Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 16 dicembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura Tommasi Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration
giovedi 30 novembre

Successo per i vini delle cooperative The Wine Net al Festival della Gastronomia di Milano

I vini delle 6 cooperative in abbinata ai piatti dei migliori chef emergenti del Nord Italia


Successo per i vini delle cooperative The Wine Net al Festival della Gastronomia di Milano


Grande successo per i vini delle sei cooperative che fanno parte della rete di imprese The Wine Net - Italian Co-Op Excellence, durante la tappa milanese del Festival della Gastronomia, evento organizzato da Witaly e Luigi Cremona, che ha richiamato un grande numero di appassionati e operatori del mondo della ristorazione di alta qualità e ospita i grandi marchi d’eccellenza del panorama agroalimentare italiano.

I vini delle sei cooperative - Cantina Valpolicella Negrar (Veneto), Cantina Produttori di Valdobbiadene - Val D’Oca (Veneto) e Cantina Pertinace (Piemonte), CVA Canicattì (Sicilia), Cantina Frentana (Abruzzo) e Cantina del Morellino (Toscana) - sono stati abbinati ai piatti degli chef finalisti del premio “Miglior Chef Emergente del Nord Italia”, una gara in cui si sono sfidati i 5 migliori chef under 30, quelli che con tutta probabilità un domani saranno i protagonisti della grande cucina italiana.
“Siamo molto felice che i vini delle cooperative di The Wine Net siano partner dell’iniziativa che mira anche a incentivare la tematica dell’abbinamento cibo-vino, sempre più sentita nel mondo della ristorazione. I vini delle cooperative sono stati abbinati ai piatti degli chef emergenti. I vincitori sono stati il piemontese Christian Mandura (Geranio di Chieri) e il romagnolo del Magnolia di Cesenatico Christian Fava. Ambedue hanno superato con disinvoltura la prova della Mistery Box che quest'anno aveva come tema il Natale e infatti conteneva, tra l'altro, cotechino e erbe” ha spiegato Luigi Cremona, ideatore del Festival assume a Lorenza Vitali.

Un parterre di chef d’eccezione ha accompagnato la prova, tra cui Gianfranco Vissani in giuria e Massimo Bottura come ospite d’eccezione.
In particolar modo ha colpito molto i giudici l’abbinamento di un piatto del vincitore Christian Mandura a base di caramella di cotechino, con salsa di cachi e crosta di panettone con un Recioto della Valpolicella di Domini Veneti, abbinamento ardito ma molto apprezzato.
“Abbiamo accolto la sfida di un abbinamento ardito e devo dire che, nonostante avessi delle perplessità iniziali, mi ha molto stupito il risultato finale. Sicuramente non è un abbinamento tra i più facili, ma oggi cerchiamo di provare ad uscire dai soliti canoni anche negli abbinamenti” ha spiegato Daniele Accordini, direttore di Cantina Valpolicella Negrar.

Vino e pizza è stato un altro argomento che ha impegnato gli esperti durante la giornata. In particolar modo sono stati premiati dalle cooperative con i loro vini, Renato Bosco della pizzeria “Saporè" di San Martino Buon Albergo (Verona) e Simone Padoan de “I Tigli” di San Bonifacio (Verona) per la particolarità dell’offerta di prodotto che si può ben combaciare con un buon bicchiere di vino.
“Usciamo dallo stereotipo pizza-birra, nel panorama molto ampio dell’offerta del mondo della pizza posso trovare spazio degli abbinamenti molto interessanti con il vino. Oggi abbiamo visto degli esempi di pizza che si avvicinano molto ad un piatto gourmet” ha detto Abele Casagrande, export manager di CVA Canicattì.
“Vino e ristorazione vanno di pari passo e la ricerca dell’eccellenza in entrambi i campi è ciò che caratterizza le richieste sempre più esigenti del consumatore internazionale negli ultimi anni” ha spiegato Sergio Bucci, direttore Cantina del Morellino.
“Per noi la combinazione Prosecco e ristorazione di alta qualità è sempre stata un faro della nostra azione commerciale. Nel mondo delle Cooperative oggi si producono vini di alta qualità che hanno le carte giuste per essere proposti sui tavoli della migliore ristorazione d’eccellenza” ha spiegato Aldo Franchi, direttore Cantina Produttori di Valdobbiadene - Val D’Oca.
“Cantina Frentana ha scommesso da subito, molti anni fa, sulla ristorazione di qualità, per questo abbiamo aderito con molto piacere a questa iniziativa che dimostra come la sinergia tra canale Horeca e vino di qualità sia sulla giusta strada” ha raccontato Felice di Biase, Sales Manager di Cantina Frentana.
“Sembrerà banale, ma un buon vino può migliorare o peggiorare un buon piatto. Per questo i due ambiti non possono che andare necessariamente nella stessa direzione. E oggi abbiamo visto degli interessanti abbinamenti da parte degli chef emergenti” ha commentato Salvatore Messina, responsabile commerciale di CVA Canicattì.





Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015 saturday 16 december

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

We tasted for you Siddùra's Bacco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra sabato 16 dicembre

Italian Wines in the world: Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi igt 2015

Abbiamo degustato per voi il Bàcco Cagnulari Isola dei Nuraghi IGT 2015 dell'azienda agricola Siddùra

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer. venerdi 15 dicembre

Igers Veneto, la comunità veneta di instagram, brinda al Natale al caffè Dante di Verona

Con un allestimento particolare, il Bistrot diventa set fotografico per un giorno pronto ad accogliere influencer e instagrammer.

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

venerdi 15 dicembre

In Giappone, dove le potenzialità di sviluppo sono ancora tante

Il Giappone rimane la nostra prima frontiera sul grande mercato asiatico. Nonostante numeri ancora abbastanza ridotti per il nostro export la curiosità nei confronti dei nostri vini è in costante crescita e sono ancora molto ampi i nostri margini di sviluppo

Fabio Piccoli
Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator giovedi 14 dicembre

A Miami il vino italiano risveglia i ricordi dei turisti

Gorancho Boshkov, capo sommelier del ristorante Scarpetta all'iconico Fontainebleau Miami Beach Hotel, ci racconta il viaggio nel vino italiano che viene offerto ai clienti del ristorante premiato da Wine Spectator

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo
mercoledi 13 dicembre

The Wine Net sbarca in Giappone

Grande interesse per i vini di The Wine Net, prima rete dell’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana, in una masterclass guidata dal noto giornalista giapponese Isao Miyajima nella sede ICE di Tokyo

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

Il Venditore di vino tradizionale è in via di estinzione

Come fare il tuo lavoro di vendita con successo? Impara a gestire la trattativa di vendita

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero. mercoledi 13 dicembre

Consorzio Vini Venezia - una storia con radici profonde, 5 denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio!

La viticoltura tutelata dal Consorzio Vini Venezia si estende per ben due province, quella di Treviso e quella di Venezia, dalle Alpi alla laguna; tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero.

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Monte Zovo, dove qualità fa rima con modernità

La grande crescita dell’azienda di Diego Cottini oggi una delle realtà più dinamiche e moderne nel panorama vitienologico della provincia di Verona

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta martedi 12 dicembre

Cina, dove l’Italia del vino sbaglia tutto

Nonostante tutti i sondaggi e gli esperti dichiarino il grande amore dei cinesi nei confronti del vino italiano le nostre performance restano molto modeste e soprattutto sembriamo ancora privi di una strategia seria e concreta

Fabio Piccoli
Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano lunedi 11 dicembre

Nasce a Castiglione del Lago 'Il Coordinamento Nazionale delle Strade del Vino, dell'Olio e dei Sapori italiani'

Nuova linfa per l'enoturismo e il turismo enogastronomico italiano

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra lunedi 11 dicembre

L’International Bulk Wine and Spirits Show sbarca a Londra

Il festival internazionale di vino e spirits sfusi: il 26 e il 27 febbraio 2018 al The Royal Horticultural Halls di Londra

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi lunedi 11 dicembre

Impasse italiano negli Usa, Francia allunga

Gli Usa festeggiano la ripresa con i vini francesi

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online. lunedi 11 dicembre

Una community attiva è una community che converte!

Il community management, in italiano la gestione della community, è il passo successivo per coloro che hanno deciso di essere presenti online.

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing


WineMeridian