Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca

Prowein sempre più vetrina mondiale del vino

Grande affluenza alla prima giornata del Prowein che conferma la sua internazionalità ma anche il crescente peso dell’Italia, forse troppo?


Prowein sempre più vetrina mondiale del vino
Tanta affluenza a questo primo giorno del Prowein che ancora una volta ha confermato con i suoi circa 6.500 espositori provenienti da 70 diversi Paesi la sua natura assolutamente “internazionale”.
Ormai non c’è nessun dubbio se vuoi avere uno spaccato di come oggi è rappresentato il vino a livello mondiale non si può non venire al Prowein di Dusseldorf.
Commenteremo alla fine di questa tre giorni (a proposito si parla che il prossimo anno la fiera si allungherà di un giorno ma ancora non vi sono certezze) punti di forza e di debolezza della manifestazione che oggi si è aperta ancora una volta all’insegna dell’Italia che si è presentata a Prowein con il maggior numero di espositori (1.600), molti dei quali alla loro prima edizione dell’importante rassegna enologia tedesca.
Ed è proprio da qui che vogliamo partire. Tanti espositori italiani alcuni dei quali già stamattina ci esternavano le loro grandi aspettative. Chiederemo agli stessi alla fine della manifestazione se queste aspettative sono state soddisfatte. Oggi ci permettiamo di esprimere qualche dubbio perché alcune realtà, a nostro parere, sono tuttoggi poco strutturate per poter gestire non solo un evento internazionale di questo peso ma anche, e soprattutto, i processi di internazionalizzazione.
Non vogliamo portare acqua al mulino di Wine Meridian che fin dalla sua nascita ha investito fortemente sul tema delle risorse umane ma è sempre più chiaro che senza le competenze adeguate i mercati internazionali rischiano di diventare delle “sabbie mobili” più che delle vere opportunità.
Anche i primi feedback ricevuti dagli importatori presenti, tedeschi in primis, raccontano di un’Italia del vino straordinaria ma anche di aziende che spesso hanno aspettative spropositate rispetto alle reali opportunità. E soprattutto non coscienti di cosa significa oggi costruire una notorietà di un brand su un mercato internazionale.
E anche la stessa Germania continua ad evidenziare evoluzioni che non è semplice monitorare e decifrare per le aziende poco strutturate e organizzate.
Un mercato che nel 2016 ha registrato una flessione dell’1,7% nei confronti del vino italiano che comunque qui detiene una quota di mercato del 36,4% con un fatturato finale di 886 milioni di euro.
Secondo le indicazioni fornite dall’Italian Trade Agency è ancora il buon rapporto tra qualità/prezzo la chiave di successo e accesso sul mercato tedesco. La domanda che bisogna porsi è se le imprese del vino italiano siano disponibili a “sacrificare” sul fronte del prezzo la propria presenza su questo mercato.
I dati 2016 parlano di un prezzo medio di 2,86 euro/litro del vino italiano importato in Germania. Peggio di noi solo la Spagna che lo scorso anno si è “accontentata” di un misero 2,55 euro/litro.
Ma questi dati non devono ingannare perché è indubbio che oltre allo strapotere della gdo tedesca, in particolare i cosiddetti hard discount (Aldi e Lidl in primis) vi sia anche in Germania un horeca probabilmente oggi molto più pronta per alzare il livello del posizionamento dei nostri vini su questo mercato.
“Ma bisogna avere molti più distributori nelle diverse città tedesche, per non essere strozzati dai soliti noti spesso oggi anche infedeli”, ci raccontava un bravo produttore della Valpolicella stamattina tra gli stand affollati di Prowein.
Ma su questo torneremo domani.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian