Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
lunedi 29 maggio 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC Apollonio www.farinatransparency.com HKIWSC IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi winethics Wine2Digital Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie WineNet

Prowein sempre più vetrina mondiale del vino

Grande affluenza alla prima giornata del Prowein che conferma la sua internazionalità ma anche il crescente peso dell’Italia, forse troppo?


Prowein sempre più vetrina mondiale del vino
Tanta affluenza a questo primo giorno del Prowein che ancora una volta ha confermato con i suoi circa 6.500 espositori provenienti da 70 diversi Paesi la sua natura assolutamente “internazionale”.
Ormai non c’è nessun dubbio se vuoi avere uno spaccato di come oggi è rappresentato il vino a livello mondiale non si può non venire al Prowein di Dusseldorf.
Commenteremo alla fine di questa tre giorni (a proposito si parla che il prossimo anno la fiera si allungherà di un giorno ma ancora non vi sono certezze) punti di forza e di debolezza della manifestazione che oggi si è aperta ancora una volta all’insegna dell’Italia che si è presentata a Prowein con il maggior numero di espositori (1.600), molti dei quali alla loro prima edizione dell’importante rassegna enologia tedesca.
Ed è proprio da qui che vogliamo partire. Tanti espositori italiani alcuni dei quali già stamattina ci esternavano le loro grandi aspettative. Chiederemo agli stessi alla fine della manifestazione se queste aspettative sono state soddisfatte. Oggi ci permettiamo di esprimere qualche dubbio perché alcune realtà, a nostro parere, sono tuttoggi poco strutturate per poter gestire non solo un evento internazionale di questo peso ma anche, e soprattutto, i processi di internazionalizzazione.
Non vogliamo portare acqua al mulino di Wine Meridian che fin dalla sua nascita ha investito fortemente sul tema delle risorse umane ma è sempre più chiaro che senza le competenze adeguate i mercati internazionali rischiano di diventare delle “sabbie mobili” più che delle vere opportunità.
Anche i primi feedback ricevuti dagli importatori presenti, tedeschi in primis, raccontano di un’Italia del vino straordinaria ma anche di aziende che spesso hanno aspettative spropositate rispetto alle reali opportunità. E soprattutto non coscienti di cosa significa oggi costruire una notorietà di un brand su un mercato internazionale.
E anche la stessa Germania continua ad evidenziare evoluzioni che non è semplice monitorare e decifrare per le aziende poco strutturate e organizzate.
Un mercato che nel 2016 ha registrato una flessione dell’1,7% nei confronti del vino italiano che comunque qui detiene una quota di mercato del 36,4% con un fatturato finale di 886 milioni di euro.
Secondo le indicazioni fornite dall’Italian Trade Agency è ancora il buon rapporto tra qualità/prezzo la chiave di successo e accesso sul mercato tedesco. La domanda che bisogna porsi è se le imprese del vino italiano siano disponibili a “sacrificare” sul fronte del prezzo la propria presenza su questo mercato.
I dati 2016 parlano di un prezzo medio di 2,86 euro/litro del vino italiano importato in Germania. Peggio di noi solo la Spagna che lo scorso anno si è “accontentata” di un misero 2,55 euro/litro.
Ma questi dati non devono ingannare perché è indubbio che oltre allo strapotere della gdo tedesca, in particolare i cosiddetti hard discount (Aldi e Lidl in primis) vi sia anche in Germania un horeca probabilmente oggi molto più pronta per alzare il livello del posizionamento dei nostri vini su questo mercato.
“Ma bisogna avere molti più distributori nelle diverse città tedesche, per non essere strozzati dai soliti noti spesso oggi anche infedeli”, ci raccontava un bravo produttore della Valpolicella stamattina tra gli stand affollati di Prowein.
Ma su questo torneremo domani.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Continua la rubrica lunedi 29 maggio

Il complicato sistema americano del Three Tier System

Continua la rubrica "legale" applicata al mondo del vino con gli esperti dello Studio Legale Withers

L’ultimo rapporto Istat sul consumo di alcolici ha evidenziato ancora una volta l’aumento dei consumatori saltuari che rappresentano oltre il 53% dei consumatori di vino del nostro Paese. In crescita costante anche il consumo fuori pasto. Cosa implica tutto questo per la nostra filiera vitivinicola?

Il consumo del vino in Italia sempre più saltuario e fuori pasto

L’ultimo rapporto Istat sul consumo di alcolici ha evidenziato ancora una volta l’aumento dei consumatori saltuari che rappresentano oltre il 53% dei consumatori di vino del nostro Paese. In crescita costante anche il consumo fuori pasto. Cosa implica tutto questo per la nostra filiera vitivinicola?

Fabio Piccoli
Il pensiero coraggioso, talvolta rivoluzionario, quasi sempre in controtendenza, di Claudio Farina, titolare di una delle aziende più storiche della Valpolicella

Il mercato del vino visto da Claudio Farina

Il pensiero coraggioso, talvolta rivoluzionario, quasi sempre in controtendenza, di Claudio Farina, titolare di una delle aziende più storiche della Valpolicella

Fabio Piccoli
Focus sulla degustazione di più di 80 vini e la loro importanza nei diversi mercati internazionali giovedi 25 maggio

Aperte le iscrizioni al corso di WSET livello 3

Focus sulla degustazione di più di 80 vini e la loro importanza nei diversi mercati internazionali

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing

Tutto quello che sai sul vino è sbagliato

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing

Fabio Piccoli
Come rendere efficace la vostra promozione grazie agli strumenti di Wine Meridian mercoledi 24 maggio

Quattro buone ragioni per scegliere la promozione su Wine Meridian

Come rendere efficace la vostra promozione grazie agli strumenti di Wine Meridian

L’intervista a Marino Braccu, Sommelier e General Manager del ristorante tristellato 8½ Otto e Mezzo BOMBANA di Hong Kong. martedi 23 maggio

“Tipicità e qualità” fanno rima con “alta cucina”

L’intervista a Marino Braccu, Sommelier e General Manager del ristorante tristellato 8½ Otto e Mezzo BOMBANA di Hong Kong.

Dal 26 al 28 maggio in Maremma 3 giorni per addetti ai lavori, istituzioni e  pubblico generico per un confronto di saperi e sapori lunedi 22 maggio

Maremma Toscana Meets Bordeaux: Forum Invention Talent in Open World

Dal 26 al 28 maggio in Maremma 3 giorni per addetti ai lavori, istituzioni e pubblico generico per un confronto di saperi e sapori

Come le nuove tecnologie posso aiutarci a conoscere il cliente, a vendere di più e meglio? lunedi 22 maggio

Siamo ancora troppo indietro rispetto alle nuove frontiere del digitale

Come le nuove tecnologie posso aiutarci a conoscere il cliente, a vendere di più e meglio?

Alice Alberti
We tasted for you Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma from Alghero, Sardinia

Italian Wines in the World: Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma

We tasted for you Le Bombarde Cannonau di Sardegna doc 2015 by Cantina Santa Maria La Palma from Alghero, Sardinia

Dai primi risultati della nostra indagine sui fabbisogni in risorse umane delle aziende vitivinicole italiane, presentata a Wine2Digital,  emerge come la gran parte di esse (oltre il 70%) dichiara di avere bisogno di aumentare la propria struttura ma questa necessità è spesso rallentata soprattutto da investimenti in altre aree tecniche dell’impresa
venerdi 19 maggio

Quasi tutti sono alla ricerca di risorse umane ma…..

Dai primi risultati della nostra indagine sui fabbisogni in risorse umane delle aziende vitivinicole italiane, presentata a Wine2Digital, emerge come la gran parte di esse (oltre il 70%) dichiara di avere bisogno di aumentare la propria struttura ma questa necessità è spesso rallentata soprattutto da investimenti in altre aree tecniche dell’impresa

Fabio Piccoli


WineMeridian