Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi

Quello che abbiamo imparato a Vinexpo New York

La prima edizione della nota manifestazione francese nella Grande Mela ci ha confermato la veloce trasformazione della struttura di importazione e distribuzione negli Usa con un numero crescente di piccole realtà e la necessità da parte delle imprese di presidiare meglio un mercato così complesso


Quello che abbiamo imparato a Vinexpo New York
La due giorni del Vinexpo di New York ci ha confermato alcune cose che avevamo già intuito e insegnato delle altre che vogliamo condividere con i nostri lettori.
Innanzitutto partiamo dal giudizio complessivo sulla manifestazione di cui avevamo già dato alcuni pareri dopo la prima giornata  (link).
Secondo i dati forniti dall’organizzazione gli espositori sono stati circa 500 provenienti da 23 diversi Paesi e i visitatori sono stati esattamente 3.446.
Gli organizzatori, a partire dal patron Guillaume Deglise, si sono dichiarati molto soddisfatti di questa prima edizione che a loro parere ha visto la partecipazione di autorevoli buyer e ha dato la possibilità di oltre 1.000 appuntamenti preventivamente definiti nell’ambito del programma “One to Wine Meetings”.

Questo il giudizio degli organizzatori. Dal nostro osservatorio cosa abbiamo visto invece. Innanzitutto che la partecipazione è stata sì autorevole (nel senso che erano operatori veri e attivi sul mercato) ma in gran parte rappresentata da piccole se non addirittura piccolissime realtà, spesso di recente costituzione.
Ma su questo fronte riteniamo che non hanno “sbagliato” gli organizzatori francesi ma semplicemente è lo specchio attuale della realtà di importazione e distribuzione del mercato statunitense.
I distributori big, ma anche molti di medie dimensioni, hanno da tempo portfolio prodotti strapieno e difficilmente sono interessati a nuovi ingressi se non per sostituire qualche brand che dà poche soddisfazioni.

Pertanto, allo stato attuale, il dinamismo sul mercato Usa, se così si può definire, è concentrato su due aspetti: da un lato una miriade di piccole realtà di importazione che sono interessate a costruirsi un portfolio vini originale e dedicato e specifiche nicchie di mercato; dall’altro dai cosiddetti “importatori tecnici” che hanno capito il desiderio di molte imprese, soprattutto europee, di entrare sul mercato Usa ed offrono loro la possibilità di “portare” i vini in magazzini americani, ma da lì in poi il gioco torna nelle mani delle aziende.

Nel concreto questo volto attuale del mercato statunitense comporta una serie di conseguenze sulle strategie di sviluppo dell'export da parte delle imprese vitivinicole.
Innanzitutto l’obbligo di presidiare costantemente (e non più con un paio di visite all’anno) un mercato che oggi è caratterizzato da importatori che spesso hanno dimensioni inferiori (in termini di risorse umane) alle imprese che devono rappresentare.

Per le piccole imprese, la gran parte del sistema vino Italia, e alcune di queste erano presenti al Vinexpo di New York, significa doversi organizzare in maniera completamente diversa rispetto al passato. Trovare l’importatore interessato non è così problematico ma per poter costruire una presenza sul mercato sensata e proficua significa investire oggi almeno in un resident manager in grado di accompagnare costantemente la distribuzione dei propri vini.
Ma questo vale per tutte le imprese che oggi vogliono realmente costruire una strategia vincente sul mercato Usa.

Per gran parte di queste imprese l’investimento in un resident manager, capace di seguire più importatori e distributori sul mercato Usa, è fuori dalla loro portata. E per questa ragione, dal nostro punto di vista, non ci sono molte opzioni se non quella della rete di impresa.

Noi siamo sempre più convinti che, e questo non vale solo per il mercato statunitense, il futuro dell’internazionalizzazione delle imprese del vino italiano passerà inevitabilmente dalla capacità e coraggio di intraprendere la strada della collaborazione, condivisione attraverso diversi modelli di reti di impresa.
Ma Vinexpo New York, confermandoci le sempre più crescenti complessità sui mercati internazionali, ci ha anche insegnato che l’export non può assolutamente essere vissuto come un obbligo da parte di molte, troppe aziende. Noi siamo convinti che molte realtà italiane devono investire maggiormente sul proprio mercato locale a partire dalla vendita diretta in azienda. Cercare a tutti i costi “fortuna all’estero” come si diceva un tempo, senza poi avere strategie precise e volontà di costruire modelli di collaborazione con altre imprese, rischia di diventare un azzardo con poche possibilità di successo.
Noi lo ripetiamo da tempo, essere oggi profeti in Patria è il miglior viatico per poter essere domani soddisfatti anche sui mercati internazionali.
Ultima riflessione da New York. Questa prima edizione di Vinexpo negli Usa ci ha fatto capire come molti nostri competitor, a partire da Australia, ma anche Argentina, Uruguay, Cile, si stanno muovendo con sempre maggiore coesione. Noi eravamo l’unico Paese espositore senza un “cappello” nazionale. E’ un limite, questo, che riduce molto la nostra visibilità e testimonia la nostra cronica difficoltà a fare sistema.

Noi nel nostro piccolo abbiamo messo insieme 12 aziende ma l’obiettivo, se ci crediamo, è quello di portare all’edizione 2019 di Vinexpo New York (date già confermate il 4-5 marzo) un’area finalmente chiamata Italia.
Ultima annotazione per gli organizzatori. La divisione quest’anno dell’area espositiva in due piani diversi (quello alto alla Francia, Spagna, Grecia e Austria) e il sotterraneo a tutti gli altri, compresa l’Italia, è un errore che non conviene ripetere. E questo a vantaggio dell’immagine complessiva del vino nel più importante mercato al mondo.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo