Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR

Territorio, i consumatori lo cercano, i produttori meno

Il territorio di produzione e la denominazione sembrano essere i due fattori chiave nelle scelte dei consumatori di vino italiani. Eppure mai come oggi le zone di produzione sembrano vivere una fase di crisi di identità


Territorio, i consumatori lo cercano, i produttori meno
Dall’ultima indagine di Vinitaly Nomisma “Mercato Italia - Gli Italiani e il vino”, ( leggi qui) è emerso come i principali fattori alla base delle scelte dei consumatori di vino italiani sono il territorio di produzione e la denominazione. Due fattori che, rispettivamente con il 24 e il 20%, distanziano abbondantemente, almeno secondo la ricerca, altri elementi come, ad esempio, il brand aziendale (8%) e i cosiddetti “attributi green” (5%). Lo stesso packaging, ritenuto sempre più strategico, rimane fermo ad un 4% tra i fattori dichiarati chiave dai consumatori italiani per le loro scelte in vino.
È interessante notare come questa ricerca evidenzi un qualcosa che potremmo anche considerare abbastanza scontato, cioè il ruolo del territorio e di una denominazione nella notorietà e nella reputazione di un vino. Al tempo stesso, però, questa apparente ovvietà emerge in una delle fasi più difficili delle denominazioni italiane. Una fase che potremmo definire di crisi di identità dei nostri territori del vino.
Un esempio lo abbiamo evidenziato recentemente in un nostro articolo sull’Amarone (link) oggi alla prese con una sorta di bivio esistenziale: proseguire nella strada di un vino di successo commerciale ma dal profilo più “banale” o intraprendere un percorso produttivo e comunicativo capace di portarlo nell’alveo dei vini di prestigio? (con le conseguenti rinunce anche in termini di quantitativi prodotti?).
Ma esempi di questa natura ne potremmo fare tantissimi riferendoci a denominazioni molto grandi come, ad esempio, al Prosecco o al Pinot Grigio che proprio in questi mesi devono decidere se proseguire o meno nella loro “corsa sfrenata” verso l’ampliamento dei loro territori produttivi.
Ma in moltissimi territori di produzione attualmente sono in corso proposte di modifiche di disciplinare, discussioni tra produttori di pianura e di collina, rivisitazioni dei contenuti comunicativi delle denominazioni.
Un segnale che potremmo anche interpretare in senso positivo perché probabilmente si è sempre più coscienti che il nostro vino non può fare a meno del suo territorio di produzione. Ma quali sono gli elementi del territorio che attraggono la fiducia dei consumatori? Non è facile rispondere a questa domanda perché probabilmente sono molte le caratteristiche dei territori produttivi che "rassicurano" e "fidelizzano" i consumatori. Noi però riteniamo interessante evidenziarne uno: il limite geografico e produttivo. Un territorio già nell'etimologia della parola porta in sé il senso del limite. Un territorio, pertanto, in grado di raccontare in maniera autentica il proprio limite è quello che maggiormente è in grado di dare garanzie ai consumatori. Non è certo un caso, quindi, che già un paio di secoli fa i francesi enfatizzavano concetti come il cru, forse la rappresentazione più estrema del limite di un territorio.
Oggi, comunque, potremmo, in qualche misura, dichiarare conclusa la fase durante la quale si è pensato che la forza dei brand aziendali avrebbe garantito da sola la reputazione di una denominazione.
Oggi sappiamo bene che è necessario un giusto equilibrio tra i due elementi: denominazione e brand aziendali.
Al tempo stesso, però, non possiamo non evidenziare, come è emerso dalle recenti ricerche dell’Osservatorio Vino di Unione Italiana Vini, lo stato di crisi di molte nostre denominazioni, con livelli di rivendicazione sempre più bassi e con reputazioni a livello di mercato decisamente insufficienti.
E allora come riusciamo a conciliare i desideri dei nostri consumatori con l’attuale condizione di molte delle nostre denominazioni?
Innanzitutto con scelte chiare dei nostri territori produttivi. Avere scelto troppo spesso strade di “comodo”, con il tentativo di piacere a tutti, non è stata sempre una via saggia. Abbiamo tutt'oggi troppe denominazioni senza un’identità precisa. Dove regna tutto e il contrario di tutto. Dove non c’è una tipologia chiara, ben visibile, magari rappresentata da un vitigno o almeno da un blend “forte” e identitario, ma una serie innumerevole di interpretazioni produttive.
E mentre è sempre più chiaro che il consumatore ricerca autenticità, chiarezza, troppe nostre denominazioni sembra invece si nascondano dietro una miriade di facce diverse.
Eppure avremmo molte esemplificazioni che testimoniano il vantaggio della trasparenza e coerenza. Pensiamo, ad esempio, al Brunello di Montalcino che grazie alla sua scelta “difficile” di rimanere coerente al Sangiovese 100% ha recuperato fortemente in quest’ultimo decennio una grande credibilità (dopo gli anni difficili di “Brunellopoli”).
Non possiamo, pertanto, pensare di avere un’identità poco definita e sperare di essere credibili, appetibili, agli occhi dei consumatori. E questo non vale solo per il mercato italiano, ovviamente, ma per tutto il mondo.
È evidente, quindi, che non solo l’Amarone si trova ad un bivio ma tutto il nostro sistema delle denominazioni. Un bivio difficile che necessita spesso di scelte coraggiose, talvolta magari anche controcorrente, dove non sarà facile trovare l’unanimità.
Ma proprio per questo è essenziale che almeno i produttori più “illuminati” delle nostre denominazioni trovino il coraggio di fare quadrato, di spingere al confronto, di arrivare a scelte importanti.
Ne va dell’autorevolezza e del futuro dei nostri territori del vino, quelli che i consumatori continuano a guardare ed amare, non dimentichiamolo mai.


Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna. martedi 26 maggio 2020

Con “The Buyer” nel Regno Unito in epoca Covid-19

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna.

Federica Mataluna
Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale. martedi 26 maggio 2020

Prepararsi alla ripresa: la gestione del capitale umano

Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale.

Astrid Panizza
Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato. martedi 26 maggio 2020

Puntare sull’Italia con nuovi dirigenti capaci di fare rete

Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato.

Emanuele Fiorio