Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 28 luglio 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com SWF MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet
venerdi 19 maggio

Quasi tutti sono alla ricerca di risorse umane ma…..

Dai primi risultati della nostra indagine sui fabbisogni in risorse umane delle aziende vitivinicole italiane, presentata a Wine2Digital, emerge come la gran parte di esse (oltre il 70%) dichiara di avere bisogno di aumentare la propria struttura ma questa necessità è spesso rallentata soprattutto da investimenti in altre aree tecniche dell’impresa


Quasi tutti sono alla ricerca di risorse umane ma…..

E’ da circa un anno che stiamo portando avanti una ricerca sui fabbisogni in risorse umane da parte delle aziende vitivinicole italiane. Come ormai i nostri lettori ben sanno fin dalla sua nascita Wine Meridian ha posto l’accento sull’importanza delle persone, delle competenze per sviluppare una adeguata imprenditorialità vitivinicola capace di rispondere alle complesse richieste attuali del mercato sia in Italia che all’estero.

Si tratta di una ricerca che per certi aspetti non può avere un fine visto le attuali evoluzioni dei mercati che hanno una velocità imprevedibile e spesso obbligano le aziende a numerosi adeguamenti lungo il loro percorso.

Ci è sembrato però interessante raccontare i risultati finora raccolti, frutto di un’analisi che fino ad oggi ha coinvolto 86 aziende a nostro parere rappresentative dell’attuale strutturazione del sistema vitivinicolo italiano, da sempre, ricordiamo, caratterizzato da una fortissima frammentazione (oltre il 65% delle imprese del vino italiano hanno un fatturato al di sotto dei 2 milioni di euro e rappresentano poco più del 5% del fatturato complessivo del comparto vitivinicolo nazionale).

Dalla nostra indagine è emerso, innanzitutto, come il 47% delle aziende intervistate si sia dichiarata insoddisfatta del loro attuale assetto in risorse umane, un altro 35% si è detto non completamente soddisfatto e solo il 18% ha evidenziato di ritenersi soddisfatta.

Ma quali sono le principali ragioni di questa insoddisfazione? Innanzitutto proprio il numero di risorse a disposizione. Praticamente tutte le aziende intervistate, anche quelle che hanno dichiarato di essere abbastanza soddisfatte, hanno evidenziato il limite delle risorse che hanno a disposizione.

Un limite che potremmo sintetizzare nella frase di un produttore delle Valpolicella che ci ha dichiarato: “Non ci sto più dietro, siamo cresciuti tanto e oggi, con le risorse umane attuali, non siamo più in grado di gestire tutto al meglio”.

Un commento che è uscito spesso durante le nostre interviste, in particolare da parte di aziende oggi coinvolte in territori produttivi di maggior successo. Una ulteriore dimostrazione che testimonia, purtroppo a nostro parere, che non sempre il problema di una adeguata strutturazione in risorse umane sia dettato da difficoltà economiche delle imprese.

Tra le altre ragioni di insoddisfazione sono emerse, in ordine di importanza, la “competenza inadeguata”, la “scarsa esperienza”, la “poca disponibilità” (numerosi intervistati, soprattutto quelli rappresentati piccole imprese, hanno evidenziato la necessità di trovare risorse disponibili a svolgere più mansioni e con orari molto elastici) e la “scarsa affidabilità”. Una piccola percentuale ha anche “denunciato”, la “poca autonomia” evidenziata dalle risorse a disposizione.

Rispetto alle aree aziendali che si vorrebbero presidiare meglio è emerso, in maniera abbastanza prevedibile, come quella “commerciale/vendita”, sia ritenuta attualmente quella che necessita più “rinforzi”. Ma anche quelle “marketing/comunicazione” e “amministrazione/burocrazia” (in particolare in relazione alla gestione di bandi comunitari) sono state ritenute dai nostri intervistati aree che andrebbero meglio strutturate. Ci ha fatto piacere, inoltre, osservare che molte realtà intervistate hanno dichiarato il loro fabbisogno di investire nella cosiddetta area dell’”hospitality/accoglienza”, a dimostrazione di una crescente percezione dell’importanza di questo tema per lo sviluppo economico e dell’immagine di un’impresa vitivinicola. In numero minore (ma non irrilevante) le aziende che hanno evidenziato anche la necessità di migliorare la loro area “tecnica” (cantiniere, enologo, agronomo, perito agrario).

Ma se questi sono i limiti e i fabbisogni evidenziati, quali sono allo stato attuale le principali difficoltà che impediscono al panel delle aziende che abbiamo intervistato di adeguare la propria “squadra”?

A questa domanda vi è stata una fortissima convergenza da parte delle aziende nel dichiarare come principale problema i loro “investimenti in altre aree produttive” (in vigna e in cantina in primis). Tra le altre difficoltà che impediscono alle aziende intervistate di investire in risorse umane vi sono i “costi del personale” (soprattutto in relazione ai vincoli contrattuali), la “difficoltà di selezionare le persone giuste” e la “difficoltà di formare le risorse umane” (racchiudibile nella frase “non ho il tempo oggi per formare bene i miei collaboratori”).

Sono tantissimi gli spunti di riflessione che emergono da questi primi risultati della nostra indagine e stimoliamo i nostri lettori ad inviarci anche il loro parere riguardo a questo tema che per noi rimane strategico.

In conclusione, negli ultimi anni vi è stato un indubbio aumento della percezione da parte delle aziende del vino italiane nei confronti dell’importanza delle risorse umane. Ma a tale percezione non sempre corrisponde un conseguente investimento in risorse umane.

I principali limiti a tale sviluppo, almeno come emerso dalla nostra ricerca, è il perdurante “sbilanciamento” negli investimenti “tecnico-strutturali” e nella difficoltà di individuare risorse umane competenti per un settore così altamente peculiare.

Se la nostra ricerca, pur non avendo pretese di tipo statistico, riporta un quadro abbastanza fedele e credibile della realtà, noi pensiamo che si possa fare molto e anche presto per costruire “squadre aziendali” sempre più adeguate in numero e, soprattutto, competenza.

E’ tempo, però, di rivedere le priorità.

Dopo gli anni del “prodotto” è tempo dell’epoca delle “persone” (e fidatevi che le due cose non solo possono coesistere ma sono indissolubilmente legate).

 

 



Per rivedere l'intervento: pagina Fb di Wine Meridian
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nel mondo vi è una crescente domanda di vino “etico”, non solo rispettoso dell’ambiente ma anche delle regole di comportamento nei confronti dei lavoratori del settore

Nel mondo sempre più voglia di vino etico

Nel mondo vi è una crescente domanda di vino “etico”, non solo rispettoso dell’ambiente ma anche delle regole di comportamento nei confronti dei lavoratori del settore

Fabio Piccoli
Importanti aziende del vino sudafricane stanno investendo nel Nebbiolo considerata una varietà capace di adattarsi al meglio al loro terroir. Cresce l'interesse e l'investimento nelle nostre varietà in vari paesi produttori nel mondo, un aspetto che fa riflettere

Le potenzialità “uniche” del Nebbiolo in Sud Africa

Importanti aziende del vino sudafricane stanno investendo nel Nebbiolo considerata una varietà capace di adattarsi al meglio al loro terroir. Cresce l'interesse e l'investimento nelle nostre varietà in vari paesi produttori nel mondo, un aspetto che fa riflettere

Fabio Piccoli
Scegli Wine Meridian come partner per i mercati internazionali giovedi 27 luglio

Promozione Media partnership

Scegli Wine Meridian come partner per i mercati internazionali

6 aziende vinicole mediterranee a Gibellina (Trapani) dal 28 al 30 luglio per parlare di cultura, vino e mediterraneo mercoledi 26 luglio

Scirocco Wine Fest: una manifestazione per parlare di Mediterraneo

6 aziende vinicole mediterranee a Gibellina (Trapani) dal 28 al 30 luglio per parlare di cultura, vino e mediterraneo

Agnese Ceschi
L'intervista alla proprietaria del ristorante italiano a Bangkok Charlotte Buzzanca mercoledi 26 luglio

Sensi Restaurant: il fascino chic del vino italiano in Thailandia

L'intervista alla proprietaria del ristorante italiano a Bangkok Charlotte Buzzanca

Il gruppo vinicolo rafforza la leadership nel comparto dei vini bianchi, acquisendo l'azienda bandiera del Lugana DOC mercoledi 26 luglio

Santa Margherita Gruppo Vinicolo acquisisce il controllo di Cà Maiol, storico produttore del Lugana DOC.

Il gruppo vinicolo rafforza la leadership nel comparto dei vini bianchi, acquisendo l'azienda bandiera del Lugana DOC

Proseguiranno i programmi in un'ottica di innovazione per il nuovo presidente mercoledi 26 luglio

Ernesto Abbona è il nuovo presidente di Unione Italiana Vini

Proseguiranno i programmi in un'ottica di innovazione per il nuovo presidente

Mentre noi continuiamo ad interrogarci sull’utilità di una promozione “istituzionale” del vino italiano nel mondo, l’Australia ci fornisce quotidianamente esempi illuminanti e utili

Quando il sistema Paese funziona, l’esempio dell’Australia

Mentre noi continuiamo ad interrogarci sull’utilità di una promozione “istituzionale” del vino italiano nel mondo, l’Australia ci fornisce quotidianamente esempi illuminanti e utili

Fabio Piccoli
Il parere dell'esperta di social media marketing Elena Mazzali lunedi 24 luglio

Instagram & Vino: la coppia vincente nella degustazione digitale!

Il parere dell'esperta di social media marketing Elena Mazzali

L'intervista tripla ai fondatori di The Wine Net sabato 22 luglio

Aldo Franchi, Cesare Barbero e Daniele Accordini: gli uomini del cambiamento nel mondo delle cooperative italiane

L'intervista tripla ai fondatori di The Wine Net

Agnese Ceschi
Per uno storytelling del vino che sia efficace è necessario esaltare sempre di più il valore “eroico” di alcuni elementi chiave della produzione. Il parere del prof. Attilio Scienza e i vitigni mito secondo Rupert Millar di The Drink Business

Quando i vitigni diventano “eroi”

Per uno storytelling del vino che sia efficace è necessario esaltare sempre di più il valore “eroico” di alcuni elementi chiave della produzione. Il parere del prof. Attilio Scienza e i vitigni mito secondo Rupert Millar di The Drink Business

Fabio Piccoli
La decisione ponderata nasce dalla difficoltà di coniugare impegni di azienda ed Associazione giovedi 20 luglio

Antonio Rallo lascia la Presidenza di Unione Italiana Vini

La decisione ponderata nasce dalla difficoltà di coniugare impegni di azienda ed Associazione

La certificazione più ambita di TripAdvisor, che analizza lo stato di gradimento della sua utenza, premia le aziende che si sono distinte sulle altre giovedi 20 luglio

TripAdvisor premia ancora Rocca Sveva con il Certificato di Eccellenza

La certificazione più ambita di TripAdvisor, che analizza lo stato di gradimento della sua utenza, premia le aziende che si sono distinte sulle altre



WineMeridian