Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 22 settembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca

Territorio, i consumatori lo cercano, i produttori meno

Il territorio di produzione e la denominazione sembrano essere i due fattori chiave nelle scelte dei consumatori di vino italiani. Eppure mai come oggi le zone di produzione sembrano vivere una fase di crisi di identità


Territorio, i consumatori lo cercano, i produttori meno
Dall’ultima indagine di Vinitaly Nomisma “Mercato Italia - Gli Italiani e il vino”, ( leggi qui) è emerso come i principali fattori alla base delle scelte dei consumatori di vino italiani sono il territorio di produzione e la denominazione. Due fattori che, rispettivamente con il 24 e il 20%, distanziano abbondantemente, almeno secondo la ricerca, altri elementi come, ad esempio, il brand aziendale (8%) e i cosiddetti “attributi green” (5%). Lo stesso packaging, ritenuto sempre più strategico, rimane fermo ad un 4% tra i fattori dichiarati chiave dai consumatori italiani per le loro scelte in vino.
È interessante notare come questa ricerca evidenzi un qualcosa che potremmo anche considerare abbastanza scontato, cioè il ruolo del territorio e di una denominazione nella notorietà e nella reputazione di un vino. Al tempo stesso, però, questa apparente ovvietà emerge in una delle fasi più difficili delle denominazioni italiane. Una fase che potremmo definire di crisi di identità dei nostri territori del vino.
Un esempio lo abbiamo evidenziato recentemente in un nostro articolo sull’Amarone (link) oggi alla prese con una sorta di bivio esistenziale: proseguire nella strada di un vino di successo commerciale ma dal profilo più “banale” o intraprendere un percorso produttivo e comunicativo capace di portarlo nell’alveo dei vini di prestigio? (con le conseguenti rinunce anche in termini di quantitativi prodotti?).
Ma esempi di questa natura ne potremmo fare tantissimi riferendoci a denominazioni molto grandi come, ad esempio, al Prosecco o al Pinot Grigio che proprio in questi mesi devono decidere se proseguire o meno nella loro “corsa sfrenata” verso l’ampliamento dei loro territori produttivi.
Ma in moltissimi territori di produzione attualmente sono in corso proposte di modifiche di disciplinare, discussioni tra produttori di pianura e di collina, rivisitazioni dei contenuti comunicativi delle denominazioni.
Un segnale che potremmo anche interpretare in senso positivo perché probabilmente si è sempre più coscienti che il nostro vino non può fare a meno del suo territorio di produzione. Ma quali sono gli elementi del territorio che attraggono la fiducia dei consumatori? Non è facile rispondere a questa domanda perché probabilmente sono molte le caratteristiche dei territori produttivi che "rassicurano" e "fidelizzano" i consumatori. Noi però riteniamo interessante evidenziarne uno: il limite geografico e produttivo. Un territorio già nell'etimologia della parola porta in sé il senso del limite. Un territorio, pertanto, in grado di raccontare in maniera autentica il proprio limite è quello che maggiormente è in grado di dare garanzie ai consumatori. Non è certo un caso, quindi, che già un paio di secoli fa i francesi enfatizzavano concetti come il cru, forse la rappresentazione più estrema del limite di un territorio.
Oggi, comunque, potremmo, in qualche misura, dichiarare conclusa la fase durante la quale si è pensato che la forza dei brand aziendali avrebbe garantito da sola la reputazione di una denominazione.
Oggi sappiamo bene che è necessario un giusto equilibrio tra i due elementi: denominazione e brand aziendali.
Al tempo stesso, però, non possiamo non evidenziare, come è emerso dalle recenti ricerche dell’Osservatorio Vino di Unione Italiana Vini, lo stato di crisi di molte nostre denominazioni, con livelli di rivendicazione sempre più bassi e con reputazioni a livello di mercato decisamente insufficienti.
E allora come riusciamo a conciliare i desideri dei nostri consumatori con l’attuale condizione di molte delle nostre denominazioni?
Innanzitutto con scelte chiare dei nostri territori produttivi. Avere scelto troppo spesso strade di “comodo”, con il tentativo di piacere a tutti, non è stata sempre una via saggia. Abbiamo tutt'oggi troppe denominazioni senza un’identità precisa. Dove regna tutto e il contrario di tutto. Dove non c’è una tipologia chiara, ben visibile, magari rappresentata da un vitigno o almeno da un blend “forte” e identitario, ma una serie innumerevole di interpretazioni produttive.
E mentre è sempre più chiaro che il consumatore ricerca autenticità, chiarezza, troppe nostre denominazioni sembra invece si nascondano dietro una miriade di facce diverse.
Eppure avremmo molte esemplificazioni che testimoniano il vantaggio della trasparenza e coerenza. Pensiamo, ad esempio, al Brunello di Montalcino che grazie alla sua scelta “difficile” di rimanere coerente al Sangiovese 100% ha recuperato fortemente in quest’ultimo decennio una grande credibilità (dopo gli anni difficili di “Brunellopoli”).
Non possiamo, pertanto, pensare di avere un’identità poco definita e sperare di essere credibili, appetibili, agli occhi dei consumatori. E questo non vale solo per il mercato italiano, ovviamente, ma per tutto il mondo.
È evidente, quindi, che non solo l’Amarone si trova ad un bivio ma tutto il nostro sistema delle denominazioni. Un bivio difficile che necessita spesso di scelte coraggiose, talvolta magari anche controcorrente, dove non sarà facile trovare l’unanimità.
Ma proprio per questo è essenziale che almeno i produttori più “illuminati” delle nostre denominazioni trovino il coraggio di fare quadrato, di spingere al confronto, di arrivare a scelte importanti.
Ne va dell’autorevolezza e del futuro dei nostri territori del vino, quelli che i consumatori continuano a guardare ed amare, non dimentichiamolo mai.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti sabato 21 settembre 2019

Importanti riscontri a livello internazionale per Tedeschi

Wine Spectator, Robert Parker Wine Advocate e Falstaff premiano la storica realtà della Valpolicella con punteggi eccellenti

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.
sabato 21 settembre 2019

Italian wines in the world: Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

Abbiamo degustato per voi il Muller Thurgau DOC superiore 2017 “Cembra” di Mezzacorona S.c.a.

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy. friday 20 september 2019

Mobilising New Technologies for Wine Producers at wine2wine 2019

The dynamic international wine industry forum organized by Veronafiere, now in its 6th edition, this year will be held on November 25th and 26th in Verona, Italy.

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza venerdi 20 settembre 2019

Torna il Festival della Gastronomia a Roma ed è tutto per i professionisti dell’Ho.re.ca quest’anno

Lunedì 28 ottobre a Officine Farneto di Roma la competizione degli chef emergenti con show cooking e la parallela di Migliore Emergente Pizza

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione. venerdi 20 settembre 2019

Il nuovo Montiano della Famiglia Cotarella

Presentato a Milano il nuovo Merlot in purezza, etichetta rinnovata nel solco dell’identità e dell’evoluzione.

Giovanna Romeo
Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo
venerdi 20 settembre 2019

Manager del vino: nel network le risposte e le opportunità

Il nostro Wine Manager Day ha testimoniato ancora una volta che nelle relazioni tra i manager si possono individuare gran parte delle soluzioni alle problematiche del nostro settore vitivinicolo

Fabio Piccoli
Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”. venerdi 20 settembre 2019

Dazi USA: UIV si appella al premier Conte per risparmiare le aziende italiane

Ernesto Abbona di Unione Italiana Vini: “Serve azione diplomatica per scongiurare sanzioni”.

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo 
giovedi 19 settembre 2019

I 30 anni che hanno cambiato l’export italiano

Nomisma Wine Monitor ci aggiorna su questi ultimi 30 anni di export italiano nel mondo

Noemi Mengo
Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.  
mercoledi 18 settembre 2019

Toronto: là dove scegliere il canale giusto fa la differenza

Intervista a Jay Whiteley, esperto del mercato di Toronto, in particolare del monopolio LCBO, che ci espone la sua visione sulle potenzialità del vino italiano in Canada.

Noemi Mengo
We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC wednesday 18 september 2019

Italian wines in the world: Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

We have tasted for you Bosco Viticultori's Canal Grando Rosso Venezia DOC

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino. 
martedi 17 settembre 2019

Wine Manager Day 2019: in gioco le emozioni

Si è conclusa la terza edizione di Wine Manager Day, da quest’anno aperto a molte più figure del comparto. Momenti di formazione ed uno spazio per fare network, eccovi raccontata la giornata dei manager del vino.

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale
lunedi 16 settembre 2019

Diminuiscono i consumi ma aumenta il valore del prodotto

Un rapido sguardo al report Drinks Market Analysis Global di IWSR. Oltre al vino, i dati relativi alle principali categorie del settore Beverage mondiale

Noemi Mengo
Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori sabato 14 settembre 2019

Italian wines in the world: Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

Abbiamo degustato per voi Canal Grando Rosso Venezia DOC di Bosco Viticultori

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino venerdi 13 settembre 2019

La Bottega del Vino eletta "Miglior Carta Vini del Mondo per i Vini da Dessert 2019"

La rivista britannica World of fine Wine premia l'eccellenza della carta vini de La Bottega del Vino

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni venerdi 13 settembre 2019

Dal 6 al 13 ottobre torna "Milano Wine Week", palcoscenico del vino nella città meneghina

Tante novità in questa seconda edizione, ed uno sguardo più attento alle nuove generazioni

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione
venerdi 13 settembre 2019

Quando la paura fa più danni dei problemi reali

Che il mercato del vino stia attraversando una fase non facile alla luce soprattutto di numerose incognite è sempre più evidente, ma talvolta la paura di alcuni imprenditori e manager rischia di peggiorare notevolmente la situazione

Fabio Piccoli
Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?
giovedi 12 settembre 2019

96/100? Ma dove ho sbagliato?

Il parere degli esperti influenza gli acquisti dei consumatori, ma ottenere un rating alto non starà diventando un’ossessione per i produttori?

Noemi Mengo
Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!
mercoledi 11 settembre 2019

5 motivi per non perdere il WEMDAY 2019 se non ti sei ancora iscritto

Wine Export Manager Day è l’evento che non ti aspetti. Non perdertelo il 16 settembre a FICO Eataly World (Bologna), rimangono ancora pochi posti!

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.
mercoledi 11 settembre 2019

Vino biologico in crescita in 5 mercati del mondo

Secondo IWSR il vino biologico raggiungerà 87,5 milioni a livello globale entro il 2022. I mercati europei guidano la domanda.

Noemi Mengo


sfondo_wm