Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
mercoledi 20 febbraio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos italian wine academy Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura Tommasi WineNet

Quando la pubblicità del Prosecco fa riflettere

Due pagine pubblicitarie dedicate al Prosecco di due importanti aziende italiane fanno riflettere sulla comunicazione del nostro best seller sui mercati internazionali


Quando la pubblicità del Prosecco fa riflettere
Negli ultimi numeri di Wine Spectator sono presenti due pagine pubblicitarie dedicate alla bollicina italiana più venduta nel mondo, il Prosecco.
Le due pagine presentano due brand molto noti dell’universo Prosecco, Bisol e Mionetto.
Nella pubblicità di Bisol viene utilizzato il pay off (slogan per i meno avvezzi ai termini di marketing) “Bisol, the Superiore of Prosecco” (Bisol, il Superiore del Prosecco), mentre su quella di Mionetto troviamo “Mionetto, more than just Prosecco” (Mionetto, più che solo Prosecco).
Riteniamo interessante analizzare queste due pagine pubblicitarie per diversi motivi. Il primo perché testimoniano concretamente il fabbisogno da parte delle imprese (e degli importatori in questo caso) di far percepire che esistono differenze qualitative all’interno del vasto universo del Prosecco.
Non può apparire una cosa così ovvia e scontata dal momento che per numerosi anni si è pensato che la forza di questa tipologia di vino fosse tutta all’interno proprio nel brand “Prosecco”.
Si è capito nel tempo che la sola differenziazione tra doc e docg non era sufficiente a fare emergere la piramide qualitativa del Prosecco e allora, ma questa è storia molto recente, si sta cercando di comunicare meglio la diversificazione che vi è all’interno della produzione del Prosecco.
A questo punto la domanda che dobbiamo porci è se le due pagine pubblicitarie proposte dalle due note aziende del Prosecco aiutino a dare una interpretazione corretta di questa diversificazione qualitativa della famosa bollicina italiana.
E’ chiaro, va premesso, che non è compito di un’azienda privata quello dell’educare trade e consumatori sui valori del brand territoriale, una responsabilità che sicuramente è più nelle mani dei Consorzi di tutela o di entità pubbliche di rappresentanza, ma è indubbio che le imprese hanno un peso determinante nella costruzione della reputazione di una denominazione, di una tipologia di vino.
Innanzitutto sia Bisol che Mionetto, limitandosi almeno alla visione delle loro pagine pubblicitarie, hanno capito che doc e docg non sono due strumenti utili a loro disposizione per evidenziare le loro peculiarità.
Bisol evoca in qualche misura, con il termine “Superiore”, la denominazione di appartenenza (Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg), ma si affida molto di più alla forza dell’immagine della ripida collina che fa da sfondo alla bottiglia.
Si è cercato, in questo caso, pertanto, di fare emergere il legame territoriale e, soprattutto la peculiarità anche paesaggistica del “Prosecco Superiore”.
Si può considerare una scelta azzeccata e soprattutto comprensibile ad un target molto lontano dall’Italia che in larga misura non ha chiara la suddivisione territoriale del Prosecco e tanto meno quella qualitativa? Se guardiamo questa pagina pubblicitaria di Bisol da sola potremmo considerarla sufficientemente efficace.
Le cose, però, si complicano se la visualizziamo in un contesto più allargato e, in questo caso, confrontandola con la pagina pubblicata sullo stesso numero di Wine Spectator da Mionetto.
Chiara la scelta di Mionetto di “stare lontano” dal territorio di produzione, stiamo parlando di Prosecco Treviso doc in questo caso, e di enfatizzare il concetto di convivialità, di piacere, di festa attraverso l’immagine di tre persone sorridenti (un giovane maschio tra due giovani donne) che brindano con una flute di Prosecco.
Molto interessante, in questo caso, però, la necessità dei creativi di Mionetto di enfatizzare (direbbero stressare gli esperti di marketing) il concetto che non si tratta di “solo” Prosecco. E in inglese il termine "just" è ancor più rafforzativo del nostro "solo".
Perché la necessità, allora, da parte di Mionetto di sottolineare in maniera così netta questo concetto? Sicuramente per le motivazioni che abbiamo evidenziato all’inizio di questo articolo e cioè la necessità oggi di far percepire maggiormente le diversità all’interno del mondo Prosecco.
Ma quale può essere il risultato della sovrapposizione di queste due pagine pubblicitarie agli occhi del consumatore americano? (nel caso di Wine Spectator parliamo soprattutto di trade ma non solo).
Dal nostro punto di vista un po’ di disorientamento che testimonia ancora una volta la necessità che aumenti l’attività di educazione a livello mondiale sui diversi valori del Prosecco.
Ne abbiamo scritto altre volte perché quotidianamente sperimentiamo su molti mercati internazionali l’ignoranza (nel senso dell’ignorare) rispetto alla piramide qualitativa del Prosecco.
La sensazione è che siamo già in ritardo rispetto all’attivazione di una comunicazione e una serie di azioni formative in grado di educare almeno il trade sulle diversificazioni produttive del Prosecco. Ma è indubbio che sia necessaria un’azione di questa natura e non si possa certo pretendere che sia la pubblicità ad assolvere questo compito.
Abbiamo voluto approfittare delle due pagine di Bisol e Mionetto per porre l’accento ancora una volta su questo importante aspetto che sarà sempre più strategico per garantire alla nostra più popolare bollicina la corretta reputazione e i giusti posizionamenti.

Quando la pubblicità del Prosecco fa riflettere
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori mercoledi 20 febbraio

Polonia: da mercato emergente ad economia in crescita

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori

Noemi Mengo
Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
mercoledi 20 febbraio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano martedi 19 febbraio

Offerta di Lavoro

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano martedi 19 febbraio

Benvenuto Brunello, la grande sfida tra passato e futuro

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano

Giovanna Romeo
Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere
martedi 19 febbraio

Live Wine 2019: a Milano la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano 
martedi 19 febbraio

Viaggio nel mondo della cooperazione e delle denominazioni

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo. martedi 19 febbraio

Perchè è cosi difficile vendere vino?

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo.

Roberta Zantedeschi
Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i lunedi 18 febbraio

Nuova Zelanda: l’educazione al vino italiano partendo dalla GDO

Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i "segreti" di questo piccolo ma interessante mercato del vino che presenta anche buone opportunità di sviluppo per le nostre imprese

Noemi Mengo
We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3 saturday 16 february

Italian wines in the world: Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis 
sabato 16 febbraio

Italian wines in the world: Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.
venerdi 15 febbraio

Innovazione in vigneto: la parola a chi ha accolto la sfida

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

AAA cultura di vendita cercasi

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

Fabio Piccoli
Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita
giovedi 14 febbraio

A Singapore dove il Prosecco fa recuperare quote all'Italia del vino

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita

Noemi Mengo
Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce
mercoledi 13 febbraio

Fascia premium e diversità le parole chiave della rinascita del vino australiano in Usa

Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce

Agnese Ceschi
Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo. mercoledi 13 febbraio

Partecipa al concorso "Il Meridiano del vino": Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo.

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Un libro per gli imprenditori del mondo del vino di oggi

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Roberta Zantedeschi
Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy

lunedi 11 febbraio

Uno sguardo all’interno di Italian Wine Academy

Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy



http://www.winemeridian.com/