Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi
lunedi 29 luglio 2019

Sistema vino Italia: la carica dei 105

Tanti gli spunti che emergono dalla puntuale e preziosa analisi di Anna Di Martino sul sistema vitivinicolo italiano che testimonia come metà del suo fatturato è nelle mani delle prime 105 aziende


Sistema vino Italia: la carica dei 105
Innanzitutto è doveroso un sincero ringraziamento ad Anna Di Martino, una straordinaria collega che prima di altri, nei cosiddetti “tempi non sospetti”, si è resa conto che il vino è soprattutto un business e come tale va analizzato con cura, senza la solita superficialità.
Ormai da numerosi anni attendiamo il report di Anna con grande curiosità perché è sempre in grado di regalarci numerosi spunti di riflessione.
Nel report di quest’anno si conferma come la metà del fatturato del vino italiano è realizzato dalle prime 105 aziende. Se consideriamo i dati Agea che ci raccontano di un’Italia del vino fatta da circa 46.000 aziende vinificatrici si fa presto a capire come di fatto le realtà “economicamente interessanti” sono decisamente poche, forse troppo poche.
Considerando che insieme queste 105 aziende fatturano 6,5 miliardi di euro e gestiscono circa 158.000 ettari di vigneto (tra proprietà e affitto) si comprende come di fatto l’economia del vino italiana è concentrata in “poche mani”.
Parliamo di una produzione di oltre 2 miliardi di bottiglie e 12.340 dipendenti che garantiscono il 46,5% del giro d’affari totale, 2 punti percentuali in più rispetto al 2017.
Sono numeri decisamente importanti, realizzati in particolare sui mercati esteri: le 105 realtà, infatti, rappresentano il 62,6% (+1% sul 2017) del totale del nostro export vitivinicolo, mentre meno forte è il loro peso sul mercato domestico, 34,35%.
Il report della Di Martino ci presenta un quadro di aziende leader in salute, nel 2018, infatti, hanno registrato un incremento complessivo del fatturato del 6,29%, con il mercato domestico cresciuto di più dell’export (8,6% vs 4,6%).
Dati che testimoniano come queste aziende big stanno andando ad una velocità superiore rispetto al totale dell’intero comparto che nel 2018 è cresciuto del 2,3%.
Altra conferma è la composizione del gruppo delle aziende leader del vino italiano: si tratta, infatti, di 62 aziende private e di 43 cooperative.
In particolare, quest’ultime continuano a rappresentare le aziende leader nella top 10 in termini di fatturato, a partire dalle due coop che guidano la classifica: Cantine Riunite & Civ (615,3 milioni di euro, dei quali circa 388 realizzati da Gruppo Italiano Vini) e Gruppo Caviro (388 milioni di euro). Ma tra le prime dieci troviamo anche le due coop trentine Cavit (190 milioni di euro) e Gruppo Mezzacorona (188,2 milioni di euro).
Ma più complessivamente non si può non notare come la realtà cooperativa italiana sia quella che oggi dimostra il maggior dinamismo non solo in termini di crescita di fatturato ma anche di nuove acquisizioni e accordi. Tra questi giustamente la Di Martino sottolinea l’acquisizione di una cantina storica come la veneta Montresor da parte di Terre Cevico e la fusione tra le coop venete Vitevis e Castelnuovo del Garda che danno così vita ad un gruppo di circa 50 milioni di euro (1.350 soci e 2.800 ettari). Senza dimenticare, sempre su questo fronte, l’accordo tra la Produttori Valdobbiadene-Valdoca e Mezzacorona per la vendita in esclusiva negli Usa di quest’ultima (attraverso la sua filiale Prestige Wine Imports) del Prosecco Valdoca.
Sempre sul fronte delle coop si evidenzia anche la crescita vertiginosa del gruppo Vi.V.O. Cantine (di Salgareda/Treviso) che nel 2018 ha superato la soglia dei 100 milioni di euro di fatturato grazie, in particolare, ad un incremento record di fatturato all’estero (+35,4%). E se guardiamo le maggiori “sprinter” in fatturato (con incremento superiore al 17%) nel 2018, tra le prime 10 aziende ben 8 sono cooperative.
È chiaro che non si può generalizzare un’analisi sul vasto panorama della cooperazione vitivinicola italiana (parliamo tutt’oggi di oltre 500 realtà) ma è indubbio che le realtà che sono riuscite a meglio organizzarsi e rinnovarsi sia sul fronte produttivo, ma soprattutto manageriale, stanno portando a casa risultati di grande livello.
Non ci sembra quindi di esagerare affermando che si stanno registrando segnali di maggior dinamismo e, aggiungiamo noi, coraggio, più sul fronte della cooperazione che su quello delle imprese private.
Tra le aziende private continua l’evoluzione del Gruppo Lunelli che nel 2018 è entrato nel club dei 100 milioni di fatturato grazie a due marchi leader sul fronte della bollicine come Ferrari (Trentodoc) e Bisol (Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene).
Ma siccome il fatturato non è sempre la cartina al tornasole dello stato di salute di un’azienda, la Di Martino ci spiega che sul fronte della redditività nel 2018 sono risultate 17 le aziende che hanno registrato un valore superiore al 20%; tra quest’ultime evidenziamo la mitica Tenuta San Guido che ha registrato un record assoluto con un incredibile 56,84%, seguita da Marchesi Antinori (43,55%), Cantine Pellegrino (39,22%), Cusumano (37,03%), Marchesi Frescobaldi (33,47%) e Gruppo Santa Margherita (29,82%).
Sempre tra le aziende private da sottolineare il proseguimento degli investimenti dei fratelli Marzotto che con il Gruppo Santa Margherita guidato dall’ad Ettore Nicoletto anche nel 2018 hanno speso più di 38 milioni di euro tra cantine e vigneti (che si aggiungono ai circa 200 investiti nell’ultimo decennio).
Anche questo report 2018 di Anna Di Martino ci restituisce l’immagine di un’Italia del vino decisamente frammentata dove però le aziende leader danno la sensazione di essere sempre di più la locomotiva del nostro sistema produttivo.
Ad essere “maligni” viene da pensare che il divario tra i big e gli altri si stia allargando sempre di più e questo non può, in qualche misura, non preoccupare.
Rimane poi evidente la difficoltà di avere un’analisi più precisa di quanto avviene dalla 106esima azienda ed è a quelle “profondità” dove probabilmente potremmo scoprire meglio i limiti attuali allo sviluppo della nostra vitivinicoltura.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm