Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Farina
giovedi 16 maggio 2019

Russia: tra crisi e rinascita

Horeca, Prosecco, Pinot Grigio: dopo la crisi del 2015 in Russia, questi i tre moschettieri chiamati a difendere i segnali di crescita economica nel settore del vino


Russia: tra crisi e rinascita
Tra crisi e rinascita, in un’altalena che fa "su e giù" e non si è ancora fermata. Questa è l'immagine che ci viene in mente quando pensiamo alla Russia oggi.
In vista della tappa estiva di Solo Italiano Russia organizzata da IEM International Exhibition Management, che si terrà a Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno, facciamo il punto della situazione su questo delicato panorama che ha subìto importanti trasformazioni negli ultimi cinque anni prendendo in riferimento i dati riportati durante il convegno sul mercato russo organizzato da Simple Ltd, al quale abbiamo partecipato nell'ultima edizione del Vinitaly.

Bisogna partire dalla profonda crisi iniziata nel 2015, anno in cui il prodotto interno lordo è diminuito del 2,8%. Questo ha spaventato molti imprenditori e reso i clienti più pessimisti rispetto allo sviluppo economico del Paese. Considerando il periodo precedente a questa decrescita, si può affermare che la cucina italiana facesse da padrona nel settore alimentare e, tutt'ora, mantiene una buona posizione. Tuttavia la calata dei prodotti importati ha contribuito a creare una cucina locale russa con la quale oggi si trova a dover competere anche quella italiana.
Bisogna essere realisti, non si prospetta un contesto idilliaco per questo 2019. Per quale motivo? Cerchiamo di riassumerlo in tre punti fondamentali:
- Conseguenze finanziarie delle sanzioni europee e americane
- Volatilità del tasso di scambio
- Aumento della VAT (iva) dal 18% al 20%.

Nonostante ciò negli ultimi anni hanno iniziato a registrarsi anche alcuni segnali in positivo. Il canale più rappresentativo è l'Horeca, con un +3,7% del 2018 rispetto al -5,0% del 2015. Nella struttura gerarchica dei vini fermi, sebbene ci sia stata una decrescita generale nel 2018, l'Italia rimane tra i primi Stati importatori in volume (17%, come la Georgia), insieme alla Spagna (19%), Francia (13%) e gli altri (34%).

I dati più interessanti vengono dal settore delle bollicine: il Prosecco ha visto un aumento del valore del 91% in quattro anni (2014/2018), occupando, a pari passo con lo Champagne, il 13% del volume globale nel sistema import. Anche il Pinot Grigio continua a farsi valere, con un +57% in valore rispetto sempre allo stesso stacco di riferimento 2014/2018. Bisogna però fare una precisazione: in riferimento al Pinot Grigio il segnale in positivo riguarda le bottiglie di fascia bassa con un costo inferiore ai cinque euro, in quanto le bottiglie superiori ai cinque e dieci euro hanno registrato una notevole decrescita del -41%.
Da questo dato possiamo evidenziare come la fascia più promettente sia quella popolare, legata quindi ad un prezzo basso, rispetto invece alle categorie di fascia più alta.

IWSR inoltre segnala che le previsioni al 2022 sono positive per il vino importato in Russia, sia fermo che sparkling. Per quanto riguarda i vini fermi, l’Italia resterà al terzo posto, dopo Georgia e Spagna, ma il CAGR quinquennale per origine è a doppia cifra. Da un volume in casse da 9 litri di 4.6 milioni nel 2017, si passerà ad un volume di 8.1 milioni nel 2022, segnando un +11.9%. Nella categoria delle bollicine invece, l’Italia è il primo importatore nel Paese, a seguire Francia e Spagna. Il CAGR per origine anche qui è in positivo, +7.7% dato dal passaggio tra i 2.3 milioni in casse da 9 litri di volume nel 2017 a 3.3 milioni nel 2022 previsti. 

Dai dati in nostro possesso dunque, l’altalena sembra non aver esaurito la sua corsa, ma sicuramente il movimento di oscillazione è profondamente rallentato e le prospettive di crescita sono senza dubbio incoraggianti. Staremo a vedere cosa accadrà nei prossimi mesi: noi siamo pronti a riportare dal vivo, sul posto, i commenti di importatori ed operatori del settore. Appuntamento dunque a giugno per un nuovo aggiornamento sul mercato russo.



Per info scrivi a redazione@winemeridian.com


Giulia Tartaglione

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm