Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
mercoledi 19 giugno 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://events.editricetemi.com/events/WorkshopFood&Beverage/registrazione.html?idpg=497 Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it
venerdi 07 giugno 2019

Si fa presto a dire influencer

Oggi si discute molto sul ruolo dei cosiddetti influencer del vino ma nella realtà spesso sono molti meno di quelli che immaginiamo, ma è solo questione di tempo e di qualcos'altro…


Si fa presto a dire influencer
Che il mondo della cosiddetta critica enogastronomica sia decisamente modificato in quest’ultimo decennio è chiaro a tutti.
Spesso però è difficile comprendere come si è concretamente evoluto e, soprattutto, con quali modalità oggi agisce.
Ma prima di addentrarci in una nostra, del tutto personale, analisi del ruolo attuale degli influencer, riteniamo opportuno chiarire la definizione di questa “nuova” figura professionale della filiera del vino.


Per noi è influencer colui che è in grado di condizionare con il suo giudizio sia la reputazione che le “vendite” di un brand.
Tanto per chiarirci era chiaro vent’anni fa che per un’azienda vitivinicola il riconoscimento dei “Tre Bicchieri” del Gambero Rosso non solo incideva fortemente sull’immagine del brand ma anche, e ci verrebbe da dire soprattutto, sul fatturato.
Abbiamo ancora ben presenti i volti gioiosi dei produttori che venivano a ritirare il prestigioso riconoscimento del Gambero, nei loro occhi si leggeva non solo il giusto orgoglio ma anche la consapevolezza che la loro storia “economica” si sarebbe profondamente trasformata, in meglio.


Prima ancora del Gambero Rosso ci fu un uomo a cui alcune aziende italiane, non poche per la verità, devono moltissimo non solo in termini di reputazione ma anche di successo commerciale, Luigi Veronelli. 
Senza dimenticare, spostando l’orizzonte a livello internazionale, quello che si può considerare il padre della critica enologica mondiale, Robert Parker, che proprio in questi giorni ha annunciato il suo ritiro dalle scene per godersi una meritatissima pensione.
Ma se quelli sopra descritti, a nostro parere, sono i parametri per misurare l’efficacia di un influencer è abbastanza facile rendersi conto che oggi non sono poi tanti coloro che riescono da condizionare così fortemente il destino di un’azienda, di un brand.
È altrettanto corretto aggiungere che gli attuali strumenti di comunicazione, a partire dai social media, non facilitano l’analisi dell’efficacia di un influencer.
Si tratta, infatti, di strumenti “anarchici”, che si muovono su vari livelli non facilmente monitorabili.


È questa la ragione che ci porta a non partecipare alla discussione “ideologica” sul ruolo degli influncer.
A nostro parere va preso atto che esistono, alcuni di loro sono anche preparati mentre altri, probabilmente la maggioranza (ma è una nostra sensazione per carità) non lo sono per nulla.


Il fatto che alcune aziende stiano investendo in alcuni presunti influencer non particolarmente dotati e probabilmente nemmeno così “influenzatori” non è un problema nostro. In un comparto economico maturo le scelte imprenditoriali vanno sempre rispettate anche quelle che sembrano delle corbellerie.
A noi, invece, interessa capire come gli influencer bravi possono e potrebbero contribuire ulteriormente alla sviluppo dell’immagine ma anche delle vendite del vino italiano.


Se i parametri sono quelli descritti all’inizio di questo articolo, è evidente che la competenza rimane un pre requisito fondamentale per essere efficaci.
Il valore dei contenuti prevale sempre anche quando alcuni strumenti comunicativi sembrerebbero spingere sul solco della banalità.
Dal nostro osservatorio monitoriamo spesso le comunicazioni social di alcuni professionisti ritenuti oggi efficaci influencer.
Per alcuni, lo ammettiamo, facciamo fatica a capire le ragioni del loro presunto successo (ma probabilmente per nostri limiti) ma per altri, invece, ci sembra abbastanza chiara la loro “linea editoriale”.


Per questa ragione ci azzardiamo a definire una sorta di identikit dell’influencer ideale ed efficace:
- donna o uomo (possibilmente sotto i trent’anni) che dimostri di essere arrivato al mondo del vino per una autentica e dimostrabile passione;
- dopo un primo approccio legato alla passione sono stati in grado di evolvere le loro competenze attraverso percorsi formativi (Ais, Wset, ecc.);
- ottima capacità comunicativa soprattutto quella legata al cosiddetto “linguaggio del corpo”. Il ruolo dell’immagine ha un peso enorme nella comunicazione social. Su questo fronte potremmo addirittura azzardare a dire che essere “belli” non è indispensabile per essere efficaci influencer ma sicuramente agevola moltissimo. Sicuramente è essenziale essere fotogenici;
- una buona dose di immodestia che spinge oltre i confini classici della critica enologica tradizionale. Inutile negare che essere influencer oggi significa rompere l’ortodossia della critica enologica a partire dai cosiddetti riti della degustazione;
- apparire indipendenti nei giudizi e nelle scelte. Sicuramente è una delle caratteristiche più difficili da possedere ed è una sorta di “spada di Damocle” sulla testa di molti influencer in erba attuali. Ma chi ha la pazienza e la forza di reggere all’urto delle pressioni commerciali per acquisire una propria autorevolezza credibile, può portare a casa importanti risultati sia per lui che per il comparto nel suo complesso.


Se l’identikit che sopra abbiamo evidenziato è corretto testimonia ancora una volta come allo stato attuale sono molto pochi gli influencer reali perché di fatto si stanno “costruendo” commettendo inevitabilmente molti errori di gioventù.
Noi, però, siamo ottimisti e facciamo seriamente il tifo per tutti quelli che ci stanno mettendo impegno, sfatando tabù, non facendosi ingannare da veloci successi, ma accettando un percorso contraddistinto anche da molti sacrifici.
In fin dei conti, nulla di nuovo rispetto a coloro che li ha preceduti.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Mercato del vino e denominazioni: documento strategico verrà proposto al Ministro Centinaio mercoledi 19 giugno 2019

Brexit: la filiera del vino incontra l'ambasciatore britannico Jill Morris

Mercato del vino e denominazioni: documento strategico verrà proposto al Ministro Centinaio

Abbiamo degustato per voi Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti mercoledi 19 giugno 2019

Italian wines in the world: Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti

Abbiamo degustato per voi Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?
mercoledi 19 giugno 2019

Giappone: here we go again!

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?

Noemi Mengo
La nuova collezione propone i primi due gioielli: Müller Thurgau e Pinot Grigio martedi 18 giugno 2019

Mezzacorona lancia “MUSIVUM”, un progetto per valorizzare le eccellenze enologiche del territorio trentino

La nuova collezione propone i primi due gioielli: Müller Thurgau e Pinot Grigio

Suggerimenti sulle soft skills degli export manager nel loro habitat di caccia: la fiera internazionale del vino.
martedi 18 giugno 2019

Come essere vincenti in fiera

Suggerimenti sulle soft skills degli export manager nel loro habitat di caccia: la fiera internazionale del vino.

Dal 17 al 22 giugno al via la seconda edizione del roadshow b2b con 55 aziende espositrici e importatori da 12 province cinesi lunedi 17 giugno 2019

Vinitaly e ICE allargano la mappa del vino italiano in Cina

Dal 17 al 22 giugno al via la seconda edizione del roadshow b2b con 55 aziende espositrici e importatori da 12 province cinesi

L'Italia detiene il primato commerciale anche per il 2019 in Russia con una quota di mercato del 27% lunedi 17 giugno 2019

Solo Italiano: rinnovato l'evento IEM in Russia che esalta il vino italiano

L'Italia detiene il primato commerciale anche per il 2019 in Russia con una quota di mercato del 27%

We have tasted for you Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 monday 17 june 2019

Italian wines in the world: Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018

We have tasted for you Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018

Guardiamo al futuro dell’Amarone, in un’intervista ad Alberto Zenato, nuovo Presidente dell’Associazione Famiglie Storiche lunedi 17 giugno 2019

Amarone: deve vincere il territorio, dopo le associazioni

Guardiamo al futuro dell’Amarone, in un’intervista ad Alberto Zenato, nuovo Presidente dell’Associazione Famiglie Storiche

Noemi Mengo
Wine Meridian affianca le aziende del vino italiane sui mercati esteri venerdi 14 giugno 2019

Tour Internazionali: ecco il nostro calendario

Wine Meridian affianca le aziende del vino italiane sui mercati esteri

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori venerdi 14 giugno 2019

Torna Roséxpo il Salone Internazionale dei Vini Rosati

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole. venerdi 14 giugno 2019

Un percorso attraverso il tempo e lo spazio degli spumanti metodo classico

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole.

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano venerdi 14 giugno 2019

Più che cambio è rivoluzione generazionale

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano

Fabio Piccoli
Una collezione di risultati che non può non essere raccontata 
venerdi 14 giugno 2019

Cantina di Soave, un 2019 da record

Una collezione di risultati che non può non essere raccontata

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi venerdi 14 giugno 2019

Le potenzialità del "vulcano"

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi

Agnese Ceschi
Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 
giovedi 13 giugno 2019

Hong Kong International Wine and Spirits Fair, unisciti a noi!

Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 



sfondo_wm