Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 18 ottobre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio
venerdi 06 ottobre

Quando il cinema fa bene al vino

Abbiamo visto in anteprima “Ritorno in Borgogna” del regista Cédric Klapish, un esempio eccellente di come si può costruire una storia dove il vino è sempre presente senza essere il protagonista, come nella vita reale


Quando il cinema fa bene al vino
Abbiamo avuto la fortuna di vedere in anteprima “Ritorno in Borgogna”, l’ultimo film del regista Cédric Klapish (diventato famoso in particolare con il film “L’appartamento spagnolo”).
Il film (che uscirà nelle sale in Italia il prossimo 19 ottobre) ci è piaciuto molto, abbiamo riso e pianto, ma non è di questo che vogliamo scrivere, anche perché non siamo critici cinematografici e lo abbiamo voluto guardare anche con l’occhio del “comunicatore di vino”.
E’ un film che, dal nostro punto di vista, è riuscito a non cadere, come spesso è accaduto nel passato, nei soliti stereotipi legati al mondo del vino. Il vino, la vigna, il territorio di produzione (la mitica Borgogna) sono presenti, ovviamente, ma mai in maniera invadente, banale.
Sono un sottofondo costante ma che consente ai tre fratelli protagonisti del film di parlarsi e, soprattutto, di ascoltarsi.
Di ascoltare la propria terra, innanzitutto. Una terra ereditata da genitori che non ci sono più, che avevano visioni diverse dalle loro ma che hanno lasciato loro un qualcosa che va ben aldilà di una proprietà, di semplice denaro.
Uno straordinario riferimento quello che Kaplish fa al complesso tema del cambio generazionale nel mondo del vino. Lo fa con leggerezza ma senza mai cadere nella superficialità.
Non è facile ereditare la terra, la vigna, la cantina e tutto ciò che ne consegue. Lo sanno bene quei numerosi giovani che incontriamo spesso nel nostro vagare per cantine e che si trovano oggi alle prese con aziende che non hanno costruito loro ma alle quali vorrebbero dare la propria impronta.
Ma la terra, la vigna nel film di Kaplish rappresenta anche una straordinaria metafora della vita:”Solo lavorando la terra ti rendi conto di appartenerle”, così pensa Jean, il fratello maggiore, rientrato in Borgogna dopo dieci anni di lontananza.
Ma quello di Kaplish è anche un film sulla riappacificazione rispetto al passato e nulla meglio del vino consente di parlare di “tempo” e del “tempo”.
A questo riguardo molto indicativo quello che dice il fratello maggiore alla propria compagna con la quale condivide la proprietà di un’azienda vitivinicola in Australia: “Qui (in Borgogna ndr) non si fa vino per i prossimi due anni, ma per dieci, vent’anni. In Australia, invece, tutto deve essere giovane”.
Ma ancor più paradigmatica la risposta del vecchio collaboratore al possibile rischio di vedere l’azienda per la quale ha lavorato per decenni venduta ad altri:”Non guardo il meteo oltre i tre giorni”.
Una eccellente esemplificazione di come la terra ti costringa a vivere sempre il presente.
C’è poi il vino, questo straordinario liquido capace di raccontare storie e di avvicinare le persone come poche altre bevande, anzi come nessun’altra.
Il vino riunisce i tre fratelli (a questo proposito forse più corretto il titolo originale “Ce qui nous lie”, ciò che ci unisce), li obbliga a confrontarsi tra loro, li costringe a crescere, ad essere onesti e realisti. Li spinge ad esprimere le proprie visioni, di fare i conti con le visioni di chi li ha preceduti ma anche con i competitor del proprio territorio.
Su quest’ultimo aspetto Kaplish fa una scelta molto precisa enfatizzando la scelta “biodinamica” dei tre fratelli, ma lo fa senza esasperazioni ideologiche ma semplicemente come una inevitabile espressione di chi vuole una terra più pulita, migliore di quella che hanno ereditato.
“Guarda che anche tuo padre spruzzava il Cimoxanil quando il rischio della muffa era elevato come quest’anno”, dice un vicino produttore a Jean. “Ma io non sono mio padre”, l’inevitabile risposta.
Ma il vino è presente anche come espressione della personalità di chi lo produce. E Juliet, la sorella enologa, sceglie la propria via per esprimersi nei suoi vini e dopo la prima annata tutta sua i due fratelli commentano “Sono vini come lei, come il suo carattere…”.
Anche questa è una grande verità del vino e bravo a Kaplish per averla fatta emergere senza retorica.
Ma alla fine è l’amore il vero filo conduttore.
“Ma l’amore" - dice Jean alla sua compagna per farle capire come lui sia cambiato nel tempo - " è come il vino, serve tempo. Deve fermentare”.
Il film si conclude così come è iniziato, in mezzo ad un vigneto, tre fratelli ad assaggiare l’uva per capire quando è il giorno giusto per iniziare la vendemmia.
“Martedì?”, i tre fratelli si guardano, sorridono e annuiscono.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

Il vino italiano alla conquista della British Columbia

Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social? martedi 17 ottobre

3 modi per trasformare il vostro vino in "instagrammabile"!

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social?

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing
Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Parte da Calgary il Wine Meridian Canada e Usa Tour

Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Fabio Piccoli
Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Percezioni migliori quando il tappo è di sughero

Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Francesco Piccoli
We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.
saturday 14 october

Italian Wines in The World: Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016

We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Il vino italiano perde quota negli Usa, tutta colpa dell’ocm?

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Fabio Piccoli
L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione
venerdi 13 ottobre

La comunicazione del vino che abbiamo in mente

L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione

Fabio Piccoli
Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera. venerdi 13 ottobre

Aspettando Durello&Friends: il Durello a Hostaria Verona

Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera.

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Incendi drammatici devastano Napa e Sonoma Valley

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Fabio Piccoli
Giovedi 16 novembre  il corso focalizzato su export e marketing

Corso Export Manager: diventa un export manager di successo

Giovedi 16 novembre il corso focalizzato su export e marketing

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante. mercoledi 11 ottobre

6 regole di bon ton in Giappone

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante.

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti martedi 10 ottobre

Alla ricerca della mineralità

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti

Agnese Ceschi
Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Semplificare la comunicazione del vino senza banalizzare

Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Francesco Piccoli
Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale

Quando comprare il vino è come acquistare in Borsa

Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale



WineMeridian