Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor
mercoledi 03 febbraio

Storie di Export Manager: quando la formazione può fare la differenza

L'intervista a Joseph Johnston, Brand Ambassador per l’azienda trentina Tenuta San Leonardo


Storie di Export Manager: quando la formazione può fare la differenza
Formazione e esperienza sul campo: quanto incidono sulla forza di un buon Export Manager?
Sicuramente nella valigia di un professionista dell’export c’è tanta strada percorsa ed esperienze di vita vissuta, ma tutto questo forse non basta. Per arrivare ad affrontare i mercati in continua evoluzione è necessario anche un sguardo d’insieme e la conoscenza di nozioni più trasversali e non limitate solo al settore commerciale.
Joseph Johnston, Brand Ambassador per l’azienda trentina Tenuta San Leonardo, uno dei partecipanti della scorsa edizione dell’Executive Master in Export Management di San Michele all’Adige, pensa che tra le doti migliori di un buon Export Manager ci sia anche la curiosità, quella di un pioniere o di un esploratore. La stessa che l’ha spinto a partecipare ad un Master per imparare a comprendere meglio le strategie che stanno dietro ad una bottiglia che dall’Italia vola all’estero.

Perché hai scelto di partecipare al Master?
Quando vidi l'annuncio del corso mi trovavo in un periodo in cui riflettevo molto su cosa volevo fare nella vita e come raggiungere i miei obbiettivi. Avevo cominciato la mia carriera in politica internazionale, poi le strade della vita mi fecero approdare in Italia dove ho potuto nutrire la mia passione per il vino. Il mondo del vino suscitava in me un grande fascino che mi spinse ad avviare un'attività freelance in questo campo.
Ho scelto di partecipare al corso per due motivi principali: approfondire la mia comprensione nell'arte del vendere vino all'estero, per focalizzare le mie competenze professionali pregresse su questo prodotto, e rendere il mio profilo più solido agli occhi dei professionisti di questo settore.

Qual è la cosa più importante che hai imparato?
Spesso e volentieri la bontà del vino non è sufficiente per varcare i confini. Le aziende vitivinicole hanno bisogno di un forte senso della propria identità e dei propri valori, che va trasmessa in modo molto curato e coerente attraverso i prodotti, la confezione e la comunicazione. La storia che accompagna molte di queste aziende è un aspetto che valorizza il prodotto, non ci si può limitare ad esportare una merce ma è necessario diventare ambasciatori di una cultura e uno stile di vita che caratterizza il Made in Italy.

Cosa significa per te essere "Export Manager"?
Vuole dire essere un esploratore e un pioniere! Si tratta di sondare il terreno estero per l'azienda per poi collocare i vini nell'ambiente più idoneo ad essi. Mai cedere il proprio vino alle mani sbagliate!

Qual è la dote più importante per un WEM?
Senza dubbio, le capacità relazionali.

Che ideai ti sei fatto sulle potenzialità di internazionalizzazione delle imprese del vino italiane, in estrema sintesi punti di forza e di debolezza?
La maggior parte delle imprese vinicole italiane sono piccole-medie aziende a gestione famigliare e per questo la loro forza è nella loro debolezza... le vere eccellenze per me sono necessariamente di natura artigianale, però è certo che le aziende di piccole dimensioni fanno più fatica a crearsi una presenza all'estero. L'Italia è un paese ricchissimo di terroir interessanti e di persone che sono dei veri maestri nell'arte di fare il vino. Ci vogliono però delle figure professionali che sappiano interfacciarsi con i mercati esteri e siano un ponte per i piccoli produttori che troppo spesso non hanno una visione internazionale e non possono o non vogliono investire sufficientemente nelle esportazioni.

Quali sono a tuo parere le attitudini che potranno aiutarti maggiormente nel supportare le imprese del vino nelle azioni di internazionalizzazione?
Direi innanzitutto che, nonostante le varie problematiche, internazionalizzarsi è una scelta strategica fondamentale per far crescere il marchio per cui bisogna essere decisi e coerenti nel percorrere questa strada. Ci vuole una profonda comprensione della complessità e unicità di ogni mercato, necessaria per capire i meccanismi di distribuzione per esempio, e cosi posizionare il vino nella giusta fascia nei singoli Paesi.

Quali sono i mercati che ritieni oggi possano avere le maggiori potenzialità di sviluppo per il vino italiano?
Le tendenze positive che percepisco io sono nei Paesi asiatici, Regno Unito, Canada, vari paesi dell'est Europa, per nominarne solo alcuni.

Spesso il vino italiano è primo in termini di volumi ma indietro sul versante dei valori, come è possibile far crescere il posizionamento e la reputazione complessiva del vino italiano?
Questa è sicuramente una questione chiave... bisognerebbe lavorare al livello dei regolamenti e classificazione, verso una semplificazione e razionalizzazione delle Doc per permettere al cliente di determinare la reale qualità della bottiglia leggendo l'etichetta.
Proporrei inoltre due cose: favorire la possibilità dei piccoli produttori di unire le risorse servendosi dove possibile di un unico Export Manager, e consolidare la promozione estera potenziando per esempio l'ICE.
Infine ribadisco che i valori aumenteranno non solo grazie alla bontà del vino, ma anche alla comunicazione aziendale (il cosiddetto "storytelling") e le competenze di chi le racconta, per cui bisogna investire nei futuri Export Manager!

Dopo essersi laureato in Studi Europei all’Università di Londra, Joseph Johnston ha lavorato come consulente di public affairs per diversi clienti internazionali a Bruxelles. Nel 2011 si è trasferito in Italia dove ha lavorato sia con il Consorzio Melinda che come Export Manager freelance. Attualmente è Brand Ambassador per l’azienda trentina Tenuta San Leonardo. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo