Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
mercoledi 18 ottobre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura

Sulle Comete di Alois Lageder per guardare più lontano

Con la nuova linea “Le Comete” la nota azienda altoatesina si conferma essere una delle più visionarie nel panorama vitienologico italiano. Intervista a Clemens Lageder


Sulle Comete di Alois Lageder per guardare più lontano

Alois Clemens Lageder


Di certe storie è importante conoscere anche le ragioni che hanno spinto a scriverle. La storia che ci ha incuriosito e spinto a capire meglio quale fosse la sua genesi è quella delle “Comete”, la nuova linea vini altamente innovativa di Alois Lageder.
E’ una storia che ci è arrivata in questa estate torrida che più di tante discussioni teoriche ci conferma la realtà delle attuali preoccupanti mutazioni climatiche.
Una storia che ci è arrivata come semplice comunicato stampa, di quelli che rischiano di perdersi, purtroppo, nel mare di comunicazione che anche il mondo del vino produce quotidianamente.
Ci sono due elementi che non ci fanno mettere il comunicato nella solita cartella di “lista d’attesa” del nostro desktop: un nome “Alois Lageder” che rappresenta a nostro parere una delle realtà più coraggiose ed innovative nel panorama vitienologico italiano e una nuova linea vini chiamata con un nome affascinante e misterioso al tempo stesso, “Le Comete”.
Mail immediata al bravo ufficio stampa per poter avere un’intervista di approfondimento su questo progetto e in un paio di giorni arriva un utilissimo colloquio con Alois Clemens Lageder, figlio di Alois che ci appare fin da subito avere una straordinaria personalità, requisito fondamentale quando il destino ti ha chiamato a raccogliere (come sesta generazione) un testimone così importante e complesso al tempo stesso.

Innanzitutto Clemens, ci può spiegare da dove nascono le vostre Comete?
E’ una linea vini, anche se per essere più corretti dovremmo chiamarla una edizione decisamente limitata (per alcune tipologie di vino sono state prodotte poche centinaia di bottiglie), che nasce dalla curiosità di mio padre che già trent’anni fa aveva studiato e approfondito il tema delle mutazioni climatiche con l’analisi delle prime evidenze statistiche.

E da questa consapevolezza di trent’anni fa cosa era ed è emerso?
Innanzitutto che queste mutazioni non erano teorie parascientifiche ma una realtà che già una trentina di anni fa evidenziava il suo peso. Per questa ragione già allora papà andò a ricercare e piantare, in via sperimentale, vitigni atipici per l’Alto Adige che si erano però ben adattati a climi più caldi come quelli della Grecia o del Sud della Francia. O comunque vitigni che avessero grappoli meno compatti con un più elevato tenore di acidità naturale come ad esempio il Manzoni Bianco.

Quali erano gli obiettivi principali di tale sperimentazione?
Il principale era il poter garantire anche in futuro la caratteristica chiave e sempre ricercata dei vini Alois Lageder e cioè la freschezza, la vitalità, la fragranza, la bevibilità, evitando sempre la potenza, la muscolosità fine a se stessa.

Dopo oltre trent’anni di sperimentazione in tal senso siete arrivati oggi a produrre “Le Comete”, innanzitutto ci può spiegare la scelta di questo nome?
Le comete sono, come ben sappiamo stelle molto particolari, prima s’illuminano, poi percorrono la propria orbita, fino alla loro distruzione. Alcune impiegano molti anni a realizzare il loro percorso, altre si “consumano” in pochi istanti. In tutti i casi, però, lasciano tracce preziose che ci possono aiutare a seguire una via, a darci un’indicazione utile. Per questo ci è sembrata una metafora indicativa del nostro progetto enologico. Non tutti i vini di questa linea avranno il medesimo percorso, forse alcuni lo esauriranno molto presto come alcune comete. Ma sicuramente tutti ci daranno indicazioni utili, anche di come evitare alcuni errori.

E come si può tradurre concretamente tutto questo?
Se parliamo di freschezza dei vini ormai è chiaro che tra 5 massimo 20 anni (ad essere molto ottimisti) sarà molto difficile trovare questa caratteristica in vitigni come il Pinot Grigio e lo Chardonnay. Probabilmente per questi vitigni non sarà nemmeno più sufficiente salire di altitudine per garantirsi adeguate acidità. Per questo con “Le Comete” abbiamo voluto sperimentare non solo vitigni diversi, ma anche metodi alternativi di vinificazione come, ad esempio, le lunghe macerazioni sulle bucce e sui graspi per aumentare la percezione della freschezza.

Perché mettere così “in piazza” la vostra sperimentazione aziendale?
Per due ragioni sostanziali. La prima perché crediamo da sempre fortemente che anche una piccola realtà produttiva possa e abbia il dovere di fare sperimentazione. E l’altra perché siamo convinti, oggi più che mai, dell’importanza della trasparenza. In tutte le aree produttive del mondo si sta discutendo apertamente, con coraggio e senza omissioni, delle possibili (molte delle quali già attuali) conseguenze delle mutazioni climatiche nei diversi terroir produttivi. In Italia c’è ancora molta resistenza al riguardo, quasi vi fosse la paura di dire la verità. Noi non vogliamo apparire superbi ma mettiamo a disposizione questa nostra ricerca vitienologica per provare a guardare più avanti senza paure. Sappiamo che alcuni vini probabilmente deluderanno, avranno vita breve, non temiamo di deludere i nostri clienti ma questa vuole essere un’altra dimostrazione della nostra voglia di andare avanti e di non fermarci pur di rimanere coerentemente sempre noi stessi.
E’ anche grazie ad aziende “visionarie” come Alois Lageder che non si può non essere ottimisti sul futuro del nostro vino.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

Il vino italiano alla conquista della British Columbia

Grande successo per la seconda tappa del Wine Meridian tour a Vancouver: l'interesse per i vini italiani cresce assieme alla conoscenza anhe di denominazioni meno conosciute

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social? martedi 17 ottobre

3 modi per trasformare il vostro vino in "instagrammabile"!

È boom di Instagram, ma quali sono le cose a cui fare attenzione per rendere il proprio prodotto appetibile su questo canale social?

Elena Mazzali, esperta di Social Media Marketing
Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Parte da Calgary il Wine Meridian Canada e Usa Tour

Calgary, capitale dell’Alberta, l’unica provincia canadese dove non è attivo il monopolio, è la prima tappa del nostro Tour in Nord America che vede coinvolte 21 aziende provenienti dalla principali regioni vitivinicole italiane e, per la prima volta, anche due realtà olivicole siciliane

Fabio Piccoli
Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Percezioni migliori quando il tappo è di sughero

Secondo un esperimento condotto dall’Università di Oxford la qualità dei vini con un tappo di sughero è percepita migliore del 15% rispetto a quella di vini con tappi a vite

Francesco Piccoli
We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.
saturday 14 october

Italian Wines in The World: Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016

We tasted for you Anna Spinato Winery's Prosecco DOC “Mini Prosecco” 2016.

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Il vino italiano perde quota negli Usa, tutta colpa dell’ocm?

Nel primo semestre 2017 il nostro export negli Usa è rimasto al palo in termini di volume ed è cresciuto solo del 3% in valore, mentre la Francia nel medesimo periodo è cresciuta del 17% a volume e del 24% a valore di fatto raggiungendo la nostra stessa quota di mercato. Alcuni commentatori vedono nei ritardi di applicazione del nostro ocm vino tra i principali motivi di questo nostro calo, qui proviamo ad individuarne anche altri

Fabio Piccoli
L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione
venerdi 13 ottobre

La comunicazione del vino che abbiamo in mente

L’opinione di Claudio ed Elena Farina tra i produttori di vino italiani maggiormente innovatori anche sul fronte della comunicazione

Fabio Piccoli
Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera. venerdi 13 ottobre

Aspettando Durello&Friends: il Durello a Hostaria Verona

Dal 13 al 15 ottobre il Lessini Durello sarà protagonista a “Hostaria Verona” il festival dedicato al vino nel cuore della città scaligera.

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Incendi drammatici devastano Napa e Sonoma Valley

Una serie impressionante di incendi sta devastando due delle zone vitivinicole più note al mondo come Napa e Sonoma Valley in California. Distrutte anche una decina di aziende vitivinicole e moltissime gravemente danneggiate

Fabio Piccoli
Giovedi 16 novembre  il corso focalizzato su export e marketing

Corso Export Manager: diventa un export manager di successo

Giovedi 16 novembre il corso focalizzato su export e marketing

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante. mercoledi 11 ottobre

6 regole di bon ton in Giappone

I punti d'incontro tra Italia e Giappone sono più di quanti ci possiamo immaginare. Alcune semplici regole da rispettare in fatto di bon ton nel paese del Sol Levante.

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti martedi 10 ottobre

Alla ricerca della mineralità

Il progetto di Tebaldi srl e il Laboratorio Excel Iberica cerca di fare luce su uno dei descrittori più complessi e dibattuti

Agnese Ceschi
Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Semplificare la comunicazione del vino senza banalizzare

Molti oggi sono impegnati nella semplificazione del linguaggio del vino ma pochi sanno evitare pericolose banalizzazioni

Francesco Piccoli
Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale

Quando comprare il vino è come acquistare in Borsa

Matt Kramer, Il noto editorialista di Wine Spectator affronta il tema, per nulla scontato, di come non sbagliare nella scelta di acquisto di un vino evidenziando una similitudine alquanto originale



WineMeridian