Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 13 novembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/ http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it
lunedi 07 novembre

Sicilia Doc: l'ambizione di un modello europeo per valore investito e strategie di promozione

Intervista al presidente del Consorzio Sicilia Doc, Antonio Rallo


Sicilia Doc: l'ambizione di un modello europeo per valore investito e strategie di promozione
Presidente, ci racconti la Sicilia Doc con qualche numero.
I numeri della Sicilia Doc sono veramente importanti: 11.000 ettari, 3.300 viticoltori, 86 cantine, oltre 24 milioni di bottiglie e trend di crescita intorno al 20%. Numeri incoraggianti, che aprono a promettenti prospettive. Inoltre, il piano promozionale del 2016 prevede investimenti per 1.600.000 euro per promuovere la denominazione negli Stati Uniti. 
Quali sono gli obiettivi del Consorzio e quale strategia di comunicazione è stata privilegiata?
La Sicilia del vino ha un’antichissima tradizione di viticoltura. L’obiettivo del Consorzio è quello di accrescere il valore del brand Sicilia DOC, ma soprattutto di affermare e rendere riconoscibile l’identità dei vini siciliani. La strategia è molto articolata e si basa su un’imponente rete di PR, che si sviluppa sia attraverso la stampa tradizionale, life style e specializzata, che attraverso i nuovi canali di digital communication, senza trascurare il confronto costante con gli influencers di settore negli USA.

In cosa differisce il programma di promozione 2016 negli USA rispetto a quello dell’anno precedente?
In generale, il programma di investimenti negli USA si è svolto nel segno della continuità rispetto all’anno precedente. Abbiamo deciso, tra le varie iniziative, di promuovere maggiormente la relazione con il consumatore finale attraverso la collaborazione con la rivista «Food&Wine», che si sta rivelando molto proficua.
Il focus è sui nostri due vitigni “icona”: il Grillo e il Nero d’Avola. Proprio il Grillo è stato protagonista di alcune iniziative live sui social, in primis quella del #GoGrillo, con la creazione di un hastag semplice ed immediato, che ha ottenuto grande riscontro.

La relazione vino-cibo e la ricerca dei migliori abbinamenti ha un impatto sulla comunicazione?
Sicilia DOC sta promuovendo la facilità di abbinamento del vino siciliano: quindi non solo l’accostamento alla cucina tradizionale, come si è sostenuto in passato, ma anche, e soprattutto abbinamenti con piatti internazionali, tra cui quelli della cucina fusion. Non possiamo sottrarci dal consigliare agli appassionati di cucina fusion o giapponese abbinamenti con il Grillo o lo Zibibbo; così come il Nero d’Avola ed il Frappato, ottimi per i piatti tipici americani a base di carne. 

Ci può delineare le azioni di incoming svolte sul territorio siciliano?
Quest’anno per la prima volta abbiamo realizzato un B2B in Sicilia, invitando 14 operatori americani, dai diversi mercati di riferimento, che avevano mostrato interesse nel vedere da vicino la realtà vinicola siciliana. Gli operatori stranieri sono stati accolti e coinvolti nelle attività del Consorzio, presentando loro non solo la qualità dei vini prodotti dalle nostre cantine, ma anche presentando il territorio ed i dettagli della campagna promozionale negli USA. Inoltre, sono diversi i giornalisti, rappresentanti di importanti testate statunitensi, che sono sbarcati in Sicilia attraverso il nostro piano di comunicazione. Il risultato è stato molto positivo, con decine di milioni di impressions sugli articoli pubblicati. Nei prossimi anni intensificheremo queste attività, perché crediamo che far conoscere l’origine del vino attraverso un’immersione nella ricchezza della Sicilia sia di primaria rilevanza.

Parliamo di promozione al consumatore: quali sono i canali ed i sistemi che vi hanno garantito maggiori risultati?
I canali social oggi permettono un continuo contatto con il consumatore acquisito o potenziale. Attraverso l’introduzione di educational, di abbinamenti col cibo americano e non solo, curiosità, pillole di storia e tanta attenzione nel coinvolgere gli influencers, oggi siamo certamente molto più vicini al pubblico americano.

Quali sono i motivi del successo crescente della DOC Sicilia e quali sono le prospettive ed i progetti per il futuro?
Il Consorzio, anche se molto giovane, è una grande occasione di poter coinvolgere sotto una unica denominazione la maggior parte dei produttori e dei vini siciliani. Oggi siamo quasi un centinaio di produttori Sicilia DOC, legati da un profondo entusiasmo al nostro lavoro. Uno dei principali obiettivi è quello di essere sempre più severi, attraverso la vigilanza ed il controllo continuo, sia in fase di certificazione che nel controllo sul mercato, effettuati dai due Enti preposti: Irvos e l’Istituto Repressioni Frodi; solo attraverso queste operazioni possiamo garantire qualità ed incrementare il valore della nostra produzione. Stiamo creando le basi per far crescere sempre più il Consorzio, per strutturarlo e fare in modo che sempre più artigiani del vino siciliano rivendichino la propria produzione di qualità sotto la denominazione Sicilia DOC. 

Gli investimenti in promozione realizzati dalla Doc Sicilia si stanno dimostrando davvero capaci di salvaguardare e sviluppare la redditività dei produttori?
La promozione ha lo scopo di incrementare la redditività, aumentando il valore percepito del prodotto e creando marginalità in favore dei produttori. I finanziamenti previsti dalla comunità europea stanno aiutando in tal senso. Occorre, però, maggiore attenzione e maggior dialogo con le istituzioni. Sicilia DOC è molto attenta a tutto ciò: abbiamo l’ambizione di diventare un modello europeo per valore investito in relazione alle strategie perseguite, ma ci vuole tempo affinché una giovane realtà riesca ad affermarsi ed incrementare il proprio mercato. Siamo sulla buona strada.

Quali sono i criteri da seguire per investire nel marketing e sviluppare la conoscenza del vino fra i consumatori?
Negli ultimi anni, purtroppo, sono state tante le campagne d’opinione che hanno messo in cattiva luce il consumo di vino in generale, penalizzato dal problema dell’abuso di superalcolici tra i giovani. Noi produttori siamo i primi a promuovere il consumo del vino in maniera responsabile e consapevole. Un altro aspetto da valorizzare è la scoperta del territorio attraverso la produzione vitivinicola: ogni vino esprime le caratteristiche territoriali, ma anche culturali del luogo di origine; la Sicilia in questo è particolarmente avvantaggiata. Infine, devo dire che paghiamo lo scotto di aver comunicato il vino in maniera talvolta troppo complicata, così facendo si è allontanato il consumatore che ha il timore di non essere all’altezza di scegliere una bottiglia.
Oggi bisogna ripensare il dialogo con il consumatore; in questo nuovo andamento comunicativo il marketing deve avere un ruolo di rilievo. La strategia va inoltre rivolta con molta più attenzione alla rete commerciale, che deve essere in grado di esprimere qualità e valori del prodotto, ma anche di avvicinare il cliente. Importantissimo è il ruolo della comunicazione, che ha il compito di adattarsi tempestivamente all’identikit del moderno consumatore, studiandone stili di vita, evoluzione della cultura e nuove tendenze.
Fabio Tavazzani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il tempo è la risorsa più importante per le aziende che vogliono essere competitive sui mercati internazionali

Il fattore tempo nell’export del vino

Il tempo è la risorsa più importante per le aziende che vogliono essere competitive sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Si è conclusa con successo di pubblico e operatori la prima tappa di Organic Value a Copenhagen lunedi 12 novembre

Danimarca loves Italian organic wines

Si è conclusa con successo di pubblico e operatori la prima tappa di Organic Value a Copenhagen

Agnese Ceschi
The research “Yeats and terroir” is launched by Cantine Tinazzi with the cooperation of Starogen anche StarFinn. monday 12 november

Yeasts and Terroir: when biodiversity meets science

The research “Yeats and terroir” is launched by Cantine Tinazzi with the cooperation of Starogen anche StarFinn.

Ci sono opportunità che passano una volta sola! Ultimi due posti a disposizione per i nosti Campus. Che fai?

Prendere o lasciare?

Ci sono opportunità che passano una volta sola! Ultimi due posti a disposizione per i nosti Campus. Che fai?

Roberta Zantedeschi
On November 8th, 2018, two new Italian Wine Experts and seven new Italian Wine Ambassadors officially joined the Vinitaly International Academy (VIA) community of dedicated wine professionals worldwide friday 09 november

VIA's Italian Wine Ambassador Course celebrates two new Experts and seven new Ambassadors in Hong Kong

On November 8th, 2018, two new Italian Wine Experts and seven new Italian Wine Ambassadors officially joined the Vinitaly International Academy (VIA) community of dedicated wine professionals worldwide

Non rappresenta più il gate preferenziale per l’ingresso dei vini sul grande mercato cinese ma Hong Kong continua a rappresentare il più interessante laboratorio per capire le dinamiche di sviluppo del mercato asiatico. Intervista Jessica Anne Tan, Italian Wine Ambassador di Vinitaly International Academy venerdi 09 novembre

Ad Hong Kong, dove le rivoluzioni asiatiche arrivano prima

Non rappresenta più il gate preferenziale per l’ingresso dei vini sul grande mercato cinese ma Hong Kong continua a rappresentare il più interessante laboratorio per capire le dinamiche di sviluppo del mercato asiatico. Intervista Jessica Anne Tan, Italian Wine Ambassador di Vinitaly International Academy

Lavinia Furlani
L’iniziativa nel campo della ricerca scientifica e della tutela del territorio “Lieviti e terroir” porta la firma Cantine Tinazzi con la collaborazione di Startogen e StarFinn. venerdi 09 novembre

Lieviti e terroir: quando la biodiversità incontra la scienza

L’iniziativa nel campo della ricerca scientifica e della tutela del territorio “Lieviti e terroir” porta la firma Cantine Tinazzi con la collaborazione di Startogen e StarFinn.

Intervista all'esperto di vini italiani Thomas Ilkjaer a un giorno dall'inizio dell'evento Organic Value giovedi 08 novembre

Danimarca: dove il biologico è di casa

Intervista all'esperto di vini italiani Thomas Ilkjaer a un giorno dall'inizio dell'evento Organic Value

Agnese Ceschi
Prima puntata: la Maestrina, quando la lucida negatività non paga! mercoledi 07 novembre

Approcci al mondo del vino che non funzionano

Prima puntata: la Maestrina, quando la lucida negatività non paga!

Tutti li rincorrono, tutti li vogliono, ma quanto un premio può aiutare un vino a farsi comprare o bere dai nostri millenials? martedi 06 novembre

L'importanza dei premi per i millenials 2.0 (o 3.0?)

Tutti li rincorrono, tutti li vogliono, ma quanto un premio può aiutare un vino a farsi comprare o bere dai nostri millenials?

Bastano pochi “tap” per vendere e acquistare in modo pratico, veloce ed efficace 
martedi 06 novembre

Enosocial®, l’app che dà valore al Direct to Consumer

Bastano pochi “tap” per vendere e acquistare in modo pratico, veloce ed efficace

Veronafiere and Vinitaly International Academy (VIA) have teamed up with ICE-Italian Trade Agency in Toronto and two of the leading Canadian Monopolies, Nova Scotia Liquor Corporation (NSLC) and the Newfoundland and Labrador Liquor Corporation (NFLC), to bring Canada Roadshow Executive Seminars to cities in Eastern Canada.
tuesday 06 november

Canada Roadshow Executive Seminars offer up a taste of the "bella vita"

Veronafiere and Vinitaly International Academy (VIA) have teamed up with ICE-Italian Trade Agency in Toronto and two of the leading Canadian Monopolies, Nova Scotia Liquor Corporation (NSLC) and the Newfoundland and Labrador Liquor Corporation (NFLC), to bring Canada Roadshow Executive Seminars to cities in Eastern Canada.

Presente anche il Ministro Centinaio durante la settimana del CIIE dal 5 al 10 novembre martedi 06 novembre

Veronafiere apre una sede permanente a Shanghai

Presente anche il Ministro Centinaio durante la settimana del CIIE dal 5 al 10 novembre

Vinitaly International Academy (VIA) launches its reformatted Italian Wine Ambassador certification course in Hong Kong from November 4th to 8th at the Hong Kong in the lead-up to the region’s famous International Wine and Spirits Fair starting on November 8th monday 05 november

Vinitaly International Academy to launch reformatted, tasting-intensive Italian Wine Ambassador course in Hong Kong

Vinitaly International Academy (VIA) launches its reformatted Italian Wine Ambassador certification course in Hong Kong from November 4th to 8th at the Hong Kong in the lead-up to the region’s famous International Wine and Spirits Fair starting on November 8th

La storia dei Monovitigno iniziata con il Cabernet Franc passa il testimone alle nuove etichette di Vignamaggio dedicate a Sangiovese e Merlot. lunedi 05 novembre

Nascono i Cru monovitigno di Vignamaggio

La storia dei Monovitigno iniziata con il Cabernet Franc passa il testimone alle nuove etichette di Vignamaggio dedicate a Sangiovese e Merlot.

Domenica 11 novembre la cantina di Spessa sarà presente con quattro vini della linea Myò nella nuova area in piazza della Rena lunedi 05 novembre

I vini Zorzettig al Merano Wine Festival protagonisti allo spazio The Circle

Domenica 11 novembre la cantina di Spessa sarà presente con quattro vini della linea Myò nella nuova area in piazza della Rena

Preparate il passaporto: ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019
lunedi 05 novembre

Wine Meridian around the world

Preparate il passaporto: ecco le nostre tappe internazionali previste per il 2019

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.

Ibrido è bello

Il mondo del vino è piuttosto chiuso e spesso il livello medio di professionalità dei manager è più basso rispetto ad altri settori. Non sempre la conoscenza dei prodotti e dei mercati compensano determinate lacune. Aprirsi a influenze professionali provenienti da altri ambiti, potrebbe quindi procurare molti vantaggi.

Lavinia Furlani
  Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona lunedi 05 novembre

Informazione pubblicitaria
AVVISO DI VENDITA COMPETITIVA

Fallimento N. 53/2017 Tribunale di Verona

We tasted for you MGM Mondo del Vino’s Asio Otus saturday 03 november

Italian wines in the world: MGM Mondo del Vino’s Asio Otus

We tasted for you MGM Mondo del Vino’s Asio Otus

Abbiamo degustato per voi Asio Otus di MGM Mondo del Vino sabato 03 novembre

Italian wines in the world: Asio Otus di MGM Mondo del Vino

Abbiamo degustato per voi Asio Otus di MGM Mondo del Vino

I consumatori più giovani valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale e più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto

Millennials più fedeli ai brand degli spirits che di vino e birra

I consumatori più giovani valutano decine, centinaia, migliaia di brand, scartandone moltissimi per poi affezionarsi ad una lista molto limitata di essi. Lo spostamento dai grandi marchi verso qualcosa di più piccolo, più locale e più artigianale, che meglio rispecchia i valori di ognuno, è ormai un dato di fatto

Francesco Piccoli
La relazione è una delle regole chiave per la vendita: quali sono le altre?
giovedi 01 novembre

Le 7 caratteristiche del venditore ideale

La relazione è una delle regole chiave per la vendita: quali sono le altre?

Noemi Mengo
Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico

In British Columbia, dove la curiosità è di casa

Si conferma una delle province canadesi più dinamiche e curiose, con agenzie di importazione alla ricerca di novità e consumatori sempre più sofisticati. La sfida però è di fare vivere esperienze del made in Italy autentico

Fabio Piccoli
Partirà il 23 novembre il corso di otto lezioni totalmente dedicato agli imprenditori che vogliono migliorare la loro capacità di gestione dell’azienda, la loro competenza sui mercati italiano ed esteri, la loro facoltà a scegliere e guidare in maniera adeguata le risorse umane, la loro efficienza comunicativa.

CAMPUS IMPRESA: l'unico corso formativo per gli imprenditori del vino

Partirà il 23 novembre il corso di otto lezioni totalmente dedicato agli imprenditori che vogliono migliorare la loro capacità di gestione dell’azienda, la loro competenza sui mercati italiano ed esteri, la loro facoltà a scegliere e guidare in maniera adeguata le risorse umane, la loro efficienza comunicativa.