Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 21 febbraio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere
martedi 05 novembre 2019

Ti prometto che cambierò

Risorse Umane: non sono solo le aziende che scelgono i candidati, talvolta sul più bello è il candidato che cambia idea...


Ti prometto che cambierò
Anche se si potrebbe pensare il contrario, il momento più delicato di un processo di recruiting è quello nel quale la persona prescelta, dopo aver firmato in segno di accettazione la cosiddetta lettera di Impegno di Assunzione proposta dall’azienda, comunica le sue dimissioni e negozia col suo datore di lavoro i tempi di uscita.
È una fase psicologica che potremmo paragonare all’ingresso in una sorta di “zona franca”: hanno già affrontato il possibile distacco dall’azienda nella quale stanno lavorando ma non hanno ancora creato un vero legame con la nuova realtà verso la quale hanno scelto di migrare. Diciamo che -dopo il travaglio che accompagna ogni scelta importante (e quelle che riguardano il lavoro lo sono, e tanto)- si entra in uno stato emotivo che potremmo definire come “bolla di libertà”.

Le persone in questa zona grigia si sentono molto più leggere, aperte a nuove prospettive, non più troppo preoccupate di fronte al cambiamento. Se i tempi di disingaggio dalla precedente azienda sono medio-lunghi, cioè superiori al mese e mezzo, è molto probabile che in quell’arco di tempo i candidati ricevano anche qualche altra proposta interessante. Normalmente queste avances vengono cortesemente declinate, perché si è consapevoli di aver già preso impegno con un’azienda e non è molto corretto venir meno alla parola data.

Questi scrupoli di correttezza professionale potrebbero tuttavia dissolversi del tutto o quasi in presenza della classica “opportunità a cui non si può dire di no”: un’azienda alla quale da anni si faceva la corte finalmente ci chiama per un colloquio e dice che ci vuole nella sua squadra, oppure una start-up collegata a un grande gruppo ci offre il ruolo di General Manager (insomma, lo diceva anche Giulio Cesare che è meglio essere primo in Gallia che secondo a Roma… e noi chi siamo?!) o più semplicemente arriva una proposta economicamente così allettante da farci letteralmente sbavare.
In questi casi arriva a noi Head Hunter la classica telefonata che non vorresti mai ricevere: “vede dottore, sono tre notti che non dormo per questa cosa che è successa… io ero davvero motivato al progetto dell’azienda che mi ha fatto incontrare ma…[inserire qui una delle casistiche sopra elencate] … capisce anche lei, non posso proprio rifiutare”.
La cosa brutta è che questa notizia potrebbe arrivare poco prima della data di inizio del rapporto di lavoro con la nuova azienda: in questo caso si ha il massimo del danno sia per l’azienda che per noi “intermediari”, che inevitabilmente dobbiamo fare da ambasciatori e spesso ci vediamo attribuire una quota di responsabilità sull’accaduto, come se avessimo dovuto prevedere l’incresciosa inclinazione all’infedeltà del candidato!

C’è però un’altra versione del ripensamento da parte dei candidati, quella più ovvia e meno sensata. Si ha quando l’azienda che ha ricevuto la lettera di dimissioni fa il cosiddetto “rilancio”: propone un aumento retributivo, molto spesso accompagnato da quella evoluzione professionale e di ruolo che il candidato tante volte aveva chiesto in precedenza, senza mai essere esaudito.
In un mondo di essere razionali ed equilibrati, la persona che riceve tale proposta solo a fronte della minaccia di andarsene dovrebbe rispondere: “cara azienda, come mai non mi hai mai proposto prima un adeguamento retributivo o un avanzamento di carriera e ora -per evitare di perdere la mia collaborazione- improvvisamente tutto diventa possibile?”.
Nel mondo reale succede invece che alcune persone desistono dalla decisione di cambiare azienda addirittura a fronte di una pura promessa: “resta con noi e vedrai che risolveremo quelle conflittualità di cui ti lamenti”, o “definiremo meglio le tue aree di responsabilità eliminando le attività che ti stanno intasando l’agenda e non sono legate agli obiettivi di ruolo”, o ancora “chiariremo definitivamente i conflitti all’interno della Direzione e lavoreremo finalmente in armonia”.

È un po’ come succede in amore, quando una delle parti -ormai esasperata dai comportamenti del partner- annuncia la volontà di porre fine alla relazione ma poi desiste a fronte della più supplichevole e improbabile delle bugie: “cara [a parlare in questi casi è normalmente il maschile] ti prego, resta con me:
ti prometto che cambierò!”.
Una donna saggia saprebbe che peso dare a una simile promessa, lanciata sull’uscio di casa nel tentativo di non essere messi in mezzo a una strada.
Nessuno invece che pensi che la stessa promessa, fatta dal titolare di un’azienda al dipendente che lo vuole lasciare, non sia altro che il tentativo di bloccare l’emergenza e recuperare tempo prezioso, utile a trovare un’alternativa al collaboratore che ormai ha mostrato inclinazione all’uscita (e sul quale ovviamente non potrà più contare come prima).
La storia e l’esperienza ci dice che queste persone, dopo qualche mese o al massimo un annetto, ci richiamano dicendo che purtroppo le promesse fatte al momento delle dimissioni si sono rivelate poco o per nulla consistenti.

Cosa possiamo imparare da queste storie?
Una cosa su tutte: la necessità di scavare a fondo le reali motivazioni al cambiamento dei candidati, monitorando costantemente e lungo tutto il processo di selezione la loro “temperatura” emotiva e il livello di engagement verso la nuova azienda e il ruolo prospettato.
Non stiamo dicendo che è facile, ma noi di WinePeople dedichiamo sempre più attenzione a questi aspetti durante i colloqui di selezione, arrivando a chiedere esplicitamente “cosa farai se la tua azienda dovesse rilanciare?” e ascoltando con attenzione i segnali anche minimi di esitazione.
Non è un metodo infallibile, ma a nessuno piace contraddirsi in modo clamoroso e perdere così la faccia: uomo avvisato, mezzo salvato!
Andrea Pozzan

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Mentre il settore delle bevande alcoliche si sta diversificando sempre di più cercando di intercettare il maggior numero di tipologie di consumatori, il comparto del vino si concentra troppo solo nella categoria dei consumatori “ad alta frequenza”.
venerdi 21 febbraio 2020

Il vino ha bisogno estremo di nuovi consumatori

Mentre il settore delle bevande alcoliche si sta diversificando sempre di più cercando di intercettare il maggior numero di tipologie di consumatori, il comparto del vino si concentra troppo solo nella categoria dei consumatori “ad alta frequenza”.

Fabio Piccoli
Il tour UNIT WINE TOUR - Mission Asia 2020 sbarca ad Almaty il 26 giugno per un evento b2b che coinvolge player anche dei Paesi limitrofi dell'Eurasia. venerdi 21 febbraio 2020

Kazakhstan: centro commerciale e di transito dell’Asia Centrale, un ponte tra Europa e Asia

Il tour UNIT WINE TOUR - Mission Asia 2020 sbarca ad Almaty il 26 giugno per un evento b2b che coinvolge player anche dei Paesi limitrofi dell'Eurasia.

Alla Stazione Leopolda di Firenze il Gallo Nero conferma il trend positivo della denominazione. Fatturato in aumento e grande risalto per le tipologie “premium”. giovedi 20 febbraio 2020

Vento in poppa per il Chianti Classico

Alla Stazione Leopolda di Firenze il Gallo Nero conferma il trend positivo della denominazione. Fatturato in aumento e grande risalto per le tipologie “premium”.

Giovanna Romeo
Il team di Wine Meridian sarà felice di incontrarti a Prowein: fissa ora un appuntamento per confrontarti con noi. giovedi 20 febbraio 2020

Piano Business di successo per il 2020: parliamone a Prowein dal 15 al 17 marzo!

Il team di Wine Meridian sarà felice di incontrarti a Prowein: fissa ora un appuntamento per confrontarti con noi.

Cristian Fanzolato
Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano. Aspettiamo le vostre “storie”, diteci cosa fate per promuovere e comunicare il vostro vino. giovedi 20 febbraio 2020

Partecipa al concorso gratuito "Il Meridiano del vino"

Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano. Aspettiamo le vostre “storie”, diteci cosa fate per promuovere e comunicare il vostro vino.

Cristian Fanzolato
La cooperativa del Sannio aderisce alla rete di cooperative dell'eccellenza italiana. giovedi 20 febbraio 2020

La Guardiense entra a far parte di The Wine Net

La cooperativa del Sannio aderisce alla rete di cooperative dell'eccellenza italiana.

Agnese Ceschi
La formazione nel mondo del vino alza il tiro incontrando docenti esperti di Export Multibrand, English for wineries, Cina, Vendita Italia e Hospitality. giovedi 20 febbraio 2020

I seminari di Wine Meridian: due giorni full immersion con focus specifici

La formazione nel mondo del vino alza il tiro incontrando docenti esperti di Export Multibrand, English for wineries, Cina, Vendita Italia e Hospitality.

Cristian Fanzolato
Futuro Responsabile Imbottigliamento. mercoledi 19 febbraio 2020

Offerta di lavoro

Futuro Responsabile Imbottigliamento.

Successo del World Tour organizzato dal Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese.
mercoledi 19 febbraio 2020

La sfida internazionale dell’Oltrepò Pavese

Successo del World Tour organizzato dal Consorzio tutela vini Oltrepò Pavese.

La prima tappa del tour UNIT WINE TOUR 2020 sarà a Baku, capitale del Paese più importante per il Made in Italy del Caucaso meridionale. mercoledi 19 febbraio 2020

Azerbaijan: snodo strategico tra Asia ed Europa

La prima tappa del tour UNIT WINE TOUR 2020 sarà a Baku, capitale del Paese più importante per il Made in Italy del Caucaso meridionale.

Arconvert offre visibilità gratuita alle cantine attraverso i suoi strumenti di marketing e il concorso internazionale Fedrigoni TOP AWARD.
mercoledi 19 febbraio 2020

L'era dell'immagine digitale aiuta a promuovere il prodotto

Arconvert offre visibilità gratuita alle cantine attraverso i suoi strumenti di marketing e il concorso internazionale Fedrigoni TOP AWARD.

Se siete alla ricerca di Risorse umane per l’export, incontrate i responsabili di WinePeople a Prowein. Un’occasione per visionare il “Book degli Export Manager”

Come trovare risorse umane profilate per la tua azienda

Se siete alla ricerca di Risorse umane per l’export, incontrate i responsabili di WinePeople a Prowein. Un’occasione per visionare il “Book degli Export Manager”

Andrea Pozzan
La proposta da parte di Unione Italiana Vini e Alleanza della Cooperative è stata ben accolta dal Consorzio delle Venezie doc ma adesso è necessario definire in maniera concreta un piano di sviluppo del Pinot Grigio italiano sia in termini di qualificazione produttiva che di promozione della sua immagine

Bene la gestione coordinata del Pinot Grigio e poi?

La proposta da parte di Unione Italiana Vini e Alleanza della Cooperative è stata ben accolta dal Consorzio delle Venezie doc ma adesso è necessario definire in maniera concreta un piano di sviluppo del Pinot Grigio italiano sia in termini di qualificazione produttiva che di promozione della sua immagine

Fabio Piccoli
Logistica, commercializzazione, formazione e tendenze di mercato: quando l’unione fa la forza. mercoledi 19 febbraio 2020

Premium Wine Selection, compagine d’eccellenza nella distribuzione

Logistica, commercializzazione, formazione e tendenze di mercato: quando l’unione fa la forza.

Emanuele Fiorio
Le dichiarazioni del Presidente Manetti martedi 18 febbraio 2020

Chianti Classico Collection 2020 si chiude con numeri record

Le dichiarazioni del Presidente Manetti

Si crea in America un polo distributivo trainato dal Pinot Grigio e dall'Amarone. martedi 18 febbraio 2020

Masi e Santa Margherita USA: accordo tra due top player dei vini italiani

Si crea in America un polo distributivo trainato dal Pinot Grigio e dall'Amarone.



WineMeridian