Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 19 novembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor
giovedi 07 novembre 2019

Regno Unito tra Brexit e necessità di educazione

L'opinione del giornalista Paul Howard su uno dei mercati con più incertezze in questo momento storico a causa dell'imminente Brexit. Il Regno Unito rimane ancora tra le vetrine per costruire una reputazione globale


Regno Unito tra Brexit e necessità di educazione

Paul Howard


Abbiamo intervistato Paul Howard, esperto comunicatore e giornalista inglese, autore del blog www.winealchemy.co.uk.

Quali consigli darebbe ai produttori italiani che lavorano per comunicare e vendere i propri prodotti nel Regno Unito?
Il primo consiglio è non perdere mai il loro “sense of place”. L’Italia ha un potenziale distintivo magnifico dato dalle sue numerose regioni. In secondo luogo, l’Italia ha un grande range di vitigni autoctoni che non si può trovare in nessun altro posto al mondo. In terzo luogo, l’Italia produce vini con ogni possibile stile, quindi può coprire tutte le varietà e diversità. Infine, sta vivendo una rivoluzione verso la qualità e molti nuovi produttori si stanno concentrando su qualità ed innovazione.
Tutti questi elementi messi assieme portano opportunità, ma dall’altro lato generano difficoltà nei consumatori che devono familiarizzare con i vini italiani.
Dunque, educateli. Usate persone come me, il cui lavoro è spiegare e “demistificare”!
Il cibo: quello italiano è probabilmente quello più popolare in Gran Bretagna dopo il curry.
Abbiamo bisogno di più informazioni per pensare a degli abbinamenti con il cibo, non solo quello italiano.
Focalizzatevi meno su Londra ed esplorate anche Manchester, Leeds, Birmingham, Edimburgo ed altre città chiave che stanno diventando più internazionali in termini di visitatori, turismo e potere di spesa.

Qual è l’immagine del vino italiano nel Regno Unito?
Le risponderò per punti:
- dal punti di vista della qualità, l’Italia gode di un’ottima immagine, sensibilmente migliorata rispetto a 10-20 anni fa;
- il prezzo non la favorisce rispetto a Paesi come la Spagna, comparata alle grandi denominazioni come Bordeaux e Borgogna presenta un ottimo rapporto qualità-prezzo;
- ci sono purtroppo ancora molti vini vittima della politica della vendita a tutti i costi con prezzi molto bassi, che possono danneggiare il brand Italia;
- c’è ancora confusione per quanto riguarda i nomi dei luoghi, le denominazioni, i termini come DOC, DOCG, IGP… Aggiungiamo problemi nella pronuncia di termini come Riserva, Appassimento, Frizzante, Secco…
- solo poche regioni sono riuscite a stabilire un riconoscimento ampio (Piemonte, Toscana e alcune denominazioni del Veneto), nonostante ogni regione italiana stia facendo vini pazzeschi;
- il Pinot Grigio e il Prosecco sono diventati molto conosciuti nel Regno Unito. Nonostante ciò, la loro immagine non è così forte in termini di percezione di qualità, poiché sono stati venduti troppo pochi vini ad una qualità premium.

Quali azioni e attività pensa che i produttori italiani dovrebbero fare per vendere meglio i loro vini nel Regno Unito?
L'ITC (Italian Trade Commission) fa un ottimo lavoro nel Regno Unito. Tanti grandi produttori sono molto bravi a formulare delle buone strategie di marketing perché si concentrano assiduamente sui clienti. Lo stesso vale per molti consorzi che ho incontrato. Tuttavia, ci sono svariate possibilità di miglioramento.
I social media sono ovviamente importanti, ma il passaparola e le esperienze che rimangono nel cuore delle persone sono lo strumento più potente che abbiamo per comunicare al meglio. Infine, utilizzando nuove tecnologie come la Blockchain, si riesce a garantire qualità e provenienza e fornire tutte le informazioni e le spiegazioni che un cliente desidera. I produttori devono iniziare a guardare anche a questo.

Come descriverebbe il mercato inglese in termini di opportunità?
In questo momento storico ci sono sicuramente mercati di esportazione più facili rispetto al Regno Unito, l’incertezza per la Brexit e la possibilità di crescita maggiore in altri mercati non aiutano a creare un sentimento di fiducia. Ciò nonostante, il Regno Unito è una vetrina di punta per costruire una reputazione globale.
Il mercato del vino nel UK è ampio e di valore, tuttavia vi è molta concorrenza nel Regno Unito per i vini, il che può essere scoraggiante, inoltre sfortunatamente i supermercati controllano una grande fetta di distribuzione e non pagano bene. Oltretutto, i clienti del Regno Unito sono molto sensibili ai prezzi, in particolare con i vini entry level. Qualità e attenzione alla distribuzione sono diventate essenziali. Vi è necessità di scegliere la qualità e distribuire i vini dove possono essere venduti e spiegati, soprattutto per regioni e uve meno conosciute, come presso importatori e commercianti di vino indipendenti e nel settore HoReCa.
Consiglio inoltre di usare bene le retro-etichette. Molti vini italiani sono fantastici e attraenti dalle etichette, tuttavia, le spiegazioni sulle retro-etichette sono spesso un'occasione persa, soprattutto se sono scritte in italiano. Spesso ciò genera confusione nei consumatori. Un’altro importante supporto per conoscere i vini sono i siti web delle aziende. Penso che le pagine in lingua inglese dovrebbero essere scritte appositamente per un pubblico inglese, per raccontare la storia dei vini ad un pubblico che non sempre li conosce bene.

Paul Howard è un giornalista freelance qualificato e pluripremiato. È uno scrittore, speaker ed educatore oltre che giudice a concorsi internazionali.
Dal 2005 è anche proprietario e amministratore delegato di Wine Alchemy Ltd. Paul è anche il primo scrittore di vino a scrivere e parlare dell'utilizzo della tecnologia Blockchain per trasformare l'industria vinicola. Ha ricevuto il premio Wine Education Expert of the Year 2017 dai Food & Drink Awards e il Best Wine Education Expert 2017 dai Global Excellence Awards. È stato anche selezionato per il Born Digital Awards 2017 per il miglior pezzo di opinione/editoriale.

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In un’edizione che pone particolare attenzione a contenuti e persone non potevamo mancare, saremo lì con due seminari focalizzati sul mercato del vino italiano e sulle risorse umane. martedi 19 novembre 2019

A Wine2Wine 2019: vanno in scena la competenza e l’esperienza di WinePeople e Wine Meridian

In un’edizione che pone particolare attenzione a contenuti e persone non potevamo mancare, saremo lì con due seminari focalizzati sul mercato del vino italiano e sulle risorse umane.

We have tasted for you Azienda Agricola Accordini Stefano's Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico tuesday 19 november 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Accordini Stefano's Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico

We have tasted for you Azienda Agricola Accordini Stefano's Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico

Tina Chao, VP Marketing di McDonald’s Hong Kong dà alcuni suggerimenti ai wine producers per entrare in contatto con il target favorito dal brand di fast food di fama internazionale. 
martedi 19 novembre 2019

Vendere ai Millennials? I consigli di McDonald’s

Tina Chao, VP Marketing di McDonald’s Hong Kong dà alcuni suggerimenti ai wine producers per entrare in contatto con il target favorito dal brand di fast food di fama internazionale.

Noemi Mengo
10 dicembre 2019: in partenza la seconda edizione del CampusDay, il pomeriggio gratuito all’insegna del confronto e dell’aggiornamento.
martedi 19 novembre 2019

CAMPUSDAY 2019: “risorse umane” consapevoli e in network!

10 dicembre 2019: in partenza la seconda edizione del CampusDay, il pomeriggio gratuito all’insegna del confronto e dell’aggiornamento.

Cristian Fanzolato
Il 20 e 21 novembre, a Simei Milano 2019 il primo forum mondiale delle donne del vino, coinvolgerà 12 delegazioni dall'Australia all'Argentina, dalla Georgia al Perù. Simonetta Doni il personaggio dell'anno 2019. 
lunedi 18 novembre 2019

“Donne del vino del mondo unitevi!"

Il 20 e 21 novembre, a Simei Milano 2019 il primo forum mondiale delle donne del vino, coinvolgerà 12 delegazioni dall'Australia all'Argentina, dalla Georgia al Perù. Simonetta Doni il personaggio dell'anno 2019.

Enosocial® ed il sistema Clicknbuy® hanno presenziato a Merano Wine Festival, premiando 6 cantine che hanno saputo distinguersi in soluzioni di marketing all’avanguardia
lunedi 18 novembre 2019

Enosocial® premia le cantine più “smart” a Merano Wine Festival

Enosocial® ed il sistema Clicknbuy® hanno presenziato a Merano Wine Festival, premiando 6 cantine che hanno saputo distinguersi in soluzioni di marketing all’avanguardia

Le esportazioni di Beaujolais aumentano, andando controtendenza rispetto ad altre denominazioni francesi, che scendono verso il basso
lunedi 18 novembre 2019

Beaujolais, chi l’avrebbe detto?

Le esportazioni di Beaujolais aumentano, andando controtendenza rispetto ad altre denominazioni francesi, che scendono verso il basso

Noemi Mengo
Successo per l'evento organizzato da Organic Value a Copenaghen dove trova conferma la grande passione per i vini biologici in Danimarca, Paese in cui dal prossimo anno il bio diventa obbligatorio domenica 17 novembre 2019

Sempre più trendy il vino bio in Danimarca

Successo per l'evento organizzato da Organic Value a Copenaghen dove trova conferma la grande passione per i vini biologici in Danimarca, Paese in cui dal prossimo anno il bio diventa obbligatorio

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico dell'Azienda Agricola Accordini Stefano sabato 16 novembre 2019

Italian wines in the world: Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico dell'Azienda Agricola Accordini Stefano

Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico dell'Azienda Agricola Accordini Stefano

Video-intervista venerdi 15 novembre 2019

COPENAGHEN - Peter Bjerregaard, CEO e fondatore di PBA, importatore danese

Video-intervista

Video-intervista venerdi 15 novembre 2019

COPENAGHEN - Danilo Rustaggia, maitre per i ristoranti del gruppo MASH Penthouse

Video-intervista

Dal 22 al 24 novembre 2019 la 53° edizione del Congresso Nazionale AIS, che porterà nella città scaligera tour guidati, banchi d’assaggio e laboratori dedicati al mondo del vino e dell'enoturismo venerdi 15 novembre 2019

Congresso Nazionale AIS: Verona capitale della somellerie italiana

Dal 22 al 24 novembre 2019 la 53° edizione del Congresso Nazionale AIS, che porterà nella città scaligera tour guidati, banchi d’assaggio e laboratori dedicati al mondo del vino e dell'enoturismo

I primi risultati della nostra ricerca sul mercato del vino in Italia realizzata attraverso le opinioni di agenti e distributori
venerdi 15 novembre 2019

E se il mercato del futuro fosse l’Italia?

I primi risultati della nostra ricerca sul mercato del vino in Italia realizzata attraverso le opinioni di agenti e distributori

Fabio Piccoli
Ecco chi saranno i protagonisti del nostro Organic Value Tour di Copenhagen giovedi 14 novembre 2019

Organic Value scalda i motori in terra danese

Ecco chi saranno i protagonisti del nostro Organic Value Tour di Copenhagen

I trend più rilevanti per i consumatori e per il business che daranno forma al futuro della sostenibilità. In che direzione stanno andando aziende e consumatori? giovedi 14 novembre 2019

Il futuro della sostenibilità

I trend più rilevanti per i consumatori e per il business che daranno forma al futuro della sostenibilità. In che direzione stanno andando aziende e consumatori?

Agnese Ceschi
Durante la nostra tappa a Tokyo abbiamo conosciuto un nuovo Giappone, che ci domanda nuovi prodotti ed esperienze più intense, il tutto nel massimo rispetto della cultura orientale. 
mercoledi 13 novembre 2019

Caro Giappone, piacere di (ri)conoscerti

Durante la nostra tappa a Tokyo abbiamo conosciuto un nuovo Giappone, che ci domanda nuovi prodotti ed esperienze più intense, il tutto nel massimo rispetto della cultura orientale.

L’azienda leader nella fornitura di prodotti enologici sostiene le aziende nel raggiungimento dell’obiettivo più importante: l’assoluta qualità. mercoledi 13 novembre 2019

Enartis: a fianco dei produttori, all'insegna della sostenibilità

L’azienda leader nella fornitura di prodotti enologici sostiene le aziende nel raggiungimento dell’obiettivo più importante: l’assoluta qualità.



sfondo_wm