Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio
lunedi 13 maggio 2019

Tra Italia e mercati internazionali: il Gruppo Lunelli racconta lo stile italiano del buon bere

Abbiamo chiacchierato con Camilla Lunelli, direttore della comunicazione e dei rapporti esterni del Gruppo Lunelli.


Tra Italia e mercati internazionali: il Gruppo Lunelli racconta lo stile italiano del buon bere
Quali sono i mercati a cui guarda il Gruppo Lunelli oggi?
Se devo ragionare come brand Ferrari, un mercato di cui siamo molto fieri oggi è il Giappone. Un mercato storico, però tendenzialmente abbastanza stabile. Inoltre abbiamo delle dinamiche molto positive nei mercati classici per il vino italiano: Stati Uniti e Germania. È ripartita anche positivamente la comunicazione con la Russia, che è stata caratterizzata da momenti di estrema difficoltà e che lo scorso anno ha dato segnali di grande rinascita.
Nei Paesi Scandinavi il sistema del monopolio rende tutto molto più aleatorio rispetto a mercati liberi in cui si riescono ad identificare trend di lungo periodo. In particolare, però, la Svezia resta un mercato interessante per noi, dove abbiamo avuto un anno molto positivo per i nostri vini toscani e umbri del brand Tenute Lunelli, specialmente per il Montefalco Rosso apprezzato in questo Paese.
La Svizzera, infine, è un mercato storico e dinamico, che dà soddisfazioni per il fatto che copre una fascia alta di stile di consumo.

Cosa ne pensa del mercato cinese?
È importante mantenere gli occhi ben aperti sul mercato cinese, ma non ho la percezione di essere alla vigilia di un boom del vino italiano in Cina. Non è sicuramente un mercato su cui stiamo spingendo.

Che tipo di percentuale rappresenta per voi l’export sul totale del vostro fatturato?
Nella complessità del gruppo l’export pesa un 20%, percentuale su cui il brand Ferrari incide un 15%.
È sicuramente una percentuale destinata a crescere da anni, ma nel nostro caso abbiamo un contrappeso importante: continua a crescere il posizionamento e la richiesta in Italia. La crescita “di casa nostra” ci soddisfa soprattuto per la qualità del posizionamento. Siamo nella condizione di non riuscire a soddisfare quantitativamente la richiesta del mercato, per questo gestire le bottiglie che abbiamo nel modo più oculato è per noi importante.

Il Gruppo Lunelli è un gruppo che comprende al proprio interno diverse declinazioni del beverage italiano…
Il Gruppo Lunelli ha iniziato già negli anni Ottanta a fondare l’immagine del gruppo sull’eccellenza del Made in Italy attraverso l’acquisizione della Grappa Segnana e dell’acqua Surgiva. Poi la voglia di mettersi alla prova non solo con le bollicine ma anche con i vini fermi è scattata già in quegli anni con la prima annata del nostro Villa Margon, un Trentino Chardonnay DOC. Poi dal Trentino abbiamo voluto esplorare territori dalla grande vocazione per i vini rossi, come la Toscana e l’Umbria. Infine, è arrivato il Prosecco nel 2014, il termine di un lungo percorso di ricerca per andare a raccontare il mondo delle bollicine da una posizione privilegiata: non abbiamo acquistato una cantina di Prosecco qualunque. Vogliamo raccontare la diversità delle bollicine italiane con due marchi di riferimenti nei rispettivi settori, il Prosecco DOCG e il Trento DOC.

Come diversificate la vostra comunicazione in Italia e all’estero?
La nostra comunicazione all’estero è legata al tema dell’arte del vivere italiano. Il nostro competitor al di fuori dell’Italia è lo Champagne, per questo noi stressiamo molto la nostra identità italiana, per differenziarci.
Dunque, mentre in Italia parliamo di Trentino e di viticoltura di montagna, all’estero facciamo questo tipo di discorso più tecnico solo con sommelier e opinion leader, invece al consumatore finale parliamo di arte di vivere italiana. Uno stile di vita che va a braccetto con l’italianità intesa come moda, design, cucina… Un concetto di stile più ampio. Raccontiamo la nostra italianità, amata e imitata all’estero, con una bottiglia di vino. 
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm