Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 22 agosto 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach
mercoledi 26 luglio

Sensi Restaurant: il fascino chic del vino italiano in Thailandia

L'intervista alla proprietaria del ristorante italiano a Bangkok Charlotte Buzzanca


Sensi Restaurant: il fascino chic del vino italiano in Thailandia
Decidere di creare una carta vini quasi esclusivamente italiana in un Paese lontano (sai geograficamente, ma anche culturalmente) come la Thailandia richiede un buona dose di personalizzazione e di creatività. Sì, perché proporre il vino in un ristorante thailandese implica anche andare oltre a prezzi non sempre così agevoli da affrontare e quindi da proporre al cliente vista l’alta tassazione imposta dal Paese. Per farlo è necessario metterci buoni capacità di selezione, conoscenza del prodotto e una buona dose di sensibilità verso il cliente.
Tutto questo cerca di fare Charlotte Buzzanca, proprietaria del Sensi Restaurant di Bangkok. In un’atmosfera rilassante con luci soffuse e arredamenti chic, gli ottimi piatti della tradizione italiana a base di carne (spesso richiesti in abbinamento con rossi corposi) sono il completamento di una carta vini varia e frutto anche del gusto personale della proprietaria.

Esiste un criterio con il quale scegliete i vini della vostra lista?
Ci piace avere una vasta selezione di vini italiani. Non esiste un criterio specifico. Seguiamo il palato dei nostri ospiti, e visto che amo bere il vino io stessa, penso che influisca molto anche il mio gusto personale.

Quale percentuale occupa il vino italiano nella vostra carta vini?
Dato che il menù è maggiormente incentrato sulla cucina italiana, la maggior parte dei nostri vini proviene dall'Italia. Conserviamo comunque nelle nostre cantine dei vini francesi visto che alcuni di questi si abbinano bene con molti dei nostri piatti. Non c'è una regola precisa, ma la nostra cantina è chiaramente governata da vini italiani.

Chi decide la selezione dei vini?
Ho preso recentemente in carica questo ruolo. Direttori e chef vanno e vengono, ma io sono quella che sarà sempre qui. Sto scoprendo una nuova passione, ascolto i miei clienti e i miei dipendenti. Amo i vini con una storia dietro. Provo con i miei cuochi e decidiamo insieme se le nostre idee possono andare bene con la lista di Sensi.

Come offrite i vini alla clientela?
Scegliere i vini è un processo molto personale. Il nostro team è ben preparato. Non vogliamo spingere le persone a scegliere in base al prezzo (le tasse sono molto alte in Thailandia). Cerchiamo di essere sensibili al profilo e alla personalità del cliente, suggerendo cosa può andare meglio con le scelte del menù.

Qual è la relazione che hanno i vostri clienti con il vino italiano?
I clienti di Sensi vengono per la cucina e per i vini, ma anche per l’atmosfera e l’ambiente. Gli interni sono lussuosi, abbiamo un bellissimo ristorante, molto accogliente, elegante e il nostro team è molto professionale. Di conseguenza i nostri vini sono un complemento di tutto ciò.

Che relazione c’è tra cucina e vini?
Molti dei piatti di Sensi contengono carne rossa: il nostro agnello arrosto e l'entrecôte australiana sono molto popolari, come anche le nostre pappardelle toscane fatte a mano con sugo di cinghiale, e gli “strozzapreti” con sugo di agnello e limone fermentato. Di solito sono i vini rossi corposi che si abbinano alla perfezione ai nostri piatti più caratteristici ad essere i più richiesti dai clienti.

Qual è la reazione verso i prezzi dei vini?
A causa dell’alta tassazione in Thailandia, i prezzi dei vini, soprattutto di quelli più pregiati, rischiano di lievitare molto. Noi cerchiamo di rispondere a tutte le richieste e proporre vini per ogni occasione, offrendo un bilanciato range di prezzo ai nostri clienti.

SENSI RESTAURANT
1040 Narathiwat Soi 17 Yak 5, Sathorn, Bangkok. 
www.sensibangkok.com/index.html
Sensi Restaurant: il fascino chic del vino italiano in Thailandia


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Wine Export Manager Day: partecipa il 18 settembre alla prima giornata dell’Export Manager del vino

Lunedì 18 settembre a Verona si terrà il Wine Export Manager Day, il primo appuntamento dedicato esclusivamente agli export manager del vino italiano. Un evento dove confrontarsi sul tema dell’export e soprattutto sul ruolo strategico di questa figura professionale fondamentale per il settore vitivinicolo italiano

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence mercoledi 16 agosto

I vini friulani tra export ed ospitalità

Una ricerca sull'enoturismo condotta da MIB Trieste School of Management e Wine Intelligence

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Sulle Comete di Alois Lageder per guardare più lontano

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder

Fabio Piccoli
Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017. giovedi 10 agosto

Un Master per il Business del Vino

Per tutti gli interessati ad accrescere il proprio know-how sul business del vino, la MIB Trieste School of Management apre le iscrizioni al programma Wine Business Management (WBM) che inizierà il prossimo 30 novembre 2017.

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute mercoledi 09 agosto

L'Italia mantiene le posizioni nel mercato USA

Lo dice il rapporto sul primo semestre 2017 dell'Italian Wine and Food Institute

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com martedi 08 agosto

Il vino italiano? Ha bisogno di una voce unificata che si rivolga ai giovani consumatori cinesi

Lo dice il giovane talento Oliver Zhou, tra i fondatori della piattaforma cinese Vinehoo.com

Agnese Ceschi
We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016 sabato 05 agosto

Italian Wines in the World: Paternoster’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

We tasted for you Paternoster winery’s Vulcanico, Basilicata IGT Falanghina 2016

Lorena Lancia (best sommelier FISAR 2016)
Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Umile e competente sul mercato: l’identikit dell’enologo del futuro

Intervista a tutto campo a Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi e tra i principali protagonisti della vitienologia moderna

Fabio Piccoli
Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini giovedi 03 agosto

Mario Primo, quando il Chianti diventa trasgressivo

Presentato ufficialmente durante l’ultima edizione di Vinexpo a Bordeaux, è risultato come una delle novità enologiche più interessanti e per certi aspetti trasgressive che testimonia ancora una volta il coraggio innovativo dell’azienda Piccini

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici mercoledi 02 agosto

Veloce o lento?

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici

Agnese Ceschi
Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Nel cibo le “diversità” uniscono

Tra le straordinarie peculiarità del cibo, delle produzioni tipiche della terra vi è quella della naturale tolleranza ed integrazione culturale. Lo straordinario esempio della prima esperienza dello Scirocco Wine Fest, dove culture enogastronomiche del Mediterraneo si incontrano

Lavinia Furlani
Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach lunedi 31 luglio

Ristorazione a Miami: il rapporto vino-piatto è fondamentale nella scelta del consumatore

Intervista al General Manager, Roberto Sanso, del ristorante italiano Quattro Gastronomia Italiana a South Beach

Agnese Ceschi
Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Scirocco Wine Fest, quando il vino unisce il Mediterraneo

Si è aperta a Gibellina la prima edizione dello Scirocco Wine Fest, un evento innovativo che vuole fare della Sicilia il punto di riferimento della vitienologia del Mediterraneo

Fabio Piccoli
We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013 sabato 29 luglio

Italian Wines in the World: Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

We tasted for you Paolo Leo’s Dorso Rosso, Puglia IGT Negroamaro 2013

Lorena Lancia (miglior sommelier FISAR 2016)


WineMeridian