Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 15 dicembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


www.prosecco.wine http://www.colmello.it/ La Torraccia  www.cantinatollo.it Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini
domenica 17 novembre 2019

Sempre più trendy il vino bio in Danimarca

Successo per l'evento organizzato da Organic Value a Copenaghen dove trova conferma la grande passione per i vini biologici in Danimarca, Paese in cui dal prossimo anno il bio diventa obbligatorio


Sempre più trendy il vino bio in Danimarca
Biologico e Danimarca: un binomio e un amore diventato realtà, concretezza e valore. Che la strada del biologico in terra danese sia quella giusta lo avevamo già intuito lo scorso anno con la prima edizione dell’Organic Value Tour a Copenaghen, ma quest’anno ne abbiamo avuto una forte e chiara conferma. Si è svolto venerdì 15 novembre l’appuntamento con questo importante evento b2b e b2c che ha coinvolto 31 produttori italiani di vino e olio biologico aderenti al progetto Organic Value, che abbiamo supportato fin dalla sua nascita assieme a Debora Bonora ed Elisa Spada. La giornata, svoltasi presso la Scuola di Cucina Hotel-og Restaurantskolen di Copenaghen, tra le più rinomate del Paese nordico, ha visto circa 200 operatori del settore tra importatori, ristoratori, sommelier e media incontrare i produttori italiani nel nome del biologico e altrettanti 200 wine lovers ed appassionati, alcuni dei quali la sera prima hanno partecipato anche alla cena Social Dinner a base di prodotti bio.
La giornata è stata aperta da un interessante speech dell’ambasciatore italiano
Luigi Ferrari: “Sono molto contento di questa iniziativa che io credo sia al tempo stesso coraggiosa e opportuna” ha esordito così l’ambasciatore. “Coraggiosa perché mi ha molto colpito il termine “Value”, perché credo che il valore stia nel saper combinare il rispetto dell’ambiente e della natura con la qualità. Questa è la sfida e che dà valore a questa iniziativa. Credo inoltre che la Danimarca sia un Paese in cui determinati obiettivi e strategie siano capiti meglio che altrove, perché la sensibilità rispetto a tematiche ambientali è molto alta, diffusa e concreta” ha concluso.

Perché sia oggi sensato e frutto di una progettualità di lunghe vedute investire sulla Danimarca ce lo ha spiegato
Luca Cavinato, project leader della Camera di Commercio italiana in Danimarca.
“La Danimarca è un Paese piccolo con 5 milioni e 700 mila abitanti, ciò nonostante rappresenta un mercato strategico per l’Italia. Per la sua posizione geografica e reti commerciali presenti è un ponte per la Scandinavia, infatti circa il 15% del vino importato in Danimarca viene poi esportato nei Paesi scandinavi (Svezia e Norvegia in primis). Infine è l’unico Paese del Nord Europa a non avere il Monopolio” ha spiegato Luca Cavinato. Per quanto riguarda i prodotti agroalimentari, la Danimarca è un Paese atipico - ha raccontato Cavinato - pur avendo una cucina basata su prodotti nordici, ha saputo evolversi in modo interessante negli ultimi anni, portando diversi ristoranti danesi ad essere tra i migliori e più premiati al mondo. Il livello gastronomico è in generale più alto della media di quest’area e fa sì che Copenaghen sia considerata la capitale gourmet del Nord Europa.

Sul filone del vino biologico, non ci sono dubbi circa l’interesse e il coinvolgimento dei danesi. C’è una grande attenzione anche nella vita di tutti i giorni verso un’alimentazione consapevole e salutista. Per questo il biologico è diventato legge ed entro il 2020 tutti i produttori si dovranno conformare a questa normativa in Danimarca.
E il Bel Paese come se la cava?
“La presenza italiana è capillare, il vino italiano si trova in qualsiasi ristorante o catena di supermercati. L’Italia è Paese leader dal 2009 per volume e fatturato con un 21%. Doppiamo quasi il secondo Paese, il Cile (14%) e a seguire la Spagna. I dari che abbiamo che mostrano una finestra dal 2013 al 2017 ci parlano di un turnover che cresce in modo continuo, con una fetta importante occupata dai vini biologici, nel cui segmento la Toscana è la regione leader”.

In Danimarca dove sono presenti 1700 importatori attivi, il numero più alto al mondo in un solo Paese, e dove il mercato è libero e la licenza è agevole da acquisire, oltre l’80% vino è venduto in GDO. Come farsi notare dall’importatore giusto? Secondo quelli presenti all’evento occasioni come queste specializzate sui prodotti biologici sono preziose. Secondo
Peter Bjerregaard “questi eventi sono molto utili e ben organizzati, ci sono molti vini che io non conoscevo, anche piccoli produttori che hanno avuto l’opportunità di farsi conoscere. Spero che continuiate a lavorare in questa direzione perché credo che sia la strada giusta”. L’importatore Torsten Freund ci ha raccontato come vadano per la maggiore vini come “Barolo, Amarone e Brunello, ma mi sto aprendo ad acquistare anche vini più particolari, anche da regioni meno conosciute. E se dovessi dare un consiglio ai produttori italiani: Keep it simple, keep it true!”.
Danilo Rustaggia, maitre della catena di ristoranti del gruppo Mash, ci ha raccontato come “a Copenaghen si sta aprendo sempre di più il mercato del vino italiano e del biologico. Abbiamo diversi ristoranti italiani bio di nuova apertura dove c’è una selezione limitata di vini, ma di grande qualità. I viticoltori ed enologi italiani stanno facendo un bel lavoro per definire un prodotto di qualità, prima ancora di farlo conoscere. Stanno investendo bene. Sono contento per il vino italiano”. E siamo contenti anche noi, perché lasciamo Copenaghen con una conferma in più: che questo è un mercato pronto e sta aspettando a braccia aperte il vino bio (e non solo) italiano!
Sempre più trendy il vino bio in Danimarca
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta. sabato 14 dicembre 2019

Il successo? Un equilibrio tra pragmatismo e idealismo

Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta.

Emanuele Fiorio
Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo sabato 14 dicembre 2019

Italian wines in the world: Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori. venerdi 13 dicembre 2019

Il segreto di un percorso formativo qualificante sono i legami personali. Community significa maggior apprendimento e visibilità

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori.

Emanuele Fiorio
I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino? venerdi 13 dicembre 2019

Sempre più “laico” il mercato del vino

I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino?

Fabio Piccoli
La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale. giovedi 12 dicembre 2019

Valle d’Aosta: avanguardia di una viticoltura tra terra e cielo

La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale.

Giovanna Romeo
Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del  settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.  giovedi 12 dicembre 2019

WinePeople Campus, formazione a contatto con le esigenze aziendali: “insegniamo quello che facciamo e facciamo quello che insegniamo”

Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.

Emanuele Fiorio
Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import. giovedi 12 dicembre 2019

Nasce la società Shenzen Baina International Exhibitions per operare sul mercato cinese e asiatico

Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import.

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico giovedi 12 dicembre 2019

Singapore: tra accise e premium wines

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico

Agnese Ceschi
Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta 
giovedi 12 dicembre 2019

Linea Aragosta, un’etichetta storica dal futuro scintillante

Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta

Abbiamo degustato per voi mercoledi 11 dicembre 2019

Italian wines in the world: "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Abbiamo degustato per voi "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico. mercoledi 11 dicembre 2019

"Innovazione tradizionale": Tinazzi punta sui lieviti autoctoni nella vendemmia 2019

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico.

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender. mercoledi 11 dicembre 2019

Come faccio a vincere un tender in Svezia?

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender.

Agnese Ceschi
Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno martedi 10 dicembre 2019

Yannick Benjamin, l’Araba Fenice dell’Hospitality

Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno

Emanuele Fiorio
Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese martedi 10 dicembre 2019

Ombre cinesi

Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese

Graziano Molon
Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo? martedi 10 dicembre 2019

Evento B2B: un contenitore perfetto

Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo?

Lavinia Furlani
We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus tuesday 10 december 2019

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Invictus

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato
martedi 10 dicembre 2019

Come si costruisce un brand?

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato

Noemi Mengo


WineMeridian