Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 21 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

italian wine academy http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere
venerdi 25 gennaio

Russia: una corsa ad ostacoli per molti, un mercato sicuro per i migliori

Previsioni positive per l’export in Russia, il vino italiano crescerà, basta tenere gli occhi aperti alle possibilità in arrivo


Russia: una corsa ad ostacoli per molti, un mercato sicuro per i migliori
Proseguendo nel nostro viaggio, alla scoperta dei mercati dell’Est, abbiamo deciso di soffermarci sull’analizzare i dati di un mercato dalle grandi speranze per il vino italiano, un Paese esteso, educato al vino, con un vasto panorama di consumatori effettivi e potenziali, bevitori abituali e durante le occasioni mondane. Stiamo parlando della grande Russia.
Prima di entrare nel vivo dei consumi registrati e previsti, per la cui esposizione facciamo riferimento all’ultimo aggiornamento del prezioso report IWSR Vinexpo per gli anni 2017-2022, è bene considerare la situazione attuale di cui gode 
ad oggi la terra del grande freddo e della steppa incontaminata.

Non è proprio un territorio esente da controversie quello russo: la crisi legata al calo del prezzo del petrolio, la conseguente svalutazione monetaria, le tensioni geopolitiche e l’impatto di queste sull’economia locale, le forti sanzioni da parte di un governo appesantito da burocrazie ed una buona dose di corruzione, rendono le possibilità di entrare in questo mercato un po’ spinose.
Guardando al settore vinicolo, oltre alle difficoltà sopraelencate, bisogna fare i conti con una cospicua produzione locale, che si fa sentire e pesa con la concorrenza dei vini importati, che devono quindi guadagnarsi spazio al meglio.

Vediamo però le possibilità e i recenti sviluppi più da vicino.

Vini fermi
Secondo le indagini IWSR Vinexpo il mercato russo dei vini fermi ha subìto una crescita piuttosto sostanziosa, soprattutto dopo un lieve calo dei consumi nel 2015, dove si attestava un volume di 42,7 milioni in casse di nove litri di vino locale e 17,5 milioni di vino importato. Buone notizie per il vino italiano, dal 2016 infatti i volumi e il consumo pro capite dei vini importati sono cresciuti a discapito della produzione locale, registrando nel 2018 un volume di 37,7 milioni di vino locale e 29,3 milioni per il vino importato ed un consumo pro capite di 5,3 litri per adulto annui. Nei prossimi anni le previsioni fino al 2022 dichiarano un superamento del consumo di vino importato rispetto al locale; nel 2022, infatti, il volume in casse da 9 litri per gli importati sarà di 40,8 milioni, mentre il locale solo di 35,2, con un forte aumento del consumo pro capite a 6,1 litri annui.

In questo mercato, si prevedono forti crescite sia per i vini rossi, i favoriti, che per i vini bianchi. Insuccesso previsto ma costante per il rosé, non rientra tra le preferenze dei consumatori, più affini alle alte gradazioni alcoliche e ai tannini in evidenza e meno ai sapori delicati tipici dei freschi rosati. 
Il calcolo CAGR quinquennale 2017-2022 per importazione vede l’Italia posizionarsi come terzo Paese importatore: il CAGR di 11,9% passa infatti da 4,6 milioni in casse da nove litri nel 2017 a 8,1 milioni, quasi il doppio, nel 2022. Davanti all’Italia, i vini georgiani e spagnoli, subito dopo l’Italia invece Francia e Cile.
Mercato particolare, quello russo, anche dal punto di vista della spesa media per il vino: secondo le statistiche la quasi totalità dei vini acquistati rientra nella fascia di prezzo più bassa o in quella standard. Pochissimo spazio ai vini “premium” e quasi inesistente, anche se con previsione di crescita futura, i vini ad alto rapporto qualità/prezzo della categoria “super premium +”.

Bollicine
Dopo il declino del 2015, lo stesso che ha pesato sui vini fermi, anche il mercato delle bollicine si riprenderà in tutte le sue forze nei prossimi anni. Rispetto ai vini fermi, in questa categoria lo spazio per le bollicine importate fa più fatica ad allargarsi, la maggior parte dei consumi registrati e previsti riguarda il vino locale, mentre lo spazio per quello d’importazione rimane esiguo, e faticherà un po’ di più ad estendersi. Nel 2018 sono stati registrati un volume di 22,3 milioni in casse da 9 litri per le bollicine locali e solamente 3,2 milioni relativi all’importazione, con un consumo pro capite di 2,0 litri per adulto annui. Nel 2022 le previsioni sono positive, una crescita sia per la produzione locale di 23,2 milioni e 4,5 milioni per gli importati, con un consumo pro capite di 2,2 litri per adulto annui. L’italiano prosecco deve farsi ancora molta strada, la concorrenza con Cava dalla Spagna e Champagne si fa sentire e rimarrà intensa fino al 2022 secondo i dati previsti. L’Italia però è il primo importatore nel Paese per quanto riguarda le bollicine, con un CAGR quinquennale del 7,7%; a seguire la Francia e la Spagna. Infine, guardando al prezzo, vanno per la maggiore i vini nella fascia più bassa, poca percentuale nella categoria standard e quasi totale assenza per vini “premium” e “super premium +”.

Gli ostacoli, come anticipato al principio di questo articolo, ci sono, non ve lo nascondiamo. Ma riteniamo la Russia una meta ideale e sicura per il vino italiano, un mercato fedele che ci ha promesso di crescere nell’immediato futuro. Il nostro consiglio? Cogliete la prima buona occasione, se già non lo avete fatto, per estendere il vostro business anche qui e, come in una Matrioska, le sorprese non si lasceranno attendere.

In bocca al lupo e
Na zdorovye (cin cin)!

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla saturday 20 april

Italian wines in the world: Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

We have tasted for you Azienda Ronco Margherita's Ribolla Gialla

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita sabato 20 aprile

Italian wines in the world: Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

Abbiamo degustato per voi Ribolla Gialla dell'Azienda Ronco Margherita

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China friday 19 april

Export: Dal Forno’s Amarone conquers China

The famous Italian winery Dal Forno signs an exclusive distribution agreement: one bottle out of six is going to China

Federica Lago
Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Il mercato del vino va bene, ma per chi?

Nel 2007 il valore del mercato del vino a livello mondiale era di circa 147 miliardi di dollari, nel 2018 ha superato i 198 miliardi e nel 2022 si prevede raggiungerà i 207 miliardi di dollari. Ma chi sono coloro che stanno guidando questa crescita e i protagonisti delle evoluzioni di futuro?

Fabio Piccoli
Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East) venerdi 19 aprile

Offerta di lavoro

Wine Export Manager Overseas (USA, Canada, Far East)

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello



sfondo_wm