Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 12 novembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti www.prosecco.wine
lunedi 09 settembre 2019

Terregiunte, le polemiche nascondono la “rivoluzione”

Il vino realizzato congiuntamente da Masi e Vespa ha fatto scaturire un mare di polemiche per aver “sfruttato” in maniera scorretta il prestigio di due denominazioni come quella dell’Amarone della Valpolicella e del Primitivo di Manduria. Ma se la questione vera non fosse nella comunicazione sbagliata?


Terregiunte, le polemiche nascondono la “rivoluzione”
Un temporale di fine estate, forse potremmo parlare anche di una vera e propria grandinata.
Così ci appare la vicenda di “Terregiunte” il vino presentato a Cortina sul finire d’agosto da Sandro Boscaini (Masi Agricola) e Bruno Vespa (Futura). Un vino, ricordiamo, nato dalla combinazione tra due vini “innominabili” in etichetta, l’Amarone della Valpolicella e il Primitivo di Manduria.
Di fatto un vino da tavola di grande prestigio frutto dell’unione di due denominazioni storiche italiane.
Presi dall’enfasi del progetto enologico nella comunicazione ufficiale si è parlato apertamente di un vino frutto del blend di due grandi denominazioni.
Insomma si è comunicato quello che non si poteva comunicare.
Inevitabilmente e correttamente sono arrivate le proteste dei due Consorzi di tutela coinvolti (quello della Valpolicella e del Primitivo).
Come pure sono giunte le scuse delle due aziende con le quali hanno specificato che “Terregiunte non ha alcuna relazione con le Denominazioni che per semplicità descrittiva - e con qualche approssimazione tecnica da parte nostra - sono state riportate nella comunicazione in generale”.
Scuse e precisazioni che erano state fatte anche da Riccardo Cotarella, uno dei due enologi assieme a Andrea Dal Cin, coinvolti nella progettazione e realizzazione del vino.
Cotarella, presente il 3 settembre scorso alla Camera di Commercio di Verona in un seminario organizzato da Assoenologi Veneto Occidentale, aveva sottolineato come “Terregiunte, vino tecnicamente legalissimo, abbia avuto invece una comunicazione tutta da dimenticare. Sbagliatissima. Errori difficili da concepire considerando il contesto in cui sono stati realizzati. Noi ci siamo occupati solo degli aspetti tecnici ma forse avremmo dovuto seguire anche di più tutto il progetto, compresi gli aspetti comunicativi”.
Raramente un vino, almeno nel passato più recente, aveva scatenato così tante polemiche e discussioni. Facile capire le ragioni di tale “interesse” considerata anche la notorietà e l’esposizione mediatica dei due protagonisti.
Come pure, inutile ricordare, l’abbinamento tra Amarone e Primitivo ha toccato un nervo tuttoggi scoperto di queste due denominazioni che spesso sono state legate da presunti matrimoni “illeciti” (alcuni dei quali per la verità anche accertati ufficialmente).
Insomma parlare di un vino frutto di un blend così “sovraesposto” si prestava facilmente a tante interpretazioni anche malevole.
Si potrebbe liquidare la vicenda, pertanto, come un errore di comunicazione, non è il primo e non sarà sicuramente l’ultimo.
Ma siccome noi pensiamo che ogni esperienza, anche quella sbagliata, sia comunque sempre una lezione dalla quale imparare qualcosa proviamo a dare il nostro punto di vista, cercando di rimanere lontani dalla polemica che rischia talvolta di nascondere molti aspetti.
C’è, a nostro parere, un elemento chiave che è stato quasi totalmente sottaciuto, se non addirittura omesso nel narrare questa vicenda. Eppure a noi è apparso fin da subito decisamente interessante e, per certi aspetti, rivoluzionario.
Nell’etichetta di Terregiunte, infatti, viene riportata una “non denominazione” di una potenza estrema, non ce ne abbiano a male Amarone della Valpolicella e Primitivo di Manduria, forse la più forte del nostro Paese: la “Vino d’Italia”.
Non si può, almeno dal nostro punto di vista, non partire da questa identità di Terregiunte se si vuole leggere con precisione il progetto di questo vino.
Ma è anche da questa identità, voluta dai suoi due prestigiosi produttori (e relativo autorevole staff tecnico), che ne consegue, a nostro parere, anche l’errore comunicativo.
In sostanza, se si progetta il “Vino d’Italia” appare quasi scontato che verrà realizzato utilizzando due grandi denominazioni italiane.
E nell’onda di tale enfasi progettuale si dimenticano disciplinari di produzione, decenni di polemiche sulle cisterne di Primitivo che risalivano l’Italia, di guerre tra i Consorzi e alcuni produttori.
Il grande psicanalista Lacan diceva che l’adulto può permettersi di tutto ad eccezione dell’ingenuità. Quindi è evidente che non ci si può meravigliare delle polemiche che sono scaturite dalla comunicazione di Terregiunte.
Ma se proviamo a fare finta che le due denominazioni non fossero state citate nella sostanza cosa sarebbe realmente cambiato?
Secondo noi nulla perché la forza di questo progetto è molto più potente, e per certi aspetti sovversiva, di quanto può essere la sua comunicazione, anche quella più sbagliata.
Attendiamo come sempre i vostri pareri.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Affianchiamo le aziende sui mercati con un tour di tappe in partnership martedi 12 novembre 2019

Tour Internazionali: il nostro calendario 2020

Affianchiamo le aziende sui mercati con un tour di tappe in partnership

Grande successo per The Circle - People, Lands, Experiences - manifestazione glamour ed eclettica che racconta in un format pop e unusual, il mondo dell'enogastronomia. 
martedi 12 novembre 2019

THE CIRCLE: la formula unconventional del Merano Wine Festival

Grande successo per The Circle - People, Lands, Experiences - manifestazione glamour ed eclettica che racconta in un format pop e unusual, il mondo dell'enogastronomia.

Giovanna Romeo
Le impressioni di alcuni dei produttori intervistati durante l'Hong Kong International Wine & Spirits Fair, che si conferma fiera di grande importanza per il vino italiano, porta di ingresso dell'area del Sud Est Asiatico martedi 12 novembre 2019

Hong Kong e Sud Est Asiatico: parola ai produttori

Le impressioni di alcuni dei produttori intervistati durante l'Hong Kong International Wine & Spirits Fair, che si conferma fiera di grande importanza per il vino italiano, porta di ingresso dell'area del Sud Est Asiatico

Agnese Ceschi
In partenza il corso di formazione per aumentare le competenze degli agenti di vendita sul mercato italiano.
martedi 12 novembre 2019

Campus Agenti Vino Italia: il corso strategico per il futuro del vino italiano

In partenza il corso di formazione per aumentare le competenze degli agenti di vendita sul mercato italiano.

Pareri e considerazioni degli opinion leader e degli operatori presenti ad HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair: il vino italiano sta conquistando i palati asiatici e la crescita si prospetta positiva. 
lunedi 11 novembre 2019

Hong Kong: il punto di vista degli operatori

Pareri e considerazioni degli opinion leader e degli operatori presenti ad HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair: il vino italiano sta conquistando i palati asiatici e la crescita si prospetta positiva.

Noemi Mengo
L'esperienza di Tommy Tse, PR Manager di Treasury Wine Estates lunedi 11 novembre 2019

Millennials, packaging e e-commerce

L'esperienza di Tommy Tse, PR Manager di Treasury Wine Estates

Agnese Ceschi
Approfondimento su due sensi chiave per far presa sul consumatore, olfatto ed udito. domenica 10 novembre 2019

Neuromarketing: continua il viaggio fra i 5 sensi

Approfondimento su due sensi chiave per far presa sul consumatore, olfatto ed udito.

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi il Carmenère dell'Azienda Agricola Del Rèbene sabato 09 novembre 2019

Italian wines in the world: Carmenère dell'Azienda Agricola Del Rèbene

Abbiamo degustato per voi il Carmenère dell'Azienda Agricola Del Rèbene

Nonostante i recenti duri tumulti causati dal progetto di legge che autorizzerebbe le estradizioni verso la Cina continentale, l’ex colonia britannica ha voluto ribadire durante l’Hong Kong International Wine & Spirits Fair il suo ruolo chiave sul mercato del vino in Asia venerdi 08 novembre 2019

Hong Kong fa sentire ancora la sua voce sul mercato del vino

Nonostante i recenti duri tumulti causati dal progetto di legge che autorizzerebbe le estradizioni verso la Cina continentale, l’ex colonia britannica ha voluto ribadire durante l’Hong Kong International Wine & Spirits Fair il suo ruolo chiave sul mercato del vino in Asia

Lavinia Furlani
La dura contestazione del noto chef Gianfranco Vissani alla prestigiosa Guida Michelin riapre l’annoso tema del giudizio della critica enogastronomica, croce e delizia di produttori e ristoratori venerdi 08 novembre 2019

Quell’inevitabile pesantezza del giudizio

La dura contestazione del noto chef Gianfranco Vissani alla prestigiosa Guida Michelin riapre l’annoso tema del giudizio della critica enogastronomica, croce e delizia di produttori e ristoratori

Fabio Piccoli
Un viaggio tra le caratteristiche dei Millennians di oggi, capitanato dalle parole di Felicity Carter, Direttrice di Meininger’s Wine Business International durante HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair.
venerdi 08 novembre 2019

Paese che vai, Millennials che trovi

Un viaggio tra le caratteristiche dei Millennians di oggi, capitanato dalle parole di Felicity Carter, Direttrice di Meininger’s Wine Business International durante HKTDC Hong Kong International Wine & Spirits Fair.

Lavinia Furlani
La scomparsa di Giorgio Grai ci fa perdere una delle figure del vino italiane più autorevoli e soprattutto indipendenti. Il nostro rammarico per non essere riusciti ad incontrarci giovedi 07 novembre 2019

Scusami Giorgio

La scomparsa di Giorgio Grai ci fa perdere una delle figure del vino italiane più autorevoli e soprattutto indipendenti. Il nostro rammarico per non essere riusciti ad incontrarci

Fabio Piccoli
We have tasted for you Del Rèbene's Carmenère thursday 07 november 2019

Italian wines in the world: Del Rèbene's Carmenère

We have tasted for you Del Rèbene's Carmenère

L'opinione del giornalista Paul Howard su uno dei mercati con più incertezze in questo momento storico a causa dell'imminente Brexit. Il Regno Unito rimane ancora tra le vetrine per costruire una reputazione globale giovedi 07 novembre 2019

Regno Unito tra Brexit e necessità di educazione

L'opinione del giornalista Paul Howard su uno dei mercati con più incertezze in questo momento storico a causa dell'imminente Brexit. Il Regno Unito rimane ancora tra le vetrine per costruire una reputazione globale

Agnese Ceschi
Il mercato del vino ha bisogno di persone che sappiano realmente vendere giovedi 07 novembre 2019

Per chi sa vendere il vino non esiste crisi

Il mercato del vino ha bisogno di persone che sappiano realmente vendere

Sabato 9 novembre, Cantina di Soave inaugura il nuovo fruttaio situato in via Fra’ Granzotto 7, a Tregnago, in zona Valpolicella DOC mercoledi 06 novembre 2019

Cantina di Soave inaugura il nuovo Fruttaio di Tregnago

Sabato 9 novembre, Cantina di Soave inaugura il nuovo fruttaio situato in via Fra’ Granzotto 7, a Tregnago, in zona Valpolicella DOC

Abbiamo degustato per voi Foglia Tonda di Podere Gualandi mercoledi 06 novembre 2019

Italian wines in the world: Foglia Tonda di Podere Gualandi

Abbiamo degustato per voi Foglia Tonda di Podere Gualandi



sfondo_wm