cosiddetti ubiquitari.
Ci ha fatto effetto, su questo fronte, vedere come per certi aspetti l’Italia oggi si allontani dai territori di origine, spesso con vini più “costruiti” e altri Paesi produttori si stiano invece sempre più “territorializzando”.
Vorrà dire qualcosa?

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)
martedi 16 aprile

Il Prosecco guida il boom degli sparkling anche negli Usa

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)

Fabio Piccoli
Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali
lunedi 15 aprile

Pinot Grigio, esiste uno stile italiano?

Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste. lunedi 15 aprile

Le Donne del Vino delle Marche protagoniste a Vinitaly 2019

Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste.

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero lunedi 15 aprile

Gotto D'oro a Vinitaly: Vinea Domini mostra il suo lato Nobile alla Roma Stellata

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico saturday 13 april

Italian wines in the world: Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone sabato 13 aprile

Italian wines in the world: San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi venerdi 12 aprile

Allarme “riconoscibilità origine” anche negli Usa

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi

Fabio Piccoli


sfondo_wm