Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis
venerdi 08 giugno

Tenuta Montemagno, wine e hospitality nel cuore del Monferrato

Intervista a Tiziano Barea, Presidente e Ceo di Tenuta Montemagno, Relais & Wine


Tenuta Montemagno, wine e hospitality nel cuore del Monferrato

Tiziano Barea - Ceo Tenuta Montemagno


Un angolo di paradiso nel cuore del Monferrato, un gioiellino incontaminato, racchiuso tra quattro comuni, Montemagno, Viarigi, Altavilla, e Casorzo, e due province Asti e Alessandria. Un ecosistema unico, una grande ricchezza territoriale e una varietà produttiva senza eguali. Questo è l'azienda vinicola Montemagno, circa 100 ettari, di cui 20 vitati, per una produzione di circa 150 mila bottiglie. Le potenzialità produttive, sempre nel rispetto di una qualità estrema, permette di raggiungere un massimo le 200 mila bottiglie. Il territorio è unico, per varietà e microclima, ed è diventato patrimonio dell'Unesco, per il suo essere incontaminato, con una grande potenzialità di crescita anche turistica. È proprio per questo che l'azienda Montemagno ha creato un'area ricettiva di altissimo livello, una dimora storica con 17 camere, in un casale del 1563 e con una torre napoleonica del 1815, un luogo di pace dove l'ospite può essere coccolato anche dal punto di vista della gastronomia, grazie ad un ristorante dedicato, con una cucina tipica del Monferrato, ma molto curata e alleggerita nelle preparazioni, con menu degustazione e abbinamento dei vini.

A guidare questo gioiello unico nel suo genere, che fa della qualità e del rispetto dell'ambiente, ma anche del cliente, un fattore imprescindibile, c'è Tiziano Barea, presidente e ceo di Tenuta Montemagno, Relais & Wine.


Si parla tanto di autoctoni e territorio, cosa caratterizza la produzione della vostra cantina?

Innanzitutto la ricerca di nuove emozioni, uniche, non riproducibili, una ricerca che ha nella valorizzazione dei vitigni autoctoni il suo motivo di successo. Come nella ricerca di un ristorante nuovo o di uno chef si cercano emozioni uniche, così anche nei vini e negli autoctoni in particolare, si cerca questa meraviglia.

E questa unicità l'avete riscontrata anche a Vinitaly? Proviamo a tracciare un bilancio della manifestazione che si è appena conclusa?

L'edizione 2018 è stata di successo, nei numeri e nella partecipazione di qualità, mai così intensa per noi. Abbiamo notato un crescente interesse per i vini italiani che rappresentano la più grande biodiversità al mondo ed è quello su cui dobbiamo puntare, quindi non vini internazionali che tutti possono produrre meglio di noi, ma autoctoni che sappiano regalare una emozione unica, legata al territorio. Questo non trova paragoni e confronti al mondo. Anche sul piano della partecipazione Vinitaly 2018 ha dato segnali incoraggianti. Se negli anni passati avevamo notato un calo di stranieri, quest'anno c'è stato un ritorno importante di addetti ai lavori esteri, interessati alla produzione italiana. Per quello che ci riguarda abbiamo notato una grande attenzione per i vini autoctoni. In Piemonte c'è una prevalenza di barbera, noi produciamo anche timorasso e ruchè di castagnole Monferrato, un rosso unico nel suo genere che è stato riscoperto e desta tanto interesse. Anche con il timorasso abbiamo riscontrato notevoli soddisfazioni, si tratta di un vitigno di grande complessità e mineralità, con una potenza incredibile e nessuna paura del tempo che passa, senza termini di paragone con i vitigni internazionali. Anche con la Malvasia di Casorzo abbiamo ottimi riscontri dal mercato, anche in questo caso un vitigno estremo e unico nel suo genere.
E ora veniamo all'attenzione per l'ambiente e la salute del cliente finale.
Per noi l'attenzione al consumatore è fondamentale, alla sua salute in particolare, oltre che alla sua soddisfazione, per cui riduciamo al massimo la concentrazione di solfiti e conservanti. Questo grazie a lavorazioni estremamente curate e pulite e ad una raccolta manuale in cassette, per il mantenimento dell'integrità dell'uva, che ci permette di produrre con basso contenuto di solfiti.

Circa la metà dei valori rispetto alla legislazione per i vini biologici.
Un aspetto questo apprezzato da mercati?

Assolutamente sì. Noi vendiamo una quota importante del vino direttamente in cantina, agli appassionati che vengono a trovarci, poi una quota attraverso la nostra rete distributiva nazionale e infine una quota di circa il 35% se ne va all'estero principalmente il nord Europa, Stati Uniti e California in particolare. Tra i mercati emergenti per la nostra realtà abbiamo iniziato a penetrare Giappone ed Hong Kong.


Nuovi progetti per il 2018?


Il nostro obiettivo a breve termine è promuovere il brand tenuta Montemagno, anche attraverso il lavoro prezioso di brand ambassador che facciano apprezzare le qualità uniche dei nostri vini, sia dal punto di vista della varietà, che del livello di eccellenza raggiunto. Un lavoro che, ne siamo convinti, ci darà ottime soddisfazioni.


www.tenutamontemagno.it

Tenuta Montemagno, wine e hospitality nel cuore del Monferrato

Tenute nel periodo estivo


Alberto Tonello

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo