Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/
venerdi 25 gennaio 2019

Russia: una corsa ad ostacoli per molti, un mercato sicuro per i migliori

Previsioni positive per l’export in Russia, il vino italiano crescerà, basta tenere gli occhi aperti alle possibilità in arrivo


Russia: una corsa ad ostacoli per molti, un mercato sicuro per i migliori
Proseguendo nel nostro viaggio, alla scoperta dei mercati dell’Est, abbiamo deciso di soffermarci sull’analizzare i dati di un mercato dalle grandi speranze per il vino italiano, un Paese esteso, educato al vino, con un vasto panorama di consumatori effettivi e potenziali, bevitori abituali e durante le occasioni mondane. Stiamo parlando della grande Russia.
Prima di entrare nel vivo dei consumi registrati e previsti, per la cui esposizione facciamo riferimento all’ultimo aggiornamento del prezioso report IWSR Vinexpo per gli anni 2017-2022, è bene considerare la situazione attuale di cui gode 
ad oggi la terra del grande freddo e della steppa incontaminata.

Non è proprio un territorio esente da controversie quello russo: la crisi legata al calo del prezzo del petrolio, la conseguente svalutazione monetaria, le tensioni geopolitiche e l’impatto di queste sull’economia locale, le forti sanzioni da parte di un governo appesantito da burocrazie ed una buona dose di corruzione, rendono le possibilità di entrare in questo mercato un po’ spinose.
Guardando al settore vinicolo, oltre alle difficoltà sopraelencate, bisogna fare i conti con una cospicua produzione locale, che si fa sentire e pesa con la concorrenza dei vini importati, che devono quindi guadagnarsi spazio al meglio.

Vediamo però le possibilità e i recenti sviluppi più da vicino.

Vini fermi
Secondo le indagini IWSR Vinexpo il mercato russo dei vini fermi ha subìto una crescita piuttosto sostanziosa, soprattutto dopo un lieve calo dei consumi nel 2015, dove si attestava un volume di 42,7 milioni in casse di nove litri di vino locale e 17,5 milioni di vino importato. Buone notizie per il vino italiano, dal 2016 infatti i volumi e il consumo pro capite dei vini importati sono cresciuti a discapito della produzione locale, registrando nel 2018 un volume di 37,7 milioni di vino locale e 29,3 milioni per il vino importato ed un consumo pro capite di 5,3 litri per adulto annui. Nei prossimi anni le previsioni fino al 2022 dichiarano un superamento del consumo di vino importato rispetto al locale; nel 2022, infatti, il volume in casse da 9 litri per gli importati sarà di 40,8 milioni, mentre il locale solo di 35,2, con un forte aumento del consumo pro capite a 6,1 litri annui.

In questo mercato, si prevedono forti crescite sia per i vini rossi, i favoriti, che per i vini bianchi. Insuccesso previsto ma costante per il rosé, non rientra tra le preferenze dei consumatori, più affini alle alte gradazioni alcoliche e ai tannini in evidenza e meno ai sapori delicati tipici dei freschi rosati. 
Il calcolo CAGR quinquennale 2017-2022 per importazione vede l’Italia posizionarsi come terzo Paese importatore: il CAGR di 11,9% passa infatti da 4,6 milioni in casse da nove litri nel 2017 a 8,1 milioni, quasi il doppio, nel 2022. Davanti all’Italia, i vini georgiani e spagnoli, subito dopo l’Italia invece Francia e Cile.
Mercato particolare, quello russo, anche dal punto di vista della spesa media per il vino: secondo le statistiche la quasi totalità dei vini acquistati rientra nella fascia di prezzo più bassa o in quella standard. Pochissimo spazio ai vini “premium” e quasi inesistente, anche se con previsione di crescita futura, i vini ad alto rapporto qualità/prezzo della categoria “super premium +”.

Bollicine
Dopo il declino del 2015, lo stesso che ha pesato sui vini fermi, anche il mercato delle bollicine si riprenderà in tutte le sue forze nei prossimi anni. Rispetto ai vini fermi, in questa categoria lo spazio per le bollicine importate fa più fatica ad allargarsi, la maggior parte dei consumi registrati e previsti riguarda il vino locale, mentre lo spazio per quello d’importazione rimane esiguo, e faticherà un po’ di più ad estendersi. Nel 2018 sono stati registrati un volume di 22,3 milioni in casse da 9 litri per le bollicine locali e solamente 3,2 milioni relativi all’importazione, con un consumo pro capite di 2,0 litri per adulto annui. Nel 2022 le previsioni sono positive, una crescita sia per la produzione locale di 23,2 milioni e 4,5 milioni per gli importati, con un consumo pro capite di 2,2 litri per adulto annui. L’italiano prosecco deve farsi ancora molta strada, la concorrenza con Cava dalla Spagna e Champagne si fa sentire e rimarrà intensa fino al 2022 secondo i dati previsti. L’Italia però è il primo importatore nel Paese per quanto riguarda le bollicine, con un CAGR quinquennale del 7,7%; a seguire la Francia e la Spagna. Infine, guardando al prezzo, vanno per la maggiore i vini nella fascia più bassa, poca percentuale nella categoria standard e quasi totale assenza per vini “premium” e “super premium +”.

Gli ostacoli, come anticipato al principio di questo articolo, ci sono, non ve lo nascondiamo. Ma riteniamo la Russia una meta ideale e sicura per il vino italiano, un mercato fedele che ci ha promesso di crescere nell’immediato futuro. Il nostro consiglio? Cogliete la prima buona occasione, se già non lo avete fatto, per estendere il vostro business anche qui e, come in una Matrioska, le sorprese non si lasceranno attendere.

In bocca al lupo e
Na zdorovye (cin cin)!

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm