Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
martedi 19 novembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine WINE2WINE La Torraccia Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/
martedi 05 novembre 2019

Ti prometto che cambierò

Risorse Umane: non sono solo le aziende che scelgono i candidati, talvolta sul più bello è il candidato che cambia idea...


Ti prometto che cambierò
Anche se si potrebbe pensare il contrario, il momento più delicato di un processo di recruiting è quello nel quale la persona prescelta, dopo aver firmato in segno di accettazione la cosiddetta lettera di Impegno di Assunzione proposta dall’azienda, comunica le sue dimissioni e negozia col suo datore di lavoro i tempi di uscita.
È una fase psicologica che potremmo paragonare all’ingresso in una sorta di “zona franca”: hanno già affrontato il possibile distacco dall’azienda nella quale stanno lavorando ma non hanno ancora creato un vero legame con la nuova realtà verso la quale hanno scelto di migrare. Diciamo che -dopo il travaglio che accompagna ogni scelta importante (e quelle che riguardano il lavoro lo sono, e tanto)- si entra in uno stato emotivo che potremmo definire come “bolla di libertà”.

Le persone in questa zona grigia si sentono molto più leggere, aperte a nuove prospettive, non più troppo preoccupate di fronte al cambiamento. Se i tempi di disingaggio dalla precedente azienda sono medio-lunghi, cioè superiori al mese e mezzo, è molto probabile che in quell’arco di tempo i candidati ricevano anche qualche altra proposta interessante. Normalmente queste avances vengono cortesemente declinate, perché si è consapevoli di aver già preso impegno con un’azienda e non è molto corretto venir meno alla parola data.

Questi scrupoli di correttezza professionale potrebbero tuttavia dissolversi del tutto o quasi in presenza della classica “opportunità a cui non si può dire di no”: un’azienda alla quale da anni si faceva la corte finalmente ci chiama per un colloquio e dice che ci vuole nella sua squadra, oppure una start-up collegata a un grande gruppo ci offre il ruolo di General Manager (insomma, lo diceva anche Giulio Cesare che è meglio essere primo in Gallia che secondo a Roma… e noi chi siamo?!) o più semplicemente arriva una proposta economicamente così allettante da farci letteralmente sbavare.
In questi casi arriva a noi Head Hunter la classica telefonata che non vorresti mai ricevere: “vede dottore, sono tre notti che non dormo per questa cosa che è successa… io ero davvero motivato al progetto dell’azienda che mi ha fatto incontrare ma…[inserire qui una delle casistiche sopra elencate] … capisce anche lei, non posso proprio rifiutare”.
La cosa brutta è che questa notizia potrebbe arrivare poco prima della data di inizio del rapporto di lavoro con la nuova azienda: in questo caso si ha il massimo del danno sia per l’azienda che per noi “intermediari”, che inevitabilmente dobbiamo fare da ambasciatori e spesso ci vediamo attribuire una quota di responsabilità sull’accaduto, come se avessimo dovuto prevedere l’incresciosa inclinazione all’infedeltà del candidato!

C’è però un’altra versione del ripensamento da parte dei candidati, quella più ovvia e meno sensata. Si ha quando l’azienda che ha ricevuto la lettera di dimissioni fa il cosiddetto “rilancio”: propone un aumento retributivo, molto spesso accompagnato da quella evoluzione professionale e di ruolo che il candidato tante volte aveva chiesto in precedenza, senza mai essere esaudito.
In un mondo di essere razionali ed equilibrati, la persona che riceve tale proposta solo a fronte della minaccia di andarsene dovrebbe rispondere: “cara azienda, come mai non mi hai mai proposto prima un adeguamento retributivo o un avanzamento di carriera e ora -per evitare di perdere la mia collaborazione- improvvisamente tutto diventa possibile?”.
Nel mondo reale succede invece che alcune persone desistono dalla decisione di cambiare azienda addirittura a fronte di una pura promessa: “resta con noi e vedrai che risolveremo quelle conflittualità di cui ti lamenti”, o “definiremo meglio le tue aree di responsabilità eliminando le attività che ti stanno intasando l’agenda e non sono legate agli obiettivi di ruolo”, o ancora “chiariremo definitivamente i conflitti all’interno della Direzione e lavoreremo finalmente in armonia”.

È un po’ come succede in amore, quando una delle parti -ormai esasperata dai comportamenti del partner- annuncia la volontà di porre fine alla relazione ma poi desiste a fronte della più supplichevole e improbabile delle bugie: “cara [a parlare in questi casi è normalmente il maschile] ti prego, resta con me:
ti prometto che cambierò!”.
Una donna saggia saprebbe che peso dare a una simile promessa, lanciata sull’uscio di casa nel tentativo di non essere messi in mezzo a una strada.
Nessuno invece che pensi che la stessa promessa, fatta dal titolare di un’azienda al dipendente che lo vuole lasciare, non sia altro che il tentativo di bloccare l’emergenza e recuperare tempo prezioso, utile a trovare un’alternativa al collaboratore che ormai ha mostrato inclinazione all’uscita (e sul quale ovviamente non potrà più contare come prima).
La storia e l’esperienza ci dice che queste persone, dopo qualche mese o al massimo un annetto, ci richiamano dicendo che purtroppo le promesse fatte al momento delle dimissioni si sono rivelate poco o per nulla consistenti.

Cosa possiamo imparare da queste storie?
Una cosa su tutte: la necessità di scavare a fondo le reali motivazioni al cambiamento dei candidati, monitorando costantemente e lungo tutto il processo di selezione la loro “temperatura” emotiva e il livello di engagement verso la nuova azienda e il ruolo prospettato.
Non stiamo dicendo che è facile, ma noi di WinePeople dedichiamo sempre più attenzione a questi aspetti durante i colloqui di selezione, arrivando a chiedere esplicitamente “cosa farai se la tua azienda dovesse rilanciare?” e ascoltando con attenzione i segnali anche minimi di esitazione.
Non è un metodo infallibile, ma a nessuno piace contraddirsi in modo clamoroso e perdere così la faccia: uomo avvisato, mezzo salvato!
Andrea Pozzan

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In un’edizione che pone particolare attenzione a contenuti e persone non potevamo mancare, saremo lì con due seminari focalizzati sul mercato del vino italiano e sulle risorse umane. martedi 19 novembre 2019

A Wine2Wine 2019: vanno in scena la competenza e l’esperienza di WinePeople e Wine Meridian

In un’edizione che pone particolare attenzione a contenuti e persone non potevamo mancare, saremo lì con due seminari focalizzati sul mercato del vino italiano e sulle risorse umane.

We have tasted for you Azienda Agricola Accordini Stefano's Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico tuesday 19 november 2019

Italian wines in the world: Azienda Agricola Accordini Stefano's Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico

We have tasted for you Azienda Agricola Accordini Stefano's Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico

Tina Chao, VP Marketing di McDonald’s Hong Kong dà alcuni suggerimenti ai wine producers per entrare in contatto con il target favorito dal brand di fast food di fama internazionale. 
martedi 19 novembre 2019

Vendere ai Millennials? I consigli di McDonald’s

Tina Chao, VP Marketing di McDonald’s Hong Kong dà alcuni suggerimenti ai wine producers per entrare in contatto con il target favorito dal brand di fast food di fama internazionale.

Noemi Mengo
10 dicembre 2019: in partenza la seconda edizione del CampusDay, il pomeriggio gratuito all’insegna del confronto e dell’aggiornamento.
martedi 19 novembre 2019

CAMPUSDAY 2019: “risorse umane” consapevoli e in network!

10 dicembre 2019: in partenza la seconda edizione del CampusDay, il pomeriggio gratuito all’insegna del confronto e dell’aggiornamento.

Cristian Fanzolato
Il 20 e 21 novembre, a Simei Milano 2019 il primo forum mondiale delle donne del vino, coinvolgerà 12 delegazioni dall'Australia all'Argentina, dalla Georgia al Perù. Simonetta Doni il personaggio dell'anno 2019. 
lunedi 18 novembre 2019

“Donne del vino del mondo unitevi!"

Il 20 e 21 novembre, a Simei Milano 2019 il primo forum mondiale delle donne del vino, coinvolgerà 12 delegazioni dall'Australia all'Argentina, dalla Georgia al Perù. Simonetta Doni il personaggio dell'anno 2019.

Enosocial® ed il sistema Clicknbuy® hanno presenziato a Merano Wine Festival, premiando 6 cantine che hanno saputo distinguersi in soluzioni di marketing all’avanguardia
lunedi 18 novembre 2019

Enosocial® premia le cantine più “smart” a Merano Wine Festival

Enosocial® ed il sistema Clicknbuy® hanno presenziato a Merano Wine Festival, premiando 6 cantine che hanno saputo distinguersi in soluzioni di marketing all’avanguardia

Le esportazioni di Beaujolais aumentano, andando controtendenza rispetto ad altre denominazioni francesi, che scendono verso il basso
lunedi 18 novembre 2019

Beaujolais, chi l’avrebbe detto?

Le esportazioni di Beaujolais aumentano, andando controtendenza rispetto ad altre denominazioni francesi, che scendono verso il basso

Noemi Mengo
Successo per l'evento organizzato da Organic Value a Copenaghen dove trova conferma la grande passione per i vini biologici in Danimarca, Paese in cui dal prossimo anno il bio diventa obbligatorio domenica 17 novembre 2019

Sempre più trendy il vino bio in Danimarca

Successo per l'evento organizzato da Organic Value a Copenaghen dove trova conferma la grande passione per i vini biologici in Danimarca, Paese in cui dal prossimo anno il bio diventa obbligatorio

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico dell'Azienda Agricola Accordini Stefano sabato 16 novembre 2019

Italian wines in the world: Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico dell'Azienda Agricola Accordini Stefano

Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG Acinatico dell'Azienda Agricola Accordini Stefano

Video-intervista venerdi 15 novembre 2019

COPENAGHEN - Peter Bjerregaard, CEO e fondatore di PBA, importatore danese

Video-intervista

Video-intervista venerdi 15 novembre 2019

COPENAGHEN - Danilo Rustaggia, maitre per i ristoranti del gruppo MASH Penthouse

Video-intervista

Dal 22 al 24 novembre 2019 la 53° edizione del Congresso Nazionale AIS, che porterà nella città scaligera tour guidati, banchi d’assaggio e laboratori dedicati al mondo del vino e dell'enoturismo venerdi 15 novembre 2019

Congresso Nazionale AIS: Verona capitale della somellerie italiana

Dal 22 al 24 novembre 2019 la 53° edizione del Congresso Nazionale AIS, che porterà nella città scaligera tour guidati, banchi d’assaggio e laboratori dedicati al mondo del vino e dell'enoturismo

I primi risultati della nostra ricerca sul mercato del vino in Italia realizzata attraverso le opinioni di agenti e distributori
venerdi 15 novembre 2019

E se il mercato del futuro fosse l’Italia?

I primi risultati della nostra ricerca sul mercato del vino in Italia realizzata attraverso le opinioni di agenti e distributori

Fabio Piccoli
Ecco chi saranno i protagonisti del nostro Organic Value Tour di Copenhagen giovedi 14 novembre 2019

Organic Value scalda i motori in terra danese

Ecco chi saranno i protagonisti del nostro Organic Value Tour di Copenhagen

I trend più rilevanti per i consumatori e per il business che daranno forma al futuro della sostenibilità. In che direzione stanno andando aziende e consumatori? giovedi 14 novembre 2019

Il futuro della sostenibilità

I trend più rilevanti per i consumatori e per il business che daranno forma al futuro della sostenibilità. In che direzione stanno andando aziende e consumatori?

Agnese Ceschi
Durante la nostra tappa a Tokyo abbiamo conosciuto un nuovo Giappone, che ci domanda nuovi prodotti ed esperienze più intense, il tutto nel massimo rispetto della cultura orientale. 
mercoledi 13 novembre 2019

Caro Giappone, piacere di (ri)conoscerti

Durante la nostra tappa a Tokyo abbiamo conosciuto un nuovo Giappone, che ci domanda nuovi prodotti ed esperienze più intense, il tutto nel massimo rispetto della cultura orientale.

L’azienda leader nella fornitura di prodotti enologici sostiene le aziende nel raggiungimento dell’obiettivo più importante: l’assoluta qualità. mercoledi 13 novembre 2019

Enartis: a fianco dei produttori, all'insegna della sostenibilità

L’azienda leader nella fornitura di prodotti enologici sostiene le aziende nel raggiungimento dell’obiettivo più importante: l’assoluta qualità.



sfondo_wm