Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 22 agosto 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis

Quel poco che sappiamo dei consumatori di vino e non solo

Conosciamo molto (si fa per dire) delle dinamiche dei mercati ma sempre troppo poco sulle tendenze di consumo e sui profili dei consumatori di vino. E quando conosciamo i numeri spesso non sappiamo interpretarli


Quel poco che sappiamo dei consumatori di vino e non solo
Prendiamo spunto da un recente articolo di Carlo Flamini, diretto de Il Corriere Vinicolo, che sullo storico settimanale di Unione Italiana Vini ha giustamente sottolineato come i dati relativi ai consumi di vino in Italia sono molto discordanti tra loro in relazione alle fonti di provenienza. Flamini si domanda, al riguardo:”Per cui, cosa si fa? Si dà per buono il dato dell’OIV, che per il 2016 prevede addirittura una crescita del 5%, a 22,5 milioni di ettolitri? O si prende quello dell’americana TDA, che dice 20,5 milioni (+1%)? O ancora, IWSR che dà l’Italia a 26 milioni di ettolitri, ma con un calo dell’1%? O infine il dato che appare nei bilanci di approvvigionamento forniti dalla Commissione europea, dove facendo [(produzione + import) - export] si ottengono 24,5 milioni di ettolitri di consumo “apparente? Altra chiave di lettura è quella relativa ai consumi pro capite: tutte le varie fonti concordano sul fatto che nel corso degli ultimi 50 anni vi sia stata una drastica riduzione. Ma restringendo il focus agli ultimi cinque anni, di quanto esattamente siamo scesi? Stiamo calando ancora o ci siamo stabilizzati sulla soglia 35-38 litri? Anche qui, si può andare di sentiment, ma con il sentiment non si fanno analisi statistiche”.
Difficile non concordare con le acute osservazioni di Flamini, ma la sua analisi e le sue domande svelano ancora una volta l’annoso e preoccupante problema dell’affidabilità delle statistiche da un lato e della capacità di interpretarle dall’altro.
Ormai tutti hanno capito l’importanza dei “numeri”, al punto che non passa giorno che da qualche fonte non arrivino informazioni riguardo a tendenze di mercato, indagini sui profili dei consumatori (i soliti millennials in primis), survey sulle diverse tipologie di vino e di denominazioni.
Le fonti sono le più disparate e orientarsi all’interno di un dedalo di enti, associazioni, semplici osservatori, diventa sempre più difficile se non impossibile.
Se poi sono le stesse fonti ufficiali, più autorevoli, ha fornire dati contrastanti le cose si complicano ulteriormente.
Sicuramente il fronte dei consumi è quello più difficile da indagare e dove sarebbero però necessarie molte più informazioni perché indubbiamente le strategie di marketing e di comunicazione per essere ben definite necessitano di dati molto più dettagliati proprio sul lato dei consumi e in particolare sull’approccio ad essi.
Come pure sarebbe molto importante indagare meglio non solo sul fronte dei consumatori ma anche su quello della distribuzione (da quella tradizionale a quella moderna). Possibile che tuttoggi sappiamo così poco su come si evolvono vendite e consumi ad esempio sul canale horeca? Eppure su questo fronte si giocano il futuro molte aziende del nostro Paese.
Partire, però, da dati più approfonditi e certi è sicuramente una base fondamentale ma non possiamo illuderci che questo sia sufficiente.
Quasi sempre, infatti, fateci caso, ci arrivano un mare di indagini che riportano dati e profili ma mai interpretazioni capaci di agevolare le imprese, i consorzi nelle proprie strategie.
Molti diranno che questo è compito delle aziende. Vero, ma se poi osserviamo, per esempio sul versante della comunicazione e promozione internazionale, il susseguirsi implacabile di eventi “fotocopia”, testimonia che continua a mancare una connessione tra le informazioni che vengono messe a disposizione (più o meno coerenti) e le relative interpretazioni.
Nella nostra attività di consulenza marketing con imprese e consorzi questo emerge in maniera spesso impietosa ed eclatante. Anche realtà di lunga storia e ben strutturate spesso evidenziano grandi limiti nella capacità di interpretare le tendenze di mercato e le nuove attitudini dei consumatori in Italia e all’estero.
E’ per questa ragione che gran parte dei nostri percorsi formativi si concentrano oggi nell’aiutare i manager del vino attuali e del futuro non solo a leggere i dati (imparando a districarsi tra le varie fonti) ma anche e soprattutto ad interpretarli e tradurli in azioni coerenti e possibilmente anche innovative.
L’auspicio è che oggi in Italia si possa realizzare un vero Osservatorio del vino con al suo interno sia competenze sotto il profilo delle analisi ma anche su quello delle capacità interpretative.
In Italia abbiamo tante professionalità su questi fronti, è arrivato il momento di superare i soliti individualismi e di collaborare per il bene del futuro del vino italiano.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Wine Export Manager Day: partecipa il 18 settembre alla prima giornata dell’Export Manager del vino

Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence mercoledi 16 agosto

I vini friulani tra export ed ospitalità

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Sulle Comete di Alois Lageder per guardare più lontano

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Fabio Piccoli
Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017. giovedi 10 agosto

Un Master per il Business del Vino

Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017.

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute mercoledi 09 agosto

L'Italia mantiene le posizioni nel mercato USA

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com martedi 08 agosto

Il vino italiano? Ha bisogno di una voce unificata che si rivolga ai giovani consumatori cinesi

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com

Agnese Ceschi
We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016 sabato 05 agosto

Italian Wines in the World: Paternoster’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

Lorena Lancia (best sommelier FISAR 2016)
Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Umile e competente sul mercato: l’identikit dell’enologo del futuro

Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Fabio Piccoli
Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini giovedi 03 agosto

Mario Primo, quando il Chianti diventa trasgressivo

Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici mercoledi 02 agosto

Veloce o lento?

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici

Agnese Ceschi
Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Nel cibo le “diversità” uniscono

Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Lavinia Furlani
Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach lunedi 31 luglio

Ristorazione a Miami: il rapporto vino-piatto è fondamentale nella scelta del consumatore

Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach

Agnese Ceschi
Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Scirocco Wine Fest, quando il vino unisce il Mediterraneo

Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Fabio Piccoli
We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013 sabato 29 luglio

Italian Wines in the World: Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

Lorena Lancia (miglior sommelier FISAR 2016)


WineMeridian