Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it
mercoledi 13 settembre

Quale il futuro del vino sfuso nel mondo?

L'opinione di Otilia Romero de Condés, direttore della World Bulk Wine Exhibition, ad Amsterdam il 20 e 21 novembre 2017


Quale il futuro del vino sfuso nel mondo?

Otilia Romero de Condés


Qual è lo scenario attuale mondiale del vino sfuso?
Negli ultimi anni il vino sfuso occupa, a livello mondiale, circa il 38% del volume totale delle vendite che, nel 2016, è salito a 38,25 milioni di ettolitri, per un valore di 2.800 milioni di euro, pari al 10% del valore totale del vino esportato. La tendenza per il 2017, in cui i volumi di offerta diminuiscono, è che la quantità venduta sia minore ma abbia un prezzo più elevato, viste le prospettive della vendemmia di quest’anno. Questa tendenza fa dell’edizione della WBWE di quest’anno, un punto di incontro di vitale importanza per i professionisti che vogliono ottenere un miglior prezzo dell’uva, una maggiore quotazione per la loro vendemmia e un migliore futuro per i loro vini. 
E per quanto riguarda il vino sfuso italiano?

La situazione attuale in Italia é incerta; i produttori sono preoccupati perché le vendemmie saranno inferiori rispetto ad altri anni. Nello stesso tempo, il fatto che questa diminuzione dei raccolti stia coinvolgendo anche altri grandi Paesi produttori come la Spagna e la Francia, fa intravedere nuove opportunità di affari per cui occorre prestare molta attenzione. Nello stesso tempo, i produttori stanno già parlando della grande qualità del vino di questa vendemmia; qualità che, unita alla diminuzione della produzione, potrebbe essere un’opportunità per aumentare i prezzi e per cercare nuovi mercati. Quindi, insieme all’incertezza, c’é anche un certo ottimismo per le nuove possibilità che si prospettano.

Quando e perché è nata la World Bulk Wine Exhibition?

La «World Bulk Wine Exhibition» è nata per colmare un vuoto e per dare visibilità a un settore così importante come quello del vino sfuso. Così si è costituita la prima Fiera a livello mondiale dedicata ai professionisti del vino sfuso, la «World Bulk Wine Exhibition». Si tratta di una manifestazione durante la quale, in soli due giorni, si possono ottenere le migliori operazioni commerciali dell’anno. Prima del 2009, anno in cui è stata ideata, non esisteva niente di simile al mondo.

Quali vini vengono ammessi al concorso e in fiera?

La «World Bulk Wine Exhibition» é una manifestazione creata per tutti i professionisti del mercato del vino sfuso del mondo ed è una occasione unica per favorire l’incontro tra produttori di vino sfuso, commercianti, sponsor, distributori, grossisti, brokers, compratori, agenti, responsabili di acquisti della grande distribuzione, catene di supermercati, etc.
Il concorso (per iscriversi qui), annesso alla manifestazione, è una delle iniziative più appassionanti nate nell’ambito della fiera, ed è l’unico concorso a livello mondiale nato con lo scopo di valutare i migliori vini sfusi del mondo. Il suo prestigio é garantito da una giuria composta da circa venti autorevoli professionisti provenienti da 17 diversi Paesi dei 5 continenti. L’«International Bulk Wine Competition» osserva le norme della OIV.
 
Quali sono le novità di quest’anno?
La WBWE si è evoluta di anno in anno. Questo significa che non solo offre un luogo privilegiato dove concludere affari, ma anche una serie di strumenti appositamente pensati per potenziare il rendimento dei professionisti del settore come, ad esempio, «The Vine», una delle piattaforme che dipendono dalla WBWE che ogni anno acquista sempre più forza e che offre un luogo dentro la fiera stessa a tutti i prodotti che derivano dalla vigna e che non sono vino.
Senza dubbio la maggiore novità di questa edizione consiste nel «The Bulk Wine Club», un’idea originale sviluppata dall’organizzazione con l’obbiettivo di diventare il maggiore forum per professionisti dell’industria. «The Bulk Wine Club» è un Club nato per l’incontro, l’informazione e il business del vino sfuso, oltre che di un forum informativo affinché i nostri soci dispongano di un accesso diretto, in tempo reale, a tutto ciò che riguarda il nostro settore in tutto il mondo: dati di vendita, prezzi, flussi commerciali e tendenze.
L’altra grande novità é la creazione del programma master «The art of Blending Wine», costituto da laboratori e da lezioni impartite da esperti di fama internazionale che mostreranno in modo pratico come lavorano nell’arte del coupage.


http://www.worldbulkwine.com/ing/inicio.php


Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino