Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 26 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/  www.cantinatollo.it pradellaluna.com
venerdi 13 dicembre 2019

Sempre più “laico” il mercato del vino

I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino?


Sempre più “laico” il mercato del vino
Non c’è analisi che riguarda il mondo del vino che non faccia emergere due elementi principali: la fine di tendenze dominanti e il desiderio dei consumatori di sperimentare diverse bevande più o meno alcoliche.
Di fatto, potremmo affermare, oggi il consumatore è molto più aperto a più proposte “alcoliche”, e non è più esclusivamente fossilizzato su un’unica tipologia (vino, birra, spirit, ecc.) come avveniva anche nel recente passato.
In qualche misura siamo entrati in un’epoca più laica dove sono scomparse, o quasi, certe ortodossie nel consumo delle bevande alcoliche.
Gli stessi consumatori dei cosiddetti “vini naturali”, che sembrerebbero i più inclini alle “ideologie” di consumo, di fatto sono segmentati in diverse categorie (un po’ come lo sono i produttori biodinamici…) ed è difficile oggi disegnare un identikit preciso di questa tipologia di consumatori.
Regna insomma una grande libertà di consumo anche se forse sarebbe più corretto parlare di anarchia.
È anche molto difficile individuare i driver di questo nuovo approccio al consumo di bevande alcoliche.
Ci viene più facile immaginare che la responsabilità vada ricercata nel desiderio attuale di tutti noi di provare a vivere senza troppi vincoli o condizionamenti.
Siamo spaventati e delusi da molti fattori. Spaventati dalle tante emergenze che dobbiamo fronteggiare, da quelle climatiche a quelle legate alla nostra sicurezza quotidiana, senza dimenticare le diverse patologie sanitarie che la nostra società comunque è costretta tutt'oggi a fronteggiare. Ma siamo anche delusi (più o meno in ogni angolo del pianeta) da una classe politica, e dirigente, che apparentemente non sembra in grado di guidare e fronteggiare i tanti cambiamenti che stiamo affrontando e spesso subendo.
In uno stato di cose di questo genere, in cui spesso ci sentiamo imbrigliati, almeno sui consumi vogliamo essere liberi, o almeno sentirci più liberi.
In una situazione di libertà di consumo di questa natura può succedere di tutto.
Ad esempio che abbiano un successo straordinario oggi bevande alcoliche come le White Claw, che hanno una bassa gradazione alcolica (5°) e vengono aromatizzate in diversi modi, dall’amarena al pompelmo, dal mango al lime. È interessante osservare come questa tipologia di bevande sia di proprietà di uno degli importatori di vino più importanti del Canada, Mark Anthony Brands, a dimostrazione che anche gli “addetti ai lavori del vino” si stanno accorgendo che le cose stanno cambiando, e velocemente.
Ma la stessa diffusione dei vini in lattina sono un altro esempio eloquente che testimonia come oggi si stanno infrangendo anche numerosi dogmi sul fronte dei packaging.
Si potrebbero fare numerosi altri esempi ma ci fermiamo qui, ponendoci e ponendo ai nostri lettori una difficile domanda: “ma queste evoluzioni all’insegna della libertà dei consumi di bevande alcoliche e dell’accettazione di diverse tipologie di packaging, sono un fattore positivo per il nostro amato vino?”.
Sempre in una logica di libertà e di apertura dal nostro punto di vista riteniamo di sì, se però il comparto produttivo sarà in grado di rispondere a queste rivoluzioni con chiarezza e trasparenza.
In queste situazioni, infatti, diventa pericolosissimo, dare la sensazione che ogni produttore di vino possa fare di tutto, dal vino più “tradizionale” alla bevanda alcolica più “innovativa”.
Non solo, diventa essenziale anche una chiarezza “vitienologica”, per esempio capire bene quali sono i vini che possono essere adeguati ad un packaging “inusuale” (almeno per noi) come una lattina.
Insomma si deve spiegare bene, soprattutto ai nuovi consumatori, a quelli più giovani, questa “nuova segmentazione” dell’universo alcolico.
La libertà abbinata alla confusione, alla non chiarezza, alla scarsa trasparenza può trasformarsi in un cocktail (esempio molto calzante vista la situazione) micidiale per il nostro vino.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione

Fabio Piccoli
Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization. venerdi 24 gennaio 2020

Thailandia: il prossimo mercato emergente in cui vale davvero la pena esserci

Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization.

Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea. martedi 21 gennaio 2020

Mission Asia 2020

Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea.

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali. lunedi 20 gennaio 2020

Anteprima Amarone: l'annata 2016 a battesimo l'1 e 2 febbraio a Verona

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali.

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie lunedi 20 gennaio 2020

Il futuro appare radioso per il vino biologico, +34% entro il 2023

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie

Emanuele Fiorio


WineMeridian