Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 28 giugno 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com vinojobs HKIWSC IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Consorsio Morellino di Scansano Siddura winethics Vini Cina

Quel poco che sappiamo dei consumatori di vino e non solo

Conosciamo molto (si fa per dire) delle dinamiche dei mercati ma sempre troppo poco sulle tendenze di consumo e sui profili dei consumatori di vino. E quando conosciamo i numeri spesso non sappiamo interpretarli


Quel poco che sappiamo dei consumatori di vino e non solo
Prendiamo spunto da un recente articolo di Carlo Flamini, diretto de Il Corriere Vinicolo, che sullo storico settimanale di Unione Italiana Vini ha giustamente sottolineato come i dati relativi ai consumi di vino in Italia sono molto discordanti tra loro in relazione alle fonti di provenienza. Flamini si domanda, al riguardo:”Per cui, cosa si fa? Si dà per buono il dato dell’OIV, che per il 2016 prevede addirittura una crescita del 5%, a 22,5 milioni di ettolitri? O si prende quello dell’americana TDA, che dice 20,5 milioni (+1%)? O ancora, IWSR che dà l’Italia a 26 milioni di ettolitri, ma con un calo dell’1%? O infine il dato che appare nei bilanci di approvvigionamento forniti dalla Commissione europea, dove facendo [(produzione + import) - export] si ottengono 24,5 milioni di ettolitri di consumo “apparente? Altra chiave di lettura è quella relativa ai consumi pro capite: tutte le varie fonti concordano sul fatto che nel corso degli ultimi 50 anni vi sia stata una drastica riduzione. Ma restringendo il focus agli ultimi cinque anni, di quanto esattamente siamo scesi? Stiamo calando ancora o ci siamo stabilizzati sulla soglia 35-38 litri? Anche qui, si può andare di sentiment, ma con il sentiment non si fanno analisi statistiche”.
Difficile non concordare con le acute osservazioni di Flamini, ma la sua analisi e le sue domande svelano ancora una volta l’annoso e preoccupante problema dell’affidabilità delle statistiche da un lato e della capacità di interpretarle dall’altro.
Ormai tutti hanno capito l’importanza dei “numeri”, al punto che non passa giorno che da qualche fonte non arrivino informazioni riguardo a tendenze di mercato, indagini sui profili dei consumatori (i soliti millennials in primis), survey sulle diverse tipologie di vino e di denominazioni.
Le fonti sono le più disparate e orientarsi all’interno di un dedalo di enti, associazioni, semplici osservatori, diventa sempre più difficile se non impossibile.
Se poi sono le stesse fonti ufficiali, più autorevoli, ha fornire dati contrastanti le cose si complicano ulteriormente.
Sicuramente il fronte dei consumi è quello più difficile da indagare e dove sarebbero però necessarie molte più informazioni perché indubbiamente le strategie di marketing e di comunicazione per essere ben definite necessitano di dati molto più dettagliati proprio sul lato dei consumi e in particolare sull’approccio ad essi.
Come pure sarebbe molto importante indagare meglio non solo sul fronte dei consumatori ma anche su quello della distribuzione (da quella tradizionale a quella moderna). Possibile che tuttoggi sappiamo così poco su come si evolvono vendite e consumi ad esempio sul canale horeca? Eppure su questo fronte si giocano il futuro molte aziende del nostro Paese.
Partire, però, da dati più approfonditi e certi è sicuramente una base fondamentale ma non possiamo illuderci che questo sia sufficiente.
Quasi sempre, infatti, fateci caso, ci arrivano un mare di indagini che riportano dati e profili ma mai interpretazioni capaci di agevolare le imprese, i consorzi nelle proprie strategie.
Molti diranno che questo è compito delle aziende. Vero, ma se poi osserviamo, per esempio sul versante della comunicazione e promozione internazionale, il susseguirsi implacabile di eventi “fotocopia”, testimonia che continua a mancare una connessione tra le informazioni che vengono messe a disposizione (più o meno coerenti) e le relative interpretazioni.
Nella nostra attività di consulenza marketing con imprese e consorzi questo emerge in maniera spesso impietosa ed eclatante. Anche realtà di lunga storia e ben strutturate spesso evidenziano grandi limiti nella capacità di interpretare le tendenze di mercato e le nuove attitudini dei consumatori in Italia e all’estero.
E’ per questa ragione che gran parte dei nostri percorsi formativi si concentrano oggi nell’aiutare i manager del vino attuali e del futuro non solo a leggere i dati (imparando a districarsi tra le varie fonti) ma anche e soprattutto ad interpretarli e tradurli in azioni coerenti e possibilmente anche innovative.
L’auspicio è che oggi in Italia si possa realizzare un vero Osservatorio del vino con al suo interno sia competenze sotto il profilo delle analisi ma anche su quello delle capacità interpretative.
In Italia abbiamo tante professionalità su questi fronti, è arrivato il momento di superare i soliti individualismi e di collaborare per il bene del futuro del vino italiano.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il presidente del Consorzio Vino Chianti, ritorna sul tema, troppo spesso dimenticato, della necessità di un coordinamento nazionale per la promozione del sistema vitivinicolo italiano ma anche per difenderci da una burocrazia sempre più esasperata

Necessaria una regia per il made in Italy vitivinicolo

Il presidente del Consorzio Vino Chianti, ritorna sul tema, troppo spesso dimenticato, della necessità di un coordinamento nazionale per la promozione del sistema vitivinicolo italiano ma anche per difenderci da una burocrazia sempre più esasperata

Fabio Piccoli
Una nuova tappa di AgroInnovation Tour targato Image Line per approfondire le potenzialità di strumenti di lavoro sempre più innovativi
e rispondere alle esigenze normative del settore vitivinicolo

Vigneti 2.0: la rivoluzione è in campo

Una nuova tappa di AgroInnovation Tour targato Image Line per approfondire le potenzialità di strumenti di lavoro sempre più innovativi e rispondere alle esigenze normative del settore vitivinicolo

Azienda della Valpolicella ricerca responsabile operation (acquisti - imbottigliamento - magazzino)

Offerta di lavoro

Azienda della Valpolicella ricerca responsabile operation (acquisti - imbottigliamento - magazzino)

Venerdi 30 giugno ad Asolo presentazione del libro

Sono le risorse umane la chiave per il successo nel mondo del vino

Venerdi 30 giugno ad Asolo presentazione del libro " XFactor per il successo nel mondo del vino" . Questo il titolo del libro scritto a quattro mani da Lavinia Furlani e Andrea Pozzan per valorizzare le competenze delle risorse umane per essere competitivi sui mercati.

L'analisi sul mercato giapponese del consulente export Roberto Bosticco martedi 27 giugno

Il futuro del vino guarda ad Oriente

L'analisi sul mercato giapponese del consulente export Roberto Bosticco

L'Osservatorio del Vino fornisce gli aggiornamenti sull’export del primo trimestre 2017
lunedi 26 giugno

L'export italiano cresce, ma il valore medio a bottiglia resta basso

L'Osservatorio del Vino fornisce gli aggiornamenti sull’export del primo trimestre 2017

Cerchiamo un Wine Sales Manager

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager

Al via a New York il tour mondiale dell'International Accademy venerdi 23 giugno

Vinitaly negli Stati Uniti con MISE e ICE

Al via a New York il tour mondiale dell'International Accademy

Sempre più forte l’investimento nelle cosiddette varietà alternative dove spiccano nomi a noi noti come il Nero d’Avola, il Vermentino, il Fiano, l’Arneis, il Friulano, il Dolcetto, il Sagrantino e il Teroldego

L’Australia del vino fa più paura adesso

Sempre più forte l’investimento nelle cosiddette varietà alternative dove spiccano nomi a noi noti come il Nero d’Avola, il Vermentino, il Fiano, l’Arneis, il Friulano, il Dolcetto, il Sagrantino e il Teroldego

Fabio Piccoli
Abbiamo bisogno del tuo supporto attraverso un breve questionario che ci permetterà di focalizzare le prossime attività in base alle tue esigenze

Indagine per capire i vostri fabbisogni sui mercati internazionali

Abbiamo bisogno del tuo supporto attraverso un breve questionario che ci permetterà di focalizzare le prossime attività in base alle tue esigenze

Lavinia Furlani
A Milano anche i Docg e Doc dell’azienda vincola Siddùra.
giovedi 22 giugno

I vini sardi “sfilano” alla settimana della moda

A Milano anche i Docg e Doc dell’azienda vincola Siddùra.



WineMeridian