Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
sabato 22 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net www.ilvinocomunica.it Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it

Quello che abbiamo imparato a Vinexpo New York

La prima edizione della nota manifestazione francese nella Grande Mela ci ha confermato la veloce trasformazione della struttura di importazione e distribuzione negli Usa con un numero crescente di piccole realtà e la necessità da parte delle imprese di presidiare meglio un mercato così complesso


Quello che abbiamo imparato a Vinexpo New York
La due giorni del Vinexpo di New York ci ha confermato alcune cose che avevamo già intuito e insegnato delle altre che vogliamo condividere con i nostri lettori.
Innanzitutto partiamo dal giudizio complessivo sulla manifestazione di cui avevamo già dato alcuni pareri dopo la prima giornata  (link).
Secondo i dati forniti dall’organizzazione gli espositori sono stati circa 500 provenienti da 23 diversi Paesi e i visitatori sono stati esattamente 3.446.
Gli organizzatori, a partire dal patron Guillaume Deglise, si sono dichiarati molto soddisfatti di questa prima edizione che a loro parere ha visto la partecipazione di autorevoli buyer e ha dato la possibilità di oltre 1.000 appuntamenti preventivamente definiti nell’ambito del programma “One to Wine Meetings”.

Questo il giudizio degli organizzatori. Dal nostro osservatorio cosa abbiamo visto invece. Innanzitutto che la partecipazione è stata sì autorevole (nel senso che erano operatori veri e attivi sul mercato) ma in gran parte rappresentata da piccole se non addirittura piccolissime realtà, spesso di recente costituzione.
Ma su questo fronte riteniamo che non hanno “sbagliato” gli organizzatori francesi ma semplicemente è lo specchio attuale della realtà di importazione e distribuzione del mercato statunitense.
I distributori big, ma anche molti di medie dimensioni, hanno da tempo portfolio prodotti strapieno e difficilmente sono interessati a nuovi ingressi se non per sostituire qualche brand che dà poche soddisfazioni.

Pertanto, allo stato attuale, il dinamismo sul mercato Usa, se così si può definire, è concentrato su due aspetti: da un lato una miriade di piccole realtà di importazione che sono interessate a costruirsi un portfolio vini originale e dedicato e specifiche nicchie di mercato; dall’altro dai cosiddetti “importatori tecnici” che hanno capito il desiderio di molte imprese, soprattutto europee, di entrare sul mercato Usa ed offrono loro la possibilità di “portare” i vini in magazzini americani, ma da lì in poi il gioco torna nelle mani delle aziende.

Nel concreto questo volto attuale del mercato statunitense comporta una serie di conseguenze sulle strategie di sviluppo dell'export da parte delle imprese vitivinicole.
Innanzitutto l’obbligo di presidiare costantemente (e non più con un paio di visite all’anno) un mercato che oggi è caratterizzato da importatori che spesso hanno dimensioni inferiori (in termini di risorse umane) alle imprese che devono rappresentare.

Per le piccole imprese, la gran parte del sistema vino Italia, e alcune di queste erano presenti al Vinexpo di New York, significa doversi organizzare in maniera completamente diversa rispetto al passato. Trovare l’importatore interessato non è così problematico ma per poter costruire una presenza sul mercato sensata e proficua significa investire oggi almeno in un resident manager in grado di accompagnare costantemente la distribuzione dei propri vini.
Ma questo vale per tutte le imprese che oggi vogliono realmente costruire una strategia vincente sul mercato Usa.

Per gran parte di queste imprese l’investimento in un resident manager, capace di seguire più importatori e distributori sul mercato Usa, è fuori dalla loro portata. E per questa ragione, dal nostro punto di vista, non ci sono molte opzioni se non quella della rete di impresa.

Noi siamo sempre più convinti che, e questo non vale solo per il mercato statunitense, il futuro dell’internazionalizzazione delle imprese del vino italiano passerà inevitabilmente dalla capacità e coraggio di intraprendere la strada della collaborazione, condivisione attraverso diversi modelli di reti di impresa.
Ma Vinexpo New York, confermandoci le sempre più crescenti complessità sui mercati internazionali, ci ha anche insegnato che l’export non può assolutamente essere vissuto come un obbligo da parte di molte, troppe aziende. Noi siamo convinti che molte realtà italiane devono investire maggiormente sul proprio mercato locale a partire dalla vendita diretta in azienda. Cercare a tutti i costi “fortuna all’estero” come si diceva un tempo, senza poi avere strategie precise e volontà di costruire modelli di collaborazione con altre imprese, rischia di diventare un azzardo con poche possibilità di successo.
Noi lo ripetiamo da tempo, essere oggi profeti in Patria è il miglior viatico per poter essere domani soddisfatti anche sui mercati internazionali.
Ultima riflessione da New York. Questa prima edizione di Vinexpo negli Usa ci ha fatto capire come molti nostri competitor, a partire da Australia, ma anche Argentina, Uruguay, Cile, si stanno muovendo con sempre maggiore coesione. Noi eravamo l’unico Paese espositore senza un “cappello” nazionale. E’ un limite, questo, che riduce molto la nostra visibilità e testimonia la nostra cronica difficoltà a fare sistema.

Noi nel nostro piccolo abbiamo messo insieme 12 aziende ma l’obiettivo, se ci crediamo, è quello di portare all’edizione 2019 di Vinexpo New York (date già confermate il 4-5 marzo) un’area finalmente chiamata Italia.
Ultima annotazione per gli organizzatori. La divisione quest’anno dell’area espositiva in due piani diversi (quello alto alla Francia, Spagna, Grecia e Austria) e il sotterraneo a tutti gli altri, compresa l’Italia, è un errore che non conviene ripetere. E questo a vantaggio dell’immagine complessiva del vino nel più importante mercato al mondo.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 sabato 22 settembre

Italian wines in the world: "I Coali" Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 di Azienda Agricola Coali

Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 "I Coali" di Azienda Agricola Coali

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Sei specializzato in mercati asiatici? #HireMeVinitaly ritorna ad Hong Kong per selezionare professionisti di mercato asiatico

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Il vino italiano è come Riccioli d’Oro

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Fabio Piccoli
40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre giovedi 20 settembre

Allegrini investe sui giovani

40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre

Agnese Ceschi
Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 
giovedi 20 settembre

Alla ricerca di un Export Manager in azienda? Ritorna #HireMeVinitaly a Wine2Wine 2018

Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane
giovedi 20 settembre

Cerchi lavoro nel mondo del vino? A Wine2Wine 2018 ritorna #HireMeVinitaly!

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence. 
giovedi 20 settembre

UK Portrait 2018: La panoramica di Wine Intelligence sui consumatori di oggi nel Regno Unito

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence.

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana! giovedi 20 settembre

Partecipa a Vinexpo New York a marzo 2019 con Wine Meridian

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana!

Il video giovedi 20 settembre

Wine Spectator Video Contest 2018: primo premio al "corto" sulle Cantine Marchesi di Barolo

Il video "The Soul of Barolo" del regista Will Miceli trionfa al Wine Spectator Video Contest 2018

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist 
mercoledi 19 settembre

Riparte dall'Est Europa il Valpolicella 50 Anniversary Tour

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Il Direct-To-Customer (DTC) è il futuro?

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Francesco Piccoli
Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda martedi 18 settembre

Il Soave Classico Superiore Rocca Sveva cambia nome e look

Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Nuova immagine per il Rigoloccio

La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero