Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 26 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.accordinistefano.it/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/  www.cantinatollo.it pradellaluna.com Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go

Tannico, trasversali e vincenti

Intervista all’ad di Tannico, Marco Magnocavallo che ci ha raccontato in esclusiva le prospettive e le strategie future del più importante operatore del mercato digitale italiano del vino


Tannico, trasversali e vincenti

Marco Magnocavallo,


In Italia, 3 bottiglie su 10 vendute online sono gestite da Tannico, con l’intervista all’ad Marco Magnocavallo, vi raccontiamo i segreti del successo dell’operatore online che ha saputo conquistare la leadership del mercato digitale italiano del vino.

E’ vero che la vendita del vino nel canale e-commerce è un business poco o per niente remunerativo per gli operatori?

Nella vendita di vino online ci sono due tipologie di operatori: enoteche tradizionali che hanno aperto un nuovo canale di vendita ed aziende innovative che vogliono costruire un mercato che non c’era. Parliamo di due mondi diversi: i primi stanno in piedi perché hanno semplicemente creato un’estensione della loro, normale, attività fisica e non devono sostenere forti costi incrementali, quelli come Tannico devono mettere in conto investimenti significativi in Risorse umane, tecnologia, magazzini e comunicazione sapendo che è necessario sviluppare il mercato per giungere ad un livello dimensionale capace di coprire i costi. Tannico ha raccolto più di 5 milioni di euro ed ha deciso d’investire più di 1 milione all’anno. Gli operatori con cui ci confrontiamo non sono più di 4 o 5 in Italia ed hanno raccolto almeno 500.000 €. In realtà, il punto delicato non è perdere ogni anno ma il tempo e le riserve per arrivare ad una massa critica sufficiente a sostenere le spese. Un percorso difficile che richiede investimenti importanti: più e meglio si riesce ad investire più velocemente si ottiene la massa desiderata cioè il punto di pareggio che noi prevediamo tra un anno e mezzo.
Anno dopo anno, Tannico ha fatturato 750 mila € poi 1,5-3-6 milioni per arrivare ai 11/12 previsti per quest’anno. In conclusione, è vero che le aziende come la nostra perdono ma in Tannico è tutto sotto controllo, insomma abbiamo più risorse economiche di quanto avevamo previsto, cioè margini finanziari che ci offrono tranquillità e sicurezza nello sviluppo.

Quali sono le modalità ed i servizi con cui Tannico mira a differenziarsi dalla concorrenza?
Per prima cosa hanno puntato moltissimo sul costruire il catalogo dei sogni per un appassionato ed oggi abbiamo il catalogo on line di vini italiani più ampio al mondo. La nostra strategia è quella di diventare gli ambasciatori del vino italiano fuori Italia. Abbiamo un catalogo di 10.000 etichette e lavoriamo con 1.500 cantine. Questa è una prima, grossa differenziazione tanto che, per esempio, un cliente che vuole un barolo può scegliere fra 12 baroli diversi!
Il secondo elemento della nostra strategia è quello di cercare di aiutare le cantine a capire meglio il digitale ed abbiamo iniziato a farlo in modo molto innovativo ad ottobre/novembre 2016 con il lancio del nuovo servizio “Tannico intelligence” che è un servizio di big data in cui i milioni di dati raccolti sui consumatori vengono riorganizzati e resi disponibili gratuitamente alle cantine.
Il terzo punto è la nostra volontà e capacità di offrire servizi alle cantine come dimostra il lancio di “Wine Platform”, la nostra piattaforma di supporto alla vendita al cliente privato estero che risolve tutte le problematiche di accise, dazi e tasse connessi alla vendita al privato residente in un Paese estero (due argomenti piuttosto complessi ma di grande interesse che avremo modo di approfondire in un prossimo articolo, ndr.).
In sintesi, Tannico vuole posizionarsi su un livello diverso rispetto ai competitor: Tannico è anche un negozio ma è soprattutto una piattaforma trasversale a cui le cantine possono appoggiarsi per operare nel virtuale, lavorare con più efficienza e comprendere le opportunità offerte dai nuovi strumenti di relazione, comunicazione e vendita.

Quali sono i vantaggi che Tannico offre al Cliente finale che acquista il vino?

Abbiamo detto che il catalogo molto esteso rappresenta un vantaggio determinante e questo è vero perché noi non lo ampliamo con le referenze più comuni, quelle che si ritrovano facilmente nella Grande distribuzione ma con le linee di maggiore pregio, quelle riservate alle enoteche ed ai wine lovers, quelle che sono più difficili da reperire nel mercato e che da Tannico sono a distanza di un semplice click! Poi c’è il servizio, ad esempio a Milano le consegne sono in giornata, in Italia avvengono in 24 ore ed in Europa in due giorni. Un altro elemento vincente è la tecnologia, basti pensare che utilizziamo algoritmi tipici dell’intelligenza artificiale per individuare le etichette giuste da proporre ai Clienti in funzione del loro profilo. Infine, ci sono le selezioni particolari che identifichiamo con la cantina ed inviamo ai nostri migliori clienti. Selezioni che contengono vini che non sono in commercio e sono dedicati ai veri intenditori ed ai migliori clienti. Tutto questo rientra in una strategia di differenziazione abbastanza importante rispetto ai nostri competitori.

Quali sono i vantaggi che il consumatore ricerca e trova nell’acquisto online?
La consegna a casa e quindi la possibilità di evitare il trasporto di una merce pesante è un vantaggio importante anche perché il cliente Tannico di media acquista 2 cartoni che sono un bel peso da gestire dall’enoteca a casa. Poi l’ampiezza di catalogo che consente di trovare di tutto e di sperimentare molto di più che in un’enoteca dove una buona offerta si ferma a 500/600 etichette. Inoltre, c’è la comodità di leggere, studiare, coltivare la propria passione ed acquistare durante i viaggi e nelle attese senza dedicare tempo apposta.

Come si svilupperà il mercato Italia?
Bisogna dire che sulle novità l’Italia parte sempre in ritardo ma poi, quando parte, si sviluppa con forte dinamismo; ad oggi il mercato e-commerce del vino quota 30-35 milioni €, noi ci aspettiamo che il mercato italiano online del vino possa arrivare ad almeno 200.000.000 € in 5/7 anni. Se prendiamo come riferimento il mercato del vino premium da enoteca, troviamo vendite intorno a 1,5-2 miliardi dei quali, oggi, la quota online è il 2%: noi stimiamo che possa arrivare al 12-13%, al 2022. E non è una stima per eccesso se teniamo conto che altri mercati geografici sono già sopra questa cifra.

Quali sono le vostre prospettive d’inserimento e sviluppo nei mercati esteri?
Oggi Tannico realizza il 95% fatturato in Italia ed il 5% nel Regno Unito ma a brevissimo verrà aperta anche la vendita in altri 6 paesi europei (Francia, Svizzera, Austria, Olanda, Belgio, Germania, Spagna), in USA, Hong Kong e Giappone. Siamo convinti che tra 12 mesi il fatturato estero si attesterà tra il 25 ed il 30%. 
Nei prossimi articoli avremo modo di conoscere come Tannico procede alla selezione delle cantine, quali cantine hanno una ragionevole possibilità di accedere alla sua piattaforma di vendita e cosa devono fare per candidarsi. Stay tuned…

Fabio Tavazzani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione

Fabio Piccoli
Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization. venerdi 24 gennaio 2020

Thailandia: il prossimo mercato emergente in cui vale davvero la pena esserci

Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization.

Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea. martedi 21 gennaio 2020

Mission Asia 2020

Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea.

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali. lunedi 20 gennaio 2020

Anteprima Amarone: l'annata 2016 a battesimo l'1 e 2 febbraio a Verona

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali.

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie lunedi 20 gennaio 2020

Il futuro appare radioso per il vino biologico, +34% entro il 2023

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie

Emanuele Fiorio


WineMeridian