Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/
venerdi 07 giugno 2019

Raccontare l'unicità: il potere della "firma aromatica" nel calice

La scommessa di Tedeschi è dare carattere ai propri vini, investendo sulla ricerca scientifica e scovando la vera identità sensoriale dei territori


Raccontare l'unicità: il potere della

Riccardo, Sabrina e Antonietta Tedeschi fra i vigneti


Quando ricerca scientifica ed ambizione si sposano, non ci si può che aspettare un risultato vincente. Come quello che si preannuncia per le nuove annate dell’azienda agricola Tedeschi, che da sempre sposa tecniche all’avanguardia, fondate su principi naturali e rispetto dell'ambiente.

Di recente siamo stati in visita presso i 31 splendidi ettari di proprietà dell’azienda, abbiamo conosciuto meglio una realtà ed una famiglia che, seppur note sia sul territorio nazionale che all’estero, hanno ancora molto da raccontare e il cui futuro sembra brillare grazie agli investimenti a cui i tre fratelli, Sabrina, Riccardo e Antonietta, si stanno dedicando e sui quali vogliamo porre attenzione, in quanto riteniamo, la loro, una case history interessante, che dimostra che la qualità non va solo provata, ma anche ben raccontata.

Grazie alla collaborazione con l’Università degli Studi di Verona ed in particolare con il progetto del professor Maurizio Ugliano, del Dipartimento di Biotecnologie dell’Università, Tedeschi va oltre la ricerca della qualità nel prodotto, si concentra invece sulla vera identità di esso, quella che il territorio gli regala e che la vinificazione libera e lascia esprimere. 

Tedeschi vanta un profondo legame con il territorio della Valpolicella lungo quasi quattro secoli, sin dal 1630 ha creduto nella grande ricchezza della sua produzione vinicola e l'ha recuperata in chiave moderna, attraverso metodi di produzione e gestione dell’ambiente, alla ricerca del vino che meglio riuscisse a celebrare il territorio. Nel 2010 la famiglia ha avviato un lavoro di zonazione e di caratterizzazione dei vigneti, uno studio pedologico che è stato il punto di partenza per ottenere risultati importanti e permanenti. Nel 2017, invece, grazie a questa convenzione tra l’azienda e il Dipartimento di Biotecnologie dell’Università di Verona, è iniziato uno studio dei caratteri aromatici delle uve e dei vini da singoli vigneti e dei principali fattori coinvolti nella loro espressione, con particolare riferimento alla produzione di vini Amarone. La ricerca vuole fare luce sulla natura dei profumi che si sentono “nel bicchiere”, dovuti alla presenza di particolari molecole che presentano sfumature olfattive differenti in base ad area, vitigno, trattamento delle uve; al fine di riuscire a ricondurre determinati profumi e sentori a zone specifiche di provenienza e a lasciar esprimere ad ogni vino, la propria, fino ad oggi mai celata, unicità.
Interessanti spunti si evincono dalla ricerca: innanzitutto che la diversità olfattiva è data sia dalle diverse aree che dalle differenti tipologie di uva, e che nonostante alcuni siti siano geograficamente molto vicini tra loro la diversità riscontrata in termini di composti aromatici di impatto è davvero notevole, a testimonianza dell’esistenza di un insieme di variabili che rendono ciascun vigneto unico.
Lo studio condotto al momento è giunto alla conclusione che il potenziale aromatico risiede nell’uva, ma è solo nella vinificazione che si sviluppa, attraverso particolari note aromatiche. Assaggiando le uve, non è quindi possibile percepire le differenze, ma attraverso la vinificazione, è possibile riconoscere i caratteri che distinguono un territorio dall’altro e quindi identificare le precise zone di provenienza. Identificazione che, per altro, fino ad oggi si pensava fosse dettata da sostanze legate alla permanenza in legno. Una teoria confutata, visto che le stesse sostanze sono state ritrovate in questo studio, anche in vini giovani che non fanno contatto con legno.

Perché ci piace sottolineare l’importanza di questo progetto?
Perché crediamo sia il caso di esaltare un’azienda i cui meriti… si raddoppiano. Investire su una ricerca del genere, non solo eleva e migliora la produzione interna dell’azienda e la sua relativa notorietà, ma spinge anche allo sviluppo di sperimentazioni utili per l’intero comparto, sperimentazioni che al momento, in Italia, scarseggiano.
Visto che siamo soliti fare confronti con uno dei nostri più grandi competitor mondiali, la Francia, è forse il caso di renderci conto che, spesso, non abbiamo una conoscenza approfondita dei nostri vini, almeno non tanto quella che i francesi hanno dei propri, grazie a studi sensoriali di questo genere. 

Come se ciò non bastasse,
le voci dai mercati cominciano ad essere forti e chiare, vanno perciò ascoltate. Al consumatore interessa tutto ciò che permette di notare la differenza nei prodotti. Ci troviamo di fronte ad una percentuale sempre più crescente di consumatori attenti alla qualità, bevitori più esperti rispetto al passato, che hanno bisogno di andare oltre l’aspetto divulgativo dell’ormai necessario storytelling, richiedendo nozioni più scientifiche. D’altronde, lo sappiamo bene, il vino è diventato sempre più esperienziale, e scoprire l’identità territoriale, garante di unicità di un vino, rientra sicuramente in un range di esperienze indimenticabili.

Cosa dire, ci troviamo di fronte ad un “piccolo” passo per Tedeschi, dotata di lungimiranza e sensibile agli aspetti legati alla ricerca e all’innovazione, ma un grande passo per il mondo del vino italiano. 

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm